Viewers last month

sabato 11 marzo 2017

PICCOLO GRANDE SCHERMO - La realtà è un'apparenza. E' "Mr. Robot"? No, il nuovo film - il primo da protagonista - di Rami Malek. E intanto la serie tv che lo vede hacker da Emmy viene posticipata a ottobre...

News tratta da TheFilmStage.com
After making an impression in films from Paul Thomas Anderson, David Lowery, and Spike Lee, thanks to his new exposure as television’s most intelligent anti-social hacker, Rami Malek has graduated from indelible supporting character appearances to the coveted leading role. His first endeavor in the arena arrives with Buster’s Mal Heart, which comes from Sarah Adina Smith, and follows an on-the-run mountain man and how he got to this state. I said in my review, “The structural concepts are all here to create an intriguing psychological drama, but the lack of realism when it comes to the supporting cast of caricatures makes for a tenuous emotional foundation. Despite a committed lead performance and flashes of finding beauty in the bizarre, Buster’s Mal Heart loses confidence as it proceeds, resulting in a journey of half-formed ideas that could’ve used as much focus as Malek’s dead-eyed glance.”
Ahead of a release next month, check out the new trailer below.
In this bold thriller peppered with dark humor and interlocking mystery, an eccentric mountain man is on the run from the authorities, surviving the winter by breaking into empty vacation homes in a remote community. Regularly calling into radio talk shows—where he has acquired the nickname “Buster”—to rant about the impending Inversion at the turn of the millennium, he is haunted by visions of being lost at sea, and memories of his former life as a family man. As he drifts from house to house, eluding the local sheriff at every turn, we gradually piece together the events that fractured his life and left him alone on top of a snowy mountain, or perhaps in a small rowboat in the middle of a vast ocean—or both, in this visceral mind bender that will provoke discussion long after it turns your world upside-down.

venerdì 10 marzo 2017

GOSSIP - Brit Marling ("The OA") conquista la cover di "Interview" nonostante le critiche personali
Brit Marling takes the cover of Interview magazine’s March 2017 issue.
The 34-year-old The OA star was interviewed by Malcolm Gladwell for the mag – here’s what she shared: 
On developing a thick skin over critique: “I think I do definitely have a toughness. And who knows where this sh*t comes from? I mean, look, somebody you admire saying something harsh about your work hurts me the way it hurts everybody else. But, for me, it just never goes very deep. It’s like someone taking a little pin and like pricking you. For better or worse, I have pretty sophisticated armor that makes me feel like the thing I’m most interested in is trying the bold thing I believe in and that that in and of itself is worth something, even if nobody gets it in the moment.”
On her connection to science fiction: “For me, fantasy and speculative science fiction are the genres that feel closest to how I feel about being alive. Like, when I feel the most invigorated by just even a walk down the block in twilight, when the street lamps are just coming on and there’s mist and some shadowy thing in silhouette in a window, I naturally invest all of those things with deep mythology and mystery and meaning. I think I need to believe in that version of reality because I get very scared when I don’t. I feel very alone when I don’t feel that.”
On staying in the moment: “For some reason, I have a very strange conception of time. I am constantly hovering at some overview, more macro. And what I like about acting is that you have to be super, super present in the moment. That’s not something that comes to me naturally. But if you take the long view on anything, nothing can really affect you or knock you down.”
For more from Brit, visit InterviewMagazine.com.

giovedì 9 marzo 2017

NEWS - "This Is Us" mania! Batte "TBBT" e conquista la cover di "Variety"

Articolo tratto da "La Stampa"

