Viewers last month

venerdì 21 dicembre 2012

IL GIOCO DEI TELEFILM - Non avete più scuse, "Il Gioco dei Telefilm" è ovunque! Caccia natalizia per regalare il primo gioco in scatola sulle serie tv. Ecco la mappa, città per città, dove trovarlo o ordinarlo on line

La mania per "Il Gioco dei Telefilm" (Ghenos Games) dilaga in tutta Italia e a Natale, più che mai, è il regalo più desiderato dai serial addicted e non solo. La lista delle città dove trovarlo si allunga sempre di più e altre località sono in attesa di riceverlo dopo la forte richiesta. Se malauguratamente non lo trovaste, la soluzione più veloce e sicura è ordinarlo on line alla Ghenos Games (vedi fine del Post per il link).

- ASTI: Centro Gioco Educativo di Via Quintino Sella 3
- BARI: in arrivo alla Città del Sole di Via Nicolò Dall'Arca 14
- BERGAMO: Città del Sole di Via Paglia 9
- BOLOGNA: Città del Sole di Strada Maggiore 17
- BRESCIA: Città del Sole di Corso Mameli 40
- BUSTO ARSIZIO: Città del Sole di Via Montebello 3
- CAGLIARI: Città del Sole di Via Oristano 1
- CERNUSCO SUL NAVIGLIO: Città del Sole di Via IV Novembre 13
- CESENA: Città del Sole di Piazza del Popolo 39. Una copia rimasta (hurry up!)
- CHIERI: Centro Gioco Educativo c/o Centro Commerciale Il Gialdo
- CIRIE': in arrivo martedì al Centro Gioco Educativo di Via Vittorio Emanuele 23
- FAENZA: Città del Sole di Corso Mazzini 73
- FIRENZE: Città del Sole di Via dello Studio 23/r (angolo Via delle Oche)
- FOGGIA: in arrivo alla Città del Sole di Via Valentini Vista Franco 8
- INTRA: Centro Gioco Educativo di Via Canna 4
- LECCE: Città del Sole di P.zza S. Oronzo 45. Una copia rimasta (hurry up!)
- LECCO: Città del Sole di Via Mascari 49. Una copia rimasta (hurry up!)
- LIVORNO: Città del Sole di Corso Amedeo 66. Una copia rimasta (hurry up!)
- MILANO: Mondadori Multicenter (Piazza del Duomo, Corso Vittorio Emanuele, Via Marghera). Prezzo di lancio sotto i 30 euro!
- MODENA: Città del Sole di Via Farini 55
- MONCALIERI: Centro Gioco Educativo di Via Sestriere 17
- MONZA: Città del Sole di Via Carlo Alberto 33
- MORBEGNO: Città del Sole di Via Garibaldi 34
- NAPOLI: Città del Sole di Via Kerbaker 46
- NOVARA: Città del Sole di Via F.lli Rosselli (ang. Via Mazzini)
- PADOVA: Città del Sole c/o riviera Ponti Romani 34. Una copia rimasta (hurry up!)
- PALERMO: Città del Sole di Via Siracusa 5/a
- PESARO: Città del Sole di Piazza Lazzarini 18
- PISTOIA: Città del Sole di Via de Rossi 12
- PRATO: Città del Sole di Via Luigi Muzzi, 52-54
- RIMINI: Città del Sole di Via Tempio Malatestiano 45
- RIVOLI: Centro Gioco Educativo di Via Rombò 35
- ROMA: Città del Sole di Piazza San Cosimato 39+Viale Somalia 61+Via Appia Nuova 401+Via Colonna 5+Via Oderisi da Gubbio 130+Via della Scrofa 65
- SARONNO: Città del Sole di Via Garibaldi 13
- SASSARI: Città del Sole di Via Scano 15
- SEREGNO: Città del Sole di Via Umberto I, 25
- SETTIMO TORINESE: Centro Gioco Educativo di Via Giacomo Matteotti 3
- TORINO: nei negozi del Centro Gioco Educativo di Corso Agnelli 38/40, Via Cernaia 25, Corso Raffaello 7, Corso Ferrucci 105, Via Chiesa della Salute 46. Alla Città del Sole di Via Nizza 97b. In quest'ultimo, poche copie rimaste (hurry up!)
- TRENTO: Città del Sole di Via Grazioli 17
- TREVIGLIO: Città del Sole di P.tta Santagiuliana 1/A
- TREVISO: Città del Sole di P.za S.Leonardo 12
- UDINE: Città del Sole di Via Giusti 6
- VARESE: Città del Sole di Via Morosini 2
- VERBANIA: Centro Gioco Educativo di Via Canna 4
- VERONA: Città del Sole di Via Carlo Cattaneo 8. Una copia rimasta (hurry up!)
- VIMERCATE: Mondadori c/o Centro Commerciale Torri Bianche, Via Torri Bianche 16/9

