Viewers last month

venerdì 19 febbraio 2010

GOSSIP - E' un uccello? E' un aereo? E' un alieno? No, è Rachel Bilson!
Ultimamente Rachel Bilson sta superando l'ex collega di "The OC" Mischa Barton in quanto a uscite (di look) e stravaganze (mentali). Eccola aggirarsi di recente con una sorta di tuta spaziale - che qualche fumato stilista deve aver scambiato per una giacca a vento - per ripararsi dalla pioggia. Manco fosse Kathrina avrebbe le attenuanti per indossare roba simile. Neanche Donatella Rettore al suo climax osava tanto. Neanche i Sheila&B. Devotion di "Spacer" avrebbero avuto il coraggio. Eppure lei (o l'alieno che la possiede) non ha mostrato indugi, preferendo la pioggia di critiche a quella che poteva bagnarle la medusa di capelli che le fuoriesce dal cappuccio stellare.

giovedì 18 febbraio 2010

NEWS - Attenti a quei due! Dal 21 febbraio si rispolvera "La Strana Coppia"
Dal 21 febbraio 2010 ogni domenica alle 22.00 su Fox Retro torna con tutte le storiche cinque stagioni la coppia di amici più improbabile della televisione: Felix e Oscar, protagonisti de "La Strana Coppia". Diventati il prototipo inarrivabile di tantissime coppie comiche, i due condividono un appartamento tra la Settantaquattresima e Central Park West, a New York, ed hanno abitudini e caratteri completamente differenti: Felix, interpretato da Tony Randall (Abbasso L’Amore), è un fotografo professionista la cui mania dell’ordine si scontra perennemente con i modi rozzi e disordinati del coinquilino e giornalista sportivo Oscar, interpretato invece da Jack Klugman ("Quincy"). Basato sulla commedia teatrale scritta da Neil Simon, la serie ha avuto un incredibile successo; inizialmente il suo autore non voleva che il suo nome fosse abbinato all’adattamento al piccolo schermo, ma dopo pochi episodi Simon divenne un grande ammiratore di Felix e Oscar in versione televisiva, tanto da accettare un cameo in una puntata.

mercoledì 17 febbraio 2010

NEWS - Anteprima, Lucy Lawless esce di "Xena" in "Spartacus"
Lucy Lawless esce di "Xena" in "Spartacus", già etichettato come il nuovo "Roma" (anche per via del budget), in onda su Starz. Nel serial la Lawless interpreta Lucrezia e si ricongiunge con il produttore esecutivo Sam Raimi, che la volle protagonista di "Xena, Principessa Guerriera" (1995).

martedì 16 febbraio 2010

NEWS - Aridaje! Da marzo SKY risposta ancora le mejo serie: su FX (lasciarle sul canale dove partono è impresa ardua, evidentemente...)
Dal 1 marzo 2010 il canale FX cambierà pelle per incontrare le esigenze di un pubblico alla ricerca di un intrattenimento sofisticato ed originale. Il palinsesto si arricchirà con un’offerta ampia ed articolata in grado di accogliere diversi generi; dalle serie televisive internazionali più acclamate e prestigiose alle produzioni italiane innovative e sperimentali fino a docu-fiction, stand up comedy e animazione per adulti. Sabato 27 febbraio il canale interromperà la normale programmazione per annunciare le novità più importanti con uno speciale promo di presentazione. Rinnovato nella grafica e nei contenuti, il nuovo FX debutterà il primo marzo alle ore 22.45. Il palinsesto proporrà ogni sera, dal lunedì al venerdì alle 22.45, un’imperdibile anteprima assoluta. Queste alcune tra le premières da marzo sul canale: "Boris" terza stagione, "Dexter" 4, "Bored to Death – Investigatore per noia". Sempre dal lunedì al venerdì, ma alle 20.45, sarà possibile ritrovare le più acclamate serie degli ultimi anni, pronte per essere gustate sin dal primo episodio: "Six Feet Under", "I Soprano"e "Mad Men", per citarne alcune. Il canale sarà inoltre impreziosito da una striscia quotidiana di 5 minuti in onda tutti i giorni alle 22.40, meglio definiti come MADE IN FX. Citazioni dei protagonisti del canale, spot televisivi “scartati”, trailer di serie fallimentari e racconti della buonanotte che ci accompagneranno fino alle grandi anteprime del canale con una voce ironica e tagliente. Il tutto alla scoperta della nuova anima di FX.

