Viewers last month

venerdì 30 maggio 2008

LA VITA E' UN TELEFILM - Chiara Poli oggi alle 16.30 su Radio Fujiko
Oggi pomeriggio intorno alle 16.30 tutti sintonizzati su Radio Città Fujiko, la storica radio bolognese con cui la miticissima Chiara Poli farà due chiacchiere a proposito di "La vita è un telefilm", l'enciclopedia tematica delle citazioni tratte dai telefilm più amati, in libreria dallo scorso 30 aprile. Ascolta l'intervista qui: http://www.schermotv.com/content/view/1942/1/.
PICCOLO GRANDE SCHERMO - Carrie me away! In alto sui tacchi, oggi è il giorno: esce finalmente "Sex and the City", il film più griffato della storia (achtung, spoilerissimi!)
(ANSA) - ROMA - L'amore e' l'unica griffe che non passa mai di moda. E' questa la massima con cui termina "Sex and the city", il film piu' modaiolo della storia del cinema. Un capolavoro nel suo genere, che sulla scia del precedente "Il diavolo veste Prada", batte il record di griffe citate. Ne e' l'artefice la costumista Patricia Field, divenuta gia' con i telefilm, la stylist piu' corteggiata dalle grandi griffe. Una sua telefonata in azienda, vale piu' di una campagna di pubblicita' sulle piu' importanti testate femminili. La comedy tratta dall'omonima serie televisiva e' il trionfo del 'glam-sponsor', l'apoteosi del product-placement, che trova il suo momento piu' alto nella scena in cui Carrie, in procinto di sposare il suo fidanzato storico, Mr. Big, si lascia fotografare per un servizio sui matrimoni a 40 anni, per la rivista Vogue Enid Frick, dove lei stessa scrive, con una lunga serie di abiti da sposa firmati da: Christian Lacroix, Caroline Herrera, Lanvin, Vera Wang, Dior, Oscar de la Renta e Vivienne Westwood. Per il giorno delle sue sospirate nozze con Big, Carrie sceglie proprio un abito da sposa donatole dalla stilista inglese, accompagnato da un biglietto scritto dalla Westwood, anche questo su carta intestata con logo: lungo, in taffeta' di raso color avorio, con bustier steccato, gonna gonfia con doppia balza arricciata, velo in tulle fermato da un'aigrette di piume d'uccello del paradiso. Nel film non possono mancare le amatissime scarpe di Manolo Blahnik. Stavolta si tratta di paio di decollete' in raso color blu zaffiro, ricamate in argento, che Carrie usera' per tutto il film come simbolo della promessa di matrimonio del suo Big. Nel film appare anche una numerosa serie di borse griffate: Ferragamo, Versace, Gucci, Chanel. E pure il regalo di Natale che Carrie dona alla sua assistente Louise, che non potendo permettersi di acquistarne una, affitta le borse firmate, e' una hand-bag di Louis Vuitton iper-colorata e superdecorata, racchiusa in uno scatolone con il nome stampato a caratteri cubitali del colosso francese. Intanto, anche le case di moda si affrettano a dedicare lingerie o make up a Carrie, Samantha, Charlotte e Miranda. Al trucco ci ha pensato Sephora, la catena di profumerie francesi che ha realizzato quattro linee di bellezza alle rispettive icone. La lingerie e' stata realizzata da Cosabella. E mentre per la prima del film a New York sono state versate lacrime a fiumi dalle tante fan dei tacchi a spillo, respinte per sovraffollamento con i biglietti in mano, il debutto italiano del film si annuncia all'insegna del glamour. Il film sara' distribuito in 500 sale italiane da oggi, 30 maggio. Anche Mtv e Comedy Central (Sky, canale 115) propongono "Making the movie: Sex and the city", speciale con backstage e retroscena del film, in onda su Comedy Central, il 28 maggio a mezzanotte, il 29 alle 23 e il 30 maggio alle 21,30; su Mtv Italia, il 31 maggio alle 19 e l'8 giugno alle ore 11. E La7 dal 3 giugno trasmette alle 23:15 la prima serie televisiva.

