Viewers last month

sabato 27 maggio 2017

SGUARDO FETISH - (L)Ode a "Twin Peaks"! Il nuovo hit dei Chromatics "Shadow" è già tormentone 

venerdì 26 maggio 2017

NEWS - Achtung, compagni! Ecco perché il modello Netflix è più forte dei download illegali e degli hacker (suggerimento: argomento da tesi sul futuro dello streaming)
News tratta da "Decider"
The Orange Is the New Black hack initially seemed like a very bad thing for Netflix. In late April, a hacker going by the name The Dark Overlord claimed to have illegally obtained several episodes of Orange Is the New Black’s fifth season, which they threatened to release online if Netflix failed to pay a ransom. Netflix didn’t pay, the episodes were released … and nothing really happened. So far, spoilers for Season 5 haven’t consumed the internet prior to its June 9 premiere, though I can say from personal experience it’s a very strong season. If anything, the hack may have boosted the show’s Google Trend results. In short, no one panicked about the Litchfield leak because Netflix has been turning torrenting into an unnecessary and risky way to watch television for years nowOf course, not all of the anti-online piracy applause should be given to Netflix. There are now a staggering amount of streaming services available to users no matter how specific their tastes. However, Netflix was the first company to lead quality television away from traditional time slots and to the internet, and it still remains the king of streaming, having more subscribers and accounting for more internet traffic than any other service. By making high-quality versions of beloved shows and movies available for a relatively low cost, streaming services have been destroying torrenting. BGR’s Yoni Heisler reported on the decline of torrenting, and how Netflix affected this trend, in 2015. According to data compiled by Sandvine, Netflix accounted for 37.05 percent of all internet traffic in North America when measured during peak hours. That 37 percent put Netflix ahead of Hulu, Amazon PrimeYouTube, and iTunes when it came to streaming video. However, the most interesting takeaway from this report was its biggest loser — BitTorrent. According to Sandvine, the popular torrenting site’s traffic was down to only 5 percent at this time. That number dropped to 3 percent when Netflix released its Quarter 4 numbers for 2015. Considering that BitTorrent accounted for almost 33 percent of internet traffic in 2008 and 22 percent in 2011, that’s a huge drop. 2016 followed similar trends, according to Sandvine. While Netflix’s hold on internet traffic dipped from 37 percent to 35 percent, BitTorrent stayed at about 5 percent. In short, Hollywood is going the same direction as music industry. Illegally downloaded titles is no longer seen as the industry-ruining threat it used to be. Just like how iTunes helped kill Napster and services like Spotify and Pandora are wounding the same industry they’re helping, legal streaming services are the way of the future, for better or for worse. The industry cost of streaming is a debate for another time. What’s more interesting is how a system that allows users to download free content has gone from a driving force of internet traffic to borderline obsolete. Though there is no monetary exchange involved in illegally downloading shows and movies, there was always a cost to torrenting. Even the most streamlined torrenting process requires a certain level of computer knowledge, and even then, there is always a chance of downloading a virus instead of a copy of Spider-Man 2. That’s an especially big risk during a time when phishing and hacking schemes have become more sophisticated than ever before. Also, if you were able to find a clean copy, there’s always a chance the video or audio may be messed up, and then you have to account for the time it takes to download. That’s all for one movie or one episode of one show. Torrenting, though it was the illegal lifeblood of the internet, was always a detailed and exhausting process. In the wake of this, streaming looks like a godsend. Even the worst designed streaming service is easier to use than BitTorrent, and subscriptions to these services promise users high-quality versions to their favorite shows and movies at the click of a button. There are Reddit, Quora, and Yahoo Answers threads dedicated to wondering why anyone would pay for streaming and put up with Netflix’s revolving library instead of torrenting whatever they want for free. The answer always boils down to people being willing to pay for Netflix’s ease of use. So that brings me back to the leaked season of one of Netflix’s most popular shows. From a cursory search, it’s clear that many fans have decided to download this latest season instead of waiting to June 9. However, the vast majority haven’t, and those who have seem to be treating their experience as being part of the minority. The show’s official Reddit page, which has over 47,000 members, currently has a pinned thread from the moderators, laying down specific rules for the subreddit. Essentially, no one is allowed to ask for links, no one is allowed to discuss Season 5 unless they explicitly mark their thread as pertaining to the leaked season, and no official discussion threads will be allowed until the season’s official release date. This is a corner of the internet devoted to some of Orange Is the New Black’s most devoted and internet savvy fans. These leaks were for them, but this community is still respecting the wishes of the show, Netflix, fans who want to jump in early, and fans who want to wait. Netflix has created a system that’s too good of a deal to encourage mainstream torrenting. Sure, anyone could download Netflix shows for free, but for less than $10 a month, a user (or group of users) could have access to the service’s entire library of content and enjoy premieres along with the rest of the internet. That last part — enjoying the release of a new show over the course of a weekend — is a big draw in this new age of television. Reading tweets about House of Cards during and after your binge is almost as much fun as watching the series itself. The Orange Is the New Black leak didn’t make waves because viewers know if they wait a few weeks, Netflix will offer them something better — fully finished episodes they can watch in high definition along with all their online friends. That’s too good of a deal even for “free” TV to mess with. It’s funny that the thing that’s finally ending online piracy is convenience.