lunedì 15 febbraio 2010

L'EDICOLA DI LOU - Stralci e commenti dai giornali sui telefilm dai giornali italiani e stranieri

TV BLOG
Lavoro lost, lavoro ritrovato

“Stavo lavorando alla terza stagione di Alias quando Lloyd Braun (a capo della Abc tra il 2002 ed il 2004, ndr) mi chiese di scrivere un pilot su dei sopravvissuti ad un disastro aereo. Nel giro di una settimana ci fu il via libera alle riprese. Mi sono incontrato con Damon Lindelof lunedì, andammo subito d’accordo e preparammo una traccia con gli allora autori e produttori di ‘Alias’ Jesse Alexander e Jeff Pinkner. Sabato, Lloyd ci diede l’ok. Fu uno sforzo assurdo, ed 11 settimane e mezzo dopo avevamo realizzato l’episodio pilota. Durante una delle prime riunioni, ricevetti una chiamata da Steven Spielberg, Tom Cruise e Paula Wagner (patner nelle produzioni di Cruise, ndr.). Dissi ‘Cosa?!?’ Non aveva senso. Mi sembrava di essere in una puntata di ‘Punk’d’. Mi chiesero se avessi voluto scrivere ‘La guerra dei mondi’. Conoscevo Spielberg da qualche anno, ma ogni volta che lo incontravo era come un’esperienza extracorporale, e vederlo seduto su un divano insieme a Cruise lo rendeva più assurdo. Fu un bell’incontro, io Tom ci trovammo subito, ed alla fine il mio assistente gli regalo le prime due stagioni di ‘Alias’. Non ho potuto fare ‘La guerra dei mondi’ perché stavo girando il pilot di ‘Lost’. Mi sentivo come se stessi ammazzando la mia carriera: stavo lavorando ad un pilot di cui non avevo neanche una sceneggiatura, mentre avrei potuto essere con Spielberg e Cruise. Stavamo girando l’ultima scena del pilot, che per noi era quella in cui i naufraghi sentono la trasmissione della Rousseau e Charlie dice “Ragazzi, dove siamo?”. Si stava facendo buio ed avevamo perso la luce, e dovemmo interrompere le riprese. Non potevo sentirmi più frustato quando il mio assistente mi disse ‘J.J., c’è Tom Cruise al telefono’, Mi girai verso gli altri e dissi ‘Scusate. Tom Cruise mi chiama!’. Pare che avesse visto le prime due stagioni di ‘Alias’ e che ne fosse rimasto entusiasta, e mi voleva vedere una volta che fossi tornato a Los Angeles. In quel periodo stava lavorando alla realizzazione di ‘Mission: Impossibile: 3’ e pensavo volesse vedermi per propormi qualcosa, ma non fu così. Mi invitò ad un concerto, ma non potei andare, allora mi chiese di rivederlo. Sembrava volesse chiedermi un appuntamento. Così lo invitai alla mia festa di compleanno, e diventammo amici. Un giorno mi chiamò il mio agente e mi chiese ‘Sei a conoscenza delle voci che girano?’ ed io ‘Quali voci?’ ‘Tom vuole che tu sia il regista di ‘Mission: Impossible 3’. Non aveva senso…”.
(J.J. Abrams, 30.12.2009)