giovedì 29 maggio 2008

PICCOLO GRANDE SCHERMO - Dagli di tacco, dagli di punta! Le fans di "Sex and the City" a un passo dalla rissa per entrare alla prima del già cult-movie (domani nelle sale italiane!!!)
(ANSA) - NEW YORK - Rivolta delle fan in tacchi a spillo alla prima di "Sex and The City" a New York: migliaia di aspiranti Carrie Bradshaw sono rimaste fuori dal cinema Radio City Music Hall nonostante fossero in possesso di un prezioso biglietto di ingresso omaggio. Molte erano in lacrime, altre strillavano inviperite, mentre i fotografi scattavano immagini su immagini.
Una volta finito il lavoro dei paparazzi, alle malcapitate e' stato detto di tornare a casa. ''C'era gente che era stata in fila per ore, alcune avevano addirittura saltato il lavoro, ed e' stato solo per un colpo di pubbliche relazioni'', ha detto una 'vittima' al Daily News, colpevole di aver distribuito alle lettrici un centinaio di biglietti omaggio. Secondo i servizi di sicurezza circa 2000 ragazze, molte in Manolo Blanhik, sono rimaste fuori dal cinema.
NEWS - Addio alle colonne (sonore) Alexander Courage e Hearle Hagen, i compositori D.O.C. di "Star Trek" e "Perry Mason"
Los Angeles, 29 mag. - (Adnkronos) - Il musicista americano Alexander (Sandy) Courage, compositore della colonna sonora originale di "Star Trek", con cui vinse un Emmy Award, l'Oscar della tv, e' morto nella sua casa di Pacific Palisades, in California, all'eta' di 88 anni. Le sue condizioni di salute si erano aggravate nel 2005 e da allora non si e' piu' ripreso. Courage scrisse nel 1965 la "fanfara" per l'astronave Enterprise per l'episodio pilota di "Star Trek": il motivo musicale piacque cosi' tanto ai produttori televisivi che nel 1966 l'adottarono come colonna sonora ufficiale. La musica composta da Courage e' stata poi ripresa anche nei film di "Star Trek" usciti negli anni Ottanta e Novanta, fino all'ultimo del 2002, "Star Trek - La nemesi". Dopo aver iniziato la carriera come musicista per Broadway, Courage e' stato dal 1948 al 1960 uno dei principali creatori di colonne sonore cinematografiche di Hollywood, lavorando ininterrottamente per la MGM. In seguito si e' dedicato alle musiche per telefilm e show televisivi. Come orchestratore principale ha collaborato alla composizione di un centinaio di musiche per altrettanti film, tra i quali figurano "L'avventura del Poseidon", "Furia selvaggia", "Cantanto sotto la pioggia", "Sette spose per sette fratelli", "Bulli e pupe", "Cenerentola a Parigi" e "Il tormento e l'estasi".
Il musicista americano Earle H. Hagen, compositore di alcune tra le piu' celebri colonne sonore della storia della televisione, e' morto nella sua casa di Rancho Mirage, in California, vicino a Palm Springs, per cause naturali, all'eta' di 88 anni. Hagen e' stato il prolifico creatore di memorabili melodie per decine di show e telefilm tra il 1953 e il 1968 tra i quali si ricordano "Make Room for Daddy", "The Mod Squad", "Eight Is Enough", "The Dukes of Hazzard", "La famiglia Bradford", "Il pianeta delle scimmie". Il nome di Hagen e' legato in