Telefilm Cult su Twitter

lunedì 23 luglio 2018

NEWS - Clamoroso al Cibalesbo! Arriva la serie su "Batwoman" con la protagonista eroina dei diritti LGBTQ (firmano il papà dell'Arrowverse e la lesbica dichiarata Caroline Dries, già dietro le quinte di "TVD")

News tratta da Deadline
Batwoman is already scheduled to visit the Arrowverse for the annual crossover event in December; she may now become a permanent member of it, expanding the universe and breaking some TV ground in the process. The CW has put in development a Batwoman series for 2019 consideration. It hails from former The Vampire Diaries executive producer Caroline Dries and the architect of the CW Arrowverse, Greg BerlantiIn Batwoman, written by Dries based on the DC characters, armed with a passion for social justice and a flair for speaking her mind, Kate Kane soars onto the streets of Gotham as Batwoman, an out lesbian and highly trained street fighter primed to snuff out the failing city’s criminal resurgence. But don’t call her a hero yet. In a city desperate for a savior, Kate must overcome her own demons before embracing the call to be Gotham’s symbol of hope. Batwoman already has been a trailblazer for LGBTQ+ representation in comics. After a long hiatus, she was reintroduced to the DC comic universe in 2006 when she was established as a Jewish lesbian, becoming the first-ever lesbian superhero title DC character. Now Batwoman would become the first gay lead character — male or female — of a live-action superhero series. (DC, Berlanti and Warner Bros. Animation previously collaborated on the first animated show with a gay lead, Freedom Fighters: The Ray on CW Seed). Batwoman would join Arrowverse, which features a number of LGBT characters, including Arrow‘s Curtis Holt, The Flash‘s Captain Singh, Legends Sara Lance and Supergirl‘s  Alex DanversBatwoman comes from Berlanti Productions in association with Warner Bros. Television where the company recently extended its overall deal. Dries, who is lesbian, executive produces alongside Berlanti Prods.’ Berlanti and Sarah Schechter as well as former DC Entertainment president Geoff Johns (The Flash) via his new Mad Ghost Productions banner. Johns also has been producing the long-gestating Batgirl DC feature at Warner Bros., which switched writers this past spring. Casting is about to begin for an actress — likely lesbian — to play Batwoman in the DC crossover event in December. If Batwoman goes to pilot, the same actress will play the central character in it. Dries does not work on a CW DC series but is expected to be involved in some consulting capacity when the character of Batwoman is crafted for the crossover, which spans Arrow, The Flash, Legends of Tomorrow and Supergirl. (It is unclear yet which of the series would introduce her.) It was Arrow star Stephen Amell, along with the CW president Mark Pedowitz, who announced at the CW presentation in May that this year’s crossover event will feature Batwoman. “This is the first time ever that Batwoman will make a live-action appearance on any screen,” Pedowitz said, adding that, along with Batwoman, the City of Gotham also will be added to the ever-expanding Arrowverse. With Batwoman, the CW is following the strategy it used for The Flash, whose central character was introduced in a two-episode arc on Arrow in December 2013. While originally the network had planned a third Arrow episode later that season to serve as The Flash backdoor pilot, it ultimately opted for a standalone Flash pilot, which launched the series the following fall. Dries has superhero credentials — she started her writing career on the CW/WBTV Smallville before a seven-season run on The Vampire Diaries, on which she rose to executive producer and showrunner. The character Batwoman began appearing in DC Comics stories beginning with Detective Comics #233 in 1956, in which she was introduced as a love interest for Batman. On TV, Batwoman first appeared in animated series Batman: The Brave and the Bold, which premiered on Cartoon Network in 2008. On film, Batwoman appeared in Batman: Mystery of the Batwoman, voiced by Kyra Sedgwick, a 2002 direct-to-video animated film based on animated series The New Batman Adventures. Batwoman also made a cameo in direct-to-video superhero film Batman vs. Robin and appeared in 2016’s Batman: Bad Blood, voiced by Yvonne Strahovski.

venerdì 20 luglio 2018

NEWS - Clamoroso al Cibali! "The Good Doctor" è la serie più vista in Italia di quest'anno...e dell'ultima decade!
Leggi QUI

