Viewers last month

sabato 13 ottobre 2012

NEWS - Mediaset-te-te! "Shameless" in chiaro e prima serata dal 18, "Downtown Abbey" 2 da novembre (aspettando il prequel), Megan Mullally in "Parks and Recreation", Barack Obama in "Person of Interest"
Sulla scorta delle critiche entusiastiche, “Shameless approda per la prima volta in chiaro su La5 dal 18 ottobre, ogni giovedì, in prima serata.
La pluripremiataDowntown Abbey, la serie inglese ambientata nell’Inghilterra di inizio XX secolo tra i salotti aristocratici e le stalle della servitù, a novembre approderà con la seconda stagione in anteprima assoluta su Retequattro. L'ideatore Julian Fellowes, già Premio Oscar per "Gosford Park", nel corso del recente British Academy of Film and Television Arts ha dichiarato che alla fine della serie originale sarà prodotto il prequel con un cast rinnovato. “Ho seriamente l’idea di produrre un prequel sulle vicende di Robert e Cora - ha confidato Fellowes - in quanto lei si era innamorata di lui prima di essere sposati, come sappiamo, e Robert la sposò solo per la dote”.
Major Crimes (dal 19 novembre su Premium Crime in prima serata), lo spin-off di “The Closer”, ha segnato in America il miglior debutto di una serie tv via in cavo nel 2012. La TNT ha già confermato il rinnovo per una seconda stagione.
La simpatia di Megan Mullally, la Karen Walker della celebre sit-com “Will&Grace”, irrompe nel cast della terza stagione inedita di “Parks and Recreation”, in onda ogni venerdì su Joi, alle ore 22.15.
Person of Interest” prosegue in onda ogni venerdì alle ore 22.00 su Italia 1. Attenzione alla comparsata di Barack Obama (in immagini d’archivio), nella puntata 15 (in programma il 2 novembre).
(News tratte dalla Newsletter di Mediaset)

venerdì 12 ottobre 2012

NEWS - Clamorosissimo al Cibalissimo! Jon Hamm e Adam Scott rifanno la serie degli anni '80 "Simon&Simon"!
News tratta da "The Hollywood Reporter"
Adam Scott and Jon Hamm have pulled it off. After hyping their mysterious Adult Swim 15-minute special as the greatest event in television history, going so far as to even formally name it as such, the Parks and Recreation and Mad Men stars transcended the boundaries of time, narrative and facial hair to present what immediately became a landmark production. Hosted by Jeff Probst, the first ten minutes of the special went "behind the scenes" of Hamm and Scott's production, which was to be "directed" by Paul Rudd. In the fictionalized world in which this special operates, Hamm had no time for Scott (in actuality, they're great friends), and Kathryn Hahn is not an American actress, but a German ballet instructor.
The production itself? A shot-by-shot recreation of the introduction to Simon & Simon, a detective series that ran on CBS for eight seasons between 1981-1989. And while Rudd wasn't actually the director -- Scott and Lance Bangs handled those duties -- they did actually recreate the famed introduction, which involved killer whales, hot air balloons and broken bottles. Also making appearances were Megan Mullally and Paul Scheer, the latter of whom wrote the special.

Watch the original opening below:

mercoledì 10 ottobre 2012


GOSSIP - Oh my G...irl! Quella "ragazza" dà scandalo...(o no?) pure fuori dal set! Jemina Kirke di "Girls" posa davanti al flash di Richard Kern in dolce attesa toplessata
Articolo, intervista e foto tratti da "Vice Magazine"
Growing up in New York City, I knew about Jemima Kirke long before we ever met. We both went to art-centric private schools in Manhattan, and Jemima was a myth you heard about during Monday-morning homeroom. Her dad was a rock drummer, and her mom owned a vintage boutique that supplied dresses to Sex and the City, so it was ridiculously unfair that Jemima was also stunningly gorgeous. Normally, this breed of legendary cool chick meets some tragic fate after graduation, or moves away and is never heard from again until she appears in a Japanese perfume ad under a different name. 