Per ACQUISTARE "IL GIOCO DEI TELEFILM" ON LINE, vai sul sito della Ghenos Games a questo indirizzo diretto:
http://www.ghenosgames.com/5/catalogo-giochi/giochi-family/il-gioco-dei-telefilm/
IL GIOCO DEI TELEFILM - Oggi è davvero la fine del mondo! Il Gioco dei Telefilm stasera a "Striscia la notizia"!

giovedì 20 dicembre 2012

NEWS - E' la fine del mondooo. Lazzaroni, alzatevi! Lauren Cohan fa resuscitare i morti su un magazine trendy in Inghilterra!
Articolo, intervista e foto tratti da "Ladygunn"

Lauren Cohan has played a variety of roles including Charlotte in VAN WILDER 2, and has made TV appearances on television crime dramas like COLD CASE, however she is best known for her darker roles such as Rose in VAMPIRE DIARIES and as the badass farm girl Maggie on THE WALKING DEAD. When interviewed she was sporting comfy clothing, informing me that she didn’t really care much for fashion. “I’m so anti-fashion” she told me. She was wearing a vintage MASH shirt and a pair of Levis that she cut her self. “If it feels like something that’s been around a long time then its ideal!”
Born in Philadelphia and raised in New Jersey she moved to the United Kingdom at the age of 12. The move was more than just a location change; it also prompted her to make subtle appearance changes as well. “I remember hairstyles being a huge adjustment for me because I was 12 and you’re pretty tender. People didn’t wear barrettes in their hair [in the UK.] Its a huge deal.” Tis true. At that age its the tiniest details that can set you apart in some big ways. “I feel like when I left [the US] everyone was still scrawny and skinny and on the flight to England everyone got boobs. So, I got to England and I was the only person I knew without boobs.” Well, it seemed to work out in the end for Miss Cohan!
She did enjoy the more carefree attitude of the UK when it came to drinking. “People can go to the pub and you can drink with your parents at the restaurant. You get treated more like an adult out there, which I grew to love pretty quickly.” This led to us chatting about binge drinking and perhaps how that phenomenon is triggered by the 21- year-old drinking age that the US has. ”I think it’s really strange that you can be at college here but you can’t have a drink and that you can die for the country, yet are forbidden to consume a fucking Bud Light!


Acting on shows that have such dark premises definitely takes its toll on the mind of Lauren. She told me that she had zombie dreams her entire life, so much so that she doesn’t even classify them as nightmares. Though, when she began her role on THE WALKING DEAD, the weirdness levels of them increased substantially. She began having “really inappropriate dreams about zombies, zombies just being in my private space.” She recalls one in particular. “It was like PSYCHO meets NIGHT OF THE LIVING DEAD; zombies standing outside of my shower when I got out. “
She attributes that dream and others like it to being a part of failing to detach herself from the character of Maggie. “You can’t really play any character without going into it full fledged, and I think that it hits every level of your psyche.” Even before accepting that role, Lauren described herself as a dark person. “I think I am pretty dark. Though, I surround myself with enough dark people that I sort of feel like the lightest one of the bunch. It’s all relative.”
An avid fan of the 1989 film PET SEMETERY, Lauren told me that as a kid it invoked some zombie-like fantasies from her.“ At school people were talking about rabies all the time and everyone was aware of it. I always wished that animals around me would be rabid, and become these green eyed maniac animals!”
That particular fantasy of hers came true. Well, in a way! While living in England she lived nearby a real Pet Cemetery. There was a stream by her house that led to a “bona fide pet cemetery,” though it was “quaint and peaceful. I looked like it was for humans. People had plaques on the graves for the animals and they would leave flowers for them.” Naturally, whenever visitors came into town, Lauren would take them there at night for a little local sightseeing!
Horror films are a genre fave for Lauren, zombies in particular and she cited 28 DAYS as one of her recent favorite movies. I ask her opinion on the whole apocalypse ordeal. “It’s coming soon isn’t it?” She said while laughing. I told her that according to the many wackos I have researched, that the deadline was in October.
“Okay good, that’s when our show comes out! I feel like I am already living in it [the apocalypse]!” She told me that if such a horrible fate is on the horizon, it doesn’t matter, as one should live each day as its their last anyway. “It’s the same as when I think about cancer.”
I brought up the bath salt sensation that has been sweeping the nation. “I was like, great!” She recalled her initial reaction to the Miami face-eating incident, “People are gonna blame THE WALKING DEAD for that. I just know it. We may not have even heard about it if zombies weren’t so prevalent [in mainstream culture]. Or maybe that shit wouldn’t have happened.” She added that, “the universe is so tiny. Every single time I think about my mom, she calls me and I know that is not a coincidence. I think that if something’s out there it just manifests into all kinds of ways almost immediately. “ She paused and said, “But its still not THE WALKING DEAD’s fault.”
Her interest in dark things is counteracted by her positive personality and optimistic perspective on life. When it comes to vices, “I think bad energy and negativity towards other people does a lot worse things to your body!” Couldn’t agree more. Anger, jealousy, and resentment can only destroy you internally.
“And those people are your shadow! If I’m pissed off at someone or if I want to bitch about someone that I’m annoyed at, I know its just my own shadow!” By shadow she means seeing something in somebody else that you don’t like because of your own insecurities or flaws, even if its not conscious.
In addition working on a new season of THE WALKING DEAD, in which she promises that the zombies will be much more terrifying than previously due to excellent special FX, she was recently on an episode of THE CHILDREN’S HOSPITAL on Adult Swim. “It’s dark comedy. Its all this twisted shit. Its great!