mercoledì 18 luglio 2018

NEWS - Allarme Netflix! La piattaforma on demand di serie tv aumenta il prezzo abbonamenti (fino a +3 euro al mese) dopo un trimestre flop: un milione di abbonati in meno rispetto alle previsioni, toccato -14% in Borsa, concorrenza sempre più agguerrita
News tratta da "Italia Oggi"
Netflix delude le attese di crescita del mercato nel secondo trimestre di quest'anno ma non rilancia: nei tre mesi adesso in corso (il terzo trimestre fino a settembre) sono le sue stesse previsioni a essere più contenute sia sul fronte del conto economico sia su quello dei nuovi abbonati. Stime al ribasso che risentono, a giudizio degli addetti ai lavori, della concorrenza dei nuovi conglomerati come Atet+Time Warner col canale Hbo, di quelli a venire come la possibile fusione Disney e 21st Century Fox (o comunque 21st Century Fox e Comcast) e infine del dinamismo di operatori alla Amazon col suo servizio Prime Video. Ma si sente anche e soprattutto il peso dei costi sostenuti, per esempio, per le produzioni originali (con un budget da 8 miliardi di dollari, pari a 6,9 miliardi di euro). E così che, non a caso, la piattaforma tv on demand di Reed Hastings sta sperimentando (Italia compresa) una nuova offerta con un prezzo più alto di 3 euro al mese (16,99 euro) rispetto alla tariffa Premium, che costa 13,99 euro. Menù con un grado maggiore di alta definizione e numero di schermi a disposizione che, per esempio in Francia, viene testata anche a ridosso della soglia psicologica dei 20 euro (precisamente 19,99 euro). Si tratta solo di sperimentazioni, come ribadito dalla stessa Netflix, che pure segnano un cambio di strategia radicale per una piattaforma che ha abituato i consumatori a una spesa media sui 10 euro. E soprattutto ha imposto ai concorrenti di adeguarsi a questa soglia di prezzo. Eppure ora Netflix inverte la rotta visto che, secondo alcune indagini di mercato tra cui quella di Deutsche Bank, i suoi spettatori sono disposti a pagare, per l'appunto fino ai 15-20 euro. La necessità di un nuovo approccio commerciale nasce dagli ultimi risultati finanziari nel secondo trimestre 2018 i nuovi abbonati sono stati 5,14 milioni (670 mila nel mercato domestico Usa e 4,47 milioni all'estero) ma ne erano attesi 6,2 milioni. I ricavi complessivi toccano quota 3,9 miliardi di dollari (3,4 miliardi di euro), in crescita del 40,3% sullo stesso periodo del 2017 ma, ugualmente, le proiezioni erano più alte, sui 3,94 miliardi. Di riflesso il titolo quotato al Nasdaq ha perso il 14% nella notte italiana di lunedì (al momento dell'annuncio dei risultati finanziari negli Usa), recuperando poi nella seduta di ieri intorno al -4%. Sempre a livello di conto economico, il risultato operativo è stato di 462 milioni di dollari (margine all'11,8%), sopra i 128 milioni del secondo trimestre 2017 e sopra quello (pari a 447 milioni) registrato nel primo trimestre di quest'anno (ma con un margine al 12,1%). L'utile netto è stato invece di 384 milioni di euro (0,85 dollari per azione), superiore alle previsioni e a quello dei primi tre mesi del 2018 (290 milioni di euro, con un utile per azione di 64 centesimi). Per il terzo trimestre, in corso, la piattaforma on demand si aspetta un crescita contenuta dei ricavi che rimane sotto i 4 miliardi di dollari (+33,6%), un risultato operativo per la prima volta in contrazione a 420 milioni di dollari (10,5%) e, infine, un utile netto giù a 307 milioni (garantendo agli azionisti 0,68 dollari per azione). I nuovi abbonati limeranno, in linea teorica, sulla soglia dei 5 milioni (di cui 650 mila negli Usa e 4,35 milioni oltreconfine). Comunque, già i tre mesi conclusi a giugno sono stati definiti dalla stessa Netflix «forti ma non stellari».