Somehow, Jemima has avoided both fates, and she’s being talked about now more than ever, mostly because of her role as a fun-loving party gal on HBO’s Girls, which revolves around the stories of four young women who keep trying and failing at relationships, work, and life (it also makes dorks on the internet very angry for some reason). In real life, Jemima is a wife, the mother of a young daughter (with another baby on the way, obviously), and a visual artist, so when Richard Kern and I drove out to her family home in East Hampton to photograph her (at eight months pregnant), I was curious as to whether she had been wholly domesticated by this point. I also wanted to see if she’s still pretty. She is, and she’s got her shit together so much that it’s somewhat upsetting. 
VICE: I ran into you when you were 18 and back home for the holidays from the Rhode Island School of Design. It was at an afterparty for our friend’s band Dopo Yume. From the moment I met you I’ve always seen you as this beautiful, glamorous—
Jemima Kirke: Wait, what happened at the afterparty? Now I want to know. Do you remember?
Well, I can tell you and it can be off the record if you want...
No, it’s fine.
We were at Black and White, the bar, and obviously neither of us was old enough to be there. We were introduced by a mutual friend, hit it off, and then you asked me to go into the bathroom with you.
Oh yeah! I do remember that, and that you seemed somewhat impressionable at the time. So I thought, “I could probably get this girl to do drugs with me.” But I don’t think there was anyone else at the bar…
You offered me bumps off your keys while you were peeing on the toilet. And I recall thinking, Who the hell is this girl? Then when I saw the show and watched you doing the same thing, minus the drugs, it brought it all back.
The character I play is not so far from me. I mean, fundamentally she is, and some of her behavior might have been taken from things I’ve done, but—
But now you’re 27 years old and about to be the mother of two. How did this happen? Most people our age who grew up in the city are still kind of fucking around—living at home and not pursuing any of their passions, if they even had any to begin with. 
I think that way of life stopped working for me really quickly. Some people know how to balance things, at least enough to be able to continue messing around, but I didn’t. I was very all-or-nothing about it, and you burn out really quickly if you keep going that way. It really fucked me.
How did you get into acting?
My friend Lena [Dunham] asked me to be in a movie that she was making with her parents’ money called 
Tiny Furniture. She didn’t have enough to pay anyone, and I guess it was slim pickings, so she asked me to be part of it and it was a success. Afterward she was offered the TV show and invited me to work on it. I never thought it’d go as far as it has.
How has this sudden fame changed your life?
One of the best parts is that I can sufficiently support my kids. At my age that’s pretty hard to do without struggling or taking money from my parents, and I don’t have to do either. But it has taken a lot of time and energy away from my work as an artist.


Would a career in art be preferable to what you’re doing now? 
Acting is secondary—I don’t feel like it’s going to stick around because it’s not something I want to do forever. My art has always been my top priority and I have far more experience in that field than I do in film. It’s hard to explain without sounding like a dick. I’m not that person. I’m really grateful for such enjoyable work, I just don’t feel as though I have any clout as an actor. I haven’t earned it, and I don’t intend to.
How did you and your husband, Mike, meet?
Really short story, actually: We met in a doctor’s office. I had bronchitis, and I don’t remember what he was there for, but I liked him and gave him my number. We’ve been together for four years and married for three of them.
What kind of dating advice will you give your children when they grow up?
If I have a boy, I’ll probably just tell him to be nice to women. Being humble and sweet is the hardest thing you can do. Stay confident and don’t act desperate, because I guarantee whomever you’re into actually sucks way more than you think they do. There is always something they’re not telling you that will bring them down a notch in your eyes.
What about for your daughter? Lock her up and not let her out?
I would love for her to date guys. I guess I’d just let her do her own thing and hopefully she’d feel comfortable enough to talk to me so I can offer advice.
What’s your take on the theory that girls secretly love to date assholes?
I think it’s a phase and something you grow out of. That kind of game gets really old, hopefully sooner rather than later. I loved that when I was younger, but my husband is the perfect example of what I think is hot now. He’s the kindest, most humble man in the world but still has that bad-boy glint in his eyes. He could be an asshole if he wanted to, but he isn’t—he knows how to treat the woman he loves.
How would you feel if you had a son and he turned out like Adam, Hannah’s boyfriend on the show? Or if your daughter began dating a guy like him? He doesn’t seem that bad once you get to know him, but he’s a fucking mess.
If my son turned out like that I’d actually be proud! He’s a smart and intuitive guy once you get to know him, but he’s really dark and that can be incredibly seductive and potent. I’d be worried if my daughter ended up with someone like that and would hope she was in a good place prior to getting involved, because that type of darkness can destroy a person.
Sounds like you’re going to be a really understanding mom.
I’ll probably be freaking out on the inside, but I’d like my kids to feel like capable and independent human beings. I’m here for guidance or if they need me; I’m not going to tell them who they should be.
Are you planning on raising both of your kids in the city?
For now, yes, definitely, I think New York is a great place to grow up.
Do you feel that living in such an abrasive place has shaped you in any way?
People tend to say that living here you grow up too quickly, but I don’t necessarily agree. It just depends on the person. If someone is going to gravitate toward bad things in the city they’re also just as likely to do the same in the suburbs to a certain degree.
It definitely seems to have worked out for you.
Yes! I promise I still would have been a disaster in the suburbs, too. In the city I had access to bars, parties, and drugs, but even if I lived on the outskirts I probably would’ve been cutting up pills in my bedroom.
It was just your path. 
Yeah, that was just me. I don’t think location would have mattered. I wasn’t pissed at my parents, and I wasn’t a brat, so I don’t feel the city really changed me in that way. [
pause] Oh, Lindsay [Lohan] strikes again! I’m reading the Post and she fucking hit a pedestrian again with her SUV.
Are you serious?
It was at 2:30 AM, too. That’s not a good look. 
She hasn’t grown up yet.
No, she definitely hasn’t, and I don’t think she ever will.
By Annette Lamothe-Ramos 
Photos By Richard Kern
Photo Assistant: Max Dworkin
L'EDICOLA DI LOU - Stralci e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri


