Viewers last month

sabato 8 dicembre 2007

BOLLETTINO - Telefilm, bye-bye! Quando i contratti (e le bizze) sono una cosa serial
Jorja Fox è solo l'ultima "volpina" che scende da un telefilm sulla cresta dell'onda. Un pò per claustrofobia professionale, un pò per divismo, un pò per egocentrismo talvolta anche per alcolismo, sono numerosi gli attori che hanno sbattuto la porta (o talvolta l'hanno trovata chiusa) delle serie tv che li hanno consacrati star a livello mondiale. Più di recente ha fatto scalpore la lite contrattuale tra la ABC Television e Kathering Heigl di "Grey's Anatomy", quest'ultima sul piede di guerra dopo aver chiesto un aumento di salario che solitamente non dovrebbe essere reso pubblico. Mentre il licenziamento di Isaiah Washington per cause omofobe è stato alla fine un autogol d'immagine (non tanto per la decisione condivisibile, quanto per il ritardo della stessa), la produzione di "G'sA" se l'è giocata bene in merito alla dipartita di Kate Walsh, spedita a dar vita allo spin-off "Private Practice" dopo che i sondaggi interni (e in questo caso riservati) davano ormai il suo personaggio - la dottoressa Addison Montgomery - più amata della collega protagonista Meredith Grey (come dar torto ai risultati del referendum, del resto? C'è un essere vivente che si metterebbe mai con quella gatta morticia di Meredith? Dottor Stranamore santo subito!). "Ogni volta che un attore vede le sue negoziazioni in prima pagina - chiosa il manager Howard Bergman, espertissimo di situazioni critiche di questo tipo nello star-system americano - ha perso fondamentalmente la sua battaglia. E poi lasciare una serie di successo a seguito di una rinegoziazione di contratto, è un suicidio professionale". Così sembrava in effetti per David Caruso dopo il bye-bye definitivo a "NYPD" nella seconda stagione (l'attore chiedeva un compenso di 100.000 dollari a puntata contro i 20.000 del primo ciclo; la produzione arrivò ad offrirgli 80.000 dollari); scomparso dalle scene e degno di "Senza Traccia" fino al ritorno in grande stile in "CSI: Miami" (2002). Stessa sorte anche per Patricia Heaton, al centro di un dibattito contrattuale per "Tutti amano Raymond" e ora di nuovo in scena con "Back to you". "Alla gente non importano le controversie dietro il set - chiosa Heaton - al pubblico interessa che il tuo personaggio vada avanti, si affeziona, ti adotta come uno di famiglia...". Memorabile fu il licenziamento di Hunter Tylo dal cast di "Melrose Place" nell'aprile del 1996 per la sua gravidanza, nonostante la firma contrattuale per un impegno di altri 4 anni: l'attrice è stata sostituita da Lisa Rinna, che è rimasta a sua volta incinta durante le riprese con tanto di copertina di "Playboy" in stato interessante nel settembre '98. Davanti alla prospettiva di licenziare anche quest'ultima, i produttori si sono arresi e hanno modificato la sceneggiatura inserendo una gravidanza nella trama, dando alla Tylo un argomento in più per accusare di discriminazione i responsabili del serial. Alla fine, Hunter Tylo ha ottenuto uno storico risarcimento di quasi 5 milioni di dollari (4 milioni per aver subito "stress emotivo" e 894.601 dollari per i danni economici causati dalla rottura del contratto): la giuria ha deliberato che la maternità non avrebbe in alcun modo impedito alla donna di recitare la parte della seduttrice. Sempre Aaron Spelling dovette far fronte all'abbandono del set di Farraw Fawcett al termine della prima stagione di "Charlie's Angels", anche se il suo contratto prevedeva un altro anno da protagonista: l'anno successivo, una disputa legale obbligò l'attrice dai capelli più vaporosi del globo a recitare in altri 6 episodi (in seguito venne sostituita da Cheryl Ladd). Di bizze in serie, del resto, sono pieni gli archivi. Dall'addio annunciato della coppia di "CHiPs" Erik Estrada-Larry Wilcox (salvo poi tornare sulle loro sgommate quando vennero sostituiti), ai divismi di Bruce Willis e Cybill Shepherd, che per i rispettivi impegni furono costretti a girare separatamente molte scene di "Moonlighting", fino alla bestiale gelosia di Melanie Griffith durante la produzione di "Miami Vice", nel quale comparve da guest-star e consacrò il suo primo flirt con Don Johnson: i rumors sussurrano che fu lei a "far fuori" Sheena Easton dal cast del serial che in quel momento viveva il suo climax new romantic con la storia d'amore tra Sonny e la cantante Caitlin Davies. Tra uno sciopero e l'altro di autori e attori sui set "Usa e getta", resta da capire se sul piccolo schermo convenga puntare su un buon agente, un valido avvocato o un addetto stampa di grido. Con una triade vincente di tali figure, ormai si riescono a vincere i processi-show penali, figuriamoci se non si scuce qualche dollaro in più nei contratti...
(Articolo di Leo Damerini pubblicato su "Telefilm Magazine" di Dicembre)

