Viewers last month

sabato 7 luglio 2012

Stracult e Stracotti - …ovvero la serie che questa settimana va su e quella che inevitabilmente va giù. Parola di Stargirl

Questa settimana di inizio estate segna il ritorno sul piccolo schermo dell’irresistibile duo comico composto da Elijah Wood e Jason Gann, protagonisti di Wilfred, che lo scorso 28 giugno ha riaperto i battenti con la sua seconda serie. 
Poco meno di un anno fa Ryan e Wilfred ci avevano salutati con un cliffhanger di stagione della miglior serie, oggi li ritroviamo a distanza di quattro mesi rispetto agli ultimi eventi. Ryan si trova ricoverato in una clinica psichiatrica per cercare una risposta a tutte quelle domande che da troppo tempo gli affollano la mente, mentre il vecchio Wilfred sta ancora cercando di riprendersi dopo l’incidente subito… Ma la vera chicca di questa season premiere è una guest star d’eccezione: un Robin Williams sornione e sempre in forma. Tutti gli elementi che avevano caratterizzato così bene la scorsa stagione, sembrano quindi essere rimasti intatti: il black humour, le battute politically
s-correct, la presenza scenica e l’affiatamento perfettamente bilanciati dei due characters principali e la storia. Già, perché Wilfred è una delle poche sitcom che non si regge su una trama prettamente verticale, anzi il suo arco narrativo si sviluppa in maniera continuativa: perdersi anche un solo episodio potrebbe significare mancare snodi decisivi della trama principale. Garzie a questi e a molti altri punti di forza, lo show targato FX si aggiudica di diritto il titolo di Stracult della settimana.


Continuando a parlare di sitcom, l’anno “telefilmico” che sta per concludersi (il Capodanno per le serie TV si aggira intorno agli inizi di settembre infatti) ci ha riservato parecchie sorprese: passando per le novità più salienti, 2 Broke Girls, Apartment 23 e Suburgatory, fino ad altre ormai consolidate e sempre convincenti, come How I Met Your Mother, Happy Endings, The Big Bang Theory.
In estate è ancor più facile che ci piombi letteralmente addosso una nuova comedy da guardare nei “temi morti” sotto all’ombrellone o mentre si pedala sulla cyclette.
Ogni tanto incappiamo in quella giusta, lo scorso anno avvenne con Wilfred appunto, ogni tanto restiamo con l’amaro in bocca di fronte a una sitcom poco riuscita, come nel caso di Baby Daddy, in onda sulla Abc Family.
È ora di sfatare un mito: i bambini, la pupù, le pappe e i tre uomini e un bebè, non fanno più ridere. Facciamocene una ragione.
Come già scritto qualche mese riguardo a Up All Nights, non basta mettere in piedi uno sketch con un neonato urlante e infarcito di contrattempi e imprevisti per far scattare la risata. Non più quantomeno.
Stracotta come poche, Baby Daddy ha per protagonista Ben, Jen-Luc Bilodeau (attore canadese che molti ricorderanno in Kyle XY), e verte su un plot prevedibile e banale: Ben scopre di essere papà quando una sua ex fiamma gli fa trovare la piccola Emma fuori dalla porta con un biglietto d’addio nel pacco dei pannolini. Dall’oggi al domani quindi, con l’aiuto del fratello e del suo coinquilino nerd, s’improvvisa genitore con tutti i rischi che questo ruolo comporta.


venerdì 6 luglio 2012

NEWS - Salto dello scazzo! Non solo "jump the shark": "Happy Days" rischia di passare alla storia della tv (Fonzie a parte) per un altro motivo (legale)