martedì 17 luglio 2018

GOSSIP - Clamoroso al Cibali! Evangeline Lilly shock: "dopo 'Lost' giurai di smettere di recitare! Esperienza orribile, sul set mi pettinavo e truccavo da sola...dopo la prima stagione ho pensato di mandare tutti a fanculo!"
Born Nicole Evangeline Lilly in Fort Saskatchewan, Alberta, the middle of three sisters in a Christian, working-class Canadian family, she was raised in Abbotsford, British Columbia, by a grocery store manager dad and childminder mum. At college, she was spotted by Ford modelling agency on the street, but she turned them down, keeping the number. A while later, she thought again and ended up landing small parts in TV shows, the kind which come with credits like “Girl in cinema”, “Benton’s girlfriend” or, even better, “Party guest – uncredited”. Then in 2004, with next to no relevant experience (and no acting training), her foot fitted a glass slipper, landing the role of Oceanic Airlines Flight 815 survivor Kate Austen. She arrived in Hawaii where she still lives today with her partner, Norman Kali. She met him on the show when he was working as a production assistant, and their two sons, to shoot the pilot. Initially, she loved it. “I told my parents, ‘Oh my God, I can’t believe they paid me to do that. I would do that for free!’ It was so much fun.” After becoming an overnight hit, with US audiences of 12 million and millions more worldwide, suddenly, it wasn’t fun anymore. “Living in paradise and becoming a famous TV star seems like a dream come true,” she reflects. “Unfortunately for me, it wasn’t. None of those things were my dreams. It was a struggle, and I had a very hard time adjusting to life as a public figure. I was isolated and alone, far from home, not knowing anybody and being one of the few single people on the cast.” She couldn’t even bear to watch herself. “I wanted to curl up in a ball and die because I thought I was terrible.” She found herself at odds with the production, a discord which manifested itself in her doing her own hair and make-up. “I just thought this is ridiculous,” she recalls. “Why would I have somebody else do something for me that I’m perfectly capable of doing myself? Not to mention that I found it very overwhelming to have people touching me all day. I wasn’t used to it. It’s a tolerance you build up over the years as you learn to be an actor and you get used to people pulling, poking, rubbing, grabbing, adjusting and constantly touching you. For me, at the beginning, that was intolerable. I couldn’t handle it, so I said, ‘No, no, no, I’ll do it myself’. “I did my own hair and make-up in 15 minutes, because I was supposed to be on a deserted island. I should have bedhead and no make-up! I figured I could get a couple of extra hours sleep in the morning. If I was in the hair and make-up trailer, it was two hours!” She did many interviews at the time and most US journalists commented on her “potty” mouth. But was she really so sweary? “I did have, and probably continue to have, a bit of a foul mouth,” she admits with a laugh. “Back then I would unabashedly not hide it from journalists as a rebellion, as a way of saying I’m not going to be the prim, proper, prissy actress you want me to be. I’m going to be me. I’m going to be the blue-collar girl I am. Over the years, I came to a place of realising that there’s nothing to be gained by throwing my roots in people’s faces.” “Before Lost aired, I was sat down on numerous occasions,” she continues. “I was specifically instructed on how to behave with the press and in the public eye. That not only pissed me off, but it really hurt my feelings because I felt I was being told who I was and how I am naturally is a liability; you need to suppress it, hide it, put it away because otherwise, you will damage this thing we’re building together. At the time I would have told you it pissed me off. In hindsight, I can see that what it really did was break my heart. I would sob into my pillow at night because I felt I was a social leper and that the way I was wasn’t acceptable. “Remember I had a sense of I’m not going to do that; I’m not going to be fake. I refuse to be fake, I refuse to conform to expectations of what a Hollywood actress is supposed to be. I don’t believe in ‘supposed to be’. I think we should all be individuals, all the different colours of who we are.” Things reached a crisis at the end of season one. There were tearful conversations with her parents, who told her to ‘tell them all to f*** off, come home and eat chicken noodle soup’. Touching though she found their support, she ignored them, knuckled down and committed to the project. By season three, she let them do her hair and make-up. By the end, she had a Golden Globe nomination and a SAG Award. And when it was done? “When Lost finished, I said I was done and I’d never act again,” she answers. “For two years I retreated into obscurity. I had a baby. Then, when my baby was one month old, my partner got a call. They said Peter Jackson has been trying to contact your wife for two months and nobody in Hollywood can reach her. Do you think you could get the message to her he would like her to play an elf in an upcoming Hobbit movie? And although I really didn’t want to be acting, I wanted to play an elf for Peter Jackson more.”

lunedì 16 luglio 2018

PICCOLO GRANDE SCHERMO - "Downton Abbey", il cult prosegue al cinema!
II film di «Downton Abbey» si farà. Promessa da tempo, la trasposizione della celebre serie inglese in costume ambientata fra il 1912 e il 1926, ha finalmente ricevuto il via libera. Le riprese dovrebbero cominciare già quest'estate con tanti componenti del cast storico come Maggie Smith (la Minerva McGranitt di «Harry Potter»), Michelle Dockery e Hugh Bonneville. La sceneggiatura è di Julian Fellows, l'ideatore della serie, mentre dietro la macchina da presa ci sarà l'inglese Brian Percival, già noto per «About a Girl».

venerdì 13 luglio 2018

NEWS - Le nomination agli Emmy Awards 2018: tutte le candidature e le scelte di Telefilm Cult (in verde)


Drama Series
“The Handmaid’s Tale”
“Game of Thrones”
“This Is Us”
“The Crown”
“The Americans”
“Stranger Things”
“Westworld”

Comedy Series
“Atlanta” (FX)
“Barry” (HBO)
“Black-ish” (ABC)
“Curb Your Enthusiasm” (HBO)
“GLOW” (Netflix)
“The Marvelous Mrs. Maisel” (Amazon)
“Silicon Valley” (HBO)
“The Unbreakable Kimmy Schmidt” (Netflix)

Lead Actor in a Drama Series:
Jason Bateman (“Ozark”)
Sterling K. Brown (“This Is Us”)
Ed Harris (“Westworld”)
Matthew Rhys (“The Americans”)
Milo Ventimiglia (“This Is Us”)
Jeffrey Wright (“Westworld”)

Lead Actress in a Drama Series:
Claire Foy (“The Crown”)
Tatiana Maslany (“Orphan Black”)
Elisabeth Moss (“The Handmaid’s Tale”)
Sandra Oh (“Killing Eve”)
Keri Russell (“The Americans”)
Evan Rachel Wood (“Westworld”)