giovedì 6 dicembre 2007

BOLLETTINO - Caccia alla Fox dopo l'addio a "CSI"
A metà novembre i rumors settembrini sull'addio di Jorja Fox al cast di "CSI - Scena del crimine" sono diventati realtà tv. Nell'ottavo episodio dell'ottava stagione, Sara Sidle, il suo personaggio, ha detto addio all'amato Grissom e compagni di microscopio. Ma che cosa ha spinto una delle attrici più emergenti del piccolo schermo americano a lasciare il telefilm che da 7 anni svetta nelle classifiche degli ascolti non solo a "stelle e strisce"? Dopo la disputa con la CBS Paramount sui compensi a braccetto con il collega George Eads, tre anni or sono, la Fox lo ha spiegato in un'intervista esclusiva a "Entertainment Weekly": "E' stata una delle decisioni più difficili della mia vita - ha esordito l'attrice - non ha avuto nulla a che vedere con i soldi o con il contratto. Deriva dal fatto che vorrei fare dell'altro, sia dal punto di vista personale che professionale. Magari prima di diventare vecchia! E poi mi ha iniziato a pesare il fatto che molte storie del telefilm finiscano male o tristemente. Senza contare la violenza: non dico che non parteciperò più ad un progetto dove si preveda scene cruente, ma per ora preferisco prendermi una pausa...". Nessuno spoiler sul finale di Sara: "Sarà un finale strepitoso. Ha richiesto che scavassi dentro me stessa come non era mai successo nella mia carriera. E' stato estremamente emozionante ed estenuante". Nessun altro telefilm per Jorja al momento ("se dovessi scegliere un'altra serie tv, sarei rimasta a 'CSI'"), solo il progetto di una vacanza meritata: "andrò in giro per il mondo, magari con la mia tavola da surf a cercare l'onda giusta". Magari con l'amica-collega Emily Procter di "CSI: Miami". Lontano dalle mille luci e dalle mille follie di Las Vegas, dove l'unica cosa che manca è proprio il mare.
(Articolo di Leo Damerini pubblicato su "Telefilm Magazine" di Dicembre)