CORRIERE DELLA SERA
Fenomeno "Glee", magico e surreale
"«Glee» è davvero una cosa speciale. Merita di essere seguita. A Natale, Fox (canale 110 di Sky) ha proposto l'episodio pilota della serie diretta da Ryan Murphy. «Glee» è ambientato alla McKinley High School di Lima, Ohio, dove tutto ruota attorno ai giocatori di football e alle cheerleader. Una situazione che non piace all' insegnante di spagnolo Will Schuester (Matthew Morrison) che vuole riportare in auge il Glee Club, un' attività extrascolastica dove si studia canto, ballo e musica, discipline che alla McKinley vengono considerate da sfigati. Tramite un espediente illecito, Schuester obbligherà il quarterback della squadra Finn Hudson (Cory Monteith) a entrare nel Glee Club, assieme alle cantanti Rachel Berry (Lea Michele) e Mercedes Jones (Amber Riley), al soprano Kurt Hummel (Chris Colfer), al chitarrista sulla sedia a rotelle Artie Abrams (Kevin McHale) e alla balbuziente Tina Cohen-Chang (Jenna Ushkovitz). «Glee» ha preso «High school musical» e l' ha trasformato in una storia per adulti, non rinunciando ai «problemi» tipici del liceo (la coscienza di sé, la droga, le incertezze sessuali, etc), ma aggiungendovi un aspetto surreale e magico, lontano dalla quotidianità. La trama è poco realista, come fosse il racconto di un ragazzo che ascolta un iPod «on shuffle» e interiorizza le canzoni legandole per «temi». Per questo i dialoghi sono molto serrati, da musical, costruiti sui cliché della teen comedy e possono anche permettersi il gusto di prendere in giro le questioni razziali o altri temi scottanti, sfuggendo alle regole del politicamente corretto. «Glee» significa «sensazione di gioia», «entusiasmo immotivato», «cieco ottimismo», «abbandono» (proprio quello che manca alle scuole italiane)".
(Aldo Grasso, 27.12.2009)

TV SORRISI E CANZONI
“Kings”, originalità trasposta

“7+ all’originalità del telefilm ‘Kings’ di Joi: la storia del re Davide trasposta ai giorni nostri intrecciando notazioni realistiche e clima da favola, immagini accurate e facce nuove”.
(Mirella Poggialini, 22.12.2009)

IL SOLE 24 ORE
La tv che cambia

“Nel 2009 i possessori di decoder per il digitale terrestre hanno superato quelli con decoder per la tv satellitare, sia free sia pay. Secondo Auditel oggi sono 10,7 milioni le famiglie in grado di sintonizzarsi sul digitale terrestre; 4,5 milioni gli abbonati alla tv satellitare 2,2 milioni le famiglie con parabola satellitare senza abbonamento pay”.
(Francesco Siliato, 04.01.2010)

PRIMA COMUNICAZIONE
Tecniche di programmazione

“Per le serie americane, decidiamo caso per caso se trasmetterle prima sulla pay o sulla free, in base a valutazioni sui risultati, il target, il formato, la disponibilità del prodotto, ma teniamo anche conto di aspetti più generali tipo l’andamento della stagione. Se poi una serie è irrinunciabile per una rete, penso a ‘Dr. House’ per Canale 5, non si discute nemmeno. Insomma, non c’è una regola fissa, cerchiamo di trovare un equilibrio tra le esigenze di tutti”.
(Federico Di Chio, Direttore Mediaset Premium, dicembre 2009)

VARIETY
Il clone che soffia sul…collar

“Non c’è più nulla di nuovo sotto il sole. ’White Collar’ ricicla fin troppo ‘It takes a thief’ (n.d.r.: ‘Operazione Ladro’), accentuando il taglio high-tech e puntando sull’alchimia perfetta tra Matt Bomer e Tim DeKay”.
(Brian Lowry, 19.12.2009)

IL GIORNALE
E’ l’ora dei Psycho-serial
“Nulla è più misterioso ed affascinante della mente umana. Sarà che quasi ogni giorno si ha notizia di qualche scoperta nel campo delle nueroscienze. Sarà che il ricorso alla psicoterapia è sempre più diffuso. Sarà che qualche concetto base della disciplina inventata da Freud (‘complesso di Edipo’, ‘rimozione’, ‘proiezione’) è ormai entrato nella cultura popolare. Fatto sta che in tv proliferano le serie basate sulla psicologia. ‘The Mentalist”, ‘Psych’, ‘Mental’, ‘Lie to me’, ‘In Treatment’ e adesso ‘Nurse Jackie’…”.
(Vincenzo Pricolo, 11.01.2010)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!