Lead Actor in a Comedy Series:
Donald Glover (“Atlanta”)
Bill Hader (“Barry”)
Anthony Anderson (“Black-ish”)
William H. Macy (“Shameless”)
Larry David (“Curb Your Enthusiasm”)
Ted Danson (“The Good Place”)

Lead Actress in a Comedy Series:
Pamela Adlon (“Better Things”)
Rachel Brosnahan (“The Marvelous Mrs. Maisel”)

Tracee Ellis Ross (“Black-ish”)
Allison Janney (“Mom”)
Lily Tomlin (“Grace and Frankie”)
Issa Rae (“Insecure”)

Supporting Actor in a Drama Series
Nikolaj Coster-Waldau (“Game of Thrones”)
Peter Dinklage (“Game of Thrones”)Joseph Fiennes (“The Handmaid’s Tale”)

David Harbour (“Stranger Things”)
Mandy Patinkin (“Homeland”)
Matt Smith (“The Crown”)

Supporting Actress in a Drama Series
Alexis Bledel (“The Handmaid’s Tale”)
Millie Bobby Brown (“Stranger Things”)
Ann Dowd (“The Handmaid’s Tale”)
Lena Headey (“Game of Thrones”)
Vanessa Kirby (“The Crown”)
Thandie Newton (“Westworld”)
Yvonne Strahovski (“The Handmaid’s Tale”)

Supporting Actor in a Comedy Series
Louie Anderson (“Baskets”)Alec Baldwin (“Saturday Night Live”)
Tituss Burgess (“Unbreakable Kimmy Schmidt”)
Brian Tyree Henry (“Atlanta”)

Tony Shalhoub (“The Marvelous Mrs. Maisel”)
Kenan Thompson (“Saturday Night Live”)Henry Winkler (“Barry”)

Supporting Actress in a Comedy Series
Zazie Beetz (“Atlanta”)
Alex Borstein (“The Marvelous Mrs. Maisel”)
Aidy Bryant (“Saturday Night Live”)
Betty Gilpin (“GLOW”)
Leslie Jones (“Saturday Night Live”)
Kate McKinnon (“Saturday Night Live”)
Laurie Metcalf (“Roseanne”)
Megan Mullally (“Will & Grace”)

Limited Series
“The Alienist”
“The Assassination of Gianni Versace: American Crime Story”
“Genius: Picasso”
“Godless”
“Patrick Melrose”

Lead Actor in a Limited Series or Movie:
Antonio Banderas (“Genius: Picasso”)
Darren Criss (“The Assassination of Gianni Versace: American Crime Story”)
Benedict Cumberbatch (“Patrick Melrose”)
Jeff Daniels (“The Looming Tower”)
John Legend (“Jesus Christ Superstar”)
Jesse Plemons (“USS Callister”)

Lead Actress in a Limited Series or Movie:
Laura Dern (“The Tale”)
Jessica Biel (“The Sinner”)
Michelle Dockery (“Godless”)
Edie Falco (“The Menendez Murders”)
Regina King (“Seven Seconds”)
Sarah Paulson (“American Horror Story: Cult”)

giovedì 12 luglio 2018

GOSSIP - Allacciate le cinture! Il video dell'incidente di George Clooney durante le riprese di "Catch 22" (20 giorni di prognosi, 20 giorni di riprese ritardate)
NEWS - Achtung, compagni! Netflix sta per introdurre Smart Downloads per scaricare le puntate delle serie tv in automatico con il wifi, senza i dati della connessione mobile
Netflix sta lanciando una nuova funzione chiamata Smart Downloads, per scaricare gli episodi delle serie tv su tablet o smartphone. Dopo che gli utenti avranno guardato l'episodio di una serie tv, la nuova funzione lo cancellerà e scaricherà direttamente quello successivo una volta connesso il device al wifi (in modo da non utilizzare i dati di connessione mobile). Smart Downloads è attualmente disponibile per cellulari e tablet Android.

mercoledì 11 luglio 2018

GOSSIP - Breaking Ciak! Krysten Ritter pronta al debutto da regista sul set di "Jessica Jones"
Krysten Ritter is pulling double duty on an upcoming episode of the Netflix series Marvel’s Jessica JonesThe 36-year-old actress was seen with headphones around her neck while getting to work as the director on Tuesday (July 10) in New York City. Krysten was also seen on set the day before while working with co-star Rachael TaylorKrysten, who plays the title character in the series, is making her directorial debut with the upcoming episode. “I am beyond thrilled to make my directorial debut on Marvel’s Jessica Jones,” she said in a statement. “The entire crew and cast has become family to me, and I’m so appreciative of the opportunity to work with our incredible team in this new way. I am so grateful that Melissa Rosenberg, Jeph Loeb, Marvel, and Netflix entrusted me to take the reins.”