mercoledì 5 dicembre 2007

FRECCE - Il giardiniere di "Desperate Housewives" è gay? L'erba del vicino è sempre più fucsia...
NEWS - L'America sotto attacco da parte dell'Inghilterra! Debutta stasera la fanta-politica avvincente di "The State Within"
(Adnkronos) - La nuova serie fanta-thriller "The state within - giochi di potere", andra' in onda su Jimmy da stasera alle 21.00. L'inedita serie, coprodotta da Bbc e Bbc America, e' costituita da 7 episodi che andranno in onda in esclusiva su Jimmy, canale di Sky 140 in versione doppio audio (italiano-inglese). Secondo la trama, il giorno dopo una terribile esplosione, di cui si sospetta la matrice terroristica anglo-musulmana, l'intera citta' di Washington e' sotto shock e tenta di reagire al disastro. Nel frattempo l'ambasciata britannica e' travolta dalla catastrofe diplomatica internazionale. L'Ambasciatore inglese a Washington e' Mark Brydon (Jason Isaacs di "Harry Potter", "Black Hawk Down"), al culmine di una brillante carriera che lo ha portato ai vertici piu' prestigiosi degli affari esteri del suo paese. La posizione che ricopre non gli permette errori ma l'ambasciatore si trova al centro di una pericolosissima trama d'intrighi internazionali e, giorno dopo giorno, si rende conto di essere manovrato da un oscuro e potente burattinaio. La posta in gioco e' elevatissima e Brydon non puo' fidarsi di nessuno. Da una parte la spaccatura dell'alleanza tra Gran Bretagna e America rischia di far cadere il governo occidentale dall'altra la sua stessa vita e' in pericolo per tutte le cose che ha scoperto. Tutti i fili che formano l'intricata matassa di inganni e omicidi lo portano sempre piu' vicino al nucleo delle vicende, sempre piu' vicino a Lynne Warner (Sharon Gless di "Cagney and Lacey", "Queer as Folk" Usa), Segretario alla Difesa del governo americano. In un mondo violento e misterioso fatto di congiure e spionaggi, i nemici e gli amici non sono sempre quelli che si pensa e l'unica persona di cui Mark si puo' fidare e' se stesso. Il cast d'eccellenza, in cui spiccano il protagonista Jason Isaacs, Ben Daniels di "Conspiracy" e Sharon Gless, la trama controversa e lo sfoggio di valori produttivi degni delle piu' blasonate produzioni Usa hanno collocato "The State Within" fra i programmi piu' attesi della stagione televisiva 2006-2007 su entrambe le sponde dell'Atlantico.
NEWS - Non siate "desperate", stasera parte la seconda stagione di "Brothers&Sisters"
A partire da stasera, ogni mercoledì alle 21.50, ricomincia su FoxLife (canale 111 di SKY) la 2a stagione di "Brothers&Sisters", in onda subito dopo i nuovi episodi della 4a stagione di "Desperate Housewives". I cinque fratelli della famiglia Walker, complici, amici e talvolta nemici, affrontano i cambiamenti che hanno travolto loro e la madre Nora (Sally Field, Emmy 2007 come miglior attrice per una serie drammatica), dopo l’ingresso in famiglia della sorellastra Rebecca (Emily VanCamp), figlia illegittima del defunto capofamiglia William. Una presenza non ancora accettata soprattutto da Kitty (Calista Flockhart), che intanto cerca di preservare la sua carriera e di aiutare nella campagna alle presidenziali il compagno Robert (Rob Lowe) anche ora che il loro fidanzamento è di pubblico dominio; poi c’è Sarah (Rachel Griffiths), che tenta di rimettere insieme i pezzi del suo matrimonio; Kevin (Matthew Rhys), che come sempre si occupa degli affari legali di tutti; Tommy (Balthazar Ghetty), che affronta con la moglie Julia (Sarah Jane Morris) i primi difficili mesi di vita della piccola Elisabeth, nata prematura, e decide di mettersi in affari con Holly (Patricia Wettig), l’amante di sempre del padre William e madre di Rebecca; e infine Justin (Dave Annabel), partito per una missione militare verso una destinazione ignota, lasciando soprattutto Nora in balia dell’angoscia e della preoccupazione, che distolgono la sua attenzione persino dai preparativi per il matrimonio di Kitty.
La serie, creata da Jon Robin Baitz, è prodotta dallo stesso Baitz insieme a Greg Berlanti ("Everwood", "Dirty Sexy Money") e Ken Olin ("Alias", "West Wing"). Negli USA viene trasmessa sul network ABC. Come nella 1a stagione, anche quest’anno "Brothers&Sisters" ci riporta al centro dei rapporti familiari in tutte le loro sfumature: amori, infedeltà, divorzi, complicità, lutti, complessi equilibri tra genitori e figli. Ma anche la politica è tra gli elementi centrali della serie, con la spaccatura tra repubblicani e democratici anche all’interno della famiglia Walker. L’opposizione alla guerra di Nora si accentua ancora di più dopo gli eventi che coinvolgono Justin e le settimane d’angoscia che seguono la sua partenza

