Viewers last month

sabato 10 marzo 2007


TELEFILM FESTIVAL 2007 - Le prime anticipazioni sulla Quinta edizione dell'atteso "Telefilm Festival", dal 11 al 13 maggio all'Apollo Spazio Cinema di Milano. Tra i momenti da non perdere: le anteprime e gli eventi dedicati a "Dr.House" e "Ugly Betty"; la maratona celebrativa de "I Simpson"; le attesissime premiere di "Heroes", "Dirt", “Dexter” e "Studio 60". Il TF cresce e nasce il Telefilm Workshop, una giornata riservata ai professionisti sul genere televisivo di maggiore successo degli ultimi anni.

Nell'anno del boom dei telefilm (record del 20% sull'intera programmazione), l’unico evento interamente dedicato alle serie tv e ai loro protagonisti festeggia la quinta edizione e apre le porte a Milano l’11-12-13 maggio 2007, all'Apollo spazioCinema. Oltre che sempre più presenti in tv, i telefilm rappresentano il genere televisivo più amato e consacrato della stagione, quello che vanta il pubblico più attento e dinamico, rincorso da tutte le reti e conteso dagli investitori pubblicitari. La vera alternativa alla tv-trash, ha detto qualcuno, la vera televisione di qualità. Un genere che nel corso delle stagioni ha via via proposto eroi ed anti-eroi, modelli e modi di dire, tormentoni, mode e tendenze. Spesso travalicando il piccolo schermo e incidendo nel costume e nella cultura, attirando l'attenzione di critici, sociologi, sponsor, fan insospettabili e uomini di cultura. Secondo alcuni, ha addirittura superato il cinema, diventando la Settima Arte bis.

Dopo le oltre 15.000 presenze dell’anno scorso, le oltre 40 anteprime europee e nazionali, nonché il forte interesse a livello mediatico con oltre 200 giornalisti accreditati, anche quest’anno il "Telefilm Festival" (http://www.telefilmfestival.it/) promette anteprime, ospiti, retrospettive a tema, dibattiti ad hoc, incontri e confronti non solo per i fan. E anche quest’anno l’Accademia dei Telefilm - l'associazione culturale ideatrice e organizzatrice dell'evento - si avvale della prestigiosa collaborazione di “Tv Sorrisi e Canzoni”, a riprova dell’importanza e dell’unicità di una manifestazione che sa intercettare il pubblico del genere televisivo più amato di sempre e si pone come vetrina internazionale di gusti e tendenze.