martedì 10 luglio 2018

GOSSIP - Mrs. Wright and Mr. Wrong. La protagonista assoluta per epurazione di partner di "House of Cards" fa tanto la paladina dei diritti umani ma non se la sente di accusare Kevin Spacey: "l'ho conosciuto tra un ciak e l'altro, non so come sia come uomo..."
Robin Wright is opening up about her former House of Cards co-star Kevin Spacey, who was removed by Netflix from the narrative of the hit series following accusations of sexual misconduct on the set before the show’s upcoming final season. The actress opened up in an interview on Today, which airs on Monday (July 9). “Was there any kind of red flag, or anything that would have made you think this was possible?” asked Savannah GuthrieKevin and I knew each other between action and cut, and in between setups where we would giggle. I didn’t really– I didn’t know the man. I knew the incredible craftsman that he is,” she explained.

lunedì 9 luglio 2018

NEWS - Melrose place! Non ci sono più le mezze stagioni seriali: Sky investe anche nella calda stagione sfornando la co-produzione (mica un prodotto d'acquisto!) "Patrick Melrose" con un Cumberbatch "supremo"
Una prova d’attore “suprema” (The Guardian), in quello che per Benedict Cumberbatch è “il ruolo della vita” (Rolling Stone). "Patrick Melrose", dal 9 luglio alle 21.15 su Sky Atlantic – e disponibile anche su Sky On Demand – è la nuova, osannata produzione Showtime e Sky tratta dalla saga de I Melrose, il ciclo di racconti semi autobiografici di Edward St Aubyn (edito in Italia da Neri Pozza, che per l’occasione lancia per la prima volta l’edizione integrale che contiene tutti e cinque i romanzi: Non importaCattive notizieSperanzaLatte maternoLieto fine), e firmata da David Nicholls (Un giornoLe domande di Brian), che della serie è anche creatore. Ogni episodio della serie costituisce un adattamento di un volume diverso all'interno del ciclo. Accanto a Cumberbatch (Doctor StrangeSherlockThe Imitation Game) che veste i panni del protagonista, anche Hugo Weaving (MatrixIl Signore degli AnelliCaptain America – Il primo Vendicatore) e la candidata all’Oscar Jennifer Jason Leigh (L’uomo senza sonnoIl matrimonio di mia sorellaThe Hateful Eight), che interpretano i genitori di Patrick, David e Eleanor Melrose. Le cinque puntate della serie tv sono ambientate ognuna in una decade diversa della travagliata vita di Patrick Melrose, un tossicodipendente che si trova a dover fare i conti con l'improvvisa perdita del padre, protagonista dei ricordi più traumatici della sua infanzia. Ciò farà riemergere i demoni di un passato che sperava sepolto per sempre e costringerà Patrick, sempre più instabile e fuori controllo, a cercare un motivo per tornare a vivere. Il Guardian descrive la serie come “un Amleto sull’eroina”, la drammatica storia di un uomo alle prese con una dipendenza che trae origine dalla terribile – seppur privilegiata - infanzia vissuta nel sud della Francia, con un padre (Hugo Weaving) che abusava di lui e una madre (Jennifer Jason Leigh) che, succube del marito e persa fra alcol e rimpianti, non si avvedeva di nulla e lasciava Patrick in balia del padre e dei suoi indicibili eccessi. Dagli anni ‘60 in Francia alle notti psichedeliche della New York degli anni ’80, raccontate facendo ricorso a massicce dosi di black humor, fino alla Gran Bretagna dei primi anni 2000, la storia ci mostrerà il protagonista, in fuga dai ricordi e irrimediabilmente perso nella sua dipendenza, cercare una via per la redenzione anche agli occhi di una moglie più volte tradita e dei due figli, per provare a riconquistare quella voglia di vivere che gli era stata portata via quando era solo un bambino. Dietro la macchina da presa Edward Berger, già regista della serie Deutschland 83, che ha deciso di rendere unica ogni puntata declinando i toni della fotografia sulla base della decade della vita di Patrick Melrose raccontataOltre a vestire gli impegnativi panni del protagonista, Benedict Cumberbatch figura anche come produttore esecutivo della serie assieme a Helen Flint, Adam Ackland, Rachael Horovitz e Michael Jackson. Nel cast, accanto a Benedict Cumberbatch, Hugo Weaving e Jennifer Jason Leigh, Anna Madeley (The Crown) interpreta la moglie di Patrick, Mary, Prasanna Puwanarajah (11 settembre – Tragedia annunciata, Diana – La storia segreta di Lady D) è il migliore amico del protagonista Johnny Hall, mentre Jessica Raine (Robin Hood, The Woman in Black, Fortitude) ricopre il ruolo dell’amante di Patrick, Julia. Nel cast anche Indira Varma (Il Trono di Spade, Exodus – Dei e re) che interpreta Anne Moore, un’amica della famiglia Melrose che cercherà di aiutare, senza riuscirci, il giovane Patrick, e Allison Williams (Scappa – Get Out, Girls) nei panni di Marianne, vecchia amica dei tempi dell’università che Patrick rincontrerà a New York. Blythe Danner (Will & Grace, Ti presento i miei), due Emmy e un Tony Award all’attivo, sarà invece Nancy, la zia del tormentato protagonista.