giovedì 25 maggio 2017

GOSSIP - Kit di sopravvivenza dopo 'GOT'. Harington su "Esquire": "dopo 'Game of Thrones' qualche anno di anonimato e...una comedy"
Kit Harington is looking so sexy in the cover shoot for Esquire‘s June/July 2017 story.
Here’s what the 30-year-old Game of Thrones star had to share with the mag:
On feeling uncertain about the rest of his career after Game of Thrones: “Thrones nicely bookended my twenties, but I’m thirty now. Maybe I can reinvent myself and get away from an image that’s so synonymous with Thrones. But maybe this was the role I was always meant to play and that was it.”
On what he plans to do post-Thrones: “I don’t really aim to get into that next big Oscar film. That’s not really my route….[I] might do a comedy next….I’ll enjoy the madness quieting a bit. I’d like a few years of relative obscurity.”
Thrones showrunners David Benioff and D.B. Weiss on why Harington works for the part: “He just had the look. The brooding intensity; the physical grace; the chip-on-the-shoulder quality that we always associate with extraordinarily short people.” (Kit is five-foot-six.)
For more from Kit, visit Esquire.com.
NEWS - SOS, compagni! Tom Hardy di "Taboo" apre una raccolta fondi per le vittime del terrorismo "aberrante" di Manchester
Tom Hardy has reportedly set up a fundraising page after the explosions at the Manchester Arena on Monday (May 22) during the Ariana Grande concert. “What happened last night at the AG concert in Manchester was a tragedy,” the 39-year-old actor wrote on the fundraising page. “Families and children attacked and murdered in a place where they should be safe and enjoying a concert. It is an inconceivable atrocity. There is no bringing back those who have been lost, pointlessly, in such a cowardly and brutal fashion. I am truly saddened by what I have witnessed and there is no doubt that Terrorism is an evil thing.” “I hope between us we can raise some funds as a gesture of goodwill and love to help in some small way towards repairing some if any of the damage done in the wake of last night’s events. There will be much to do and for many, the beginning of a new life without those that they love and also a new life damaged irrevocably by the actions of a crime which has no reason, no heartfelt purpose but was simply a cruel cowardly and barbaric, meaningless act of violence. A road to recovery unimaginable,” Tom continued. “Terrorism is abhorrent, the killing of innocent families and children unacceptable. And it is with those, the innocent victims and the witnesses of this atrocity that my heartfelt concern and deepest sympathy lie. Please help however you can. Thank you,” Tom added. Proceeds will be going to the British Red Cross Society.

mercoledì 24 maggio 2017

GOSSIP - Robin Wright shock: "ho iniziato facendo la modella a Parigi mostrando le tette e sentendomi dire che erano troppo piccole...adesso pretendo lo stesso salario di Kevin Spacey in 'House of Cards!"
Robin Wright is on the cover of Net-a-Porter’s The Edit
Here’s what the 51-year-old House of Cards actress had to share:
On not getting equal pay on House of Cards“I was told that I was getting equal pay and I believed them, and I found out recently that it’s not true….Yes, so that’s something to investigate. Claire and Francis are equivalent as far as their power, their union and the plot. I may not have as many scenes or words as Francis, but Claire doesn’t need to verbalize as much. Francis is an orator, a poet, a demonstrator. Claire is an [ego] that sits in the back and directs him, but they are partners on the same plane.”
On the nightmare of modeling when she was young: “[I modelled] to make money, so I could stay in Paris, because I was broke. That was a nightmare: you go into a go-see, lift up your shirt, then [someone says], ‘Her boobs aren’t big enough,’ and you’re out… I put together a semi-book; dancing pictures of me in leotards. Like soft porn with legwarmers. So pathetic. In Paris, they were like, ‘This is not a book.’ It was so cheeseball. I interviewed with every agency. They said, ‘You’re never going to be tall enough to sign with Wilhelmina and IMG; you can do bathing suits, beauty, lingerie.’”
On fame: “[I] Never wanted [fame], never sought it, never thought about it. I didn’t know what to do with it. I turned down doing the cover of Vanity Fair because I was so petrified of sharing myself. I was married to Sean [Penn] at the time, and I knew that all they wanted to know was what color underwear he wore.” Visit The Edit for more from Robin!

martedì 23 maggio 2017

GOSSIP - La scoperta del secolo! Charlie Hunnam su "Glamour": "devo il mio successo al pubblico femminile!". Ma vahhhh????
Charlie Hunnam has something to say about his female fans! The 37-year-old King Arthur: Legend of the Sword actor was spotted grabbing a bite to eat with some buddies on Monday (May 22) in West Hollywood, Calif. Charlie recently returned from a trip to Sao Paulo, Brazil, to premiere the movie, where he wore a crown and revealed how filming “destroyed” his bodyRegarding his female fan base, Charlie told Glamour, “Our key demographic on Sons Of Anarchy was predominantly female. And King Arthur is appealing in the test screenings much more to women than men – so I feel that even though I play hyper-masculine roles, I’ve always been well-received by the female audience.”

GOSSIP - Il Meester(o) Bello!