martedì 4 dicembre 2007

GOSSIP - Jesse Metcalfe di "Desperate Housewives" è omosex? Forti sospetti dopo serata Gay...
I sospetti sulla sua omosessualità ci sono sempre stati. Il gossipparo più clikkato d'America, Perez Hilton, gli ha chiesto dal suo sito di non nascondersi più e di fare "coming out". E dopo aver partecipato al 15esimo compleanno del night londinese che si chiama, per l'appunto, "Gay", Jesse Metcalfe - il giardiniere John di "Desperate Housewives", che riparte stasera su Raidue con la terza stagione, mentre la quarta debutterà su FoxLife da domani - si è ritrovato al centro delle cronache...fucsia. Ufficialmente - come riporta il quotidiano "The Sun" - era stato invitato in quanto fidanzato altalenante della bionda Nadine Coyle, della band all girl Girls Aloud che ha animato la serata. Tanto che c'era, Jesse ha ricevuto il premio del locale recante la scitta "GAY" in bella evidenza, pensando bene di mostrarlo orgoglioso, infischiandosene degli addetti ai livori e dei fotografi, al braccio di Nadine che i rumors hanno segnalato al suo fianco anche nel proseguio della serata.

Per i/le fans di Metcalfe, ecco la sua tambureggiante biografia tratta da Gay.it.
Jesse Eden Metcalfe (chiamato così perché proveniente dritto dritto dal Giardino dell'Eden, evidentemente) è nato il 9 dicembre 1978 in Connecticut. E' famoso per il suo pollice verde che utilizza per tutto il tempo per lavorare le mutande di Gabrielle. Ma non occorre essere una mogliettina infelice per godere dei benefici effetti di Jesse sui vostri cespugli. Forse lui non ne è ancora consapevole, ma molti gay in tutti i paesi in cui viene trasmesso il telefilm stanno cercando l'occasione buona per chiedere a Jesse di impegnarsi nell'impollinazione. Improvvisamente tutti hanno scoperto erbacce nei propri giardini, e hanno deciso di piantare nuove specie nelle aiuole meno frequentate…Se i bicipiti di Jesse assomigliano a qualche specie, diremmo a delle sequoie piuttosto che a dei bonsai. Ma il giovane è in parte italiano, in parte francese, in parte portoghese e quindi il suo sangue mediterraneo gli ha donato un visino che è tutto un programma. Tanto che Jesse è stato contattato anche per interpretare un adattamento del "Ritratto di Dorian Gray" che dovrebbe uscire il prossimo anno. Magari il suo ruolo nel classico di Oscar Wilde lo aiuterà a trovarsi a proprio agio anche tra le fronde maschili?A proposito di Wilde, a Jesse non manca la vanità: «Mi alleno cinque volte a settimana. Se sto tutto il tempo senza maglietta in televisione davanti a milioni di persone che mi guardano, voglio mostrarmi al meglio!» dice. Un'affermazione che denota grande sensibilità. Ma la vanità può portare qualche inconveniente: «Potrebbe essere difficile per me liberarmi dell'etichetta di bonazzo». Del suo personaggio John, Jesse dice: «E' molto ingenuo e idealista. Io sono un po' più cinico e ho molta più esperienza». Che tipo di esperienza? «Certamente non uscirei con qualcuna molto più giovane di me. E' frustrante essere con qualcuno che non ha la tua stessa esperienza di vita». Adolescenti, via dalle scatole, quindi!«Penso che le persone ne hanno abbastanza di vedermi come il tipico stallone - dice, non sapendo che ci sono molte curiosità ancora che vorremmo toglierci a riguardo - Ci sono un sacco di donne interessate a me, ma devo ancora capire se sono interessate per i giusti motivi». A questa affermazione vorremo rispondere: sveglia, Jesse! Non ci sono solo le donne nella vita!...
NEWS - Ascolti, per "Lost" su Raidue è una "Tragedy" degna dei Bee Gees!