Articolo di Ted Johnson per "Variety"
David Cassidy, in his lawsuit vs. Sony over his share of the revenue from "The Partridge Family," cites the show's runaway success in merchandising, including "the No. 1 selling lunchbox of all time." By contrast, CBS and Paramount, in their defense against a suit brought by a group of "Happy Days" supporting cast members, claim the series was hardly a bonanza of merchandising riches. They note that a Fonz wallet, bearing the images of cast members from "Happy Days," netted Anson Williams, Marion Ross, Don Most, Erin Moran and the estate of Tom Bosley just $25.75 each for the use of their respective likenesses.These and other shows from 1970s still evoke good feelings among viewers, but there's plenty of friction in the TV realm, with legal disputes whose litigants have presented vastly different views of how popular the shows have been and continue to be.
Cast members, noting the continued visibility of their shows on everything from slot machines to action figures to, of course, DVD box sets, are pursuing legal action against studios, often claiming the latter are concealing the amount they've made off the actors' likenesses.
(A myriad of challenges arise in pursuing such claims, including accessing studio books and a discovery process, if it ever gets there, that may resemble an anthropological dig.)
For their part, studios view many of the plaintiffs' assertions about merchandising revenue as wildly overstated. The lawsuits force them to defend against interpretations of contracts written many decades ago, with clauses written during the 8-track era that never accounted for shows enduring into the 21st century.
Ron Howard, Marion Ross, Erin Moran, Tom Bosley, Henry Winkler in “Happy Days”Mike Connors filed suit against Paramount last year over his share of the returns from "Mannix." In that case the show's continued visibility through its release on DVD was noted, and it was settled in November.
James Best, who played Roscoe P. Coltrane on "Dukes of Hazzard," sued Warner Bros. last year over merchandising from that show, claiming he was deprived of his share when the series was at its peak popularity and left out of what it's made in the years since. The suit is currently in the discovery phase.
The "Happy Days" lawsuit, one of the most publicized of the TV cases, may very well be settled before a scheduled July 17 trial. Henry Winkler and Ron Howard are not part of the suit, which Williams, Most, Moran, Ross and Patricia Bosley (widow of Tom Bosley) filed last year seeking at least $10 million, noting their likenesses used for homevideo sales and on T-shirts, board games, greeting cards and slot machines. They claim that CBS and Paramount kept them in the dark by failing to provide revenue statements.
CBS and Paramount denied the claims but acknowledge that they "misidentified" the Fonz wallet as containing only the image of Winkler and therefore was issuing checks for the grand total of $25.75 each. They also claimed in court documents that other merchandising revenue from a series of action figures was excluded by the statute of limitations. Last year, a judge threw out the punitive damages portion of the case.
Nevertheless, a Los Angeles judge ruled in June that the case could go forward. One of the central questions is whether the actors were entitled to potentially lucrative merchandising revenue. The cast members say the DVDs count as merchandising and were therefore covered by their contracts; CBS contends the DVDs were not merchandising but homevideo, covered by royalty payments in guild basic agreements. Judge Elizabeth Allen White said the latter argument was "convoluted."
Jonathan Faber, head of the Luminary Group, which specializes in licensing the likenesses of celebrities past and present, said there's good reason for claims being brought many years after the fact. "I don't think it is a change in the law; I think it is a rising level of awareness," he said. "One actor brings a claim and another says, 'I may be similarly situated. I may have an issue.'?"
There's also another obvious attraction for a performer bringing a case rooted in his right of publicity: the publicity.
Jon Pfeiffer, the attorney who brought the "Happy Days" suit, said he was surprised by the level of coverage, on CNN and elsewhere, after the suit was filed last year. And he said that after the filing, CBS and Paramount made other payments to the actors for other merchandise, not just the Fonz wallet.
Pfeiffer read the comments that people have left on Web stories about the case and says they "give a pretty good temperature reading for the public's feeling about the suit."
Consultants have long talked of the advantage a celebrity has before a sympathetic jury going up against a faceless studio -- and the advantage may be especially keen when the famous figure is someone who evokes warm and fuzzy feelings of nostalgia.
Sony, for instance, is seeking to compel arbitration in Cassidy's case, while his legal team, seeking a jury trial, has not been shy about characterizing it as a "swindle" hatched by the studio to get the teen idol to sign the contract in 1971.
Cassidy's suit claims the contract gave him not only a stake in merchandising bearing his likeness, but 7.5% of the net proceeds from the exhibition of the show and exploitation of underlying property rights, including all other merchandise. Sony claims that all of the merchandising revenue owed Cassidy was accounted for back in the '70s, while he points to more recent DVDs bearing his image.
Clearly, the show and its merchandising are culturally important more than four decades later. Cassidy's suit notes that the lunchbox, featuring a Thermos bearing the image of Keith Partridge, "now has its rightful place in our country's Smithsonian Institution."
Contact Ted Johnson at ted.johnson@variety.com
GOSSIP - Bada Bang! La Teoria non è mai stata così sexy: Kaley Cuoco su "Maxim" edizione Australia (i canguri ringraziano)







giovedì 5 luglio 2012

L'EDICOLA DI LOU - Stralci e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

