Viewers last month

sabato 7 febbraio 2015

venerdì 6 febbraio 2015

GOSSIP - Che...Scandal! Kerry Washington sulla cover di "In Style" schiarita alla Michael Jackson! E' il Photoshop, bellezza...

Does Kerry Washington's latest magazine cover, on InStyle's March issue, make her look too light?
Once again, social media lit up Thursday with another controversy over the intersection of beauty, race and Photoshopping in the media, with Scandal star Washington as the latest case-in-point.
The new cover has her brightly lit in a white, shoulder-baring dress, hands on hips, her hair fan-swept in that new artfully disheveled long-bob style.
Does her skin tone look lighter than she really is? Maybe it depends on your perspective.
Not that she was perturbed. She was "THRILLED" with the photo, she said on Instagram. "So honored. And crazy excited," she added.
But some of her fans were not.
"I get that you're happy to be on the cover of @InStyleMagazine ... but WHO IN THE HECK is on this cover? #Scandal #Photoshop#BadPhotoshop," posted isthatkeyon under the photo.
"dang. why'd they do that? you don't need photoshop," added tamhasty.
 InStyle was quick to respond with a statement denying that Washington's skin was deliberately lightened.
"While we did not digitally lighten Kerry's skin tone, our cover lighting has likely contributed to this concern. We understand that this has resulted in disappointment and hurt. We are listening, and the feedback has been valuable. We are committed to ensuring that this experience has a positive influence on the ways in which we present all women going forward," the magazine said, according to the Associated Press.
Washington approved and tweeted her thanks:
 These cover contretemps are not new, not even for Washington. Lucky magazine was accused of manipulating Washington's image for a December/January cover in 2013 that some fans also declared unrecognizable.
PICCOLO GRANDE SCHERMO - Tutti Baz per Netflix! Anche il visionario Luhrmann attratto dalle serie tv

News tratta da "Vulture"
This should be a spectacular spectacular: Director Baz Luhrmann’s first TV show, a musical drama set in 1970s New York City called The Get Down, is headed to Netflix. Vulture broke the news about the project back in December 2013, when Sony Pictures Television was shopping it around to multiple networks (though Netflix was always seen as the front-runner to land the show). The streaming giant now says it has ordered 13 episodes of the series and plans to premiere them all in 2016.
The Get Down will explore the dawn of the hip-hop era in NYC, focusing on what a Netflix release calls “a rag-tag crew of South Bronx teenagers [who] are nothings and nobodies with no one to shelter them — except each other, armed only with verbal games, improvised dance steps, some magic markers and spray cans.” The show, set at a time when the city was veering toward financial disaster, will jump around different scenes and musical styles — “from CBGBs to Studio 54,” as Netflix puts it. The Get Down is “a project I have been contemplating and working on now for over 10 years,” Luhrmann said in a release. “Throughout, I’ve been obsessed with the idea of how a city in its lowest moment, forgotten and half destroyed, could give birth to such creativity and originality in music, art and culture.”
Luhrmann won’t just be lending his name to The Get Down as executive producer: He’s set to direct at least three episodes (the first two and the season finale), and he’s bringing along collaborator (and Oscar winner) Catherine Martin to serve as costume and production designer for the show (as well as exec producer). Other exec producers/writers on the project include Paul Watters (Lurhmann’s Australia), Thomas Kelly (Copper), and the previously reported Stephen Adly Guirgis (Motherfucker With the Hat), Shawn Ryan, and Marney Hochman (The Shield). The Get Down is the biggest project to emerge from a TV deal Luhrmann struck with Sony back in 2012. It’s also yet another example of streaming networks such as Netflix landing top feature-film names to do TV. Amazon recently struck a deal to develop a TV show with director Woody Allen (though Netflix’s agreement with Luhrmann was in place long before the Amazon project was revealed).

giovedì 5 febbraio 2015

NEWS - Liberi tutti, è suonata la campanella! La reunion di "Bayside School"!!! 
Jimmy Fallon has been bringing us some amazing things from his Tonight Show run in Los Angeles this week… but the Saved By the Bell cast reunion on Wednesday (February 4) might be the best one ever! The four main stars – Mark-Paul Gosselaar (Zack), Tiffani-Amber Thiessen (Kelly), Mario Lopez (Slater), and Elizabeth Berkley (Jessie) – and even Dennis Haskins as Mr. Belding were on hand for the sketch. There were some cast members who were noticeably absent from the reunion though! The skit saw Jimmy enrolling in Bayside High and telling his friends that he planned on moving to New York to be a comedian, a Saturday Night Live cast member, and possibly even Nicole Kidman‘s boyfriend. “Jimmy going on a date with Nicole Kidman is like Jessie becoming a stripper,” Zack said in reference to Elizabeth going on to star in Showgirls. The skit also does a nod to Jessie Spano’s caffeine pill freakout, which became a popular meme for a while.
L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