sabato 7 luglio 2018

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri
IL FOGLIO
Occhio al "Flash" italiano (che non sfreccia ma scatta)
"Scriveva William Hazlitt - pittore, saggista, gran conoscitore dell'animo umano vissuto a Londra tra sette e ottocento: "Il testamento è l'ultima occasione che abbiamo per dare sfogo alla nostra perfidia, e di solito ne facciamo buon uso". Il fotografo di matrimoni che ne ha viste tante pensa con lo stesso cinismo che il matrimonio sia una guerra. Non tra i coniugi, che avranno tanto tempo a disposizione per litigare, finché divorzio non li separi (e come diceva Woody Allen, un matrimonio finisce ma un divorzio dura tutta la vita). Una guerra di nervi tra il fotografo e i fotografati, ostacoli tra l'artista e il capolavoro: una volta era l'album con immagini seppiate e studiatissime; oggi è lo slide show per la cornicetta elettronica, corredato dal video che - fanno da modello i reality show - rievoca il primo incontro, il fidanzamento e i pettegolezzi degli amici prima di immortalare il taglio della torta-grattacielo. Abbiamo visto con i nostri occhi - a sentirlo raccontare non l'avremmo creduto - una sposa in un paesello del napoletano tallonata dal fotografo e dal videomaker, più un drone che la riprendeva dall'alto, dopo un giretto panoramico tra mare e terra. "Spettinala un pochino", ordinava il fotografo. "Dille qualcosa per farla ridere", ordinava il videomaker. Confessiamo di aver osservato la scena finché l'allegra compagnia ha cambiato set (non abbiamo avuto la sfacciataggine di seguire il corteo). Poi abbiamo scoperto che un matrimonio senza il ragno meccanico svolazzante non è un matrimonio (e gli incidenti di percorso, quando il drone atterra sulla testa degli sposi, sono registrati su YouTube). I trascorsi fanno di noi lo spettatore modello per "Flash", la futura serie (finora esiste solo il pilot) vincitore del Premio Solinas - La bottega delle webserie (in collaborazione con Rai Fiction, sperimenta format a puntate). Presentato al festival maremmano FuoriSerie - debutta quest'anno, ormai ogni comune italiano ha la sua manifestazione d'arte e cultura, nuovo governo permettendo - il primo episodio è già su Rai Play e il 29 giugno andrà in onda su RaiTre. Scrive e dirige Valerio Vestoso, già al lavoro sui prossimi episodi. Volendo dare un consiglio, meglio concentrarsi sulla sceneggiatura e lasciare la regia ad altri (magari rileggersi Adam Smith sui vantaggi della divisione del lavoro: se un uomo deve fabbricarsi uno spillo gli viene storto e impiega un sacco di tempo, se qualcuno estrae il metallo e qualcun altro lo mette in forma escono spillini ben fatti e meno costosi). Così si evitano le macchiette I personaggi funzionano, ora il problema è non ridurli a macchiette (per portare a esempio una serie italiana, "Boris" aveva schivato l'ostacolo con un bel lavoro di gruppo). Oltre al fotografo titolare, in "Flash" c'è il laureando in cerca di stage, lo specialista di filmini Lello Spielberg, il reggitore di flash che regge tre ore immobile, e Don Nikon, che ha un'idea tutta sua della religione e della fotografia: "Quando il signore invitava a porgere l'altra guancia, non voleva forse invitarci a mostrare il profilo migliore?". Regia e recitazione sono scolastiche, potrebbero migliorare. Vale anche per il montaggio, per certe giacche blu elettrico e per il ciuffo dello stagista. La sposa è stata sei ore sotto i ferri (del parrucchiere) e fa spuntare sotto il vestito una coda da sirena (il genitore intanto calcola quanto sono costate le orribili bomboniere). "Perlacea" è la parola magica: produce la bocca a cuore, l'occhio da triglia, la posa da crampo. Il fotografo scatta, sognando l'assegno". (Mariarosa Mancuso)

giovedì 5 luglio 2018

GOSSIP - Priyanka Chopra(zzemolina) shock! "Volevo diventare ingegnere"... (si, come no...)
Priyanka Chopra of "Quanticois on the cover of Allure‘s first-ever digital cover issue!
Here’s what the 35-year-old actress had to share with the mag:
On her thoughts about beauty pageants today (Priyanka won Miss World 2000): “I feel like in an evolved world, where we are today, as long as a woman understands that that’s not [her] only option. And then chooses to do it. Who is anyone to judge her? But when women are made to feel like your only option to succeed is to be OK with being objectified or being made to feel stupid…then it’s wrong.”
On her original dream job: “I wanted to be an engineer. Looking back now, I should have seen the signs that girl, you can’t pass a reflective surface without looking at yourself. You’re not going to be an engineer.”
On why the world needs to see beauty differently: “Beauty lies in the eyes of the beholder. And everyone doesn’t look the same way, so the world needs to be trained to see beauty differently.”