LE ANTEPRIME E I DIBATTITI
Come ogni anno, il "Telefilm Festival" diventa una sorta di vetrina internazionale sulle nuove tendenze e sulle nuove proposte seriali, con molte anteprime internazionali ed europee. Tra le altre, spiccano le attesissime puntate inedite, in anteprima assoluta, di "Dr. House" - il vero programma rivelazione della stagione televisiva - quelle che Italia 1 trasmetterà il prossimo autunno. A "Dr. House", e al boom dei serial medici in generale, sarà anche dedicato un incontro in programma nel corso della kermesse.
Dopo i prestigiosi riconoscimenti all'estero, tra cui due Golden Globe (per la Miglior serie comica e per la Miglior attrice protagonista America Ferrera), è sicuramente il serial più atteso dei prossimi mesi (sbarcherà presto su Italia 1): "Ugly Betty", la serie prodotta dall’attrice messicana Salma Hayek. È la storia di una ragazza decisamente poco attraente e femminile, che riesce a farsi strada nel mondo ipercompetitivo della moda, grazie a grandi capacità di intuito e molto talento, nonostante mobbing, perfidie e sgambetti dei colleghi. Al "Telefilm Festival" verranno proiettati in anteprima assoluta due episodi, arricchiti da un dibattito che vedrà riuniti alcuni personaggi dello spettacolo per chiedersi quanto incida la bellezza nel raggiungimento del successo.
Dopo la chiusura di "The O.C.", la serie tv più amata dai ragazzi di mezzo mondo è il fanta-cult "Heroes", che verrà proiettato per la prima volta in Italia proprio durante il quinto “Telefilm Festival”.
In concomitanza con la messa in onda negli USA del 400esimo episodio, e poche settimane prima del lancio mondiale del lungometraggio, il "Telefilm Festival" celebra con una mini-maratona dei migliori episodi il mito de "I Simpson", alla presenza all'Apollo spazioCinema dei doppiatori famosi che hanno prestato la loro voce ai protagonisti della serie animata cult di Italia 1.
Attese e già molto chiacchierate due serie tv che vedono coinvolti tre volti di "Friends": "Dirt", con la protagonista Courteney Cox nei panni della direttrice di un giornale di gossip alla frenetica caccia dell'ultimo scoop. Oltre alla puntata-pilota, il "Telefilm Festival" ha in cartellone l'episodio-shock del bacio lesbo tra la stessa Cox e l'ex collega di "Friends" Jennifer Aniston, nel ruolo della direttrice di una rivista concorrente. L'anteprima di "Dirt" è l'occasione per mettere a confronto i direttori di alcuni tra i più popolari giornali italiani nell’incontro intitolato "E' la stampa, bellezza", per capire come nascano le notizie, gli scoop o le leggende da prima pagina.
"Studio 60 on the Sunset Strip", con Matthew Perry, racconta il dietro le quinte del talk show di un grande network televisivo. Un ritratto spesso spietato e senza peli sulla lingua su rivalità, compromessi, censure, legami sentimentali tipici dell’ambiente televisivo. Anche in questo caso, l’appuntamento sarà seguito da un dibattito che ha l’obiettivo di mettere a fuoco come nasce un grande show televisivo e quali siano le logiche (o i limiti, se non le censure) che gravitano attorno alla sua realizzazione.
Sempre in tema di “backstage” dell’ambiente televisivo, un appuntamento tutto italiano: l’incontro tra il pubblico e i protagonisti di “Boris” la serie comica prodotta dal gruppo Fox Channels Italia ambientato sul set di una fiction tv e che vede tra i protagonisti Caterina Guzzanti, Pietro Sermonti, Antonio Catania e Carolina Crescentini, reduce dal successo di “Notte prima degli esami - Oggi”.

IL WORKSHOP
Dopo il grande successo di pubblico e stampa che ha contraddistinto le prime 4 edizioni, quest’anno il "Telefilm Festival" per la sua quinta edizione cresce e si pone un nuovo obiettivo: diventare un punto di riferimento anche per gli addetti ai lavori e fare una riflessione approfondita su uno dei generi che ha dominato i palinsesti televisivi negli ultimi anni. Un’intera giornata della rassegna - giovedì 10 maggio - dunque, sarà dedicata al "Telefilm Workshop", al quale parteciperanno i principali referenti del mercato televisivo: produzione, programmazione e Auditel tra gli argomenti trattati. Gli operatori del settore si rivolgeranno principalmente agli studenti delle università, dei master e alla stampa, svelando i “segreti” dei palinsesti e i meccanismi che decretano il successo delle nuove serie o il consolidamento di quelle di lungo corso.

I SONDAGGI E LE PREMIAZIONI
Nel corso del “Telefilm Festival”, saranno inoltre resi noti i risultati del Maxi Sondaggio sulle Serie Tv lanciato da “Tv Sorrisi e Canzoni” e dall’Accademia dei Telefilm per eleggere il “miglior telefilm della stagione”: una sorta di Oscar delle serie tv votate via sms dal folto pubblico dei serial tv.

