Viewers last month

sabato 27 ottobre 2012

Stracult e Stracotti - …ovvero la serie che questa settimana va su e quella che inevitabilmente va giù. Parola di Stargirl

Per inaugurare il ritorno della rubrica  Stracult & Stracotti, non ho avuto il minimo dubbio a eleggere The Walking Dead come la miglior serie della settimana. La premiere di stagione ha segnato un record incredibile per la AMC: oltre 10 milioni di spettatori con un rating nella fascia 18-49 del 5,8 e il secondo episodio non è stato certo da meno.
Non c’è più una democrazia, questo è poco ma sicuro. E ora più che mai, non sembra esserci scampo alla fine. Un Rick più agguerrito e deciso che mai ha preso in mano le redini della situazione, seppur con fatica, guidando i suoi, dopo la dipartita di Dale e Shane, in un labirinto di zombie e disperazione.
I protagonisti di The Walking Dead sono feriti, sfiniti, disperati: una prigione infestata dagli zombie è la loro unica salvezza, e sono disposti a dormire nelle celle, come animali in gabbia, tra schizzi di sangue e cadaveri, pur di trovare qualche ora di riposo.
Sono una squadra, un plotone, sono assassini efferati ed esseri umani così disperati da risultare credibili come non mai. Due episodi ricchi di azione, pathos e intensità hanno aperto la terza stagione che, se riuscirà a mantenere questi ritmi, non avrà precedenti.
Rick ora è il leader, nonostante mai avremmo immaginato che sarebbe riuscito a vestire così bene un ruolo simile, scendendo a compromessi, dimostrandosi disposto a tradire i suoi ideali e i suoi principi per il bene del gruppo.
Spietato, forse anche troppo. Staremo a vedere. Per ora, TWD è senza dubbio lo Stracult della settimana.


Nulla toglie a Revolution il titolo di Stracotto a tutti gli effetti, seppur dopo una manciata di episodi. La serie si J.J. Abrams e Erik Kipke è un miscuglio banale e noioso delle serie che l’hanno preceduta: da Flash Forward a Jericho, da Terra Nova a The Walking Dead, l’impressione generale è che gli autori abbiamo preso idee qua e là e le abbiano buttate dentro l’ennesimo telefilm scifi poco riuscito e per nulla convincente.
È un guazzabuglio d’idee caotico e confuso, infarcito di personaggi e situazioni prevedibili, caratterizzato da una trama esile e da dialoghi così superficiali da risultare incredibilmente prevedibili.
I personaggi, per nulla accattivanti, a tratti diventano addirittura irritanti, dalla protagonista Tracy Spiridakos (Charlie), espressiva quanto una statua di cera o se vogliamo quanto Kristen Stewart in Twilight, a Billy Burke (non per niente padre della Stewart nella saga) che dovrebbe in teoria interpretare il “duro” della serie, ma che in pratica è credibile quanto Paris Hilton nei panni di uno scienziato.
A poco serve la presenza di un attore fenomenale come Giancarlo Esposito (Gus in Breaking Bad) nel ruolo del capitano della milizia, che finisce ingabbiato dalla mediocrità e dall'inconsistenza nello script.
Abrams capitombola ancora una volta, e dopo Undercovers e Alcatraz, aggiunge ai suoi ultimi flop anche Revolution, restando lì, aggrappato a Fringe e Person of Interest, rischiando ahimè, di compromettere il prestigio di attori come Giancarlo Esposito e Elizabeth Mitchell (reduce da un altro flop, V), coinvolgendoli in progetti tanto ambiziosi quanto effimeri.

venerdì 26 ottobre 2012

GIOCO DEI TELEFILM - CLAMOROSO AL CIBALI! "IL GIOCO DEI TELEFILM" IN VENDITA ON LINE DA OGGI 
Vista la forte richiesta e la spasmodica attesa per "IL GIOCO DEI TELEFILM", in attesa della presentazione ufficiale a Lucca Comics (1-4 Novembre), Ghenos Games ha aperto da oggi la vendita on line del gioco sul proprio sito (QUI). 
Se nell'arco della prossima settimana il gioco sarà disponibile nei punti vendita della Città del Sole e nei canali abituali, già da oggi "IL GIOCO DEI TELEFILM" si può trovare "fisicamente" a Milano da "Fantamagus" (Viale Romagna 50) e "La Foglia Blu" (Piazzale Siena 4).

