Viewers last month

sabato 6 settembre 2014

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

Nick Wechsler does his best James Dean in this new photo from his latest cover feature for Bleu Magazine. Here’s what the 35-year-old Revenge star had to share with the mag:
On his hero: “Batman is the f-cking coolest (but) having super powers makes you more of a target so I would rather right wrongs [and] fly under the radar.”
On his music faves:Kanye [West] counts himself out. If the choice is between Kanye and anyone else, I’m picking the other guy.”
On his personal style: “If a vampire f-cked a hipster and had a baby, that baby would be me.”
For more on Nick, visit BleuMagazine.com.

www.telefilmcult.tumblr.com

venerdì 5 settembre 2014

NEWS - Clamoroso a Kripton! Anche "Supergirl" diventa serie tv!

News tratta da Deadline.com
On the heels of the success of Arrow and the strong buzz for its upcoming offshoot The Flash — both co-created and executive produced by Greg Berlanti — the top producer is looking to transition another popular DC superhero character to the small screen. Berlanti has teamed with Ali Adler, who worked on his ABC series No Ordinary Family, for a TV series based on Supergirl. Warner Bros. TV, which is behind all DC TV series, will produce with Berlanti’s studio-based Berlanti Prods..
The project, which is still in development, will be a new interpretation of the Supergirl character and her story. Adler will write the script and will executive produce with Berlanti Prods.’ Berlanti and Sarah Schechter. DC’s Geoff Johns, who has been involved in both Arrow and The Flash, is also expected to be part of the project but it is unclear at this time what his role will be. The Supergirl show doesn’t have a name yet. The producers are considering several options that need to be cleared, including Super and Girl. The project is expected to be taken out in a couple of weeks and pitched to the major networks the way WBTV and DC did with their high profile Batman prequel Gotham, which landed at Fox with a big commitment. The Supergirl series had been in the works at WBTV for some time with Berlanti and Adler. Contrary to a report that was picked up by a number of outlets, Michael Green has had no involvement in the project.
The Supergirl character was created by writer Otto Binder and designed by artist Al Plastino in 1959. There had been several characters that had assumed the caped girl persona, most notably Superman’s cousin, Kara Zor-El, who shares his super powers and vulnerability to Kryptonite. There has been a push to get more female superhero characters in comic books and on the big and small screens. Marvel has a Jessica Jones series in pre-production at Netflix.

giovedì 4 settembre 2014

NEWS - Netflix Bat-te le mani! Acquistati i diritti di "Gotham" 1 e 2 (la seconda in preview?). Confermato il nuovo corso "strips" del marchio che ha lanciato "House of Cards" e "OITNB"

Articolo tratto da Deadline.com
"In what is believed to be the first SVOD deal for a broadcast series made before its premiere, Netflix has reached an agreement with Warner Bros. Worldwide Television Distribution for the upcoming Fox drama series Gotham. Under the pact, Netflix will become the exclusive subscription video on demand home of the Warner Bros. TV-produced Batman prequel in the U.S. as well as in each of the territories in which the streaming network operates and select other territories in which it plans to launch services. Each season of the series will be available to Netflix members following their broadcast run. In the U.S. that is expected to be in September 2015, coinciding with the potential Season 2 premiere. Noone is discussing figures, but I hear the deal is worth about $1.75 million an episode. The unprecedented deal was put in motion shortly after the Gotham pilot had a great reception at the L.A. international screenings in May. I hear Netflix approached WBWTD about a pact that would cover multiple territories. That was a very tricky proposition as WBWTD has different agreements in each country, with the terms of the output deals, including holdback rights against SVOD releases, varying from territory to territory. After laying the groundwork country by country, the two sides have been able to clear the show in all Netflix markets around the world.  The pact builds on Warner Bros.’ existing relationship with Netflix, which includes another precedent-setting pact that covers all CW series. The Gotham deals comes on the heels of Netflix nabbing Sony TV-produced hit NBC drama The Blacklist for $2 million an episode. Sony also made a deal similar to the Gotham one for its upcoming Breaking Bad prequel, Better Call Saul, which airs on cable on AMC. In it, Netflix gets first window in territories outside of the U.S.
Premiering on September 22 on Fox in the US, Gotham draws on the origin story of Batman, taking place in Gotham City as young Detective (and future Commissioner) James Gordon and the recently orphaned Bruce Wayne meet in the troubled days before the arrival of the Dark Knight. The series follows Gordon’s rise from rookie detective to Police Commissioner as he navigates the layers of corruption that secretly rule Gotham City. The cast includes Ben McKenzie, Donal Logue, Jada Pinkett Smith and Sean Pertwee. “Gotham is the most anticipated new series of the fall season and we are thrilled to offer it to our members around the world,” said Ted Sarandos, Chief Content Officer at Netflix. “The Batman origin story is sure to have massive global appeal so it is fitting that, along with Warner Television, we have created a new model for distributing a show that international and domestic audiences will love.