IDEATORI ED ORGANIZZATORI DEL TELEFILM FESTIVAL
Il “Telefilm Festival”, Mostra Internazionale delle Serie Tv, è nato nel 2003 dopo il successo del “Dizionario dei Telefilm” (Garzanti) – più di 75.000 copie vendute - nonché come espressione concreta e sul campo dell’Accademia dei Telefilm – associazione culturale che si promette di promuovere e tutelare la qualità delle serie televisive. Non è un caso che gli ideatori e i direttori artistici del Festival siano gli stessi delle iniziative precedenti e dell’ultimo “nato”, il “Telefilm Magazine”, la prima rivista interamente dedicata alle serie tv diretta da Antonio Visca.
Leo Damerini e Fabrizio Margaria spiegano: “Il fatto che il Telefilm Festival compia 5 anni nell'anno della consacrazione anche in Italia del genere seriale è una meravigliosa ed imperdibile concidenza. Dopo il Dizionario e l’Accademia, il Telefilm Festival è il passo successivo per raccontare un genere che da sempre ha caratterizzato la televisione, che conserva in sé quella matrice di cultura-pop che sarebbe piaciuta ad Andy Warhol e Roy Lichtenstein. Un punto d’incontro che vuole essere l’occasione per celebrare questa fiction spesso sottovalutata, nobilitarla dal piccolo al grande schermo e renderla ancora più “pop” (nel senso di “popular”), “teletrasportarla” tra la gente suscitando discussioni, opinioni, ricordi. Un viaggio tra i telefilm del passato, del presente e del futuro: quelli che ci hanno emozionato e quelli che vedremo prossimamente, molti dei quali destinati a diventare supercult”.
Anche quest’anno Tv Sorrisi e Canzoni fa parte della squadra del “Telefilm Festival”. Il periodico leader in Italia nel settore dei televisivi - da sempre punto di riferimento per oltre 6 milioni di lettori, che ne riconoscono il prestigio e l’autorevolezza nel “raccontare”, prima e meglio di tutti, i programmi televisivi più amati – è particolarmente attento al fenomeno delle serie tv.

Il successo di questa manifestazione non sarebbe possibile senza il fondamentale contributo e supporto dei principali gruppi televisivi, tra cui Mediaset, Rai – Radiotelevisione Italiana, Telecom Italia Media, SKY, Fox Channels Italia, Jimmy, AXN.
L'evento è organizzato in collaborazione con Comune e Provincia di Milano e Regione Lombardia.
P.S.: questa è solo una parte del V "Telefilm Festival", per conoscere i nomi degli ospiti, le altre moltissime anteprime, i relatori dei dibattiti e le iniziative, in procinto di conferma definitiva, bisognerà aspettare ancora qualche giorno.

venerdì 9 marzo 2007

NEWS - Chris Lowell di "Veronica Mars" nel cast dello spin-off di "Grey's Anatomy"
Prende sempre più forma lo spin-off di "Grey's Anatomy" con la figura portante della cinica e sexy Dottoressa Montgomery (Kate Walsh), sorta di "Dr.House" in gonnella. Oltre a Taye Diggs, reduce dal fallimentare "Day Break", farà parte del cast anche Chris Lowell, l'interprete di Piz in "Veronica Mars". Al momento l'ideatrice-produttrice esecutiva Shonda Rhimes, la stessa della serie-madre "Grey's Anatomy", ha decretato il top-scret sul nuovo serial, tanto che al momento non si sa ancora se sarà ambientato nello stesso ospedale di Seattle dove operano Meredith Grey (Ellen Pompeo) e il Dottor Stranamore (Patrick Dempsey). Anche se le bizze e le invidie sul set, lasciano pensare che non sarà così...(Vedi Post del 2 marzo 2007)
NEWS - "Lost" and found no more: crollano ancora, sempre più al minimo storico, gli ascolti del serial di JJ Abrams
Il monitoraggio degli ascolti del malato "Lost" conosce un nuovo mercoledì di passione: inimo storico del serial firmato da JJ Abrams spostato alle ore 22.00, con 12.300.000 spettatori (14% di share nella fascia 18-49 anni). Ecco nel dettaglio la parabola discendente degli ascolti della terza stagione.

Eps. 1 - 4 Oct 06 - 19% di share sui 18-49 anni, 18.8 milioni di individui
Eps. 2 - 11 Oct 06 - 17% di share sui 18-49 anni, 16.9 milioni di individui
Eps. 3 - 18 Oct 06 - 16% di share sui 18-49 anni, 16.3 milioni di individui
Eps. 4 - 25 Oct 06 - 17% di share sui 18-49 anni, 17.1 milioni di individui
Eps. 5 - 1 Nov 06 - 16% di share sui 18-49 anni, 16.1 milioni di individui
Eps. 6 - 8 Nov 06 - 17% di share sui 18-49 anni, 17.1 milioni di individui

Da metà novembre la serie è stata sospesa e sostituita con “Day Break”. Alla ripresa, mercoledì 7 febbraio, ABC ha fatto slittare "Lost" alle 22:00, per smarcarlo da “American Idol” (Fox) e da "Criminal Minds" (CBS). Quest’ultimo, in autunno, aveva spesso battuto "Lost" in valori assoluti sugli individui.