E' successo martedì e per la televisione americana si tratta di una piccola rivoluzione. The Big Bang Theory, la serie di Cbs che regnava incontrastata nella fascia di età che conta, quella tra i 18 e i 49 anni, è stata battuta da This Is Us, drammone che va in onda sul canale in chiaro Nbc e da noi su Fox Life. Con ascolti stabilmente sopra gli otto milioni di spettatori (dati Nielsen Media Research) che in alcuni casi arrivano a 14 se si considera la visione della replica del giorno dopo, This Is Us non ha niente di quello che le serie rivali offrono al pubblico e si regge solo sui buoni sentimenti e sulla storia dei tre fratelli Pearson. Kate (Chrissy Metz) insicura a causa dei problemi di peso di cui soffre fin da bambina; Kevin (Justin Hartley) il bello di famiglia, fa l'attore ma ha gigantesche pecche in tema di autostima; Randall (Sterling K. Brown, già visto in The People vs OJ Simpson: American Crime Story) afroamericano adottato e quindi con problemi di identità che in età adulta va alla ricerca del padre biologico malato di cancro. Uno dei segreti della serie è che si muove su due piani temporali: quello attuale, con i tre fratelli adulti, e quello del passato, quando i tre erano bambini e dove i protagonisti sono i loro genitori, Rebecca e Jack, rispettivamente interpretati da Mandy Moore e Milo Ventimiglia. «Non ci sono al momento in televisione molti show con protagonisti esseri umani buoni che si comportano in modo decente», ha commentato Dan Fogelman, creatore della serie. Certo, questo non è il primo dramma famigliare a essere trasmesso in televisione, ma quello che fa la differenza è anche il contesto storico. Quella che esce da This Is Us è l'America buona, inclusiva, interrazziale, generosa, esattamente l'opposto dell'America da carneficina, spaventata, arrabbiata e chiusa in se stessa che racconta il Presidente Donald Trump. «La gente è stanca di avere un atteggiamento cinico nei confronti della vita - continua Fogelman -. Credo che a molte persone piaccia che si ricordi loro quello che di buono c'è nel prossimo. Abbiamo visto abbastanza quanto di malvagio ci può essere negli essere umani». Tra lacrime e buoni sentimenti This Is Us è qui per ricordarci che la resistenza agli anni bui può passare anche dalla televisione.

mercoledì 8 marzo 2017

NEWS - Clamoroso al Cibali! In Usa ci sono più abbonamenti a Netflix che videoregistratori (storico sorpasso!). Nel 2016 gli abbonati americani arrivati a 49.4 milioni (+10.5%), il 23% usufruisce del servizio ogni giorno

News tratta da "Variety"
Netflix has hit a new milestone: More U.S. television households now have the streaming service than a digital video recorder, according to a recent study. About 54% of U.S. adults said they have Netflix in their household — while 53% have a DVR, according to Research Group’s annual on-demand study. It’s the first time that households with Netflix have surpassed the level of those with a DVR in the history of LRG’s studies. In 2011, according to the research firm, 44% of TV households had a DVR and 28% had Netflix. Netflix has now eclipsed DVR usage despite the latter having a years-long head start. TiVo’s first digital video recorder shipped in 1999, while Netflix debuted its video-streaming service in 2007 and started the shift away from its DVD-by-mail business. As of the end of 2016, Netflix had 49.4 million streaming subscribers in the U.S., up 10.5% year over yearAbout 23% of all adults in TV homes stream Netflix daily, according to LRG’s survey of 1,211 consumers 18 and older conducted in January 2017, compared with 6% who did in 2011. Overall, 64% of respondents said they get a subscription video-on-demand service from Netflix, Amazon Prime Video, and/or Hulu. Meanwhile, Netflix’s stock was upgraded Monday by UBS analyst Doug Mitchelson, from “neutral” to “buy,” citing subscriber momentum in Europe and Latin America as well as remarks by Comcast CEO Brian Roberts who said last week at an investor conference that in a little more than 90 days since integrating Netflix into its X1 platform, more than 30% of X1 customers are using Netflix. Comcast’s early results with Netflix on X1 are “encouraging,” Mitchelson wrote. “We expect ongoing churn reductions as Netflix adds more U.S. pay TV integration deals and as X1 penetrations rise.” Comcast has said about half its 22.5 million video subs have X1. All that said, traditional linear TV is not dead in the water by any means. As LRG president Bruce Leichtman pointed out, 46% of adults say they often flip through channels to see what’s on TV.

lunedì 6 marzo 2017

NEWS - "Netflix sempre di più!". Il guru Reed Hastings dixit e aggiunge: "binge-watching a manetta con i nuovi contenuti in arrivo. Le serie a cadenza settimanale non sono il nostro focus, colpa degli accordi con le emittenti. Mediaset, Vivendi o Sky? Non ci preoccupano, loro sono sulla tv, noi su Internet..." (come a dire, Infinity e Sky Go ci fanno una pippa!)