particolare alla colonna sonora della serie "Perry Mason". E' stato anche il compositore delle colonne sonore di "Andy Griffith Show" e del "Dick Van Dyke Show". Numerose anche le musiche create da Hagen per il cinema, tra le quali figurano "Amore sotto i tetti" (1948),"Un'avventura meravigliosa" (1951), "Salto mortale" (1952) e "Gli uomini preferiscono le bionde" (1953), celeberrimo film con Marilyn Monroe. Hagen inizio' la carriera come un trombettista jazz, esibendosi con le maggiori big band. Nel 1940 compose "Harlem Nocturne", un omaggio a Duke Ellington e Johnny Hodges che e' diventato nei decenni successivi uno dei motivi piu' noti del jazz, spesso usato in tv e al cinema.
NEWS - "Dr. House" logorato su Canale 5, ora si merita un...premium. Piersilvio Berlusconi dixit
(ANSA) - PORTOFINO, 29 MAG - Canale 5 ''ha un po' consumato 'Dr House': ora si ferma e riposa per un pochino''. Dopo i risultati deludenti della quarta serie del telefilm con lo scorbutico medico interpretato da Hugh Laurie, che non e' riuscita a ripetere le brillanti performance dell'anno scorso, forse anche perche' penalizzato dal mix tra repliche e nuove puntate, il vice presidente di Mediaset Pier Silvio Berlusconi fa 'mea culpa'. ''A volte - ha ammesso a Portofino, a margine della presentazione della nuova offerta Mediaset Premium - ci sono problemi di buchi di palinsesto. E poi la domenica sera abbiamo un problema: 'Che tempo che fa' va in onda fino alle 21:30 e anche 'Affari Tuoi' si allunga. Cosa proporremo la prossima stagione? Vedremo''. I fan di House, comunque, potranno seguire la quinta stagione in esclusiva su Joi, il canale dell'offerta Premium Gallery, che continuera' a proporre in anteprima - come e' successo per 'I liceali' - anche le produzioni di fiction che poi andranno in chiaro su Canale 5, come 'Chirurgia d'emergenza'. Nel complesso, comunque, Pier Silvio Berlusconi e' ''davvero soddisfatto'' degli ascolti ottenuti in questa stagione di garanzia primaverile, che si chiude il 31 maggio: ''Canale 5 e Mediaset restano leader assoluti sul target commerciale (15-64 anni, ndr). Abbiamo pienamente raggiunto i nostri obiettivi: anzi, siamo a +0.5% rispetto alla scorsa stagione, mentre la Rai perde 2 punti. Per questo negli ultimi giorni ci siamo permessi di proporre un palinsesto 'con il freno tirato'''.
Tra le anteprime in arrivo sui canali Gallery, per Joi le nuove serie di "Dr. House", "Monk", "Law and Order"; per Mya le nuove stagioni di "Men in Trees", "The Closer", "Nip/Tuck"; su Steel le serie inedite di "Heroes" e "Psych", in anteprima "Bionic Woman", "Terminator".
Forte di 110 milioni di euro di ricavi nel solo primo trimestre 2008, da quando e' stata lanciato Gallery, l'offerta Mediaset a pagamento sul digitale terrestre diventa piu' competitiva. Dal primo luglio, infatti, parte Premium Calcio, 24 ore su 24 per gli appassionati del pallone, e nel pacchetto dei canali a pagamento arriva anche Disney Channel (che restera' anche su Sky ma che prima il satellite aveva in esclusiva). Qualcuno parla di 14 euro al mese, ma la cifra non viene