mercoledì 19 dicembre 2012

L'EDICOLA DI LOU - Stralci e commenti sulle serie tv dai media italiani e stranieri
"Suits", sfida legale riuscita a metà
"Su Joi è in onda in anteprima la seconda stagione di «Suits» una «serie legale» ambientata nello spregiudicato mondo degli avvocati newyorkesi, tra cause milionarie e parcelle a molti zeri, dove il successo di ciascuno si misura dalla qualità sartoriale dell'abito scuro d'ordinanza (Mediaset Premium, giovedì, ore 21.15). Mike Ross (Patrick J. Adams) è un giovane rampante e talentuoso, anche grazie al dono di una prodigiosa memoria fotografica. Non va però molto d'accordo con le istituzioni: viene cacciato dal college e vede così infrangersi il sogno di diventare avvocato. Per sopravvivere inizia ad affidarsi a espedienti non propriamente onesti (come sostenere gli esami d'ammissione alla scuola di legge al posto di altri candidati), finché viene assunto con uno stratagemma poco chiaro nel prestigioso studio legale Pearson e Harmand, come «associate partner» del navigato Harvey Spencer. Con la legge se la cava più che bene e il suo piccolo segreto sembra essere al sicuro. Sembra, perché proprio in apertura della seconda stagione la verità inizia a venire a galla: alla titolare dello studio, Jessica Pearson, arriva una soffiata sulla mancata laurea di Mike e le cose per lui iniziano a complicarsi parecchio.Il cosiddetto «legal drama» è un filone che i telefilm americani hanno coltivato molto, declinandolo in vari toni e sfumature, dalla comicità sentimentale e surreale di «Ally McBeal» agli avvocati spregiudicati e «squali» di «Shark», fino ai picchi di perfezione recitativa e narrativa di «The Good Wife». La sfida è per tutti la stessa: costruire dei personaggi fissi a cui ci si possa appassionare nel tempo, e inventarsi dei casi legali di puntata credibili e intriganti. «Suits» riesce bene nella prima missione, soprattutto con la «strana coppia» composta da Mike e Harvey, ma i casi di puntata non sempre tengono il passo di una narrazione di livello".
(Aldo Grasso, 17.12.2012)

martedì 18 dicembre 2012

IL GIOCO DEI TELEFILM - Lo sdoganamento delle serie tv col "Gioco dei Telefilm"