Per leggere le altre serie tv tratte dai fumetti in arrivo su Netflix leggi QUI.

mercoledì 3 settembre 2014

NEWS/L'EDICOLA DI LOU - I giovani fuggono dalla tv tradizionale per le serie tv (ma ancora nessuno o quasi mette sotto accusa l'arcaico Auditel che premia gli anziani, per la gioia dei pubblicitari...). Gli esempi (da seguire) negli altri Paesi.

Articolo di Luca Raimondo su "Il Fatto Quotidiano"

"Spose a caccia dell’abito perfetto, grandi obesi che perdono 100 chili grazie a un severo, ma amorevole personal trainer e ancora cucine da incubo, hotel allo sfascio, gatti indemoniati. Poi si cambia canale e gli avventurieri del sofà possono essere proiettati tra combattimenti, viaggi estremi, macchine superveloci, sfide al limite del possibile. E non dimentichiamo i masterchef grandi e piccini, i boss delle torte e, quando l’ora si fa tarda, anche le gole profondissime e il sesso da pronto soccorso. È la televisione dell’eterno cazzeggio, in cui prima o poi tutti s’imbattono per non abbandonarla più. Ma canali come Real Time e DMax, visibili sia sul satellite che sul digitale terrestre, sono la punta dell’iceberg di un nuovo modo di vedere la tv che sta progressivamente mandando in pensione i canali generalisti, ormai territorio protetto per talk show politici sempre più noiosi e autoreferenziali, che interessano un pubblico sempre più anziano e meno numeroso.
Intanto, chi ha meno di 30 anni – ammesso che la accenda: di sicuro preferisce fare tutto da telefono o tablet – la tv la usa nella sua versione “smart” (collegata a internet, per vedere film e serie rubate dal web e i video preferiti su YouTube) che, come ha spiegato Marco Consoli sull’Espresso, ormai vanta nel mondo vere e proprie star in grado di guadagnare milioni, nate e cresciute sul portale di video comprato da Google nel 2006 per 1,65 miliardi di dollari. Si tratta di artisti, comici, ma anche cuochi o esperti di make-up; il trucco è avere un’idea originale e sperare che la rete la accolga. Più facile a dirsi che a farsi. È un nuovo artigianato che può ricordare la nascita delle radio libere negli anni ’70. Quando, con scarsissimi mezzi, migliaia di realtà in tutto il paese iniziavano a trasmettere in modo improvvisato, se vogliamo anche dilettantesco, ma finendo per rompere il monopolio pubblico e cambiare per sempre il modo in cui ancora oggi ascoltiamo la radio.
E infatti può succedere che dal video amatoriale di YouTube si arrivi al cast de Le Iene, come è accaduto a Frank Matano, diventato una star del web pubblicando i suoi scherzi telefonici, o Willwoosh, al secolo Guglielmo Scilla, che dagli sketch autoprodotti è passato alla radio, al cinema e ha persino pubblicato un libro.
Anche se si può solo stimare un guadagno minimo e massimo che va da uno a 15 dollari ogni mille visualizzazioni, quelli che nel mondo sono in grado di fare guadagni a sei cifre sono ormai migliaia. Molto meno in Italia, dove somme di un certo livello sono raggiunte da non più di cinque o sei persone. Il mercato però è in vertiginosa ascesa.

