Viewers last month

venerdì 13 febbraio 2009

NEWS - Ahi, Ahi! Adesso spostano i telefilm anche a SKY: "The L Word" trasloca da Jimmy a Sky Vivo
(ANSA) - ROMA - Approda a Sky Vivo (canale 109 di Mondo Sky), dopo esser transitata negli anni scorsi su Jimmy, la scandalosa serie americana sull'omosessualita' femminile, in onda da oggi, venerdi' 13 febbraio, tutti i venerdi' e sabato alle 22.00. Ambientata a Los Angeles, "The L word" ruota intorno a un gruppo di donne, lesbiche e non, tutte con storie e caratteristiche diverse l'una dall'altra. Queste storie si intrecciano tra di loro, e raccontano senza ambiguita' quello che e' l'universo omosessuale al femminile: dalla convivenza all'inseminazione artificiale, dalla dichiarazione della propria omosessualita' alle relazioni familiari. La prima delle sei serie, prodotte e trasmesse con grande successo negli Stati Uniti, vede protagoniste Bette (Jennifer Beals, nota al grande pubblico per il suo ruolo di protagonista in Flashdance), la sua compagna Tina (Laurel Holloman), e le loro amiche Shane (Katherine Moennig), Alice (Leisha Hailey), Dana (Erin Daniels), Marina (Karina Lombard), la sorella di Bette, Kit (Pam Grier) e la scrittrice, appena trasferitasi a Los Angeles, Jennifer (Mia Kirshner).

giovedì 12 febbraio 2009

NEWS - Clamoroso al Cibali! Nicollette Sheridan lascia a sorpresa le "Desperate Housewives"
Non si conosce ancora la ragione della scelta, ma la soffiata arriva da fonti autorevoli, i boss della Abc: Nicollette Sheridan non farà più parte del cast di "Desperate Housewives".Il personaggio della sensuale e disinibita Edie Britt lascerà Wisteria Lane e le altre casalinghe disperate. Top secret, al momento, i particolari che decreteranno l'uscita di scena della bionda."Nicollette ha avuto grande successo in questa serie - ha detto il portavoce dell'attrice - Ora attende con impazienza il suo prossimo progetto professionale". Quel che non è chiaro, però, è se è stata la Sheridan a voler lasciare, preoccupata di rimanere troppo legata al ruolo, oppure se sono stati i produttori a decidere la cacciata. Certo, i fan si dispiaceranno della scelta: le 'bad girls' hanno il loro fascino e, per ripettare gli equilibri interni del microcosmo di Wisteria Lane, sicuramente arriverà qualche altra 'Crudelia' tutta curve a rimpiazzarla. Si attendono novità. (Notizia tratta da Gossipnews)

lunedì 9 febbraio 2009

L'EDICOLA DI LOU - Stralci e commenti dai giornali italiani ed esteri sui telefilm

CORRIERE DELLA SERA
"Lipstick Jungle": il clone di "SATC" non riesce
"Le opere migliori hanno questo piccolo difetto: non si possono clonare. Puoi mettere all' opera gli stessi autori, ricreare le stesse situazioni, chiedere a New York un ultimo sforzo ma... Ma «Lipstick Jungle» non è «Sex and The City», punto e basta. La serie, basata sul bestseller omonimo di Candace Bushnell, l' autrice di «Sex and the City», è stata creata da Heline DeAnn e Eileen Heisler. Assente Darren Star, incaricato nel frattempo di creare un altro clone della griffe, «Cashmere Mafia», storia di quattro amiche molto fashion e molto in carriera, che si danno una mano fin dai tempi dell' Università (come in «Sorority Forever»)... La giungla di rossetto è ancora una volta New York: Nico, Wendy e Victory sono 3 amiche di successo. Nico (Kim Raver) è direttrice di una rivista di moda ad alta tiratura e mira a rimpiazzare il suo capo; Wendy (Brooke Shields) è presidente di una casa cinematografica, sposata e con figli, cerca di conciliare carriera e famiglia; infine Victory (Lindsay Price), famosa stilista si trova ad affrontare un periodo duro della sua carriera perché le sue collezioni non incontrano più il favore della critica. «Lipstick Jungle» è pieno di «women in charge», di battute brillanti (rovistando in una bancarella di Central Park: «non indossare quella sciarpa verde, fa molto Shrek»), di situazioni spiritose (Wendy è capace di comandare a bacchetta, con una semplice telefonata, Leonardo Di Caprio), di vestiti, di cocktail, di mariti, di amanti, di upper class, di strade di Manhattan, di scarpe di lusso ma... Ma non è «Sex and The City». Nei suoi dialoghi troppe persone dicono: «rilassati», e troppe sono le situazioni già viste. La serie non è andata molto bene, girano voci di una sua chiusura, nonostante numerosi fans abbiano spedito tubetti di rossetto al presidente e al Ceo della NBC Universal Jeff Zucker e a Ben Silverman, per protestare contro la cancellazione".
(Aldo Grasso, 07.02.2009)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!