confermata. Costera' invece 10 euro acquistare Gallery, con la new entry Disney Channel (disponibile anche nella versione +1, cioe' con il palinsesto spostato in avanti di un'ora) accanto ai canali Joi, Mya e Steel.
''Lo sviluppo della pay e' per noi una scelta naturale, non dettata dalla volonta' di fare concorrenza estrema a qualcuno'', sottolinea il vicepresidente Mediaset, che pensa gia' come
prossima mossa ai documentari. Ma a chi gli fa notare che calcio e programmi per bambini sono punti di forza dell'offerta Sky (che tra l'altro si prepara a lanciare a settembre il nuovo canale all news sportivo), risponde: ''Noi pensiamo di poter crescere ancora presso il pubblico che non ha Sky. Se poi qualcuno decidera' di passare da Sky a Gallery, lo fara' in base alla qualita' dell'offerta''. Si arricchiscono anche le modalita' di fruizione di Premium, con la formula 'easy pay': oltre al consueto acquisto della tesserina ricaricabile, lo spettatore potra' scegliere un prodotto, comunicarlo e vedersi addebitato mensilmente il costo in base al pacchetto scelto.
LA VITA E' UN TELEFILM - "La vita è un telefilm o i telefilm aiutano a vivere meglio?": oggi, al "Sud" di Via Solferino a Milano, Andrea Pinketts discute dell'interrogativo esistenziale con Leo Damerini, autore di "La vita è un telefilm" (Garzanti) con Chiara Poli
Cosa unisce Fonzie e Dr.House? Cosa hanno in comune Mork e Tony Soprano? C'è un fil rouge che ci "teletrasporta" da "Star Trek" a "Battlestar Galactica"? E soprattutto: "La vita è un telefilm o i telefilm aiutano a vivere meglio?".
Questi ed altri interrogativi saranno al centro di un appassionante appuntamento oggi, giovedì 29 maggio, al "SUD" di Via Solferino 33, alle ore 21.00. Il popolare scrittore Andrea G. Pinketts incontrerà sul tema Leopoldo Damerini, autore insieme a Chiara Poli di "La vita è un telefilm" (Garzanti), l'enciclopedia tematica delle oltre 2000 frasi e battute più memorabili tratte dalle serie tv di tutti i tempi. Dopo il fresco successo del VI Telefilm Festival - di cui Damerini è Direttore Artistico - un'ulteriore occasione per i milanesi per scoprire i motivi dell'entusiasmo sempre crescente del genere seriale.
"In realtà è un segreto di Pulcinella - spiega Damerini, che domani cercherà di tracciare un'evoluzione darwiniana dei serial - in quanto i telefilm hanno nel loro DNA i cromosomi per svettare sopra tutti gli altri generi televisivi. Maggior realismo, mirabili sceneggiature, più chiavi di lettura, personaggi più identificabili, degni di un transfert freudiano...: la vera Second Life sono le serie tv. E chi crede che l'Avatar motociclista Fonzie non abbia nulla da spartire con l'Avatar motociclista Dr. House, sbaglia".
Quando uno corre sull'autostrada della vita deve dimenticare i limiti di velocità e deve andare a tutto gas!”: chi l'ha detto tra loro due? Al "SUD" di Milano si svelerà come i protagonisti dei telefilm siano diventati i nostri compagni di vita, sempre più distanti dalla finzione e sempre più vicini alla realtà. E di conseguenza, più vicini a tutti noi.