mercoledì 4 luglio 2018

GOSSIP - Altro che Ronaldo, la Juve si deve accontentare di Kinnaman! L'interprete di "The Killing" e "Altered Carbon" tifa Svezia ai Mondiali ma mette la maglia dei gobbi
Dimenticatevi di Cristiano Ronaldo, il vero acquisto della Juve è Joel Kinnaman di "The Killing" e "Altered Carbon"! In tempo di fake news vale tutto, quindi l'aitante attore, nel giorno della bufalissima del passaggio di CR7 in bianconero, ha indossato la maglia della Juve su instagram con la scusa che "in Canada non si trovano maglie della Svezia (ndr: per la quale tifa ai Mondiali) e l'unica coi colori giallo-blu era questa...". Per dire, è come se un tifoso del Barcellona in vacanza in Francia non trovasse la maglia del Barça e indossasse quella del Bologna, tanto i colori son quelli. In realtà Kinnaman ha già preso accordi con Agnelli, grazie all'intercessione di Mino Raiola, suo neo agente-procuratore, per calcare l'erba dello Juventus Stadium. Ovviamente, come in "Altered Carbon", Kinnaman assumerà l'identità di Ronaldo con buona pace del budget juventino che potrà così essere devoluto al risarcimento del flop della nuova collezione di occhiali da gradasso di Lapo Elkann.

martedì 3 luglio 2018

NEWS - Tris di Oscar al Vaticano! John Malkovich si unisce a Jude Law e a Sorrentino in "The New Pope"
Il due volte candidato all'Oscar John Malkovich si unisce al cast di "The New Pope", serie creata e diretta dal Premio Oscar Paolo Sorrentino. Malkovich e il due volte candidato agli Oscar Jude Law saranno sul set delle riprese che inizieranno a novembre in Italia. La sceneggiatura di "The New Pope" è scritta da Paolo Sorrentino con Umberto Contarello e Stefano Bises. La nuova serie sul Vaticano di Sorrentino arriva dopo il successo di "The Young Pope", andata in onda su SKY nell’Ottobre 2016, su HBO nel Gennaio 2017 e, in totale, in 150 Paesi. Jude Law, per la sua interpretazione, è stato nominato ai Golden Globe nella categoria Miglior Attore in una Mini Serie o Film per la televisione. 

lunedì 2 luglio 2018

NEWS - Di Maio dixit: "Rai e Mediaset hanno i giorni contati se non seguono il modello Netflix"!
News tratta dal "Corriere della Sera"

I presupposti perché si aprisse un fronte polemico c'erano tutti: Beppe Grillo venerdìi scorso aveva lanciato la sua proposta — due reti Rai da mettere sul mercato e una senza pubblicità — e la replica di Luigi Di Maio — ministro dello Sviluppo con delega alla telecomunicazioni — aveva in parte frenato il caso: «Nel programma c'è solo la fine della lottizzazione». Ieri però il vicepremier ha rilanciato sul tema delle tivù e delle aziende di comunicazione, mettendo in agitazione soprattutto Forza Italia. Perché stavolta nel discorso di Di Maio entra anche Mediaset: «Per Rai e Mediaset — è il suo monito — sarà fondamentale riuscire a rinnovarsi con nuove persone e nuove idee, e inserendosi in una logica completamente diversa da quella seguita fino ad oggi, perché le televisioni tradizionali hanno i giorni contati». In Rai in particolare «deve entrare il merito», ma in genere quello che serve è «una Netflix italiana», il gigante delle produzioni video — cinema, serie, informazione — che sta sfondando nel mondo. Discorso simile anche quello di Davide Casaleggio: «Se aspettiamo di vedere il futuro arrivare, arriverà dall'estero. Dobbiamo iniziare a costruirlo noi». E anche il figlio dell'ideologo del M5S, citando Netflix, insiste sulla necessità di «pensare all'innovazione subito». Parole che mettono in allarme soprattutto gli azzurri, già molto sospettosi per la decisione di Di Maio, molto contestata da Silvio Berlusconi, di tenere per sé la strategica delega per le telecomunicazioni. Il portavoce dei gruppi di FI Giorgio Mule attacca: «Di Maio della Casaleggio associati colpisce ancora. Sul futuro delle televisioni il vicepremier eccetera eccetera gioca a fare il dirigista con il portafogli degli altri, dimentica e mortifica le eccellenti produzioni televisive italiane, prefigura scenari tetri in favore ovviamente di Internet. A correre a supporto svelandosi come mandante della fesseria della domenica giunge lesto Davide Casaleggio, al quale Di Maio versa ogni mese denaro come tutti i parlamentari dei 5 Stelle. E tutto molto, molto penoso. Ed è tutto molto, molto pericoloso per il futuro dell'Italia». A sorpresa, è l'azzurro ed ex ministro delle Telecomunicazioni Maurizio Gasparri a riportare il dibattito sul terreno «della realtà: quello che dice Di Maio è piuttosto ovvio, è vero che i colossi dei media —non solo Netflix ma anche Amazon Tv e altri — in regime di sostanziale esenzione fiscale planetaria godono di grandi vantaggi», ed è vero che «c'è un percorso di modernità da affrontare, riqualificando il servizio pubblico». Ma ciò deve avvenire «consentendo alle imprese private di esistere e crescere». Insomma, si eviti di «danneggiare chi c'è, anzi lo si difenda», e poi si lasci alle aziende la libertà di muoversi «secondo le dinamiche di mercato».