Vedi la gallery completa

domenica 21 maggio 2017

NEWS - Preparate il caffè nero come una notte senza luna: stanotte, alle 3.00, parte su Sky Atlantic il nuovo "Twin Peaks" e nulla sarà come prima (in realtà non lo era già da qualche tempo): chi non trasmette le serie tv in contemporanea agli Usa è come un uomo senza un braccio (o un nano che balla, o un travestito che assomiglia a Mulder, o a una donna con un ceppo...). Insomma, è tagliato fuori!
Grande attesa per il ritorno di Twin Peaks: arriva in esclusiva su Sky Atlantic HD, dal 26 maggio ogni venerdì alle 21.15 in contemporanea con gli Stati Uniti. Il ritorno dell’attesissima serie tv di David Lynchsi mostrerà per la prima volta anche in Italia già nella notte fra domenica 21 e lunedì 22, quando dalle 3.00 su Sky Atlantic HD sarà possibile assistere ai primi due episodi della nuova stagione in versione originale sottotitolata, a 25 anni dall’ultima puntata della seconda stagione.
Riserbo assoluto sulla trama, materiali promozionali rilasciati con estrema parsimonia, tutti i 18 nuovi episodi sono stati scritti dal regista, David Lynch – che nella serie interpreta anche un agente dell’FBI – e dallo sceneggiatore storico della serie Mark Frost
Nel cast, oltre al ritorno del protagonista Dale Cooper, interpretato ancora una volta da Kyle MacLachlan - e di altri volti storici della serie, da Mädchen Amick a Sherilyn Fenn e Sheryl Lee, fino a Ray Wise -, tantissimi sono i nuovi e prestigiosi ingressi: Monica BellucciAmanda SeyfriedJennifer Jason LeighNaomi WattsTrent Reznor e Laura Dern
Per l’occasione, domenica 21 maggio sarà trasmesso il docufilm presentato a Venezia DAVID LYNCH – THE ART LIFE, in onda alle 21.15 su Sky Arte HD e alle 22.50 su Sky Atlantic HD (per il ciclo Il Racconto del reale). Nel film Lynch accompagna lo spettatore in un intimo e personale viaggio nel tempo, raccontando gli anni della sua formazione artistica. Dall’infanzia nella tranquilla provincia Americana fino all’arrivo a Philadelphia, le tappe del percorso che ha portato Lynch a diventare uno dei più enigmatici e controversi registi del cinema contemporaneo. Il film penetra nell’arte, nella musica e nei primi film di Lynch, gettando luce negli angoli oscuri del suo singolare mondo e permettendo al pubblico di capire meglio l’uomo e l’artista.

venerdì 19 maggio 2017

NEWS - Siete davvero pronti? Nuovo trailer angosciante di "Twin Peaks" e weekend Experience ideato da Sky Atlantic
Un appuntamento imperdibile per tutti i fan di Twin Peaks e non solo: il prossimo weekend a Milano sarà possibile vivere una vera e propria TWIN PEAKS EXPERIENCE con appuntamenti dedicati fino a notte fonda. L’occasione è “Piano City Milano”, la kermesse che porta centinaia di pianoforti nel capoluogo lombardo e di cui Sky è partner: nel weekend del 20-21 maggio, si terrà una due giorni di concerti basati sulle più celebri colonne sonore delle serie TV di Sky, da Il Trono di Spade a 1992, a The Young Pope. La location scelta per questi appuntamenti è BASE Milano, nuovo progetto per la cultura che ha visto rinascere e restituire alla città gli storici spazi industriali dell’ex Ansaldo, in via Bergognone 34.

La TWIN PEAKS EXPERIENCE è una vera e propria esperienza di immersione sensoriale, ma soprattutto sonora, progettata e realizzata ad hoc per questo evento. Si potrà viaggiare attraverso le atmosfere senza tempo della serie, tra le sue musiche inconfondibili e le suggestioni sonore rese celebri dalla serie cult di David Lynch. Un’occasione decisamente eccezionale per tutti coloro che vorranno riassaporare le emozioni di una serie che ha fatto la storia della tv, ma che rappresenta 
anche un titolo probabilmente non troppo noto alle nuove generazioni, che non hanno potuto vedere le prime due stagioni andate in onda più di 25 anni fa.

La TWIN PEAKS EXPERIENCE rappresenta dunque un ottimo percorso di avvicinamento per tutti coloro che vogliono prepararsi degnamente al debutto di TWIN PEAKS – LA SERIE EVENTO, che sarà trasmesso in esclusiva su Sky Atlantic HD in versione originale sottotitolata a partire dalla notte tra domenica 21 e lunedì 22 maggio, alle 3.00. La serie sarà poi in onda dal 26 maggio, ogni venerdì dalle 21.15, doppiata in italiano, e disponibile anche su Sky On Demand.

Sarà possibile immergersi nella TWIN PEAKS EXPERIENCE sabato 20 maggiodalle 17 fino alle 4 del mattino, e domenica 21 maggiodalle 11 alle 16.30. Il percorso è effettuato in piccoli gruppi di 10 persone per assicurarne la fruibilità e avrà una durata di circa 15 minuti. Le prenotazioni sono possibili in loco a partire dalle 17 di sabato e dalle 11 di domenica. Ingresso libero.