Altro che "Make your own kind of music" dei Mamas&Papas che si ode nel botolone: a "Lost" dovrebbe risuonare "Tragedy" dei Bee Gees. Ieri il debutto della terza stagione su Raidue ha raccolto solo il 7.64% di share (poco più di 2 milioni di spettatori). Eppure il terzo ciclo è degno del primo (chi vi scrive non è mai stato tenero con la seconda stagione del serial). Con il senno di poi, evidentemente la scelta di trasmettere la terza stagione su Raidue nel giorno in cui Fox ne celebrava la chiusura attesissima, non ha giovato (sul canale Sky "Lost" segna numeri record ogni lunedì). Ha senz'altro contribuito alla dèbacle anche la puntatona speciale di "Affari Tuoi" che vedeva in palio solo 4 pacchi, tra cui quello ormai immancabile di 500.000 Euro (aperto come penultimo, mica come primo...non sia mai!): non a caso, è stata vista fino alle ore 21.09 da 8.809.000 spettatori, schiacciando i primi 5 minuti del serial di JJ Abrams. Ottimisticamente, andrà senz'altro meglio lunedì prossimo, ma Raiuno rispetterà l' orario di partenza del prime-time, ormai sistematicamente disatteso, delle ore 21.10? Già questa settimana la rete ammiraglia Rai annuncia la partenza di ben 3 serate alle ore 21.30 (giovedì, venerdì e sabato). Tanto ormai il periodo di garanzia è finito, del rispetto per gli abbonati col canone ki kazzo se ne frega...? E per "Lost" i Bee Gees scaldano l'ugoletta...

lunedì 3 dicembre 2007

FRECCE - Tom Cruise e Katie Holmes sulla neve dell'Alta Badia: SKIentology.
NEWS - Altro che "Lost", il vero evento di oggi è rappresentato da Tom Cruise e Katie Holmes in Alta Badia (più lost di quei due non c'è nessuno)
Altro che "Lost". Il vero evento di oggi sono le immagini della coppia TomKat in alta montagna, in Alta Badia. La coppia più lost del jet-set ha poi fatto parlare di sè nel weekend per l'apparizione pubblica ai Bambi Awards in Germania, dove la Holmes si è presentata con una nuova pettinatura da geisha-Cleopatra che "Telefilm Cult" vi propone in anteprima per l'Italia (vedi anche Post del 23 Novembre 07).
Come se non bastasse, in esclusiva su E! News, si vedranno stasera le prime immagini di Tom Cruise e Katie Holmes sulle nevi dell’Alta Badia per un breve week-end di riposo. L’intero servizio andrà in onda alle 19,30 (SKY, 114). Le telecamere di E! News presenti in Alta Badia in occasione dell’evento “Neve da Star”, al quale hanno partecipato ospiti illustri come Giancarlo Fisischella, Giorgio Pasotti e Denny Mendez, non si sono lasciati sfuggire lo scoop hollywoodiano e hanno seguito la coppia durante la loro vacanza tra le nevi della Dolomiti. Secondo i ben informati i coniugi ormai “di casa” qui in Italia tornano sempre con molto piacere in vacanza nel Paese che hanno scelto nel 2006 come scenario per pronunciare il loro “sì” (il loro matrimonio si è celebrato secondo il rito Scientology il 18 novembre sul lago di Bracciano) ma questa volta oltre a trascorrere un sereno week-end sulla neve si vocifera che i due stiano cercando una casa proprio tra le montagne dell’Alto Adige.
NEWS - "Lost" in Translation! Raidue parte stasera con la terza stagione, Fox la chiude
Per un incredibile coincidenza - la stessa che vede i super-pacchi di "Affari Tuoi" tenuti immancabilmente in gioco fino alla fine - stasera "Lost" apre e chiude su Raidue e Fox. Avviene finalmente una di quelle coincidenze degne del serial di JJ Abrams: Raidue fa partire la terza stagione, Fox la chiude con le ultime tre puntate. Un pò come il Bi-lama Gilette degli anni '80: la prima lama taglia i peli superflui, la seconda li elimina dalla radice.