Sapere che la raccolta pubblicitaria di YouTube nel 2013 ha generato 5,6 miliardi di dollari, il 51 per cento in più rispetto al 2012, deve far rabbrividire Mediaset e Rai: il gruppo berlusconiano nel semestre gennaio-giugno ha chiuso con una raccolta di 1,1 miliardi di euro (-4 per cento rispetto al 2013), mentre il servizio pubblico è sceso in due anni di circa il 30 (da 964 a 682 milioni di euro).
È l’ennesimo segnale che il nostro paese, soprattutto le giovani generazioni, abbandonano il piccolo schermo e parcellizzano l’ascolto in mille rivoli fatti di video postati sui social network, inoltrati su whatsapp, consigliati ad amici e parenti. Un passaparola che oggi si chiama “virale” e che concede alla tv tradizionale solo lo spazio per la clip della lite tra politici o la gaffe del conduttore, il giorno dopo. Una tendenza che mette ulteriormente in crisi la massa insostenibile di canali visibili in chiaro sul digitale terrestre.
La nuova tecnologia ha infatti consentito a tutti gli operatori di poter ampliare l’offerta, ma il risultato sono share da prefisso telefonico che hanno ridotto drasticamente la redditività ; ad esempio – malgrado gli imponenti investimenti degli ultimi mesi – lo 0,57 per cento con un ascolto medio di poco superiore alle 60mila persone di Rai news24, certificato da un rapporto del Marketing di viale Mazzini su ascolto e gradimento dei canali del servizio pubblico nel primo semestre 2014.

Rai news vale esattamente come Rai Gulp, la metà di Rai Yoyo ed è sempre in coda alla classifica dei canali digitali della Rai, dietro Rai4, Rai Movie, Rai Premium. Fa peggio solo Rai Storia allo 0,18 per cento e Rai Scuola allo 0,01 con 908 telespettatori. Non sono numeri molto diversi quelli dei tanti canali extra di Mediaset: ai tre storici si sono aggiunti La5, Italia2, Iris, Boing, Top Crime e anche l’allnews Tgcom24 (più quelli di Mediaset Premium, ma il digitale pay meriterebbe da solo un discorso a parte). Tutti navigano tra lo zero virgola o superano di poco l’1 per cento.

Tante piccole gocce che perdono da un rubinetto principale, senza portare nulla in termini di ascolto, ma che tutte insieme rubano almeno un 10 per cento alle sorelle maggiori. Lo affermava lo sorso 9 luglio , durante un’audizione alla commissione Telecomunicazioni della Camera, Eric Gerritsen, vicepresidente esecutivo di Sky Italia: “Se le tv non fanno redditività è chiaro che c’è un problema. Quando c’è troppa offerta di frequenze vuol dire che c’è troppo stock di pubblicità e che il prezzo medio di quest’ultima cala troppo”. La soluzione? “Ridurre l’offerta, riportarla a un livello in linea con la media europea”. Infatti, la massa di canali free è un suicidio che non ha paragoni nel resto del continente.
Paesi come Francia, Inghilterra o Germania, si sono guardati bene dall’aumentare a dismisura l’offerta in chiaro. Chi dovesse limitarsi alle tv non a pagamento a Parigi, Londra o Berlino, potrebbe scegliere al massimo tra una quindicina di canali nazionali (nel caso della Germania hanno rilevanza anche le tv dei Laender, ma quello è sul serio un paese federalista).
Persino negli Stati Uniti esistono pochi network nazionali, moltissime consociate locali e il gigantesco mondo delle pay-tv via cavo e satellite. Ma è proprio da oltreoceano che arriva la grande lezione su come far sopravvivere la cara vecchia televisione. È di pochi giorni fa la notizia dell’acquisto da parte del colosso telefonico At&T del numero uno della televisione satellitare Direct Tv per la cifra monstre di 48,5 miliardi di dollari.
Il via libera dell’antitrust USA è il segnale che aspettavano altri grandi gruppi pronti alla fusione, a cominciare da Comcast e Time Warner. Il mondo delle telecomunicazioni e quello della comunicazione e dell’intrattenimento sono sempre più legati a filo doppio, perché i sistemi con cui gli utenti si informano e seguono i loro programmi preferiti sono e saranno sempre più connessi.