CORRIERE DELLA SERA
House, nel finale una grandiosa riflessione sulla morte
"L'ultimo episodio della serie del «Dr House» (8 stagioni, 177 episodi) s'intitola «Everybody Dies», e chiude con una struggente canzone e un colpo di scena. La canzone di Warren Zevon s'intitola «Keep Me in Your Heart» e ripete con struggente tenerezza: «Sometimes when you're doing simple things around the house. Maybe you'll think of me and smile. You know I'm tied to you like the buttons on your blouse. Keep me in your heart for a while» (Talvolta, quando starai facendo qualcosa di semplice in casa magari penserai a me e sorriderai, sai che sono legato a te come i bottoni di una blusa, tienimi nel tuo cuore per un po'). E qui i riferimenti si sprecano.Mentre il suo amico Wilson sta pronunciando il ricordo funebre (House ha simulato la morte per evitare la prigione e accompagnare il suo amico, colpito da un cancro, negli ultimi mesi di vita) eccolo ricevere un sms: «Shut up, idiot!» (Stai zitto, idiota!). House è vivo, ha inscenato tutto e lo sta aspettando sotto casa. I due partiranno per un viaggio in moto, in attesa che il destino faccia il suo decorso (Canale 5, martedì, ore 21.20). L'ultima puntata di House è una grandiosa riflessione sulla morte. Credendolo morto, le donne, gli amici, i colleghi di una vita lo ritraggono con affetto, ricordando tutte le sue doti, ma non risparmiano i giudizi sul suo carattere: «House salvava le vite, era una guaritore ma devo dire che House era uno stronzo, prendeva in giro tutti...». La tv ci ha abituati a vedere in faccia il dolore o la morte, privandoli del loro lato invisibile (dolore e morte sono «mancanza» di e per qualcosa), della loro verità. Ma se House si trasforma nell'angelo della morte, ecco che veniamo investiti dalla potenza del lutto. Il Dr House ha creato una letteratura: le sue diagnosi hanno generato articoli, libri, convegni, polemiche, hanno contribuito non poco a creare un'opera di largo consumo di sorprendente complessità narrativa e ricchezza tematica".
(Aldo Grasso, 05.07.2012)
NEWS - Frecce(ro) al nostro arco! Da stasera il tris "Rome"+"Band of Brothers"+"Boardwalk Empire" su Rai4
(AGI) - Roma, 4 lug. - Peplum, kolossal bellico, epopea gangster: nella sua eta' dell'oro Hollywood ha celebrato la grandezza dell'America rievocando l'ascesa e la caduta di Roma antica, esaltando la superiorita' di mezzi e d'ideali dimostrata nel secondo conflitto mondiale, raccontando il lato oscuro di una nazione costruita da immigranti e avventurieri. Inaugurata dal canale via cavo HBO, la golden age anni duemila della tv americana passa anche attraverso la rivisitazione di questi tre generi classici e popolari. Dal 5 luglio, ogni giovedi' a partire dalle 21.10 su Rai4, l'eccezionale appuntamento e' con tre pluripremiate produzioni HBO: tre diverse declinazioni di dramma epico-storico ideate o prodotte da altrettanti maestri del grande schermo. Si comincia, in prima serata, con due episodi di Rome (2005-2007), sontuosa coproduzione con BBC e Rai Fiction ambientata sullo sfondo storico della dittatura di Giulio Cesare e delle successive guerre civili e firmata, tra gli altri, da John Milius. A seguire, Band of Brothers (2001) filiazione televisiva del film di Steven Spielberg Salvate il soldato Ryan (1998), non a caso prodotta dallo stesso re Mida di Hollywood assieme alla star Tom Hanks. Chiude il programma Boardwalk Empire (2010-in corso), saga gangsteristica ambientata nella Atlantic City degli anni venti, ideata da Terence Winter - uno degli sceneggiatori di punta dei Sopranos - e coprodotta dal maestro del genere Martin Scorsese.
NEWS - Clamoroso al Cibali! Tom Cruise avrebbe impedito a Katie Holmes la reunion di "Dawson's Creek": per una volta, laudato sii il saltadivani!
According to unnamed sources in the new issue of Us WeeklyTom Cruise prevented his soon-to-be-ex-wife Katie Holmes from signing on to do a Dawson's Creek reunion movie because he felt "going backward would be bad." Producers were eager to reunite her with old co-stars James Van Der Beek and Joshua Jackson, and the actress was reportedly interested, wanting to "reconnect to her fans" and "have fun"—two things that marriage to her domineering Scientologist husband had prevented her from doing.The real question here: If Cruise thought Holmes returning to the most successful vehicle of her career would have been a bad move, what the hell was he thinking letting her be in Adam Sandler's godawful Jack and Jill? Step your controlling husband game up, Tom.

