Viewers last month

sabato 18 maggio 2013

IL GIOCO DEI TELEFILM - Heyyyyyy! Anche Fonzie gioca al "Gioco dei Telefilm"!
https://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm

venerdì 17 maggio 2013

GOSSIP - Janel Parrish di “PLL”, l’unica crisi che conosce è..fetish
Altro che crisi economica! Janel Parrish di "Pretty Little Liars" (la terza stagione inedita su Mya ogni giovedì) ha fatto il suo personalissimo “coming out”: non riesce a vivere senza le sue adorate scarpe dal tacco 12. Una sorta di feticismo all’ennesima potenza. “Adoro le mie scarpe, ne posseggo una quarantina degli stilisti più vari, tutte con gli stiletti visto che sono bassina”, ha confessato l’attrice di origini hawaiiane a “Us Weekly”; “il mio problema è che, nonostante io ne usi più che altro 6 o 7 paia, detesto non avere la possibilità di scelta e così quando viaggio mi porto dietro tutte e 70 le calzature! In attesa di comprarne un paio di Christian Louboutin, visto che di quella griffe non ne ho ancora uno...!”. Questi son problemi, vuoi mettere?... (Notizia tratta dalla Newsletter di Qui Mediaset

giovedì 16 maggio 2013

NEWS - Tutt'altro che "The Fall"! Gillian Anderson manda la BBC2 nell'empireo


Notizia tratta da "The Hollywood Reporter" 
The Fall became BBC Two’s biggest drama series launch in eight years on Monday night.
The series dominated its time-slot and opened with an average audience of 3.5 million and 15.4 percent share, peaking at 3.6 million, making it the highest drama series launch on the channel since Rome in 2005. It also beat the BBC Two slot average of 1.79 million (7.4 percent) for the past 12 months.
Starring Gillian Anderson and Jamie Dornan, The Fall is a psychological thriller that examines the lives of two hunters. One is a serial killer who stalks his victims at random in and around Belfast and the other is a talented female Detective Superintendent on secondment from the Metropolitan Police who is brought in to catch him.
Produced by Artists Studio and written by Allan Cubitt (The Runaway, Murphy’s Law, Prime Suspect), the five episodes follow the police investigation uncovering the intricate story of the lives entangled by a series of murders – both the killer's and the victims’ families.
BBC Head of Drama Northern Ireland, Stephen Wright, says: “I am thrilled with the audience’s response to episode one of The Fall and delighted for Allan Cubitt who created the show. It is a testament to the talent and dedication of the cast and crew in Belfast where Line Of Duty, series two is currently shooting.” 
Ben Stephenson, Controller, BBC Drama, adds: “In a week that has seen BBC Drama enjoy record success at the BAFTAs, winning 7 out of 8 awards, it’s particularly gratifying to see the audience reaction to the launch of BBC Two’s new original British drama The Fall – an outstandingly imagined piece of series television.”
NEWS - Pazze sulle terrazze! HBO dà via libera alla versione gay di "Girls" con Jonathan Groff di "Glee"
Articolo tratto da Hollywood.com+The Hollywood Reporter
If your favorite part of Girls was Andrew Rannells' bitingly humorous Elijah, Hannah's gay ex-boyfriend slash roommate, then your life is about to get a whole lot better. HBO just gave the go-ahead to a project that sounds just like Girls except all of the characters are guys...and gay...and live in San Francisco.
According to The Hollywood Reporter, the network ordered eight episodes of an untitled show from producer Sarah Condon (Bored to Death), David Marshall Grant (Brothers & Sisters) and writer/producer Michael Lannan. The show stars Glee's Jonathan Groff as one of a trio of gay dudes who live in San Fran and get up to wacky antics and explore the world of the modern gay man. That sounds like there is going to be a Grindr subplot! The pilot, which HBO obviously loved, was directed by Andrew Haigh who made critically-loved gay indie Weekend, so I have high hopes.
The show doesn't have a name, but I don't think I'll be the first to suggest Boys. Or GaysGay BoysGurls?