Ma in questa marea di cifre, percentuali, milioni e miliardi di dollari o di euro, i contenuti valgono ancora qualcosa? La risposta è sì. E lo dimostra ancora una volta la forza che su tutti i media, vecchi e nuovi, stanno avendo le serie tv. I premi Emmy, gli oscar della televisione assegnati la settimana scorsa, sono stati un evento a cui hanno assistito in America oltre 15 milioni di spettatori, malgrado la partita di football in contemporanea su un altro canale.
Le star di Breaking Bad, di Sherlock, di Big Bang Theory o True Detective, sono delle icone mondiali grazie a internet. In molte parti del globo le serie sono già sui computer di milioni di fan i quali non aspettano che sia la tv del loro paese a mandarle in onda.
Non a caso i produttori di House of Cards, grande sconfitto di questa edizione, non hanno perso tempo e il giorno dopo hanno postato su YouTube un divertente video di venti secondi con il gelido assistente di Frank Underwood/Kevin Spacey che chiama al telefono il suo contatto per sapere come mai “l’accordo” per farli vincere non si sia concretizzato. Si perde la gara tradizionale, ma si vince quella della comunicazione.
E sarà pure vero, come è stato scritto, che è in questa edizione degli Emmy è stata bocciata Netflix, la web tv che produce House of Cards, come a dire che il mondo della tv tradizionale cerca di frenare l’avanzata di chi offre contenuti su piattaforme multimediali, ma a portarsi a casa il premio sono state serie straordinariamente innovative, nello stile e nelle tematiche.
Con Breaking Bad vince la storia di un uomo onesto e rispettato che sceglie la strada della produzione e dello spaccio di droga; con Modern Family la descrizione, in tutte le sue contraddizioni, della famiglia allargata sempre più tipica della società occidentale contemporanea. Grazie alle serie, la tv non muore ma si trasforma; se dieci anni fa i ragazzi parlavano degli ospiti della casa del Grande Fratello, oggi discutono del “Trono di Spade”, “The Walking Dead” e, finalmente, di un prodotto italiano straordinario come “Gomorra.
Perché la modernità porterà con sé programmi su malattie imbarazzanti e reality sui parrucchieri, ma anche grandi racconti che descrivono i mutamenti della nostra epoca meglio delle inutili chiacchiere di mille talk show. E solo quando la nostra “vecchia” tv ne capirà lo spessore, potrà vivere senza timore la concorrenza dei nuovi media e i profitti multimiliardari di You-Tube".

martedì 2 settembre 2014

NEWS - Clamoroso al Cibali! Lars Von Trier torna in tv dopo "The Kingdom" con una serie UK
(ANSA) - VENEZIA - "E' vero, ogni volta che si vede qualcosa di masochistico ci sono io". Cosi' al telefono Lars von Trier. Un modo per essere, non essendoci, alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia dove e' passato fuori concorso 'Nymphomaniac Volume II' (Long version), alla presenza in conferenza stampa del solo protagonista Stellan Skarsgard. La produttrice Louise Vesth, a fine conferenza, ha annunciato che il prossimo progetto del regista sara' una serie televisiva inglese. Non ha rivelato altri dettagli, ma ha aggiunto: "Sara' qualcosa di incredibile, qualcosa che non avete mai visto prima in televisione".
NEWS - Finchè la barca va...Dal 12 settembre "The Last Ship", la serie che (involontariamente) anticipa il breakout dell'Ebola

Ebola o non Ebola, “The Last Ship” immagina un virus pandemico che decima la popolazione mondiale all’80%. La serie, al via in anteprima assoluta su Italia 1 dal 12 settembre (non più dal 5), s’iscrive di diritto alla lista dei telefilm che in qualche modo hanno anticipato la realtà (tra gli ultimi, “Person Of Interest” sul “Datagate”, in programmazione dalla 1° stagione su Italia 1 dall’8 settembre). Il virus killer può essere combattutto solo dall’equipaggio di una nave della Marina con a bordo 217 membri, impegnati nella ricerca del vaccino. Eric Dane di “Grey’s Anatomy” è al timone di una delle serie-sorpresa della stagione, già confermata per la seconda stagione in Usa. Rhona Mitra e Adam Baldwin sono tra gli altri volti noti. Firma Michael Bay, regista-produttore della cine-saga sbancabotteghini di “Transformers”. La Marina americana ha dato il suo benestare per le riprese a bordo delle sue navi. Brian Lowry su “Variety” ha commentato: “Eric Dane si candida ad essere il nuovo John Wayne in una serie apocalittica sulla paranoia di un virus pandemico”. La critica è stata redatta prima dello scoppio dell’ultima epidemia di ebola. “Paranoia” mica tanto…

lunedì 1 settembre 2014

GOSSIP - Clamoroso al Cibal-iCloud! Decine di star telefilmiche hackerate di foto e video (pure desnude). Tra le altre, Kaley Cuoco, Yvonne Strahovski, Hayden Panettiere, Krysten Ritter...

