Viewers last month

sabato 20 luglio 2013

TWITTER-JAM - Speciale "Il Gioco dei Telefilm", il gioco da avere sotto l'ombrellone all'insegna delle serie tv

































venerdì 19 luglio 2013

NEWS - Emmy Awards, i preferiti di Telefilm Cult (in rosso)

MIGLIOR SERIE DRAMMATICA
Breaking Bad
Downton Abbey
Game Of Thrones
Homeland
House Of Cards
Mad Men

MIGLIOR SERIE COMICA
The Big Bang Theory
Girls
Louie
Modern Family
30 Rock
Veep

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA IN UNA SERIE DRAMMATICA
Bryan Cranston, Breaking Bad
Hugh Bonneville, Downton Abbey
Damian Lewis, Homeland
Kevin Spacey, House Of Cards
Jon Hamm, Mad Men
Jeff Daniels, The Newsroom

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA IN UNA SERIE DRAMMATICA
Vera Farmiga, Bates Motel
Michelle Dockery, Downton Abbey
Claire Danes, Homeland
Robin Wright, House Of Cards
Elisabeth Moss, Mad Men
Connie Britton, Nashville
Kerry Washington, Scandal

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA DI UNA SERIE COMICA
Jason Bateman, Arrested Development
Jim Parsons, The Big Bang Theory
Matt LeBlanc, Episodes
Don Cheadle, House Of Lies
Louis C.K., Louie
Alec Baldwin, 30 Rock

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA DI UNA SERIE  COMICA
Laura Dern, Enlightened
Lena Dunham, Girls
Edie Falco, Nurse Jackie
Amy Poehler, Parks And Recreation
Tina Fey, 30 Rock
Julia Louis-Dreyfus, Veep

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA IN UNA SERIE DRAMMATICA
Bobby Cannavale, Boardwalk Empire
Jonathan Banks, Breaking Bad
Aaron Paul, Breaking Bad
Jim Carter, Downton Abbey
Peter Dinklage, Game Of Thrones
Mandy Patinkin, Homeland

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA IN UNA SERIE DRAMMATICA
Anna Gunn, Breaking Bad
Maggie Smith, Downton Abbey
Emilia Clarke, Game Of Thrones
Christine Baranski, The Good Wife
Morena Baccarin, Homeland
Christina Hendricks, Mad Men

MIGLIORE GUEST MASCHILE IN UNA SERIE DRAMMATICA
Nathan Lane, The Good Wife
Michael J. Fox, The Good Wife
Rupert Friend, Homeland
Robert Morse, Mad Men
Harry Hamlin, Mad Men
Dan Bucatinsky, Scandal

MIGLIORE GUEST FEMMINILE IN UNA SERIE DRAMMATICA
Margo Martindale, The Americans
Diana Rigg, Game Of Thrones
Carrie Preston, The Good Wife
Linda Cardellini, Mad Men
Jane Fonda, The Newsroom
Joan Cusack, Shameless

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA IN UNA SERIE COMICA
Adam Driver, Girls
Jesse Tyler Ferguson, Modern Family
Ed O’Neill, Modern Family
Ty Burrell, Modern Family
Bill Hader, Saturday Night Live
Tony Hale, Veep

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA IN UNA SERIE COMICA
Mayim Bialik, The Big Bang Theory
Jane Lynch, Glee
Sofia Vergara, Modern Family
Julie Bowen, Modern Family
Merritt Wever, Nurse Jackie
Jane Krakowski, 30 Rock
Anna Chlumsky, Veep

MIGLIORE GUEST MASCHILE IN UNA SERIE COMICA
Bob Newhart, The Big Bang Theory
Nathan Lane, Modern Family
Bobby Cannavale, Nurse Jackie
Louis C.K., Saturday Night Live
Justin Timberlake, Saturday Night Live
Will Forte, 30 Rock

