Viewers last month

sabato 16 luglio 2016

NEWS - Emmy Awards, le nomination 2016: le scelte di Telefilm Cult (in rosso)

Best Drama

“The Americans” (FX)
“Better Call Saul” (AMC)
“Downton Abbey” (PBS)
“Game of Thrones” (HBO)
“Homeland” (Showtime)
“House of Cards” (Netflix)
“Mr. Robot” (USA)

Best Comedy

“black-ish” (ABC)
“Master of None” (Netflix)
“Modern Family” (ABC)
“Silicon Valley” (HBO)
“Transparent” (Amazon)
“Unbreakable Kimmy Schmidt” (Netflix)
“Veep” (HBO)

Best Limited Series

“American Crime” (ABC)
“Fargo” (FX)
“The Night Manager” (AMC)
“The People v. O.J. Simpson: American Crime Story” (FX)
“Roots” (History)

Best Actor, Drama

Kyle Chandler, “Bloodline”
Rami Malek, “Mr. Robot”
Bob Odenkirk, “Better Call Saul”
Matthew Rhys, “The Americans”
Kevin Spacey, “House of Cards”
Liev Schreiber, “Ray Donovan”

Best Actress, Drama

Claire Danes, “Homeland”
Viola Davis, “How to Get Away With Murder”
Taraji P. Henson, “Empire”
Tatiana Maslany, “Orphan Black”
Keri Russell, “The Americans”
Robin Wright, “House of Cards”

Best Actor, Comedy

Anthony Anderson, “black-ish”
Aziz Ansari, “Master of None”
Will Forte, “The Last Man on Earth”
William H. Macy, “Shameless”
Thomas Middleditch, “Silicon Valley”
Jeffrey Tambor, “Transparent”

Best Actress, Comedy

Julia Louis-Dreyfus, “Veep”
Laurie Metcalf, “Getting On”
Ellie Kemper, “Unbreakable Kimmy Schmidt”
Tracee Ellis Ross, “black-ish”
Amy Schumer, “Inside Amy Schumer”
Lily Tomlin, “Grace and Frankie”

Supporting Actor, Drama

Jonathan Banks, “Better Call Saul”
Peter Dinklage, “Game of Thrones”
Kit Harington, “Game of Thrones”
Michael Kelly, “House of Cards”
Ben Mendelsohn, “Bloodline”
Jon Voight, “Ray Donovan”

Supporting Actress, Drama

Emilia Clarke, “Game of Thrones”
Lena Headey, “Game of Thrones”
Maggie Smith, “Downton Abbey”
Maura Tierney, “The Affair”
Maisie Williams, “Game of Thrones”
Constance Zimmer, “UnREAL”

Supporting Actor, Comedy

Louie Anderson, “Baskets”
Andre Braugher, “Brooklyn Nine-Nine”
Tituss Burgess, “Unbreakable Kimmy Schmidt”
Ty Burrell, “Modern Family”
Tony Hale, “Veep”
Keegan-Michael Key, “Key & Peele”
Matt Walsh, “Veep”

Supporting Actress, Comedy

Anna Chlumsky, “Veep”
Gaby Hoffman, “Transparent”
Allison Janney, “Mom”
Judith Light, “Transparent”
Kate McKinnon, “Saturday Night Live”
Niecy Nash, “Getting On”