Intervista tratta dal "Corriere della Sera"
Reed Hastings, classe 1960, è un signore che prima noleggiava dvd. Adesso produce e distribuisce serie tv e film online. E ha appena vinto un Oscar. È quello che ce l'ha fatta, con Netflix, nella delicata transizione dal mercato delle copie fisiche a quello delle copie digitali: 93 milioni di persone (lo) pagano una decina di euro al mese per vedere contenuti in un contesto, Internet, che li aveva abituati al tutto gratis (e pirata). Se del futuro dell'economia digitale non c'è certezza, quantomeno lui non sembra doversi inventare il presente. Ne è consapevole. Ci risponde asciutto e sornione accoccolato sul divano della scenografica dimora allestita per accogliere la stampa accorsa a Barcellona per il Mobile World Congress. La statuetta assegnata al corto «White Helmets» è solo un primo passo? Siete pronti ad aggredire l'industria della produzione cinematografica? «Non se la mette in senso negativo. Andiamo a dare un contributo, a portare più soldi, nuove pellicole e nuovi show». Chi potrebbe aggredire voi, invece, è Facebook: sembra intenzionato a puntare sulla creazione di contenuti video originali. Diventerà un rivale? «Non credo sia probabile a breve termine. E per ora Facebook o YouTube sono attivi nella raccolta pubblicitaria destinata ai video. Noi non ospitiamo spot e non abbiamo intenzione di farlo in futuro, vogliamo continuare a offrire un'esperienza simile a quella del cinema: l'immersione totale nei contenuti senza alcuna interruzione». Noi spettatori, però, abbiamo un numero limitato di ore da dedicare alle varie piattaforme. App come anche Snapchat, che si distingue per il tempo trascorso dagli utenti a sfogliare i video, non possono non essere considerate concorrenti diretti. «Certo, qualsiasi cosa sia coinvolgente e divertente è un nostro rivale. La televisione tradizionale rimane però in cima alla lista: ha ancora un sacco di spettatori». Siete diventati famosi per aver introdotto le scorpacciate di tutte le puntate di una serle in una volta sola. Adesso avete iniziato a proporre anche programmazioni settimanali. Il «binge watching» non è più sostenibile? «Fa riferimento alla possibilità che le persone si abbonino per periodi limitati e solo per vedere le loro serie preferite? Quest'anno abbiamo prodotto migliaia di ore di contenuti originali e nuovi. A breve ne avremo così tanti che chiunque vorrà essere sempre abbonato. Le poche trasmissioni a cadenza settimanale si devono ad accordi con le emittenti: non è il nostro focus e non abbiamo intenzione di incrementarle». Fattore chiave per assicurarsi la fedeltà degli spettatori è e sarà sempre di più la selezione. Avete iniziato a ospitare corsi per rimanere in forma. «Sì, è un esperimento per capire cosa può piacere alle persone». Possiamo aspettarci video in diretta? Lo sport? «No. Lo sport è molto ben coperto dalla tv tradizionale. Rimaniamo su film e serie tv, anche perché i diritti dei match costano moltissimo». Tornando all'Italia, conferma l'obiettivo di raggiungere un terzo delle case nei prossimi 5 anni? «Confermo. Stiamo facendo ottimi progressi e siamo soddisfatti della collaborazione con la Rai per Suburra». Non teme le mosse di Mediaset-Vivendi o Sky? «Vedremo cosa accadrà (si riferisce alla stretta di mano italo-francese, ndr), di sicuro c'è che loro sono una costola delle tv mentre noi siamo focalizzati su Internet. Non mi preoccupo, non ci tocca un eventuale fusione». La sua serie preferita? The Crown: c'è la storia, c'è Churchill. E sorprendente».

domenica 5 marzo 2017

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!