mercoledì 24 ottobre 2012

NEWS - RevenGQ! L'Emily VanCamp mai vista e inaspettata si confessa

Foto e intervista tratte da "GQ" Usa di Novembre
Talk to Emily VanCamp for ten minutes, and she'll try her hardest to persuade you she's just a nice, sweet girl from Ontario. You'd be a fool to believe her. Yes, she has the kind of sugary sweet disposition that only comes from growing up in a small town, but she's not just a nice, sweet girl. She regularly pulls off Bourne-grade maneuvers, lights people's houses on fire, and roundhouses killing machines with ease. And that's just as her femme fatale character on ABC's frothy camp hit Revenge. Here, she talks about her hockey skills, swimming with sharks, and her die-hard affections for brain-nomming zombie attacks. Sweet, and badass.
GQ: You were recently in the Hamptons for the first time. Did the real thing exceed your expectations?
VanCamp: I guess it's sort of what you expect: massive homes, so much money.
GQ: It seems like the exact opposite of Canada. Or do you guys have some sort of Canuck equivalent?
VanCamp: Probably the cottage scene in Muskoka. You don't have the same glitz and glamour as the Hamptons, but it's definitely on the higher end. And it gets rowdy—but in a Canadian way. They're drinking Moosehead instead of champagne, which is more my style anyways. I mean, I grew up playing hockey.
GQ: You pull off the salty-sweet thing on Revenge really well. Which comes easier?
VanCamp: Yeah, I always feel like I'm playing a character when I'm in a beautiful dress, with my hair coiffed. I like getting down and dirty. It's really fun. There's nothing better than setting an asshole's house on fire. It's those moments when I think "I love my job!"
GQ: Would you consider yourself more of a tomboy, then?
VanCamp: Definitely. I did ballet, which taught me how to be poised and graceful, but still, to this day I'd rather be fishing than going to some glamorous party. It's so therapeutic.
GQ: What's the biggest thing you've caught?
VanCamp: I think a barracuda—quite a big one—in the Caribbean.
GQ: What?! That's so badass.
VanCamp: It wasn't! It was on one of those industrial lines.
GQ: Where else have you vacationed recently?
VanCamp: Well, I went to Bora Bora and swam with sharks. Just reef sharks and lemon sharks.
GQ: That's the most Canadian thing, to qualify the sharks you swam with. An American would have made that story so much more salacious. Do you consider yourself a good liar?
VanCamp: [Laughs] I think anyone who says they don't tell little white lies at all is a liar. We all have that occasional event or engagement that we don't really want to go to. I don't think I'm a good liar at all, though. The people who know me best will tell you that. I think you'll see a little more honesty out of my character on Revenge this season though.
GQ: Does it surprise you how many guys are into the show, given the fact it's a nighttime soap that takes place in one of the bougiest zip codes in America?
VanCamp: At first I thought the show was going to be so female-oriented. I think it's one of those shows that the girlfriend turns on and the guy ends up liking more though. I've had so many lovely encounters with guy fans. Then you have the crazy ones, too—the ones that come up to you on the street and don't realize you aren't your character.
GQ: Speaking of the streets, you constantly get photographed by paparazzi. And, I gotta say, I seriously commend you because you are not afraid in the slightest of a little PDA. There is a literal motherload of photos where you are sucking face with your co-star boyfriend, Josh Bowman.
VanCamp: [Laughs] I don't really ever talk about that part of my life, but I'm also not going to stop living my life. I want to live happily. And if I love a person, I'm not going to be ashamed and hide it.
GQ: It must get frustrating being followed by cameras constantly.
VanCamp: The thing is, I never know when paparazzi are taking pictures! They hide in weird places and make it look like you can see them but you can't. It's just so odd. I don't have any respect for them. Sometimes I just want to go for a walk in my sweats, you know?
GQ: Does it make you miss Canada?
VanCamp: Yeah, I miss it a lot. It's so quaint, and there's never some weird person hiding in the bushes in my hometown. I could see myself moving back. It's just so mellow.
GQ: Have you been star-struck, coming from small-town Ontario to Hollywood?
VanCamp: Once. I met Meryl Streep at an Oscar party. She was just so graceful, beautiful, and kind. I couldn't not say hello. But I was so anxious.
GQ: Do you get anxious a lot?
VanCamp: Um, I actually get anxious a lot. I can be really socially awkward. You never want to be the weird, introverted girl in the corner shaking. I feel like that though. I can be a bit standoffish when I'm meeting new people. I like to take a second and figure out who I'm dealing with.
GQ: What do you do when you have downtime?
VanCamp: I have a really weird thing for zombie movies. An ex-boyfriend actually got me into them because I would always watch 28 Days Later. We went through a three-month binge where I saw, I think, every zombie movie ever made.
GQ: Important question: slow- or fast-ambulating zombies?
VanCamp: I think the stakes are higher with the fast ones, but I have to say there's something more eerie about the slow ones. They're creepier.
GQ: Can I assume you're a Walking Dead fan?
VanCamp: OMG, obsessed! But then I also love watching The Bachelor, too. Don't ask me why! I guess I believe in "The One" to an extent, but I think you have several "Ones" out there. It just depends on who you find. I hate to say it, but I more watch it for the train wreck of it all.
GQ: Spoken like a true tomboy.