venerdì 15 luglio 2016

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

CORRIERE DELLA SERA
Nel transfert di "Minority Report" dal grande al piccolo schermo spunta l'ironia
"Un gemello è preveggente, nel senso che individua in anticipo il volto di un possibile assassino. L’altro prevede i nomi. Ma non lavorano di comune accordo e spesso i delinquenti hanno mano libe ra. Dash (Stark Sands), uno dei gemelli precog, decide di collaborare con la polizia e con la detective Lara Vega (Meagan Good) per cercare di dare un senso alle sue visioni frammentarie: la sua capacità precognitiva è infatti condivisa con gli altri due precog, il fratello gemello Arthur (Nick Zano) e la sorella Agatha (Laura Regan), che per ora è timorosa sul da farsi. È giunta anche in Italia 'Minority Report' (Fox, mercoledì, 21.00 canale 112 di Sky), la nuova serie tv firmata da Steven Spielberg e Max Borenstein, adattamento e sequel televisivo dell’omonimo romanzo di Philip K. Dick e del film del 2002 diretto dallo stesso Spielberg. Ricordate la trama del film? Nell’anno 2054, a Washington, l’omicidio è stato eliminato. Si prevede il futuro e il colpevole può essere punito prima ancora che il crimine sia commesso. In una sezione particolare del Dipartimento della giustizia, l’Unità pre crimine, i precog, tre giovani veggenti che vivono in una sorta di piscina amniotica e le cui premonizioni di omicidio non hanno mai sbagliato, riescono a vedere ogni traccia di reato da immagini che svelano il tempo, il luogo e altri dettagli e ch e rimandano su video. Se il film era prevalentemente svolto in chiave di thriller fantascientifico, nella serie c’è una continua oscillazione tra una visione distopica orwelliana — una società interamente dominata da un potere onniveggente, una nuova arena pubblica definita dalla visibilità istantanea del piccolo schermo — e buoni tratti di autoironia (Fox prende in giro la serie e se stessa con una immaginaria puntata de I Simpson). Lo sforzo è sempre quello di interrogare il presente nello schermo deformato del futuribile: il presentimento come grande paura dell’inconoscibile". (Aldo Grasso, 15.07.2016)

giovedì 14 luglio 2016

GOSSIP - Clamoroso al Cibali! Kristen Bell: "ho cambattutto la depressione!"

Kristen Bell takes the cover of Redbook magazine’s August 2016 issue. Here’s what the 35-year-old Veronica Mars star had to share with the mag:
On opening up about battling depression: “It didn’t occur to me that I would help anybody. Also, I didn’t expect to be so moved by people’s comments on social media about how they had been prescribed medication and never wanted to take it until now because it finally didn’t feel shameful. You’re labeled as a failure if you can’t kick depression. That’s bulls–t. You would never deny a diabetic his insulin and go, ‘Why can’t you process sugar on your own?’”
On husband Dax Shepard getting jealous: “Every now and again, but he layers it in comedy. When I get ready for a red-carpet event, he’ll say, ‘Don’t get too confident tonight and think of leaving me!’ I’m like, ‘You’re lucky that nobody at this party is going to be as interesting as you are!’”
On how she and Dax work well: “We fought a lot and I loved a dramatic exit. It I could slam a door, I felt so powerful. If I could get in my car and screech away, it was even better…. He said to me, ‘If we have an issue, you can’t leave. We’re going to talk or I’m not going to do this with you.’ I loved him so much that I was like, I better get my act together.”
For more from Kristen, visit RedbookMag.com.

mercoledì 13 luglio 2016

NEWS - Clamoroso al Cibali! In arrivo un nuovo fumetto di "Jessica Jones"

News tratta da "Entertainment Weekly"
Netflix’s Jessica Jones made the titular protagonist — a hard-drinking, down-on-her-luck, super-strong private eye played by Krysten Ritter — the breakout star of Marvel’s burgeoning TV universe last fall. But fans eager to transition from the on-screen character to comics starring her would have been forced to go back years, to Brian Michael Bendis’ original run on Alias in the early 2000’s, or its sequel The Pulse, which ended in 2006. Now, fans will once again be able to read new comics with Jessica Jones on the cover. On Tuesday, Marvel announced a new Jessica Jones comic from the original Alias creative team: Bendis (writer), Michael Gaydos (interior artist), and David Mack (cover artist). In fact, Bendis told IGN that the series is launching this year instead of last specifically because he wanted to wait for Gaydos’ and Mack’s schedules to clear up.
“I’ve worked with other artists on Jessica and always enjoyed it, but in my mind she never looks and feels and breathes and smells more like Jessica than when Michael draws her,” Bendis said. “That is the signature in which people think of her, of those visuals. So having them all back together and having everyone be just a little bit better at their jobs — I think Michael is a better illustrator and David is a better painter — and I have to rise to the occasion and meet them.”
One of the reasons for Marvel’s recent dearth of Jessica Jones stories was that the character had seemed to finally get her life together, even having a baby with long-time partner Luke Cage. According to Bendis, when we catch up with Jessica in the new series, her life will once again be a mess (though Bendis swears baby Danielle is fine).
“You’re going to find out about it in the first issue. We’re going to open up a book where Jessica’s world has blown up in her face,” Bendis told IGN. “She’s at a place you’ll least expect her. You’re going to find all of her relationships have altered. And we’re slowly going to find out why. I do like writing Jessica where we have to figure out ‘why this has happened?’”
NEWS - Netflix, un successo matematico! Alla scoperta dell'algoritmo che permette di sapere cosa guardano e apprezzano gli abbonati