CORRIERE DELLA SERA
"Le regole del delitto perfetto" e le trappole del "guilty pleasure"
"Shonda si dà al legal. Dopo medici e politici, Shonda Rhimes, l'osannata e potente autrice di «Grey's Anatomy» e «Scandal», si occupa di avvocati. La serie, scritta da Peter Nowalk e prodotta da Shonda, ha protagonista Viola Davis che, fino a ieri, a 50 anni, poteva contare su una carriera fatta solo di ruoli minori. Adesso interpreta il ruolo di Annalise Keating, docente di diritto penale presso la prestigiosa Scuola di Legge della Middleton University e avvocato di successo. «How to Get Away With Murder» (in Italia è uscito con il titolo, «Le regole del delitto perfetto», Fox, canale 112 di Sky, martedì, 21.10) si divide fra aule dell'università e aule del tribunale. Ogni anno, infatti, la Keating sceglie i quattro studenti più meritevoli e li introduce nei meccanismi processuali. Questa volta i «fortunati» studenti selezionati sono cinque, tutti con caratteri molto diversi ma uniti dalla stessa brama di primeggiare (per stimolare la loro ambizione, la Keating mette in palio un premio). Ogni puntata offre così un caso giudiziario. E forse questo è l'aspetto che più fa storcere il naso agli amanti del genere. Il tocco di Shonda si vede quando il pubblico si mescola al privato, quando le fragilità dei protagonisti cominciano a intralciare il corso delle indagini, quando i cinque ragazzi vengono coinvolti in qualcosa di orribile. E questa è indubbiamente la parte più interessante della serie. Riconosciamo i diversi piani narrativi, le battute fulminanti ma anche le sdolcinature, le frasi fatte, le trappole del «guilty pleasure». Di diverso, rispetto soprattutto a «Grey's Anatomy», c'è il modo di girare: dialoghi serrati alla Sorkin, un montaggio veloce, specie nei continui flashback che riguardano il presunto «delitto perfetto» degli studenti, un racconto che cresce puntata dopo puntata. Il successo dei primi nove episodi ha spinto la ABC e la Disney Media Distribution a produrne altri sei". (Aldo Grasso, 05.02.2015)

mercoledì 4 febbraio 2015

TELEFILM ART - Breaking Pen! Prima di "Better Call Saul" arriva il digital comic book...

News tratta da "Mashable"
If sneak peeks and glowing reviews haven't already gotten you pumped for the upcoming two-night premiere of Better Call Saul, this certainly will do the trick.
Mashable can exclusively report that AMC has launched a Better Call Saul digital comic book that sketches out the history of Saul and Mike, spinning off of a moment originally seen on Breaking Bad in the episode that introduced Saul.
"That episode is complete as it is but there was an opportunity there ... to unpack something from that episode that directly leads us into Better Call Saul," Mac McKean, senior vice president of digital media and content for AMC, said.

The comic, which traces Mike's investigation into a mysterious man (a.k.a. Walter), is available now.
For this particular project, AMC — as it did with the Breaking Bad comic released ahead of that show's final season premiere and the interactive comics — collaborated with the show's writers, who found a supplemental story that would both entertain existing fans of the universe and act as a scene setter for those who haven't watched Breaking Bad.
For those who haven't watched the show, the comic has an episode guide of sorts to help fans understand references. "Not that this is something you must read to get Better Call Saul, but having those extra layers out there seems really appropriate for this particular type of storytelling and this type of show," McKean said. "And we've seen the evidence in terms of usage [of the comics in the past] that there's a sizable chunk of people who want to read about this world in this form."

Fans of the series can also sign up for "Letters from Saul" starting on Wednesday, yet another another online initiative that will deliver weekly letters to viewers' inboxes — ones that Saul has written to other fictional members in the show's universe.
The two-night Better Call Saul premieres Feb. 8 and Feb. 9 at 10 p.m. ET on AMC.

martedì 3 febbraio 2015

SGUARDO FETISH - Binario Dead! Emily Kinney di "TWD" prende l'ultimo Train verso il successo (con gli stessi stivali calzati nella serie cult: aka, These boots are made for walking...dead)
L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri
CORRIERE DELLA SERA
"Boardwalk Empire", il maestoso finale di un eroe tragico senza redenzione
"«Siate onesti e leali ragazzi, in ogni vostra stagione, quando il bene è in tenzone con il male?». Si apre alla ricerca di una bussola morale la quinta e ultima stagione della maestosa «Boardwalk Empire» (Sky Atlantic, mercoledì, 21.10). Sul racconto aleggia un senso di malinconia e decadenza: il senso della fine (della serie, ma anche dell'impero che il gangster Nucky Thompson ha costruito ad Atlantic City) incombe. I primi episodi sono intessuti di molti flashback, che riportano all'infanzia di Nucky (Steve Buscemi): le origini umili, il travagliato rapporto con il padre violento, la morte tragica della sorella, l'ambizione bruciante e il desiderio di riscatto sociale. Il racconto dell'infanzia di Nucky parla della sua perdita dell'innocenza, ci spiega come la sua vita adulta sia stata il prodotto di spinte contrastanti, slanci verso il bene e irrimediabili tracolli verso il male. Ogni episodio vissuto da bambino è un simbolo, un peccato originale, e quelle che sembrano coincidenze diventano prefigurazioni del futuro. È come se questi flashback rileggessero le passate stagioni di «Boardwalk» inquadrandole in una cornice morale. Intanto nel «presente» (corre l'anno 1931), a New York si costruisce il Rockefeller Center ma sono ancora forti gli echi della grande depressione, mentre Nucky si trova a l'Havana per intessere rapporti con alcuni senatori americani e prepararsi a pilotare il «Paese più assetato della terra» fuori dal Proibizionismo a suon di rum Bacardi. Appare anche un giovane Joseph Kennedy, non molto schizzinoso nell'intessere rapporti con la mafia Usa. Terence Winter, l'autore della serie, è chiamato a un confronto obbligato con l'ambiguo finale della sua altra creatura, i «Soprano». L'attesa per il destino finale di Nucky è alta, l'eroe tragico non cerca mai redenzione ma il verdetto degli sceneggiatori sul personaggio dovrà arrivare, a sancire chi è colpevole e chi innocente". (Aldo Grasso, 22.01.2015)