Un attacco ai danni di diverse celebrità è stato reso noto durante la nottata, attraverso la pubblicazione di decine di fotografie private delle suddette. Tra le più colpite l'attrice Jennifer Lawrence, ma l'elenco comprende diverse altre celebrità, tra le quali le "telefilmiche" Kaley Cuoco, Krysten Ritter e Yvonne Strahovski. Le immagini, postate sul solito 4chan, sarebbero state prelevate grazie a quella che gli hacker descrivono come un'intrusione negli account iCloud delle celebrità colpite, che si sono viste pubblicare decine di fotografie (anche senza vestiti) online. La confusione sulla portata dell'attacco è al momento ancora molta, anche a causa di alcuni fotomontaggi che sarebbero stati mescolati con le immagini realmente sottratte agli account iCloud. Da alcune fonti sono però arrivate le prime ammissioni, accompagnate naturalmente dalla denuncia alle autorità per il crimine e la violazione della privacy.
Nella lista delle "defraudate" telefilmiche: Aly e AJ Michalka, Amber Heard, Aubrey Plaza, Cara Delevigne, Hayden Pannettiere, Hillary Duff, Kaley Cuoco, Krysten Ritter, Lea Michele, Lizzy Caplan, Mary Kate Olsen, Selena Gomez, Vanessa Hudgens, Alison Brie, Yvonne Strahovski, Sarah Shahi, Megan Boone, Annalynne McCord, Becca Tobin.
Nel frattempo, l'altro luogo dove le foto sono state pubblicate in massa, Twitter, ha iniziato a prendere provvedimenti, disattivando gli account delle persone che hanno messo online sulla piattaforma le immagini trafugate.
NEWS - Tutti tornati dalle vacanze? Non vi resta che entrare in "Crisis"...!
(ANSA) - ROMA - Un gruppo di terroristi ha sequestrato un autobus su cui viaggiava un'intera classe in gita della Ballard High School, istituto di Washington frequentato dai figli dei genitori piu' ricchi e potenti della citta', tra cui il figlio del presidente degli Stati Uniti. Ha cosi' inizio una crisi di portata nazionale, in cui varie personalita' sono portate ad interrogarsi su cosa sono disposti a fare pur di riavere i propri figli, tenendo conto che il rapimento non rischia solo di compromettere le sorti della propria famiglia, ma anche quelle dell'intero Paese. Crisis e' il nuovo action thriller prodotto da 20th Century Fox, che conta su un cast fra cui spicca Gillian Anderson (X-Files, Hannibal, The Fall) ma anche Rachael Taylor (Grey's Anatomy, Charlie's Angels) e Dermot Mulroney (Enlightened, New
Girl), in onda dall'1 settembre alle 21 in prima assoluta su Fox. Ambientato a Washington D.C., segue un agente della Cia che si trova catapultato al centro di una crisi internazionale il primo giorno di lavoro. Un misterioso personaggio riuscira' a mettere in ginocchio gli elementi piu' potenti della nazione, da figure di spicco dell'economia fino appunto al presidente Usa, minacciando quanto hanno di piu' caro. L'agente dovra' oltrepassare i limiti morali e legali per venire a capo della situazione, navigando le torbide acque del potere e della corruzione in cerca della verita'. Vi ricordate di Dana Scully, il celebre medico patologo dell'Fbi partner di Fox Mulder in X-Files? Questa volta la Anderson ripone pistola e distintivo e veste i pani di Meg Fitch, potente donna d'affari la cui figlia, la reginetta della scuola Amber, viene rapita dai terroristi, nonche' sorella dell'agente dell'Fbi Susie Dunn (Rachael Taylor) incaricata di coordinare le indagini e soprattutto gli spaventati e insopportabili genitori. Le due sorelle non si frequentavano da 16 anni e anche questo implichera' imprevisti e colpi di scena. "Per anni - racconta l'attrice in un'intervista video diffusa da Fox - ho interpretato un personaggio di una serie in cui ogni episodio era autoconclusivo. Sono rimasta colpita dalla sceneggiatura, mi e' piaciuta proprio l'assoluta imprevedibilita' di questa serie. Una sorta di gioco del gatto con il topo". Crisis in patria non ha goduto del successo sperato: nel maggio del 2014 non e' stata rinnovata al termine della prima stagione per gli ascolti al di sotto delle aspettative, nonostante non manchino suspence e colpi di scena in quantita' e un maxi cast.

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!