GLI ALTRI APPUNTAMENTI DI PIANO CITY A BASE MILANO

Non ci sarà solo l’Experience a BASE Milano: sabato 20 a partire dalle 17.30 sarà possibile ascoltare le musiche originale composte dal maestro Angelo Badalamenti per la serie 
Twin Peaks”, eseguite live da Nina Esiava, giovane pianista georgiana di 25 anni. A seguire, dalle 19 e fino alle 4.30 del mattino, una lunga maratona di tutta la prima stagione di “Twin Peaks”, evento in collaborazione con Sky Atlantic HD.

Domenica 21 maggio si inizia alle 11.00 con alcune tra le colonne sonore più celebri tratte dalle serie tv di successo: il pianista e star di YouTube Costantino Carrara eseguirà infatti le musiche di “Il Trono di Spade” (da luglio su Sky Atlantic HD la nuova stagione in esclusiva e in contemporanea con gli Stati Uniti”, la produzione originale Sky, “1992” e altre serie tv. Alle 16.30 sarà la volta di Bruno Bavota, giovane pianista e compositore napoletano, che eseguirà a BASE Milano i brani da lui composti per la serie “The Young Pope”, la produzione originale Sky diretta dal Premio Oscar Paolo Sorrentino. Chiuderà la due giorni, alle 19.00, il concerto di Luciano Supervielle, pianista e tra i più prolifici autori di colonne sonore in Sudamerica.
SGUARDO FETISH - Tutti ai piedi di Kerry Washington di "Scandal" su "The Edit"!
Guarda la gallery completa su

giovedì 18 maggio 2017

NEWS - Spazio, ultima notizia! "Star Trek: Discovery" aumenta le puntate a 15 e rivela la prima foto e il primo trailer
News tratte da "Deadline" e "Entertainment Weekly"
Star Trek: Discovery‘s first season on CBS All Access will consist of 15 episodes, up from the 13 originally commissioned. In addition to the order increase, Star Trek: Discovery will be getting a companion show, Talking Trek. After some delays, Star Trek: Discovery, currently filming its sixth episode, is on track for a fall launch with a premiere on CBS. The announcement was made during CBS’s upfront presentation, where the first trailer for Star Trek: Discovery made its debut. We will post it as soon as it’s available. 
Ready for a look at Star Trek: Discovery? Here’s the first photo of stars Michelle Yeoh as Captain Philippa Georgiou and Sonequa Martin-Green as First Officer Michael Burnham. The image has the duo beamed down to an as-yet-unrevealed planet. We can say for the first time that the eagerly anticipated CBS All Access series is not only filming at a studio in Toronto but also shot scenes like this one in Jordan. There are a couple of details for fans in this shot as well: Burnham has what looks like an old-school flip communicator on her belt (Discovery is a prequel to the 1966 original series) as well as what could be a tricorder hanging below her left hip — seems appropriate for a First Officer (Spock often carried a tricorder on missions supporting Captain Kirk in TOS). Other previously announced cast members include Jason Isaacs (the Harry Potter franchise) as Captain Lorca, James Frain (Gotham) as Spock’s father, Sarek; Doug Jones (Hellboy) as Lt. Saru, a Starfleet Science Officer and member of a new alien species in the Star Trek universe; and Anthony Rapp (Rent) as Lt. Stamets.

mercoledì 17 maggio 2017

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

CORRIERE DELLA SERA
Con "1993" la tragedia pubblica diventa spettacolo corale
"'1993' è il secondo capitolo della serie che racconta la storia di Tangentopoli. Come in '1992', le vicende ruotano attorno a sei personaggi: Leonardo Notte, un pubblicitario coinvolto nella nascita di Forza Italia (Stefano Accorsi), la sua compagna (Laura Chiatti), un onorevole leghista (Guido Caprino), una soubrette del Bagaglino (Miriam Leone), un poliziotto del pool Mani pulite (Domenico Diele) e una ricca ereditiera (Tea Falco) (Sky Atlantic, martedì, ore 21.15). La serie, prodotta da Wildside, scritta da Alessandro Fabbri, Ludovica Rampoldi, Stefano Sardo, e diretta da Giuseppe Gagliardi, vive su due forti idee drammaturgiche. La prima è di rendere quanto più credibili i personaggi di finzione, soprattutto l'inafferrabile Notte, per poter poi liberamente usare i registri dell'eccentrico o del grottesco per rappresentare i personaggi «veri» (Craxi, Berlusconi, Di Pietro e il pool di Mani Pulite, i fratelli Dell'Utri, Costanzo, Biscardi, Marzullo, Lerner...). È come se la tv ci restituisse quanto voracemente hanno inghiottito in quegli anni turbinosi gli occhi di uno spettatore onnivoro. La seconda — riferita dagli sceneggiatori — è quella del «romanzo pop»: «Buttiamoci dentro tutte le nostre passioni di spettatori e le nostre frustrazioni di autori... Assumiamo il punto di vista di personaggi che apparentemente non ci assomigliano, di un campo che la narrativa italiana in genere considera avverso, con il piglio della serialità che amiamo». Ne esce così il ritratto di un Paese apatico e feroce, tragico e ridicolo, dove il «senso civico» ha lasciato il posto al «socialmente utile». Rispetto a 4992», che funzionava per tessere di mosaico (e di montaggio), in «1993» c'è più lavoro di scrittura e maggiore consapevolezza, con il dichiarato tentativo di ispirarsi a «American Tabloid» di James Ellroy. Così la tragedia pubblica si degrada velocemente in uno spettacolo corale. Siamo figli del Bagaglino!". (Aldo Grasso)

martedì 16 maggio 2017

NEWS - Il trailer di "Glow" (Netflix) con Alison Brie prossima candidata agli Emmy, Golden...(scommettiamo?)