Articolo tratto da "la Repubblica"
Una mappa costruita usando quindici diversi algoritmi. Analizza in tempo reale ciò che guardano, fra film, cartoni e serie tv, oltre 80 milioni di persone in 190 paesi. La matematica al tempo dello streaming, quando diventa rappresentazione grafica, è ipnotica. Carlos Gomez Uribe, vicepresidente di Netflix, sorride mentre ci mostra la mappa. In una sala della Cité du Cinéma, a Parigi, chiede l’indirizzo mail al quale è associato il nostro account. Lo inserisce e la mappa si popola di zone luminose. Rappresentano la concentrazione di spettatori che hanno gusti simili. Non solo e non tanto le coincidenze nella scelta del catalogo, quanto i modi, i tempi e in generale il profilo di spettatore. Scopriamo così di far parte di una comunità numerosa in Europa e ben rappresentata sia sulla costa est sia sulla costa ovest degli Usa. Con i nostri stessi gusti ce ne sono tanti in Centroamerica fra Colombia, Venezuela e Costa Rica; e a Oriente, Dubai e Kuwait, Mumbai e Bali. Ma soprattutto in Nuova Zelanda. «Già», commenta Uribe, «ora possiamo vedere in diretta il formarsi di nicchie trasversali e invisibili fino a poco tempo fa». E questo permette a Netflix di produrre, con un margine di errore più basso, serie, film e cartoni sapendo che lì fuori, fra Bali e l’Italia, li vedranno. È vero, gli strumenti che oggi abbiamo a disposizione permettono di disegnare un profilo degli spettatori prima impossibile», conferma Andrea Scrosati, il vice presidente di Sky dietro a successi come Romanzo Criminale, Master Chief, X- Factor e Gomorra. «Peccato che non permetta di capire dove andrà il gusto del pubblico, altrimenti il mercato sarebbe già cambiato. Nonostante i big data di Hulu, Amazon e Netflix, a Hollywood il tasso di fallimento delle serie tv è rimasto immutato e solo due su dieci ottengono dei risultati apprezzabili.
Oggi in America vengono prodotte ogni anno 450 serie. Sono decuplicate rispetto al 2006. Se si aggiungono quelle di altri paesi, si arriva a un numero che supera le ottocento produzioni. Ma è una bolla. La creatività è fatta di elementi imponderabili e porta a quei successi capaci di intercettare le tendenze prima che si manifestino. Costruire a tavolino un film usando i big data significa costruirlo sulle tendenze che sono parte del presente o peggio del passato». Insomma, gli exploit di Lo chiamavano Jeeg Robot, il film di Gabriele Mainetti, non nascono dai numeri. Così come quello internazionale di Gomorra.
Altrove la pensano diversamente. Nel campo musicale, per quanto sia altra cosa rispetto a quello cinematografico e televisivo, iniziano a sostenere di avere per le mani la stessa arte che fu degli oracoli. La musica è sempre stata all’avanguardia, nel bene e nel male. È stata la prima a esser travolta dal digitale ai tempi di Napster e la prima ad aver visto l’affermazione di colossi hi-tech come Apple e il suo iTunes, che per altro pare sia ormai in piena crisi a causa dello streaming.
Altro fenomeno nato in questo settore, con i suoi cataloghi immensi consultabili da smartphone per pochi euro al mese. Ed è sempre qui che stanno applicando la predizione basata su algoritmi e apprendimento delle macchine. «Ora sappiamo dove nascono i successi di domani».