Eps. 7 - 7 Feb 07 - 15% di share sui 18-49 anni, 14.5 milioni di individui
Eps. 8 - 14 Feb 07: 14% di share sui 18-49 anni, 12.8 milioni di individui
Eps. 9 - 21 Feb 07: 15% di share sui 18-49 anni, 12.9 milioni di individui
Eps.10 - 28 Feb 07: 15% di share sui 18-49 anni, 12.7 milioni di individui
Eps. 11 - 04 Mar 07: 14% di share sui 18-49 anni, 12.3 milioni di individui
NEWS - Stasera l'arrivederci a "Dr. House". Le puntate inedite (e un convegno ad hoc) al "Telefilm Festival" di Milano (11-13 maggio, Spazio Apollo Cinema)
(ANSA) - Stasera alle 21.00 su Italia 1 ultimo appuntamento con "Dr. House", interpretato dall'attore inglese Hugh Laurie. Il telefilm dei record, consacrato da pubblico e stampa come nuovo fenomeno televisivo, saluta i suoi telespettatori dando appuntamento all' autunno con l'inedita parte di questo terzo ciclo. I primi otto episodi della terza serie del dottor House, mandati in onda su Italia 1 dal 19 gennaio 2007, hanno registrato ogni settimana ascolti da capogiro raccogliendo una media di 4.785.000 telespettatori e il 17.26% di share. Le avventure del medico piu' amato del piccolo schermo hanno toccato picchi record che hanno superato i 6 milioni e mezzo di telespettatori e il 24% di share, riuscendo a mantenere risultati eccellenti anche contro il Festival di Sanremo (4.155.000 telespettatori, 15.05% di share). "Sono davvero lusingato dei complimenti che ricevo in ogni momento per il personaggio che interpreto- dichiara Laurie in una intervista recente - Ma Gregory House non e' solo una mia creazione, il merito del successo che riscuote va attribuito agli autori". "Interpretare House - aggiunge - e' stata da subito una scommessa intrigante, perche' e' un personaggio complesso ma in fondo buono". Il tratto del carattere del personaggio che pero' lo affascina di piu' consiste nella sua attitudine a non preoccupasi affatto di cio' che gli altri pensano di lui: "Parlando da persona cui interessa veramente molto cosa il mondo pensi, forse troppo, interpretare un uomo che se ne frega del giudizio degli altri su di lui e' assolutamente esilarante.
E' esilarante da recitare e, spero, anche da guardare".

P.S.: le puntate inedite di "Dr. House" saranno in cartellone al V "Telefilm Festival" di Milano (11-13 maggio, Spazio Apollo Cinema), con tanto di incontro dedicato al mitico dottore col bastone

giovedì 8 marzo 2007

NEWS - Scandalosa Kristen Bell!

La protagonista di "Veronica Mars" è sadomaso nel film "Reefer Madness"

NEWS - Stephen King conferma ufficialmente il progetto de "La Torre Nera" insieme a JJ Abrams
New York, 7 mar. - (Adnkronos) - Le voci riguardanti Stephen King e la possibile trasposizione cinematografica e televisiva della saga della "Torre Nera" cominciano a prendere corpo. E soprattutto trovano conferma nella viva voce dello stesso scrittore statunitense. Presente al New York Comics, per presentare la versione a fumetti della "Torre Nera" realizzata dalla Marvel, King ha annunciato che saranno J.J. Abrams e Damon Lindelof a occuparsi dell'adattamento cinematografico dei suoi racconti macabri. Stephen King ha poi precisato di aver detto piu' volte no all'ipotesi di portare la saga sullo schermo, fino a quando, da pochi mesi, non si e' concretizzata la possibilita' di ricavarne un "buon film". "Quello della Torre Nera e' il lavoro di una vita, che ho iniziato quando avevo 22 anni e quindi e' chiaro che e' molto importante per me", ha affermato King nel corso di una conferenza davanti a migliaia di fans convenuti appositamente a New York per il lancio ufficiale della serie a fumetti della Marvel Comics. "Di solito, con gli altri libri ho avuto un atteggiamento diverso", ha aggiunto lo scrittore. King ha anche rivelato d'aver rifiutato la proposta di Frank Darabont, che dopo "La redenzione di Shawshank" e "Il miglio verde" e' alle prese con la trasposizione di "La nebbia" e "La scimmia" (racconti entrambi inclusi nell'antologia 'Scheletri'), ritenendo che ci fosse per lui un po' troppa carne al fuoco. King, fan sfegatato di "Lost", ha accettato di cedere i diritti cinematografici della Torre quando il regista Abrams ("Mission: Impossibile III") e Lindelof lo hanno contattato. Lo scrittore si e' detto fiducioso dei mezzi e del talento a disposizione dei due autori. (Vedi Post del 19 febbraio 2007)