lunedì 15 maggio 2017

NEWS - Più che "Game of Thrones", "Game of Clones"! George R. Martin annuncia felice (con la mano al portafogli): "5 spin-off di 'GOT' in lavorazione"
Earlier this month, it was announced that four Game of Thrones spinoffs are in the works, but now, a fifth has emerged! Author George R. R. Martin made the announcement on his blog on Sunday (May 14). “We had four scripts in development when I arrived in L.A. last week, but by the time I left we had five,” George announced. “I do think it’s very unlikely that we’ll be getting four (or five) series. At least not immediately. What we do have here is an order for four — now five — pilot scripts. How many pilots will be filmed, and how many series might come out of that, remains to be seen. (If we do get five series on the air, I might have to change my name to Dick Direwolf).”

sabato 13 maggio 2017

NEWS - Clamoroso al Cibali! Charlie Hunnam ha rinunciato a partecipare a "Game Of Thrones" ma non esclude che in futuro...(e no, non sarà il prossimo James Bond...)

News tratta da "Uproxx"
Charlie Hunnam was the original choice to play human doorknob Christian Grey in Fifty Shades of Grey, but he (wisely, considering the final product) exited the project due to scheduling issues. “It was the worst professional experience of my life,” the Sons of Anarchy star said. “It was the most emotionally destructive and difficult thing that I’ve ever had to deal with professionally. It was heartbreaking.” If Hunnam got that worked up over Grey, imagine how he feels about turning down a role in Game of ThronesWhile promoting the nü-metal epic King Arthur: Legend of the Sword, Hunnam told the Sun, “I would love to do a Game of Thrones cameo. They offered me a cameo on that show a little while ago, but I was shooting something else, so I wasn’t able to do it. But maybe in the future, who knows.” Between Thrones (where he’d be a natural fit for the Night’s Watch — he’s also not afraid to show his butt, which is helpful for this show) and a potential appearance on the Sons spinoff Mayans MC, Hunnam has a hypothetically busy future. He’s also reportedly in the running to replace Daniel Craig as the next 007. “I can say two things,” he said on Conan. “I’m English and I look devilishly handsome in a suit. I can say three things… and nobody has called me about playing James Bond, so I’m pretty sure that’s not going to happen.” There’s always the Undeclared reunion special. His accent’s gotten better.

venerdì 12 maggio 2017

NEWS - Il fuoco cammina con Lynch: "'Twin Peaks' è nato da una scintilla!"
The cast of the upcoming revival of Twin Peaks covers the May issue of Variety, available now. 
Here’s what the creator David Lynch and the cast, including Laura Dern and Kyle MacLachlan, had to share with the mag:
David on where his ideas come from: “It comes in a burst. An idea comes in, and if you stop and think about it, it has sound, it has image, it has a mood, and it even has an indication of wardrobe, and knowing a character, or the way they speak, the words they say. A whole bunch of things can come in an instant.”
Laura on the original series: “I don’t think anyone who ever saw Twin Peaks will ever have it not ingrained in their memory and imagination for the rest of their lives.
Kyle on David’s creative process: “There’s no wasted time or wasted emotions, tangents, whatever. He’s very precise when we talk through the scene, and he tells me what’s going to happen. He has already thought it through, and he sees it.”
For more from the cast of Twin Peaks, visit Variety.com

giovedì 11 maggio 2017

GOSSIP - Gli Amici di Jennifer Aniston: "Se 'Friends' fosse in onda oggi sarebbe stato girato in un bar con tutti davanti agli iPhones!" (Apple ringrazia)
Jennifer Aniston joked about how if Friends were made today, the episodes would just be everyone looking at their smart phones in the coffee shop. “We were jokingly saying that if Friends was created today, you would have a coffee shop full of people that were just staring into iPhones. There would be no actual episodes or conversations, ”Jennifer said on Arianna Huffington‘s new Thrive Global Podcast“If I think back before devices, I’m trying to think first, which came first, my bad sleeping habits or a device?” she continued. “I honestly think I used to sleep beautifully and I don’t think I attributed to the fact that these phones came into our lives that have actually started to disrupt our sleep.” “I love what she said about if Friends was created today you would have a coffee shop full of people that were just staring into iPhones because it’s so true,” Arianna said later. “I think the way she talks about her relationship with her devices, her not being on social media and the way her day is so much better when she doesn’t start it by rushing to her phone and instead meditates and takes a few minutes for herself.”