martedì 14 maggio 2013

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

CORRIERE DELLA SERA
Grasso che cola sull'AIART per le accuse a "Il Trono di Spade"
"Su Sky Cinema, ha preso il via la terza stagione di «Il trono di spade», la saga ispirata ai libri di George R. R. Martin. Avremo ancora modo di parlarne, per ribadire che raramente si è visto un racconto tv così imponente, un fantasy riveduto e corretto da un drammaturgo shakespeariano, un apologo sul potere, inteso come forza dirompente che regola i destini dell'umanità dai suoi primordi, sull'amore, sul tradimento, sulla fedeltà. Stupisce non poco lo sconsiderato attacco che Luca Borgomeo, presidente dell'Aiart, ha rivolto alla serie e in particolare a Carlo Freccero, direttore di Rai4, la rete che ripropone la prima stagione: «Il programma è volgare, pornografico con insistite scene di violenza e di sesso, quasi gli autori fossero impegnati a ottenere l'oscar della depravazione. È tollerabile che la Rai, servizio pubblico, alle 21 entri con un programma a luci rosse nelle case degli italiani?». Forse di mezzo c'è solo una questione personale. Tempo fa, Borgomeo aveva tentato di bloccare la serie «Fisica e chimica», sempre trasmessa da Rai4, ma è stato clamorosamente sconfessato dall'Agicom. Adesso ci riprova. Borgomeo, nella sua crociata contro la pornografia, sbaglia bersaglio. Intanto perché Rai4 non è una rete generalista e poi perché, per prudenza, alcuni tagli sono stati fatti. Seguendo i criteri di Borgomeo metà delle storie della letteratura, del cinema, del teatro sarebbero finite sul rogo. Ma il problema principale non è questo. Compito di un educatore non è quello di insegnare ai giovani la lettura della banalità (alla scontatezza ci arrivano da soli e i palinsesti ne sono pieni); no, il suo compito è insegnare a leggere il difficile, la grammatica della complessità, la rappresentazione del mistero. Il male non prevarrà finché proseguirà lo sforzo di capire, di interrogare la tenebra". 
(Aldo Grasso, "Corriere della Sera")

lunedì 13 maggio 2013

NEWS - Fermi tutti, è l'invenzione del secolo! Un programma cancella gli spoiler da Twitter
Articolo tratto da "Rivista Studio"
Quante volte vi siete rovinati la sorpresa dell’ultima puntata di un telefilm per colpa di un tweet “disattento”? Gli spoiler sono alcuni dei problemi endemici della vita sui social network. Eppure, una ragazzina diciassettenne del New Hampshire potrebbe aver risolto l’annosa questione.
Jennie Lamere è di Nashua, cittadina americana a due passi da Boston, e le piace costruire robot, fare passeggiate e – soprattutto – partecipare a gare di hacking. L’ultima a cui ha preso parte, il Tvnext Hack di Boston, l’ha vinta – sbaragliando un’ottantina di concorrenti – grazie a Twivo, un’estensione per Google Chrome che permette agli utenti di Twitter di escludere temporaneamente dalla propria timeline i messaggi che parlano di una determinata serie tv. A breve andrà in onda l’ultima di Game of Thrones, ma il vostro amico l’ha già vista in lingua originale e si sente in dovere di diffonderne i contenuti? Twivo tornerà certamente utile.
Jennie – che era l’unica ragazza in gara all’evento – ha già incassato la sponsorizzazione di Furious Minds, una compagnia tech che la aiuterà a realizzare il prodotto finito nel giro di qualche settimana. L’idea di Twivo le è venuta la sera prima di Tvnext. Spoiler alert: la sua pensata avrà fortuna.
(via)

Nello screenshot: il programma di Jennie Lamere all’opera

domenica 12 maggio 2013

NEWS - "Arrow", sotto il vestito il successo
Uno degli ingredienti del successo di "Arrow" - serie tv più vista in Italia nel 2013 - risiede anche nel costume del protagonista interpretato da Stephen Amell. Non è un caso che a vestire l'eroe del serial di Italia 1 in onda ogni lunedì sia stata chiamata la vincitrice del premio Oscar Colleen Atwood ("Edward Mani di Forbice" e "Alice in Wonderland" tra gli altri titoli per i quali ha lavorato). "Ho preso il fumetto e la sceneggiatura televisiva come spunto, ma poi ho tentato di modernizzare il personaggio", spiega Atwood; "ho preferito stemperare i toni accesi del verde che caratterizzano le strips, puntando su una tonalità 'sporca', più metropolitana, con tessuti che possano permettere movimenti da tutti i giorni e di mimetizzarsi tra la folla, indurre a pensare che il protagonista non abbia nulla dei classici super-eroi sgargianti del grande schermo, piuttosto che sia uno di noi, umano, che non abbia quell'animo limpido e puro di un giustiziere senza macchia?". (Notizia tratta dalla Newsletter di Qui Mediaset)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!