mercoledì 7 marzo 2007

NEWS - Calista Flockhart: "Harrison Ford è troppo vecchio per me..."
Voci ricorrenti vorrebbero Calista Flockhart ("Ally McBeal", "Brothers and sisters") al fianco del partner di vita Harrison Ford nel quarto capitolo cinematografico di "Indiana Jones". Ieri sera l'attrice, nel corso di un party dedicato a "B&S", ha smentito con una battuta: "Non c'è nulla di vero nella notizia, Harrison è molto più vecchio di me...". Sai le risate che si è fatto Ford...! Magari Indy l'ha aspettata a casa con la frusta in mano...!
TELEFILM MON AMOUR - Vuoi commentare il tuo telefilm o personaggio telefilmico preferito, oppure quello che detesti e non sopporti, una puntata da ricordare? Da oggi puoi su "Telefilm Cult"
Se desideri fare un commento sul tuo telefilm più amato o detestato, così come sul personaggio che ami/odi oppure sottolineare una puntata da memorabilia, da oggi puoi farlo su "Telefilm Cult". Scrivi a telefilmcult@yahoo.it non più di 30 righe e ti vedrai pubblicato...
NEWS - Eva Longoria ha la bocca troppo grande! E stasera la terza stagione di "Desperate Housewives" debutta su FoxLife
I produttori e gli autori di “Desperate Housewives” sono furiosi con Eva Longoria, la Gabrielle Solis della fortunate serie, la cui terza stagione debutta questa sera sulla tv italiana su FoxLife, nel bouquet Sky. Intervistata nel programma “The View”, Eva si sarebbe lasciata andare a rivelazioni troppo dettagliate sulla trama dei prossimi episodi, e persino della quarta stagione, che non andrà in onda prima di settembre. Il pubblico è quindi venuto a sapere che il personaggio del marito Carlos non lascerà il serial come alcuni pensavano, che la coppia passerà tempi turbolenti ma poi torneranno più felici di prima nella prossima stagione. Secondo il “National Enquirer" i dirigenti dello show hanno imposto agli autori, produttori e registi di non rivelare informazioni a lungo termine all’attrice.
(Notizia tratta da Dagospia - Nella foto a destra, una rara immagine di Eva Longoria a bocca chiusa)

Dal comunicato stampa di FoxLife:
La terza stagione di "Desperate Housewives" è ricca di colpi di scena e prevede un ritorno agli aspetti più comici e melodrammatici della prima stagione. Così aveva promesso Mark Cherry, creatore di "Desperate Housewives", e così è stato. Storie d’amore, matrimoni e rapimenti. Nuove passioni infiammano Wisteria Lane ed inediti misteri scuotono il quartiere. Sono trascorsi sei mesi dai misteriosi eventi che hanno concluso la seconda stagione. Bree (Marcia Cross) ha una relazione con Orson (Kyle MacLachlan) ed è decisa a sposarlo. Ma come nella migliore tradizione di Wisteria Lane, anche questo nuovo vicino, un uomo dalle mille contraddizioni, nasconde un inconfessabile segreto: la sua ex vicina di casa lo accusa nientemeno che di aver ucciso la prima moglie. Lynette (Felicity Huffman) si trova a dover lottare contro Nora (Kiersten Warren), la donna dalle quale suo marito Tom (Doug Savant) ha avuto una figlia prima di sposarsi, una donna estremamente invadente e prepotente. Gabrielle (Eva Longoria) e Carlos (Ricardo Antonio Chavira) continuano il loro tempestoso menage e non mancheranno i problemi legati ai rispettivi tradimenti…Tra le novità della stagione, l’ingresso di due nuovi personaggi: Ian Hainsworth (Dougray Scott, l’affascinante uomo che provoca un nuovo sussulto d’amore in Susan), e Austin Britt (Josh Henderson) il diciottenne super sexy, nipote di Edie (Nicolette Sheridan), che fa perdere la testa a Julie (Andrea Bowen), nonostante la consueta opposizione di Susan. Ricca di tensione e di incredibili colpi di scena, la serie, che annovera in tutto 22 nomination agli Emmy Awards (di cui 6 vinti) e 13 nomination ai Golden Globes (di cui 3 vinti) è riuscita negli Stati Uniti a calamitare punte di oltre 21 milioni di spettatori, tornando a conquistare i primi posti nella classifica delle serie più seguite in questa stagione.