HUFFINGTON POST
Fate largo, via le Manolo! Da stasera arrivano le "Girls" anti Carrie-armate in chiaro!
"E' stato bello, bellissimo, mi è quasi piaciuto...". Il sesso a vent'anni riserva delle sorprese: può essere un'esperienza frustrante, mediocre, solitaria e spenta. Ce lo raccontano al meglio le protagoniste di 'Girls'dramedy in dieci episodi targato Hbo, incensato dalla critica ma lasciato inspiegabilmente a bocca asciutta agli ultimi Emmy. Per mettere subito le cose in chiaro, non c'entra niente con Sex and the City, è lontano anni luce da Sex and the City, non è ispirato a Sex and the City. Questa serie in prima visione su Mtv dal 10 ottobre vive di vita propria in un'altra galassia rispetto alle seppur straordinarie quarantenni arrampicate sulle Manolo Blanik. Perché le quattro vite che si intrecciano nella serie partorita e interpretata da Lena Dunham, ragazza prodigio classe 1986 (che ha già siglato nel suo curriculum un cortometraggio, 'Dealing', web series satiriche 'Delusional' 'Downtown Divas' e 'Tight Shots', un film vero e proprio, 'Creative Nonfiction' un secondo lungometraggio, 'Tiny Furniture'), ha un nucleo di crudo cinismo, di inaspettato realismo e di sincera ironia che riesce a stupire laddove Sex and the City non era riuscito ad arrivare. Nonostante, sulla carta, le analogie sembrino persino troppe. Serie rigorosamente al femminile, ambientata a New York, quattro psicologie differenti, amicizia sbattuta in primo piano e confessioni in bagno. Come dire, le ragazze sono tornate, giovani, carine e disoccupate. Eppure le quattro ventenni che condividono una vita di precarietà ordinaria, di sesso mal fatto, masturbazioni solitarie e umilianti approcci senza futuro, si aggirano in un universo grottesco in cui i locali esclusivi della Grande Mela non si vedono neppure dalle vetrine. In tempi di crisi la domanda che aleggia sui letti sfatti e le lenzuola macchiate è 'cosa succederà domani'. Così questa generazione di "bamboccioni", cresciuta a fast food e ad assegni di papà si ritrova raccontata da una penna capace di demolire stereotipi a colpi di accetta per scavare fino al ritratto nudo e crudo. Hannah (la stessa, immaginifica Lena Dunham, con la sua faccetta di gomma le sue gonnelline beige, le sue camicette troppo strette, i suoi chili di troppo semplicemente irresistibili), è una scrittrice potenziale accarezzata da un ego sin troppo ingombrante, a cui i genitori tagliano i fondi nella prima inquadratura della serie. Marnie (Allison Williams), laccata e puntuale, riesce ad essere invisibile nonostante una bellezza invadente. Jessa (Jemima Kirke), è una seduttrice bohemien, ma i suoi look estremi, e la sua esperienza a tutto campo non le impediscono di affrontate una vita fallimentare fatta di rapporti rubati durante il turno da baby sitter. E Shoshanna (Zosia Mamet), cugina e compagna di stanza di Jessa, 22 anni, condannata da una serie di circostanze malsane ad essere inesorabilmente vergine. Il gruppo è questo, dove l'amicizia è tale in quanto viene tradita, le storie sono storie perché finiscono, l'amore è spesso solo una parola, la felicità è più vicina a quella raccontata da Todd Solondz in 'Happiness' che a quella di Frank Capra. E così, tra cinismo e perle di saggezza (varrebbe la pena seguirla almeno per il personaggio di Adam, fidanzato aspirante attore off di Hannah), tra genitori che rischiano l'infarto sotto la doccia per un ritorno agli entusiasmi giovanili, tra approcci malriusciti e droghe di scarsa qualità, si ride tantissimo. Con un sottile nodo alla gola, un senso di fastidio per quella sgradevole somiglianza alla vita vera che le serie tv tenterebbero di allontanare. (Beatrice Dondi, 09.10.2012)

martedì 9 ottobre 2012

TWITTER-JAM - Quando ce vò, ce vò...