mercoledì 4 luglio 2012

NEWS - House-widersen! Il dottore più scorbutico della tv chiude con l'epitaffio strong "Il cancro è noioso". Nuova frontiera per i The End seriali?
Ha chiuso ieri su Canale 5 "Dr. House" (record stagionale con oltre il 14% di share, oltre il 17% sul target 15-64 anni) con la frase epitaffio già cult, debordante, coraggiosa, provocatoria (o come volete giudicarla) che sembra spostare l'asticella dei The End più in alto...Cosa ne pensate, qual è il finale che secondo voi ha inciso maggiormente nella storia seriale negli ultimi tempi? L'Accademia dei Telefilm ha lanciato un Sondaggio ad hoc...votate!

martedì 3 luglio 2012

L'EDICOLA DI LOU - Stralci e commenti sui telefilm tratti dai media italiani e stranieri

CORRIERE DELLA SERA
Quella famiglia ha vinto la sfida
"Il rischio che la terza stagione di «Parenthood» dimostrasse che la serie aveva in realtà esaurito le buone idee, che il tema delle relazioni familiari e del loro complicato dispiegarsi nella vita di tutti i giorni costituiva ormai un filone esaurito era forte. La conclusione della seconda stagione aveva infatti dato qualche avvisaglia di stanca, lasciando presagire un inevitabile calo narrativo (Joi, Mediaset Premium, sabato, ore 21.15). Invece la pausa ha fatto bene al telefilm: per quello che si è potuto vedere in queste prime puntate della nuova stagione, le vicende dei Braverman continuano a catturare e coinvolgere. Certo, a tratti la serie cede a un tono troppo «soapizzato», ma il telefilm rimane sicuramente uno dei migliori family drama visti negli ultimi tempi. Il segreto della serie ideata da Jason Katims è paradossalmente proprio la sua semplicità: «Parenthood» regala quello che promette, ovvero un racconto profondo ed emotivo di cosa voglia dire essere genitore e cosa essere figlio nelle diverse fasi della vita, attraversando diverse generazioni. Il suo aspetto migliore è la capacità di tratteggiare i caratteri dei personaggi, con i loro dialoghi disordinati e sovrapposti per catturare la spontaneità del parlato, con i loro problemi «normali», e le loro reazioni spesso sbagliate alle piccole e grandi difficoltà della vita di tutti i giorni. Ciascuno dei figli della famiglia Braverman costituisce un piccolo nucleo narrativo a sé, da cui si diramano, intrecciandosi armoniosamente, tutte le diverse storie. C' è la volitiva e inquieta Sarah (Lauren Grahm), divisa tra sofferenze del passato e future speranze. C' è Adam (Peter Krause), destinato a portare sulle sue spalle il peso di tutte le responsabilità. E poi Crosby (Dax Shepard), eterno Peter Pan costretto quasi a suo malgrado a una profonda maturazione".
(Aldo Grasso, 01.07.2012) 

domenica 1 luglio 2012

TWITTER-JAM - La playlist delle migliori twittate seriali selezionata da AcademyTelefilm e TelefilmCult

'Lost' favorite Elizabeth Mitchell joins J.J. Abrams' 'Revolution'


EScientology Played a Part in Tom Cruise and Katie Holmes' Split, Source Says 



Chuck Norris -- Keep the GAYS OUT of the Boy Scouts!

Meet the new, more fictional Matt LeBlanc: 


It's July 1st! You know what that means... 3 more weeks until I start shooting Glee season 4!! Let the countdown begin!!

Non avrei mai detto che Tom saltadivani Cruise e Katie tacchiancheafarlaspesa Holmes potessero divorziare. Quasi quanto Travolta fosse etero

Comunque il matrimonio tra Cruise e Holmes era scientologycamente impossible.

Suri a ki sarà affidata, a mamma ke le metteva tacchi e rossetto a 2 anni o a papà ke frignava perké in famiglia voleva metterli solo lui?

Awkward alert! See  & ' final photo together, taken just two weeks ago  What's Tom thinking here?

Il  arriverà al Porto di Genova il 15 ottobre, presentazione ufficiale al Lucca Comics dal 1 al 4 novembre. Stay tuned!

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!