sabato 30 giugno 2018

GOSSIP - Boe di salvataggio! L'interprete di Jessica in "Tredici" conquista la cover di "Cosmopolitan" spagnolo

venerdì 29 giugno 2018

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

IL FOGLIO
Aiuto, siamo tutti sceneggiatori di serie tv (per la gioia degli showrunner). Il fanatismo seriale tra spoiler, teorie fantasiose spesso azzeccate, commenti accademici, recap e "Rickrolling"
"La domanda "Chi ha ucciso Laura Palmer?" riuscì a intrattenere gli spettatori per 17 episodi e sette mesi (cominciavano gli anni 90). La domanda "Chi ha sparato a J. R.?" li aveva in precedenza intrattenuti per 5 episodi e otto mesi (cominciavano gli anni 80). Gli spettatori italiani vivevano in un mondo tutto loro: negli Stati Uniti avevano già sparato a J. R. e noi mai avevamo visto il cattivo con il cappello texano e il ranch di Dallas. Esercizio pratico: calcoli il candidato quante ere televisive sono trascorse, facendo il confronto con la cagnara scoppiata quando all'inizio degli anni 10 si seppe - con largo anticipo - che Matthew di "Downton Abbey" moriva in un incidente proprio la notte di Natale (l'attore Dan Stevens preferiva Broadway e mollò la serie). Il prossimo traguardo (leggi: il prossimo traguardo finora conosciuto) è un fake di Jonathan Nolan e Lisa Joy, showrunner di "Westworld": la serie che quanto a complicanze e ribaltamenti fa sembrare "Lost" un racconto lineare. Una fake news creata ad arte, perché tale finora era il loro regno (prima di attaccare i lamenti per le ricadute nel reale, fate mente locale sul fatto che nel 1938 Orson Welles finse alla radio che i marziani erano sbarcati sulla terra e molti credettero alla notizia). Jonathan Nolan e Lisa Joy non hanno mai davvero pensato di riunire in un video di mezz'ora tutti i colpi di scena di "Westworld" seconda stagione. Allo scopo di placare i fanatici che dopo ogni puntata cercano di immaginare "come andrà a finire", mettendo la parola fine a una pratica che sui social mischia spoiler e fantasiose teorie. Anche sulla mania dei "recap" - minuziosi riassunti per chi ha perso la puntata, che in realtà servono a chi la puntata non l'ha affatto persa, ma come i maniaci (o i bambini) non si stanca di ascoltare sempre la stessa storia - ci sarebbe qualcosa da dire. Credevamo che l'ossessione per il commento fosse un'attività per noiosi accademici. Scopriamo che nell'èra della velocità e della distrazione ha insospettabili adepti. Motiva il fake (oltre a un giochetto che si chiama "Rickrolling" e consiste nel promettere video imperdibili, reindirizzando su un video musicale di Rick Astley datato 1987) la disperazione degli sceneggiatori. "Voi a scrivere siete tanti, e io a leggere sono solo" lamentava Massimo Troisi. "Noi a inventare trame siamo pochi, e voi a smontarle e anticiparle siete migliaia e migliaia" è il lamento degli showrunner, nell'era della sovrabbondanza televisiva. Matt Zoller Seitz sul New York Magazine - un fantastico numero tutto sulla tv- ricorda che la prima stagione di "Westworld" fu cambiata in corsa, i fan avevano azzeccato troppi dettagli guastando la sorpresa. Quando i fan scoprirono a metà stagione che in "Mr Robot" c'era un tocco di "Fight Club" (tanto per non fare altri spoiler) lo showrunner Sam Esmail lasciò la storia tale e quale. Una soluzione al "siamo-tuttisceneggiatori" ci sarebbe: mettere a fuoco meglio i personaggi e non puntare tutto sui colpi di scena". (Mariarosa Mancuso)

mercoledì 27 giugno 2018

PICCOLO GRANDE SCHERMO - Da oggi nelle sale la coppia Charlie Hunnam+Rami Malek nel remake di "Papillon" (l'eredità di Steve McQueen si divide in due...)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!