lunedì 8 ottobre 2012

L'EDICOLA DI LOU - Stralci e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

RIVISTA STUDIO
Ecco perchè "Louie" cambierà la tv
"Louie è una serie americana che va in onda su FX, scritta, diretta e interpretata da quello che è considerato il miglior stand up comedian vivente, Louis C.K. La scorsa settimana si è conclusa la terza acclamatissima stagione dello show, ed è quindi giunto il momento di fermarsi e parlarne un po’. Partiamo da un argomento – argomento che svelerà tutta la mia bias sulla questione, ma comunque -: Louie è un capolavoro. C’è chi lo ha visto ed è rimastosenza parole se non di stupore ed elogio; c’è chi si è spinto oltre, come Todd VanDerWerff su A.V. Club, che considera la portata della serie paragonabile – in termine di qualità e influenza artistica – a quella che i Sopranos hanno avuto nel nuovo millennio. Un articolo, quest’ultimo, che per quanto sostenga una tesi scottante e blasfema per un pubblico affezionato a Tony & Co., squarcia il velo di Maya su una separazione che sta perdendo sempre più senso, quella tra drama e comedy.
Drama e comedy sono i due mostruosi buchi neri a cui Hollywood e la televisione girano attorno: sono due macrogeneri complessissimi, zeppi di galassie e ulteriori buchi neri, che hanno la stessa funzione di Mosé sul Mar Rosso: separare acque e mettere ordine. Così, tutti i prodotti vengono sistemati su due grandi scaffali – drama e comedy – in modo che lo spettatore possa scegliere da quale pescare, chiedendosi se abbia voglia di ridere o di “cose serie”. Negli ultimi anni però si è assistito alla sofisticazione del reparto drama: prima la Hbo con show come The WireDeadwood e i citati Sopranos; e poi, a cascata, altri network come Amc (Mad MenBreaking Bad), hanno allestito un separè tra i prodotti complessi, d’enorme qualità, dalla scrittura incredibile e lo storytelling funambolico, e altri show in cui a trionfare è la complessità della trama e la suspense – come le incredibili cose firmate J.J. Abrams (LostFringe) e 24.
Mentre la primavera sbocciava nella drama, il settore comedy viveva ancora la pace dei sensi data dal Grande Muro Dei Due Generi, e al massimo ci si arrovellava con le solite distinzioni tra comicità “alta” e “bassa”. Se da una parte il The Office inglese e successi come Curb Your Enthusiasm hanno alzato l’asticella qualitativa di parecchie tacche, dall’altra è mancato un prodotto shock in grado di far tremare le fondamenta dell’incerto duopolio drama-comedy, rivelandone l’inadeguatezza. Per tutti questi anni non sono mancati spettacoli di qualità: anzi, gioielli come East Bound and DownParks and RecreationCommunity (specie la terza incredibile stagione) hanno reso gli ultimi anni indimenticabili. È mancato però all’appello il momento-Gesù Cristo, in grado di fissare un prima e un dopo. Forse per la natura insita della comicità – che è fatta di rimandi, modelli, parodie e richiami spesso criptici ad altri autori e opere (per ulteriori informazioni citofonare Luttazzi) – le sit com hanno sempre seguito sentieri preesistenti. L’unica eccezione, Seinfeld, risale a decenni fa ed è a sua volta diventato modello, format.
Ma vediamo alcuni di questi filoni comici: tra i più comuni nella scrittura comica “alta”, c’è quello del mockumentary, in cui i protagonisti sanno di essere ripresi da una troupe e parlano in camera (The Office e praticamente tutto Ricky Gervais,Curb Your EnthusiasmParks and Rec); il modello post-Seinfeld in cui la sit com tradizionale è rivista con humour più sofisticato; e un altro filone seinfeldiano: quello che racconta in prima persona la vita di un comico. E qui si parla in realtà di un’intersezione di format, che tocca Seinfeld, per l’appunto, Curb Your Enthusiasme arriva a Louie.