martedì 6 marzo 2007

NEWS - Ultima ora, "Dr. House" resta su Italia 1 e arriva "Ugly Betty". Lo annuncia il direttore Luca Tiraboschi
ANSA) - ROMA, 6 MAR - Il telefilm cult 'Dr. House' non si tocca ("ha una matrice identitaria molto forte, che rende il cambio di rete molto difficile") , mentre potrebbe emigrare su Canale 5, anche se solo dalla terza stagione, il reality show rivelazione 'La pupa e il secchione'. Lo annuncia Luca Tiraboschi direttore di Italia 1, che a margine della presentazione del nuovo programma di Marco Berry 'Danger', ha parlato delle novita' di programmazione sulla sua rete. Tante nuove proposte in arrivo nella programmazione: fra tutte, il debutto di una delle serie piu' seguita e premiata negli Usa, 'Ugly Betty' con America Ferrera: "Rispetto agli altri nostri telefilm, ha un tono piu' divertente. Andra' in onda in prima serata da dopo Pasqua, ma non abbiamo ancora deciso il giorno". Infine, non poteva mancare un commento sulle cicliche voci di un possibile 'trasferimento' su Canale 5 , del seguitissimo 'Dr.House': "Nessuno ha mai tentato di 'rubarcelo' ne' di spostare il giorno di programmazione. Venerdi' si conclude la serie di nove episodi della nuova stagione che abbiamo proposto in contemporanea con gli Usa. Ripartiremo con il decimo in autunno".
Le nuove puntate di "Dr.House" e l'Anteprima di "Ugly Betty" saranno presentate in anteprima al prossimo "Telefilm Festival", dal 11 al 13 maggio all'Apollo SpazioCinema di Milano.
NEWS - Su FoxCrime le puntate inedite di "CSI: Scena del crimine" e al via "Conviction" di Dick Wolf
(ANSA) - Torna 'CSI - Scena del Crimine': la settima stagione andra' in onda in prima visione assoluta per l'Italia su FoxCrime dal 22 marzo con 23 episodi di un' ora l'uno. E da aprile debutta il nuovo legal drama 'Conviction'. Grande novita' di questa stagione e', a partire dall'undicesimo episodio, l'uscita di scena, solo momentanea, di Gil Grissom (William Petersen) che decide di lasciare la squadra CSI per dedicarsi all'insegnamento e per allontanarsi da Sara. Ma chi lo sostituira' nel frattempo? Michael Keppler (Liev Schreiber, The Omen e Il giovane Hitler), un agente della East Coast in cerca di una nuova opportunita' a Las Vegas. Ma questa non e' l'unica novita' di questa stagione, il nono episodio sara' infatti impreziosito dalla partecipazione di una guest star d'eccezione. Fara' infatti la sua comparsa un mito del rock, Roger Daltrey, cantante del gruppo The Who e da anni la voce delle sigle di apertura di tutti e tre i CSI. Per festeggiare l'inizio della nuova stagione, FoxCrime propone il 22 marzo, alle 21:00 e alle 21:50, la prima e la seconda parte dell'episodio "Built to kill", in cui Grissom e Catherine indagano sul cadavere di una donna trovato nel Cirque du Soleil. Grissom rinviene inoltre una miniatura della scena del crimine sul quale sta indagando e Catherine e' convinta di essere in pericolo: qualcuno ha preso di mira lei e la sua famiglia. A partire dal 2 aprile, invece, ogni domenica doppio appuntamento alle 22:50 e alle 23:45, sempre su FoxCrime: in prima visione assoluta in Italia la prima stagione di 'Conviction', il nuovo legal drama di Dick Wolf, autore di 'Law & Order'. La serie segue le vicende professionali e personali di un gruppo di giovani avvocati di New York, ancora alle prime armi ma non per questo privi di coraggio nell'affrontare casi difficili e talvolta disperati. Pur non essendo uno spin-off di 'Law & Order', la serie e' pero' ambientata nello stesso mondo. A testimoniarlo la presenza di un personaggio che fa da cerniera tra le due serie: e' il sostituto procuratore Alexandra Cabot (Stephanie March). Nel cast di 'Conviction' anche Eric Balfour (Sex, Lies & Secrets) nel ruolo del play-boy Brian Peluso, Jordan Bridges (Mona Lisa Smile) in quello dell'idealista Nick Potter. Milena Govich (Rescue Me) interpreta invece la determinata Jessica Rossi, mentre Julianne Nicholson ("Ally McBeal") e' l'emotiva Christina Finn e J. August Richards ("Angel") e' Billy Desmond.