LA STAMPA

A Natale giochiamo coi telefilm!
"Sentite questa. Ci mancava. Per chi le serie le ama proprio, e ritiene che lì la tv abbia la sua miglior forma, è uscito «Il gioco dei telefilm», un gioco in scatola sulle serie di tutti i tempi, 750 domande, divise in epoche e difficoltà. Tipo: qual è il soprannome della sorella di Richie Cunningham in «Happy Days»? Di che colore è la macchina con la quale sgommano «Starsky & Hutch»? Qual è il nome di Locke di «Lost»? Quale mestiere svolge la moglie di Colombo? Come si chiama la cittadina al centro di «True Blood»? Personalmente, ahimè, non conosco neanche una risposta. Questo «trivial pursuit» tutto tv, disegni di Silver, lo hanno inventato due che certo non sono improvvisati, in materia, Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria. Già autori del «Dizionario dei Telefilm», fondatori dell’Accademia dei Telefilm e direttori del Telefilm Festival. E chi più telefilm ha, più telefilm metta. Mancava quest’ultimo tassello - dicono - allo sdoganamento del genere. Un genere di grande forza aggregatrice, che si declina con tutti i mezzi che le tecnologie vecchie e nuove consentono, edicole e librerie, sale cinematografiche e social network. Oggi pomeriggio, domenica 16, a Milano, primo torneo ufficiale. E insomma, grazie alla mania delle serie tv, si possono ludicamente rivivere fenomeni di costume vecchi e nuovi. Pare che i peggio messi amino giocare da soli". (Alessandra Comazzi, 16.12.2012)

lunedì 17 dicembre 2012


Stracult e Stracotti - …ovvero la serie che questa settimana va su e quella che inevitabilmente va giù. Parola di Stargirl!


Proseguendo sul filone delle serie stracult e stracotte al tempo stesso, questa settimana non potevo esimermi dal parlare di Dexter, anche e soprattutto in vista della season finale (mentre scrivo questo articolo, la puntata sta per essere trasmessa negli States).
Sarebbe stato troppo facile tirare le somme dello show al termine della settima stagione, ho scelto perciò di scriverne volutamente prima della fine per non lasciarmi condizionare da eventuali cliffhanger a effetto e colpi di scena inaspettati.
Mettendo da parte la stagione attualmente in onda, sulla quale mi esprimerò qualche riga più avanti, la serie che ha per protagonista il fenomenale Michael C. Hall merita innanzitutto una premessa fondamentale: è senza dubbio uno dei migliori telefilm prodotti negli ultimi anni.
Ideata nel 2006 da James Manos Jr, e basata sui personaggi creati da Jeff Lindsay, l’epopea dell’ematologo, vendicatore e killer seriale, si è insinuata nel panorama telefilmico internazionale, imponendosi a testa alta nell’Olimpo dei migliori drama del decennio.
Intensa e imprevedibile, negli ultimi sei anni, la serie ha lasciato il segno in più di un’occasione, dando risalto e importanza non solo al protagonista principale, ma anche ai suoi antagonisti, su tutti gli indimenticabili Miguel Prado (Jimmy Smits, stagione 3) e Trinity (John Lithgow, stagione 4), coi quali stringe un rapporto complesso e intricato di amicizia prima e di conflitto poi.
Unico e solo, Dexter è senza dubbio uno dei personaggi più significativi comparsi negli ultimi anni sul piccolo schermo, al pari di Walt (Brian Cranston) di Breaking Bad e Vic (Michael Chiklis) di The Shield
Stracult e fenomenale, la battuta d’arresto, lo show ha iniziato ad avvertirla a partire dallo scorso anno, con la stagione sei, caratterizzata da una storyline più debole rispetto a quelle degli anni precedenti e da alcune scelte opinabili a livello di script.
E il reato più grave, Dex lo ha compiuto proprio quest’anno, peccando ingenuamente in banalità e soprattutto prevedibilità.
Lenta, prolissa e fin troppo fragile, la settima stagione di Dexter non
ha convinto sotto alcun punto di vista.
A partire dai sentimenti nutriti da Deb nei confronti del fratello, fino alla totale assenza di un cattivo vero e proprio, per arrivare all’ennesima intricata relazione stretta da Dexter con l’ennesimo, emblematico personaggio femminile.
Lyla, Lumen e ora Hanna (interpretata dalla bella Yvonne Strahovsky, la Sarah di Chuck): tre donne misteriose, fragili, inquietanti per un verso o per l’altro, tre personaggi capaci di condizionare fin troppo le scelte e le azioni compiute da Dexter.
Ed è proprio arrivati a questo punto, proprio di fronte ad Hanna, che inevitabilmente ci viene voglia di tornare agli antipodi, alla “normalità”, ed è così che inconsciamente, ci sorprendiamo a provare nostalgia per Rita, un personaggio forse meno decisivo rispetto ad altri, ma fondamentale per preservare l’equilibrio non solo nella vita di Dex, ma nell’intera serie.
Una stagione poco incisiva questa settima, per nulla coinvolgente o emozionate, stracotta e probabilmente, arrivata al capolinea: non c’è season finale che tenga.

domenica 16 dicembre 2012

NEWS - Le star telefilmiche commentano la strage di Newtown 

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!