Louie è infatti la storia di un comico, Louis C.K., divorziato con due bambine. Proprio come in Seinfeld, i suoi episodi vengono intervallati da spezzoni di stand up che spesso seguono il tema portante della puntata. (Da notare che la vita da comico di strada e i relativi spezzoni live si sono diradati col procedere della storia, per scomparire nella terza stagione dopo l’episodio “Miami”). Si potrebbe quindi concludere che anche lo show di C.K., per quanto atipico, sia ascrivibile alla tradizione iniziata dal capolavoro di  Jerry Seinfeld e Larry David. Però non è così semplice: Louie è un affare dalla forma troppo strana, inedita, per calzare a pennello nello scatolone della comedy e lì riposare per sempre. Per esempio, se mi domandaste (è un’opinione personale ma penso piuttosto diffusa) perché guardo e amo la serie di C.K., non me la sentirei di rispondere: “Perché fa ridere”. Louie non fa ridere. E non è nemmeno una sit com. Della sit com ha solo la durata delle puntata (circa 20 minuti). Nient’altro. E non perché gioca a fare l’anti-sit com: no, sarebbe troppo facile, già fatto (anche dallo stesso Louis C.K., con Lucky Louie). La spiegazione è più profonda e porta il prodotto a galleggiare nel vuoto che dovrebbe esserci al di fuori degli universi drama e comedy (vuoto che ovviamente non è tale e aspetta solo di essere esplorato). Alcuni momenti della serie sono tragici, profondi e in molti casi toccano le corde del drama con una classe che non ha molto da invidiare a un gioiello come Mad Men. E ciò nonostante, riesce a mantenersi irreale: nella finzione, per esempio, il protagonista ha un fratello nella prima stagione che scompare nella seconda per far posto a un paio di sorelle che durano appena una scena per poi sparire per sempre; ha anche una madre, che è stata portata in scena da due attrici diverse (una di queste aveva coperto anche il ruolo di un suo flirtqualche puntata prima, senza per questo costringerci a tirare fuori tutto Freud). Irreale e folle. E, allo stesso tempo, reale (e se a questo punto state dicendo: “D’accordo, però deciditi!”, è proprio questo il punto: non lo si può fare). Reale perché i macrotemi sono quelli dei grandi classici e della vita di tutti i giorni – l’amore, l’amicizia, l’ambizione, il lavoro ecc. E perché a parlare sono sempre esseri umani piuttosto credibili, solo inzuppati in un contesto ironico, tra il nonsense, la risata verde, il grottesco e la pura follia inquietante.
Anche gli strumenti comici sono quelli tradizionali, anche se declinati in modo nuovo. Dal vecchio baule del comico, C.K. tira fuori il sesso, l’ironia della vita di tutti i giorni, il corpo esposto, la merda e la piscia (in una puntata recente si vede un bambino che mangia carne cruda, si fa un bagno e ha un attacco di diarrea nella vasca). E poi c’è la prima persona singolare che riempie ogni fotogramma dello spettacolo: non c’è una scena in cui non compaia l’attore – gira tutto attorno a lui, come se la troupe di The Office si fosse fatta minuscola, invisibile e bastardissima – e non manca un bel po’ d’egocentrismo, specie nelle scene familiari (quando è con le sue bambine, le due molle che tengono in costante movimento quest’omone in sovrappeso) o para-sessuali (momenti, questi, in cui si scivola talvolta nell’autocommiserazione gratuita). Mancano completamente i grandi classici della sit com: il giro d’amici fisso, la casa come scena principale, il vicino di casa un po’ pazzerello che entra ed esce a suo piacimento (Cosmo Cramer di Seinfeld, che tra gli altri aveva già ispirato il personaggio di Uncle Jerry in Lucky Louie). C’è solo lui, Louis C.K – o una sua versione più o meno autobiografica. Il resto del mondo è fatto di satelliti orbitanti, presenze vaghe e lontane, figlie da dividere con un’ex moglie inspiegabilmente afroamericana, vicini di casa che fumano bong meccanici. Il protagonista è un uomo solo e triste, la cui vita privata è a pezzi e quella professionale arranca tra indecisioni, grandi occasioni e David Lynch. Il cui rapporto con le donne e il padre nasconde un pozzo senza fondo di paure, odio e amore. Parliamo di un uomo senza un perché, profondamente triste nonostante il suo lavoro sia far ridere, la cui unica ragione di vita è essere per le sue bambine un padre migliore di quello che ha avuto.
Al di là del grande successo di critica e i buoni risultati di pubblico, la serie di C.K. potrebbe finire per costruire il primo tunnel a collegare i due colossi dell’intrattenimento, drama e comedy, chimere con cui continuiamo e ripeterci che la vita sia amara oppure divertente, e non un miscuglio continuo, frenetico e inquietante delle due cose – e molto altro. Louie è lo show più triste, maturo e serio del mondo. Per questo fa così ridere".
(Pietro Minto, 05.10.2012)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!