lunedì 5 marzo 2007

NEWS - Bentornata CALLYsta Flockhart! Dal 14 marzo al via "Brothers and sisters" su FoxLife
(ANSA) - ROMA, 4 MAR - A marzo, FoxLife propone, in prima visione assoluta in Italia, 'Brothers and Sisters', la serie che segna il ritorno sul piccolo schermo di Calista Flockhart, protagonista di "Ally McBeal". Cosa significa essere una famiglia nel XXI secolo? 'Brothers and Sisters', in onda su FoxLife ogni mercoledi' alle 21:55 a partire dal 14 marzo, racconta le complicate relazioni dei Walker, una grande famiglia californiana dei nostri giorni composta da padre, madre e cinque figli (tre fratelli e due sorelle). La serie vanta un cast di assoluto livello. A tenere le redini del nucleo familiare e dell'azienda di famiglia c'e' il patriarca William Walker (Tom Skerrit, Alien, Top Gun), affiancato dalla moglie Nora Holden (Sally Field, "ER"), donna intelligente, molto ferma nelle sue posizioni e sin troppo determinata (caratteristica che la pone spesso in conflitto con i suoi figli). William e Nora hanno cinque figli: Kitty (Calista Flockhart), affermata conduttrice radiofonica con idee politiche molto conservatrici e con un rapporto fortemente conflittuale con la madre, Sarah (Rachel Griffiths, "Six Feet Under"), donna in carriera con famiglia a carico, Justin (Dave Annable, "Reunion"), il piu' piccolo, ma anche il piu fragile, con un problema di tossicodipendenza alle spalle, Kevin (Matthew Rhys), avvocato gay con qualche problema in affari di cuore, e Tommy (Baltahazar Getty, "Alias"), il fratello maggiore che gestisce l'azienda di famiglia. Una famiglia dalle complicate relazioni che cerca di accettarsi con tutte le sue debolezze e contraddizioni.
BOLLETTINO - Jeri Ryan, in aula per scandalo sessuale prima di "Shark"
Prima di vestire i panni di un procuratore distrettuale in "Shark", Jeri Ryan aveva conosciuto le aule giudiziarie in prima persona, senza finzione. Sulla propria pelle. Nel 2004 ha infatti suscitato clamore lo scandalo sessuale che ha visto protagonista l'interprete di Sette di Nove in "Star Trek - Voyager" e il marito Jack Ryan, all'epoca candidato repubblicano del Senato americano nell'Illinois. Secondo l'attrice, che ha denunciato Ryan chiedendone il divorzio tre anni fa, nella primavera del 1998 quello shark-voyeur del coniuge l'avrebbe costretta ad avere rapporti sessuali in pubblico in alcuni club privè di New Orleans, New York e, in trasferta, a Parigi. "In uno di questi locali, dove pendevano catene e borchie, pretese di fare sesso mentre gli altri guardavano. In un altro voleva mischiarsi alla gente che faceva sesso tutt'attorno, ma io non volli perchè non mi sentivo bene e lui si arrabbiò moltissimo". Dopo il divorzio e l'inevitabile impeachment politico, invece che di Sette di Nove, il maritino si è dovuto accontentare di Cinque contro Uno...!
(Articolo di Leo Damerini pubblicato sul "Telefilm Magazine" di Marzo)
NEWS - "Dr. House" come Sherlock Holmes: lo rivela lo studio di un noto giornalista scientifico