mercoledì 10 maggio 2017

GOSSIP - Libere fino a un certo punto. "Orange Is The New Black" rivela ad attrice 43enne che è ritenuta "troppo vecchia per il ruolo di moglie di un 57enne"
Orange Is The New Black actress Jamie Denbo is opening up about being told she was too old for a role. The 43-year-old actress revealed that she was recently told she was too old to portray the wife of an 57-year-old male actor. Jamie took to her Twitter to speak out on the unfair standards for women in Hollywood. “I was just informed that at the age of 43, I am TOO OLD to play the wife of a 57 year old,” she began. Jamie continued, “Oh, the characters also have an 18 year-old daughter. I am TOO OLD to be the mother of an 18 year-old. The real wife of the 57 year-old actor is EASILY AT LEAST 50. But this f**ker wants to be tv married to a 38 year-old -TOPS.”
TELEFILM ART - Foto, grafica e visioni al confine con la Pop Art

martedì 9 maggio 2017

NEWS - Clamoroso al CibalHeroes! Tutte le serie tv e i film Marvel avranno (prima o poi) un crossover!

News tratta da Slashfilm.com
Most people working behind the scenes of Marvel Studios have been doubtful at best regarding the chances of a crossover happening between the films and TV shows of the Marvel Cinematic Universe. Kevin Feige didn’t rule it out but said “it all depends on timing” while Jeph Loeb said coordinating schedules to make it work can be difficult when you consider how fast-paced a television show’s schedule is compared to a movie. On the other end of the spectrum, after making the jump from film to television, Clark Gregg lamented that “corporate stuff” was keeping a crossover from happening while his Agents of SHIELD co-star Chloe Bennett was a little more critical of Marvel Studios for essentially ignoring their ABC show. Now Kevin Feige sounds somewhat more amiable about a Marvel movie and TV crossover happening, though he makes it sound like it won’t be happening anytime soon. io9 spoke to Kevin Feige recently, and they said that he sounded much more optimistic about the chances of a crossover. Specifically, they asked about whether seeing a character appear in a Marvel TV shows rules out the possibility of having that character appear in a Marvel movie. Here’s what Feige said on the matter:
“Not necessarily. The future’s a long time. So, the truth is, I don’t really know, but there are a lot of TV shows being made, and hopefully we’ll continue to make a lot of movies. At some point, there’s going to be a crossover. Crossover, repetition, or something.”
It sounds like Feige is indicating that sometime down the road a crossover between film and television is inevitable. However, that last part where Feige says “repetition” also hints at the possibility of characters from the TV side of things getting a big screen reboot in the future. There’s a lot that can still happen before Marvel starts rebooting their more prominent characters, but since there are various iterations of all superheroes in the comic books, we’ll undoubtedly see different version of those characters brought to the big or small screen. If I were to predict what will happen as the Marvel Cinematic Universe goes on, I would guess that the cosmic side of the MCU will eventually lead to the revelation that there are parallel universes where alternate versions of superheroes like Iron Man, Thor, Captain America, Spider-Man and more exist. That’s pure speculation on my part, but that feels like the easiest way to reboot franchises while still keeping the mythology of the original MCU intact and connected to the movies and TV shows that will happen in the distant future.

lunedì 8 maggio 2017

NEWS/L'EDICOLA DI LOU - Laudato sii "Tredici"! "Avvenire" loda senza mezzi termini la serie di Netflix: "Insegna a riflettere, quel 'forse' che avrebbe potuto cambiare le cose, l'impatto valanga di gesti e parole, provoca un effetto scuotimento. Una serie efficace e diretta, senza retorica e moralismi, diffonde un'imprescindibile educazione al rispetto reciproco". Amen