(ANSA) - In prima visione gli ultimi 3 episodi della 3a stagione di "Lost" andranno in onda stasera 3 dicembre alle 21:00, 21:50 e 22:40 su Fox (canale 110 di SKY). Tre ore di colpi di scena con la serie di culto creata da JJ Abrams. In questa stagione abbiamo conosciuto la carismatica e ambigua Juliet (Elizabeth Mitchell), abbiamo visto i baci appassionati fra Sawyer (Josh Holloway) e Kate (Evangeline Lilly), abbiamo scoperto cos'è successo a Desmond (Henry Ian Cusick) dopo che ha girato la chiave di sicurezza, cosa è stato di Mr. Echo (Adewale Akinnuoye-Agbaje) dopo il suo incontro ravvicinato con uno dei tanti misteri dell'isola e infine abbiamo assistito alla clamorosa conversione di Locke (Terry O'Quinn). E negli ultimi tre episodi che accade? Vedremo Jack (Matthew Fox) preparare un piano di battaglia per sferrare un attacco contro gli Altri, e Sahid (Naveen Andrews) scoprire una falla nel loro sistema che potrebbe portare tutti alla salvezza. Ma davvero i sopravvissuti riusciranno a sfuggire a quello che sembra essere il loro destino? Mancano comunque tre stagioni per svelare tutti i segreti che avvolgono i naufraghi dell'isola: il network ABC, i creatori e i produttori esecutivi Damon Lindelof e Carlton Cuse hanno deciso infatti che entro il 2010 tutti i misteri verranno svelati, quindi mancano ancora 48 episodi, 16 per ogni stagione.

domenica 2 dicembre 2007

NEWS - Dieci anni di "Buffy", la serie "più Lynchiana" della tv. Una Telefilm Shirt celebra uno dei più grandi cult del piccolo schermo
Era il 1997 quando venne trasmesso per la prima volta "Buffy", uno dei serial più cult del piccolo schermo e che vanta tra i fans più numerosi (e fedeli) ancor oggi. Decine di pubblicazioni ad hoc (tra cui l'imperdibile "Ammazzavampiri" di Chiara Poli), migliaia di siti dedicati (quelli di Vampy e Buffyfaith, tra gli altri), maratone cinematografiche da tutto esaurito (al "Telefilm Festival"), fandom a go-go e movimenti di protesta su traduzioni poco fedeli e censure incomprensibili se non bacchettone. Insomma, un fenomeno che ha travalicato il piccolo schermo, eletto dal "Dizionario dei Telefilm" (Garzanti) "Stracult" e a "serie più Lynchiana della tv, un must della Generazione Wireless". Tra le ultime celebrazioni di "Buffy", anche l'esclusivissima Telefilm Shirt dedicata alla serie che sta andando a ruba e che si può avere mandando un' email a telefilm_shirt@yahoo.it, ricevendola direttamente a casa.

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!