lunedì 2 febbraio 2015

NEWS - Netflix e Amazon sempre più nell'arena tv dei contenuti seriali (Italia non pervenuta)
Articolo di Renato Franco per il "Corriere della Sera"
"Cambia il modo di fruire dei contenuti televisivi, ma cambia anche il modo di produrli. Di fronte a un palinsesto sempre più liquido (l'ora di messa in onda la decide lo spettatore) e sempre più mobile (anche il luogo e il supporto di messa in onda li decide lo spettatore), la Rete (intesa come Internet) inizia a dettare legge nella creazione dei contenuti, perché sempre più spesso le serie tv di qualità arrivano non dalle reti (intese come televisive), ma da nuovi soggetti che hanno fiutato il nuovo business. Ora è su questo campo che si gioca la nuova sfida tra i due grandi servizi di streaming di film e serie tv - Amazon Prime e Netflix, ancora assenti in Italia. Netflix era nata per offrire un servizio di noleggio di dvd e videogiochi via Internet, per poi allargarsi allo streaming online on demand. Troppo poco, serviva un ulteriore passo: così da mero distributore Netflix ha deciso di diventare anche produttore di contenuti originali. Il primo risultato è stata la pluricelebrata House of Cards, un affresco cinico della politica con Kevin Spacey e Robin Wright. Il secondo risultato l'altrettanto apprezzata Orange Is the New Black, ritratto senza sconti di un carcere femminile. Se i Golden Globes hanno premiato Kevin Spacey come miglior attore di una serie drammatica, hanno soprattutto sancito il successo di Transparent, su una famiglia con padre transgender: la serie ha ricevuto un doppio globo, uno come miglior serie comedy e uno per il suo attore protagonista Jeffrey Tambor. Transparent è prodotta da Amazon, il colosso dell'ecommerce che per diversificare e ampliare il suo business ora ha anche sviluppato una divisione che si occupa di spettacolo, gli Amazon Studios. Transparent è solo uno dei tanti pilastri che la società di Jeff Bezos ha messo in piedi. Di tre giorni fa è la notizia che ha convinto Woody Allen a lavorare a una serie tv: il titolo della produzione è come per ogni film del regista americano lo stesso, Untitled Woody Allen Project , ma la curiosità per quello che ne nascerà è già alta. Qualche mese prima invece Amazon aveva trovato un accordo con Ridley Scott, coinvolto come produttore esecutivo della serie La svastica sul sole, tratto dal romanzo di Philip K. Dick, dove lo scrittore immagina un mondo in cui la Germania di Hitler e il Giappone hanno sconfitto gli alleati nella Seconda guerra mondiale. Ma la competizione tra Amazon e Netflix - Golia contro Golia, visto il volume di affari - è su più fronti: proprio poco tempo fa la prima ha siglato un accordo per distribuire le ambite serie tv di HBO: da I Soprano a Il trono di spade, da Boardwalk Empire a True Detective. La seconda ha risposto investendo il 10 per cento del proprio budget 2015 - oltre 300 milioni di dollari - in produzioni originali. Una battaglia sui contenuti che è una battaglia per ottenere nuovi abbonati. Netflix è avanti: presente in circa 40 Paesi, ha superato i 50 milioni di clienti (di cui 17 al di fuori degli Usa). Amazon invece è attiva in Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Austria e Giappone e può contare per ora su oltre 20 milioni di sottoscrittori. L'Italia? Al momento non pervenuta".

domenica 1 febbraio 2015

GOSSIP - Clamoroso al Cibali! Stephen Amell di "Arrow" ha esordito facendo parte del pubblico del "Jimmy Kimmel Live"
Stephen Amell is handsome in a suit while arriving for an appearance on Jimmy Kimmel Live on Tuesday (January 20) in Los Angeles. The 33-year-old actor was on hand to promote the third season of his hit show Arrow. “Being here is a dream come true,” Amell shared during his appearance. “Arrow was my tenth American job; I got my first American job sitting in that audience.” In case you didn’t know, the mid-season premiere of Arrow premieres on Wednesday (January 21) on CW.

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!