AVVENIRE
"Tredici, in inglese 13 Reasons Why, serie tv lanciata lo scorso 31 marzo, dimostra ancora una volta l'audacia e il coraggio del network Netflix. Prodotta dalla cantante Selena Gomez, questa prima stagione, basata sul romanzo dello scrittore Jay Asher, nelle ultime settimane è stata al centro del dibattito per la complessità dei temi affrontati: suicidio, bullismo e violenza sessuale. Non è un caso che online sia anche comparsa una petizione per richiedere che ne venga resa obbligatoria la visione nelle scuole. Quella di Tredici e della sua protagonista Hannah Baker, interpretata da Katherine Langford, è una storia speciale. Insegna a riflettere sul modo in cui si ha a che fare con le persone, ma soprattutto mostra che quello della scuola può essere un ambiente difficile e che il cyberbullismo non si esaurisce nel suono di una campanella. Le responsabilità dei propri e degli altrui comportamenti in rete, trattata in questi ultimi annida esperti- tra gli altri- quali Jon Ronson e Giovanni Ziccardi, ma anche affrontata in seguito ad alcuni episodi di cronaca, contribuisce ulteriormente ad allargare la riflessione su ciò che rappresenta o può rappresentare la cosiddetta gogna mediatica. Tredici non racconta esclusivamente la quotidianità di una storia, ma il suo lato nascosto e le possibili conseguenze: «Se solo una cosa fosse andata diversamente, forse non sarebbe successo». II sunto di questa serie tv è per cui racchiuso in un avverbio che meglio di tante parole esprime il dubbio e l'incertezza tipica del periodo adolescenziale, quel "forse" che avrebbe potuto cambiare le cose. La trama alterna puntate narrativamente più intraprendenti a episodi che hanno perlopiù un effetto di scuotimento, ma il fil rouge di fondo è la reiterazione attraverso flashback: Hannah, ragazza del liceo, decide di togliersi la vita e lasciare alcune audiocassette numerate; su ogni lato di queste lei stessa ha registrato una delle tredici ragioni che l'hanno portata a compiere quel gesto. Ragioni, ma soprattutto persone, che non hanno capito fino in fondo cosa stava accadendo alla ragazza e avevano sottovalutato l'impatto valanga che gesti e parole possono scatenare: "A qualcuno di voi importava. Ma a nessuno è importato abbastanza». L'altro protagonista della storia è Clay, ragazzo impacciato e innamorato di Hannah, parte integrante di quell'ascolto così doloroso. Per lui si compie un vero e proprio percorso di maturazione che alla fine lo porta anche a riavvicinarsi a una vecchia conoscenza con cui non si rapportava da tempo, ritrovando nei rapporti umani quel briciolo di serenità perduta a cercare di comprendere le motivazioni della compagna. Clay alla fine capisce che per risolvere la maggior parte dei conflitti, interiori o esteriori che siano, tutto ha inizio dal dialogo: «Deve migliorare. II modo in cui ci trattiamo e ci aiutiamo a vicenda, deve migliorare in qualche modo». L'aspetto migliore di Tredici resta comunque la capacità di riuscire a cogliere le sfumature senza retorica o buonismo, moralismi o demagogia. È uno show efficace, diretto e misurato, in un complesso equilibrio tra il caratteristico intimismo dell'adolescenza e la necessità di rinunciarvi in favore di una pubblica richiesta d'aiuto, a volte raggiungibile anche a costo di accantonare la propria reputazione, reale o digitale che sia il rischio è la trappola dell'artificiosità di qualche scelta stilistica, ma ne giova la consapevolezza che l'efficacia del messaggio favorisce il diffondersi di un'imprescindibile educazione al rispetto reciproco". (Eugenio Giannetta)

domenica 7 maggio 2017

NEWS - "Orange Is The New Black aiuta a guardare oltre la propria sessualità!": il cast di "OITNB" lancia il sasso (anzi, il sesso) oltre lo stagno del piccolo schermo
The cast of Orange is the New Black are sharing why they love their show so much. The cast – which included Danielle Brooks, Laverne Cox, Uzo Aduba, Taryn Manning, Taylor Schilling and former cast member Samira Wiley – attended the screening and panel discussion of the upcoming season on Friday (May 5) at the Saban Media Center in Los Angeles. Taylor and Laverne both praised the show for dealing and echoing the real issues that is going on in today’s time. “There’s a ripple effect and in our case it allows for the audience to see people who may be outside of their sexuality, race, socioeconomic status, size, gender or many number of things and see how it relates to them,” Taylor said. “I think crossing those lines is a political act, but that’s not the genesis of it.” “It has us constantly thinking beyond ourselves because the stakes are so high,” Laverne said. Season 5 of OITNB is set to premiere on Netflix on June 9.