Jason Titus, vice presidente di Google, qualche mese fa ne parlava così ad esempio. Quando pronunciò questa frase davanti a un giornalista di The Atlantic, lavorava ancora a Shazam, servizio nato a Londra e usato ogni mese da cento milioni di persone per riconoscere una canzone che si sta ascoltando per caso, poco importa se a casa di qualcuno o alla radio. Quindici miliardi i brani identificati con la sua app installata in cinquecento milioni di telefoni.
Adesso ha iniziato a offrire alle case discografiche uno strumento per capire in anticipo quale sarà il prossimo successo commerciale. Lo fa guardando al passato: l’analisi degli ascolti messi a confronto con quel che è accaduto nel corso degli anni. Ricordate ad esempio Royals, la canzone con cui Lorde si è fatta conoscere?
Nel 2013 apparve dal nulla, o meglio dalla Nuova Zelanda che è il suo paese natale, e pian piano si diffuse fino a diventare la più ascoltata in tremila città americane. L’anticamera di un successo planetario. In un mondo dove solo l’uno per cento degli artisti rappresenta il 77 per cento degli introiti delle case discografiche, quindi con un tasso di “fallimento” ben più alto di quello delle serie tv, i miracoli dei big data fanno gola.
Oggi è a capo della divisione ricerca e sviluppo per il colosso dello streaming di Stoccolma, lo stesso che ha appena annunciato di voler iniziare a produrre serie tv; ed è anche lui convinto che la matematica, unita all’enorme quantità di dati che condividiamo e alla musica e ai video che consumiamo, stia dando vita a una forma predittiva di tecnologia sfruttando le tecniche dell’apprendimento delle macchine che, in questo caso imparano con il tempo divenendo sempre più precise nell’analisi delle abitudini delle persone e nei consigli che riescono a dare.
«Per capire i gusti musicali di qualcuno e offrirgli i brani che non conosce ancora ma che sicuramente gli piaceranno, serve circa una settimana», spiega dalla sua casa di Brooklyn. «Stiamo lavorando per accorciare i tempi. Abbiamo iniziato a incrociare i dati presenti sui social network scoprendo che alcuni aspetti personali, l’inclinazione politica per dirne una, sono determinanti. Oppure se si possiede un iPhone o un Android. Oltre ovviamente al sesso, l’età, al paese di provenienza».
Per capire come davvero stanno le cose chiamiamo Brian Whitman. Dottorato al Mit, trentacinque anni, è il cofondatore di Echo Nest, piattaforma di analisi dati legati all’industria musicale acquisita da Spotify per centoventicinque milioni di dollari nel marzo di due anni fa.
Le ipotesi di Brian Whitman nascono dalle informazioni che arrivano da una base di utenti di cento milioni di persone che ascoltano musica in tutto il mondo. Ed è sempre grazie alla stessa base che vengono confermate. Fino ad arrivare a una mappa dei consumi musicali in continua evoluzione, ben oltre le classifiche dei brani più in voga, e a una capacità di previsione delle tendenze a breve termine. Ma è un miracolo che accade solo nel settore musicale.
Da questo punto di vista Scrosati ha ragione: malgrado Amazon abbia in mano i dati di milioni di lettori non ha ancora pubblicato il romanzo perfetto, né Netflix il film che sicuramente farà presa. E poi una cosa è produrre da zero un brano usando quel che dicono gli algoritmi, altro tracciarne in anticipo l’ascesa. Ma resta il fatto che ci stanno provando. Come scrive Pedro Domingos, Università di Washington, nel suo L’algoritmo definitivo (Bollati Boringhieri), questo è un settore che sta progredendo a ritmi esponenziali. Oltre a farsi sentire potrebbe iniziare a farsi vedere.