mercoledì 28 maggio 2008

NEWS - I Gossip (Girl e bionici) del Telefilm Festival
Le leggende sono fatte per essere smentite. Preceduti dalla voce che sul set non si sopportassero, Leighton Meester e Chace Crawford di "Gossip Girl" (Mya) si sono rivelati deliziosi nella loro partecipazione al Telefilm Festival. Dopo le interviste e le conferenze, la coppia è stata avvistata in Piazza Duomo e a Brera, in incognito senza alcuna guardia del corpo, mano nella mano. Le tenerezze tra i due sono continuate in albergo. Anche la nuova "Bionic Woman" (Joi), l'inglese Michelle Ryan, altra ospite del TF, non ha ostentato nulla della donna tutta d'un pezzo che interpreta. Una volta finita la conferenza stampa, ha chiesto dove fosse Via MonteNapoleone per dedicarsi assieme ad un'amica allo shopping...bionico. (Articolo di Leo Damerini pubblicato su "TU")

martedì 27 maggio 2008

NEWS - Clamoroso al Cibali! L'omicidio di Lorena a Niscemi è colpa dei telefilm! Lo dice lo psicanalista Gustavo Pietropolli Charmet (un nome, uno stile di vita)
Ogni tanto esce fuori un matto. No, non un serial-killer, quanto qualche esperto del caso (con la "s", non con la "z") che imputa alla "cattiva maestra" televisione, in questo caso ai telefilm, le peggiori motivazioni e pulsioni sociali. Questa volta tocca allo psicanalista dell'adolescenza Gustavo Pietropolli Charmet - nomen omen - già docente di Psiclogia all'Università Bicocca di Milano, chiamato da Repubblica.it a commentare l'omicidio di Niscemi. L'intervistatore chiede a Pietropollo chi abbia suggerito un rituale tanto vicino alle procedure mafiose, e l'eminente psicologi risponde senza vergogna: "I telefilm tipo 'RIS' o qualcosa del genere. Sono stati ispirati da un immaginario e una simbologia iscritta dietro la rappresentazione massimediale del delitto. Un tempo non erano disponibili suggerimenti simili. Il comportamento dei ragazzi sarebbe stato più banale, meno complesso". Ipse dixit. Roba da far rimpiangere il Moige...! Consoliamoci con l'amorevole e realistico ritratto di Chiara Poli sui serial-lovers, quelli per cui "la vita è un telefilm" senza bisogno di psicologi da strapazzo...: http://beta.foxtv.it/magazine/2008/05/16/speciale-for-serial-lovers/

lunedì 26 maggio 2008

LA VITA E' UN TELEFILM - Achtung, baby! Telefilm-fans di Milano e Modena unitevi: giovedì tutti a Milano al "Sud", alla presentazione di "La vita è un telefilm" con Damerini e Andrea G. Pinketts. Sabato tutti a Mirandola (Mo) al "Castello di libri"
La vita è un tour (de force)! I Telefilm-Fans di Milano e Modena (ma non solo loro) sono chiamati a raccolta per la doppia presentazione, questa settimana, di "La vita è un telefilm" (Garzanti) di Damerini-Poli, l'Enciclopedia delle oltre 2000 migliori frasi e battute tratte da 300 serie tv dalle orgini ad oggi.
Il primo appuntamento è a Milano per questo giovedì (22 maggio): alle ore 21.00, al "Sud" di Via Solferino 33, Damerini presenterà il volume in compagnia di Andrea G. Pinketts, titolare dei giovedì letterari del locale che vanta il cous-cous più buono della città.
Sabato 31 maggio Damerini sarà invece protagonista dell'Aperitivo letterario della rassegna "Un castello di Libri", al maniero dei Pico a Mirandola (Modena). Telefilm-fans della Lombardia e dell'Emilia Romagna e confinanti (Sicilia compresa!), siete tutti invitati!
QUIZ - Chi è la Miss Retro dei telefilm?
Scoppia il caldo (ma dove?), è tempo dei primi bikini. E allora il nuovo imprescindibile Quiz verte sul backstage di un'attrice telefilmica che gli analisti del caso definiscono il più bello dopo quello di Jessica Alba. Chi è la bionda (quella a sinistra) che lo sfoggia provocando l'invidia dell'amica (quella a destra): da notare le vene varicose sul braccio sinistro della bikinata in rosa per dedurne lo stato di rosicamento...! Per i fanatici del caso, non sfugga la chioma alla Farraw Fawcett della nostra, degna del miglior Sandy Marton pettinato ai tempi di "People from Ibiza"...
GOSSIP - La nuova Alba: mai più con un collega. Ancora scottata dalla relazione con Michael Weatherly di "Dark Angel"
(Agi) - Mai piu' una relazione con un collega: lo dice Jessica Alba che dimostra di non aver digerito di essere stata lasciata, anni fa, dall'attore Michael Weatherly di "Dark Angel". La coppia si separo' nel 2003 e da allora Jessica si e' tenuta ben distante da un possibile rapporto con un'altra stella del cinema. "E' troppo dura vedere il tuo ragazzo con altre donne e nel nostro mondo e' praticamente impossibile che non accada, quando un amore finisce". "Amo la gente creativa - ha aggiunto l'interprete dei 'Fantastici Quattro' - ma ho capito che per il mio equilibrio chi mi sta accanto deve essere logico e razionale". La Alba, il cui compagno e' il produttore Cash Warren, si è sposata la scorsa settimana ed e' al momento in dolce attesa.

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!