venerdì 5 maggio 2017

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

IL FATTO QUOTIDIANO
"Tredici", otto cassette da spedire agli sceneggiatori per una serie che non convince
"'Tredici' è una serie tv americana che sta avendo un successo clamoroso in tutto il mondo. Hannah Baker è una diciassettenne che si suicida e prima di suicidarsi registra tredici cassette audio ognuna delle quali è dedicata a una persona che ha contribuito alla sua infelicità. Ora, non discuto le buone intenzioni di chi l’ha ideato ed è bene che finalmente ci sia una serie che affronti l’argomento, ma “Trediciè pieno di buone ragioni per inviare qualche cassetta anche ai suoi sceneggiatori
Ecco le mie otto:
Hannah Baker: la protagonista di “tredici” ha un difetto imperdonabile. E’ carina, è buona, è garbata, è deliziosa ma ha un problema: non denuncia chi ha delle colpe, colpevolizza chi la tratta bene, sfancula chi la vuole aiutare e poi si lamenta perché chi viene sfanculato non la insegue per i corridoi o per le scale di casa non capendo che i suoi “sparisci per sempre dalla mia vita” vogliono in realtà dire “abbracciami e non lasciarmi mai più”. Ergo, finisce per accadere quello che non dovrebbe mai accadere in una serie in cui bisogna empatizzare con la vittima bullizzata che manda cassette pure a chi non ha fatto abbastanza: pensi che in una cassetta ci saresti finito pure tu, perché tu se una di dice “fanculo” pensi voglia dire “fanculo”, non “sposami in comune e facciamo due figli”. 
La lista: una delle famose cassette di Hannah è sulla questione “lista”. Questa lista, appuntata su un foglietto, l’ha compilata il suo amico Alex e contiene una specie di classifica delle ragazze più belle della scuola e di appunti sulle loro parti anatomiche. Hannah è citata nel punto “culo più bello della scuola”. Ora, visto che Hannah non dirige “D” di Repubblica, non è Lella Costa, non è Meryl Streep al microfono alla notte degli oscar ma un’adolescente in cerca di conferme sulla sua avvenenza come tutte le adolescenti del mondo, io al fatto che faccia una questione da “mercificazione del corpo delle donne” per ‘sta benedetta lista faccio fatica a credere. Non oso pensare a cosa sarebbe successo se avesse letto il suo nome accanto alla dicitura “peggior culo della scuola”. Altro che suicidio. Qui era un’altra Columbine.
L’inutilità dei genitori: i genitori, in questa serie, sono utili quanto le creme antismagliature per la pancia dopo un parto plurigemellare. Sarà anche vero che in adolescenza con i genitori si parla poco, sarà anche vero che è difficile entrare nel mondo degli adolescenti, ma qui ci sono figli che entrano in casa con occhi tumefatti, mascelle fratturate e orecchie grondanti sangue e la domanda più invasiva che viene formulata è : “Hey Clay, tutto bene?”. Ci sono figli che chiedono “Senti mamma, se uno subisce una violenza ma non vuole denunciare quella violenza e quella violenza è avvenuta senza testimoni, si può fare una denuncia come persona informata sui fatti?” e la madre non risponde “Ora mi dici chi minchia è stato violentato”. No, dice: “Hey, se fosse successo qualcosa di grave me lo diresti vero?”. No, ti stava facendo un quiz per L’eredità. Infine, non si capisce bene dove siano i genitori si tutti ‘sti diciassettenni durante i festini in casa. A 17 anni mia madre non mi lasciava neppure andare sola in sgabuzzino, questi organizzano feste con ville hollywoodiane a disposizione, alcol in pinte da 6 litri e stupri seriali, e “i miei genitori sono a Ibiza per qualche giorno”. O Bryce è il figlio di Bob Sinclair o mi devono spiegare cosa ci facciano i suoi a Ibiza durante l’anno scolastico.
La cassetta di Clay. Clay non fuma, beve solo alle feste e mette il casco quando va in bicicletta. Praticamente ha uno stile di vita che gli permetterebbe di morire di vecchiaia a 107 anni, ma a Hannah Baker questo non sta bene e quindi gli dedica una cassetta. Clay a quel punto pensa di averle messo sotto il cane in retromarcia per sbaglio e quindi entra in un terribile tunnel di disperazione. Invece no. Lui è nella cassetta perchè Hannah gli conferma che è stato buono, gentile e premuroso, e che al massimo, a voler cercare il pelo nell’uovo, la sua colpa è stata l’essere uscito da una stanza dopo che per tre volte gli era stato chiesto di andarsene. (vedi sopra) Insomma, pensi “che stronza!” e ti senti pure in colpa.
Courtney. Hannah scopre di avere un paparazzo stalker che le si apposta alla finestra per fotografarla svestita e quindi, con l’amica Courtney, decide di tendergli una trappola. Le due quindi pensano bene di sbronzarsi e di mettersi a limonare in lingerie davanti alla finestra, e questo è il momento in cui la verosimiglianza della serie inizia a scricchiolare. Lo scatto fa ovviamente il giro della scuola, l’identità dei soggetti non è chiara e tuttavia Courtney decide di sputtanare la povera Hannah, perchè in realtà Courtney è lesbica e non vuole che si sappia non tanto perchè se ne vergogni ma perchè, dal momento che è stata adottata da una coppia gay, non vuole rafforzare le teorie delle Sentinelle in Piedi sul fatto che i figli di un gay diventeranno gay. In pratica Hannah Baker muore anche per colpa di Adinolfi.
La cassetta di Sheri. A voler vedere, Sheri è la più martoriata della serie, perchè a) A Sheri piace Clay, ma a lui piace Hannah e quindi, per rispetto nei confronti dell’amica, lascia perdere. b) Si offre di dare un passaggio ad Hannah, ubriaca e testimone di uno stupro, le cerca pure un caricabatterie e nel farlo abbatte un segnale di stop. Non contenta, Hannah la vorrebbe pure fare arrestare per guida in stato d’ebbrezza ma lei se la dà e quindi “benvenuta nella tua cassetta, Sheri-criminale-di-merda!”. c) E’ l’unica che alla fine si costituisce e d) Quando finalmente riesce ad appartarsi con Clay, lui le dà il due di picche sulla fiducia. Per cui capisci che gli sceneggiatori hanno sbagliato tutto e che quella con la vita di merda non era Hannah Baker, ma Sheri.
Bryce. Oltre a incarnare più stereotipi di quanti ne possa proferire una concorrente di Miss Italia nel suo discorso, il diciottenne ricco, violento, capitano della squadra di basket del liceo Bryce Walker è uno stupratore, perchè ovviamente, nel pieno spirito di banalità che permea tutta la serie, gli autori vogliono ricordarci che la ricchezza non compra la felicità e che il nuoto è lo sport più completo. Tuttavia nessuno lo denuncia, la vittima continua a frequentarlo nel gruppo di amici col proprio fidanzato che, invece di fracassargli la testa contro i sampietrini, continua a battergli il 5.
Il finale, meglio che in una favola di Esopo, riassume perfettamente il messaggio della serie. Cerca di essere empatico? Non fare del male a nessuno? Sii migliore delle persone che hai attorno? No, però fidanzati con la tizia nichilista, cartomante, coi piercing e che si lava a capodanni alterni, sennò magari poi si suicida pure lei e ti manda una cassetta". (Selvaggia Lucarelli)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!