Viewers last month

lunedì 7 marzo 2016

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

CORRIERE DELLA SERA
"Mr. Robot", la serie più coinvolgente e trascinante 
"Confesso: da tempo non mi capitava di vedere una serie così coinvolgente e trascinante. Per giunta, una di quelle storie che vanno dritte al cuore dei media, là dove si addensa tutto il peggio e tutto il meglio della nostra «società trasparente», là dove ogni aspetto della vita del singolo sembra felicemente e incoscientemente prigioniero di una tela di ragno, tessuta da qualche entità tecnologica. Parlo di «Mr. Robot» (Mediaset Premium Stories, giovedì, 2L10). Scritta da Sam Esmail e interpretata da Rami Malek (entrambi sono di origine egiziana), la serie, come ha scritto il New York Times, è un cyberthriller «intriso di nichilismo pessimista on line sul capitalismo e la diseguaglianza. È la prima serie che elegge un hacker a protagonista, solitamente relegato sullo sfondo, facendolo diventare una versione 2.0 del Travis Bickle di Taxi Driver». Elliot Alderson è un esperto di sicurezza informatica e lavora per una ditta di cyber-security. Viene descritto come un sociopatico, paranoico e dedito alla morfina, convinto che i social media siano un «surrogato dell'intimità». Si vive come una specie di giustiziere della notte (uno dei tanti), pronto a smascherare trafficanti di pedopornografia così come ipocriti fidanzati di amiche e colleghe. L'unico modo che Elliot ha di interagire con gli altri è l' hackeraggio, entrare nei loro computer per cavarne le vite segrete. Un giorno Elliot viene avvicinato dal misterioso, enigmatico e anarchico Mr. Robot, che cerca di arruolarlo in attività clandestine contro il capitalismo... Al tema di grande interesse (ogni giorno la cronaca ci offre un dramma legato alla vorace attualità tecnologica) si accompagna una scrittura di rara efficacia. Rami Malek è bravissimo a interpretare un personaggio alla disperata ricerca di normalità la cui mente è popolata da fantasmi (da Steve Jobs a Lance Armstrong), da manie (il pesciolino rosso si chiama Qwerty), da riscatti sociali". (Aldo Grasso, 05.03.2016)

1 commento:

Anonimo ha detto...

sopravvalutata, comunque intrigante

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!