Gregory House un po' come Sherlock Holmes. Basta dare un'occhiata a "Uno Studio in Rosso", primo giallo di Sir Arthur Conand Doyle con il notevole investigatore, per coglierne le affinità: la sua scena del crimine è il corpo umano e il terreno di indagine la malattia. Ma è davvero lui il medico ideale? La domanda se la pone un autorevole giornalista scientifico, Andrew Holtz, che dedica un corposo volume alla figura di House. Al centro le sue diagnosi, tracciandone un profilo e perfino calandolo nella dura realtà delle corsie e degli ospedali. "I casi del Dr. House" (Sperling & Kupfer), è il titolo scelto per scandagliare episodio per episodio, malattia per malattia, frase per frase il mondo di questo medico che ha sedotto il pubblico (anche maschile), facendo scattare un forte senso di identificazione da parte dei telespettatori: non è certo un eroe ma molti vorrebbero essere House almeno per un giorno, ribellarsi alle regole, smarcarsi dalle convenzioni, vivere in piena libertà, riuscire a godere anche della propria solitudine. Il creatore del bizzarro medico zoppo e senza camice, David Shore, si è divertito a giocare con Sherlock Holmes: House suona il piano e la chitarra, Holmes il violino, entrambi vivono al '221 B', tutti e due beneficiano di una straordinaria intelligenza e capacità deduttiva, e sia l'uno che l'altro assumono "droghe". Due detective in campi diversi accomunati da un fascino sottile: il libro svela uno per uno i "misteri della lavagna", quella dove House appunta i sintomi anzi gli indizi che lo porteranno a una diagnosi di successo, a individuare "il colpevole", la malattia oscura che affligge il paziente bistrattato. "Passando al setaccio l'esperienza di migliaia di medici, e di milioni di pazienti, nel corso degli anni, è probabile che prima o poi si siano verificati anche i casi meno plausibili, proprio perché non impossibili". La lavagna, scrive Holtz, è l'essenza stessa della serie televisiva: nelle concise annotazioni vergate su quella superficie bianca è racchiusa l' intera vicenda di ogni singolo caso, dalla presentazione iniziale alla sua risoluzione. Tutto vero dunque, malattie e cura, diagnosi e metodologia ma alla fine l'autore deve ammettere un' ovvietà: se il brillante diagnosta esistesse veramente, la sua carriera sarebbe un incubo. House dovrebbe spendere il suo tempo non in corsia ma nelle aule dei tribunali a difendersi dalle accuse dei pazienti e con ogni probabilità alle prime intemperanze sarebbe prontamente e inesorabilmente licenziato a dispetto del genio che è in lui. Amarlo sì finché resta confinato nello spazio catodico ma attenzione a non prenderlo a esempio nella dimensione reale dell'ospedale, sostiene l'autore: "Piloti spericolati che non rispettano le regole, eppure riescono a sopravvivere hanno certo più fascino dei tranquilli piloti dei jumbo. E anche un genio della medicina come House, che si divincola dalla burocrazia e dalle convenzioni mediche nella sua lotta individuale per salvare i pazienti, è ben più interessante di medici rispettosi di protocollo e linee guida, che vogliono soltanto non causare più male che bene mediante esami e cure. Ma quando salite su un aereo a lunga percorrenza, preferite l'avventura o un volo tranquillo che vi porti sani e salvi alla destinazione stampata sul biglietto? E se vi capitasse di dover essere ricoverati in ospedale per questioni gravi, che tipo di medico vorreste di occupasse della vostra salute?".
(Notizia tratta da TgCom)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!