Watch the video of Emily VanCamp shooting


lunedì 22 ottobre 2012

NEWS - Mediasett-te-te! Occhio al doppio Jeremy Irons in "SVU"; last "Gossip Girl" dal 5 febbraio, "Suits" 2 dal 25 ottobre, "Fringe" 3 e "Smallville" 10 in prima tv chiara il 7 e 8 novembre
  • Ted Shackelford e Joan Van Ark vestiranno nuovamente i panni di Gary e Valene Ewing nella seconda stagione del sequel di “Dallas” (la prima stagione inedita in onda su Canale 5, ogni martedì, prima serata). I loro personaggi, reduci dalla serie storica del 1978, si vedranno per tre episodi nella seconda stagione attualmente in lavorazione.
  • Mentre la seconda stagione inedita di “Suits” approderà su Joi dal 25 ottobre, ogni giovedì in prima serata, Usa Network ha rinnovato la serie legale per una terza stagione di sedici episodi.
  • Amy Meredith Poehler, interprete dell’ambiziosa Leslie Knope di “Parks and Recreation(su Joi la terza stagione inedita ogni venerdì alle ore 22.05), è stata scelta, insieme a Tina Fey, per condurre la prestigiosa cerimonia dei Golden Globes 2013.
  • Il premio Oscar Jeremy Irons irrompe nel cast della dodicesima stagione di “Law&Order: Special Victims Unit”. L’attore britannico, al suo esordio in una serie tv americana, farà la sua comparsa nel 13° e 20° episodio (su Retequattro, in prima tv in chiaro sabato 27 ottobre e 17 novembre, ore 21.15) nei panni del capitano Jackson, un ambiguo sessuologo dal torbido passato.
  • Taylor Momsen, resa celebre dal personaggio di Jenny Humphrey in "Gossip Girl" che tornerà ad interpretare nella sesta e conclusiva stagione in onda su Mya dal 5 febbraio 2013, è apparsa di recente ‘come mamma l’ha fatta’ nel video-spot che lancia l’ultimo singolo del gruppo del quale è front-woman, “The Pretty Reckless”.
  • La terza stagione di “Fringe” debutta in prima tv in chiaro su Italia 1, da mercoledì 7 novembre,dal lunedì al venerdì alle ore 15.00.
  • La decima stagione di “Smallville” parte in prima tv in chiaro su Italia 1, da giovedì 8 novembre, dal lunedì al venerdì alle ore 16.00.
(Notizie tratte dalla Newsletter di Mediaset)

domenica 21 ottobre 2012

TWITTER-JAM - La playlist delle migliori twittate seriali selezionata da AcademyTelefilm e TelefilmCult


"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!