martedì 12 luglio 2016

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

CORRIERE DELLA SERA
"The Goldbergs", piacevole sit-com allisciata dalla nostalgia per gli anni '80 
“Una sit-com sugli anni «Eighties», favolosi come tutti gli altri decenni (gli scherzi della memoria), una sit-com girata nello stile di quegli anni, piena zeppa di riferimenti pop, di icone, di oggetti culto, una sit-com che rappresenta il punto di vista di una telecamera tenuta in mano da un undicenne. «The Goldbergs», la serie di Joi, è ambientata a Jenkintown, in Pennsylvania. I Goldbergs, la famiglia, è una comunità un po’ stravagante: papà Murray Goldberg (Jeff Garlin), sua moglie Beverly (Wendi McLendon-Covey) e i tre figli, Erica (Hayley Orrantia), la più sveglia e di successo, Barry (Troy Gentile), l’incompreso, e Adam (Sean Giambrone). Il piccolo Adam filma i momenti fondamentali della biografia famigliare (mai buttare via niente!). Il piccolo Adam altri non è che il vero Adam F. Goldberg, oggi regista e produttore televisivo, creatore della comedy. Partecipa attivamente alla famiglia anche il nonno Albert Pops Salomon (padre di Beverly) che vizia i nipoti alle spalle dei loro genitori. Fanno la loro fugace apparizione anche alcune guest star, tra cui Chuck Norris, Charlie Sheen e David Spade. Se da una parte la serie racconta la complessità dei rapporti famigliari (madre overapprehensive, una premurosità sempre sopra le righe, padre un po’ incitrullito dal lavoro e dai sensi di colpa indotti dalla moglie, figli adolescenti rompi), dall’altra mette in scena frammenti di quegli anni (i miti musicali, quelli sportivi, quelli cinematografici, i primi computer, la nascita della Cnn, il videogioco Pac-Man, E.T. L’extraterrestre e Star Wars, Thriller di Michael Jackson, Born in The Usa di Bruce Springsteen…), quando gli Stati Uniti erano al massimo dell’esplosione della cultura pop (l’edonismo reaganiano, secondo la fortunata espressione di Roberto D’Agostino). La sit-com ha una sua piacevolezza, dialoghi brillanti anche nella loro fatuità, alleggerita e allisciata dalla nostalgia”. (Aldo Grasso, 09.07.2016)

lunedì 11 luglio 2016

NEWS - FSociety colpisce ancora! L'anteprima della 2° stagione di "Mr. Robot" a sorpresa sui social (per poco)

News tratta da "Entertainment Weekly"
FSociety has struck again. This time, the fictional hacker organization from Mr. Robot gave the show’s fans exactly what they wanted: a look at the full season 2 premiere episode three days before it airs on Wednesday on USA.
The network held a Facebook Live Q&A session Sunday night featuring the show’s cast and hosted by Keegan-Michael Key. All seemed to be going smoothly until about 20 minutes into the livestream, when FSociety interrupted and launched into a rant about the interview itself. And then, the first 60 minutes of the premiere episode aired right then and there.
That was just the beginning. After the episode completed, it disappeared from Facebook. Shortly thereafter, the preview appeared on Twitter, Snapchat, YouTube, and USA Network’s homepage.

GOSSIP - L'Elba di un nuovo Bond? L'ex "Luther", candidato a succedere a Craig nello smoking di 007, a tutta cover su "Interview"

Idris Elba poses shirtless in this brand new cover feature for Interview magazine’s new issue.
Here’s what the 43-year-old actor had to share with the mag:
On constantly working: “…It’s unhealthy to have that much going on. [laughs] I don’t want to sound ungrateful or anything, but I sleep less, I’m constantly thinking, I’m constantly multitasking, and I really don’t know what the effects are going to be when I’m older. I don’t ever stop. Not because I’m greedy or anything, but I’m always creating, debating with the part of my brain that is dormant. Wondering how I can move in and create a bit more space and take a bit more time. But it’s almost like the more I achieve, the more capacity I have to achieve. I do worry sometimes about whether I’m going to burn out. Not burn myself out, but burn my art out, with audiences going, ‘Ah, yeah, I’ve seen enough now, thanks very much.’”
On DJ’ing: “Anyway, what happened was, once I got The Wire, my life changed. I couldn’t DJ as much and I couldn’t take it seriously because my career as an actor was just getting to a place where I was finally making it in America. I wanted to be on American TV so much. I didn’t park DJ’ing; I just sort of ended up becoming more of a studio guy. I had a bit more money and I could buy every little piece of equipment and drum machine that had just come out—I’ve got quite a collection now— and I continued to collect music. Then about five years ago, my career blossomed, but I really missed being out on the road, DJ’ing. So I started picking up gigs here and there, and what occurred to me really quickly was that I was going to water down my passion for DJ’ing, because the type of gigs I was getting were celebrity DJ work, and that just didn’t sit right. So I made a decision about five years ago to really do it properly, to do it at that level I had never done it, but take it seriously and not ride the coattails of being an actor. It took a while because I had to take my time to introduce myself into that world: doing remixes, being taken seriously.”

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!