MIGLIORE GUEST FEMMINILE IN UNA SERIE COMICA
Molly Shannon, Enlightened
Dot-Marie Jones, Glee
Melissa Leo, Louie
Melissa McCarthy, Saturday Night Live
Kristen Wiig, Saturday Night Live
Elaine Stritch, 30 Rock
L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

giovedì 18 luglio 2013

mercoledì 17 luglio 2013

martedì 16 luglio 2013

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

VULTURE
Quale futuro per "Glee" dopo la dipartita di Monteith?
"Regardless of the cause, Cory Monteith’s death is a tragic one. He was young and talented — a gifted drummer, an awkward-as-hell dancer, and a reliable nailer of power ballads. And he was Finn Hudson, Glee’s main testament to the life-changing power of music, arguably the show’s primary message.
The loss of Finn alters the show’s landscape permanently and irrevocably. There’s a part of me that thinks, “Is it too soon to consider what the show will look like now that he’s gone?” But as Vulture’s Glee recapper for the past two seasons, I think that considering the question is a respectful act; it speaks to his invaluable contribution. And Glee’s cast and creative team don’t have the luxury of declaring it too soon to move forward; filming on season five is currently scheduled to begin in a week or so, and the writers have been at work for a while now. While Ryan Murphy hasn’t said much publicly about what this year holds, he negotiated a two-season renewal for Glee last spring, and consensus is that he wouldn’t have been able to do so without some sort of master plan (or at the very least, a general sense) of how this next chunk of story plays out.
This isn’t a reshuffling of the deck, then. It’s 52 Pickup. Whenever Glee has been at a loss for story in the past, it’s circled back to three key relationships: Kurt and Blaine, Brittany and Santana, and Finn and Rachel. Monteith’s death and Heather Morris’s departure further destabilize a show already on shaky ground as it struggles to take on a more mature tone following the graduation of several of its main characters from high school. Deftly tackling the narrative challenge of Finn’s departure from the show seems an almost impossible task. If the season begins with Finn glibly written out (“Oh, he moved to L.A. with Mercedes!”), it will be criticized for insensitivity; if Finn’s storyline mirrors Monteith’s passing more closely, it will be criticized for exploitation.
Glee has always encouraged viewers to suspend disbelief when it comes to the fact that its main cast is a bunch of 20-something-year-old adults pretending to be teens. They’ve done this by emphasizing the characters rather than the actors (consider, for example, the fact that the entire cast did a world tour completely in character) and by near-obsessive control of the cast’s collective public image.
Sure, there have been drunk appearances at award shows and magazine spreads of questionable taste, but for a cast of late Millennials (Monteith was 31), heady on fame or something close to it for the first time, they come off as reasonably wholesome. Even Monteith’s own stint in rehab this spring was spun by the powers that be at Glee not as a scandal, but as a responsible choice by someone taking control of his own well-being (and rightly so). Glee’s promise of youth and escape is seen clearly in its return to Katy Perry’s “Teenage Dream” in multiple episodes, almost as an anthem. “You and I,” Glee promises, “We’ll be young forever.”
That image of squeaky-clean youth is shattered now, and that seems irreversible. Glee works as escapist television, and it almost always flounders when it tries to be something bigger. Season four’s misbegotten school shooting, prostate cancer, teen molestation, and eating disorder storylines – all either insensitively handled or dropped without explanation – are undeniable proof of that.
Monteith’s final performance on Glee was a reprise of “Don’t Stop Believin',” the same song that closed the pilot. It’s just a coincidence, although it’s hard not to lend it more significance than it perhaps deserves. Either way, Cory Monteith’s death means it will be a little harder to believe in Glee from now on". (Lauren Hoffman, 14.07.2013)

lunedì 15 luglio 2013

TWITTER-JAM - Le migliori twittate seriali

domenica 14 luglio 2013

NEWS - Tutti sotto er cupolone! Da stasera su Raidue "Under The Dome" tratto da Stephen King, la serie che tenta d'incapsulare tensione e satira

RIVISTA STUDIO
Riuscirà la serie a render degno uno dei migliori King?
"Un piccolo jet privato attraversa il cielo in una di quelle giornate perfette per far scivolare lo sguardo sul verde orizzonte del Maine. L’estasi però è destinata a non durare. Appena qualche secondo più tardi l’aereo esplode in volo, come schiantato contro il profilo di una montagna. Quasi nello stesso istante, migliaia di metri più in basso, un camion si accartoccia su se stesso in mezzo a una strada priva di ostacoli. La violenza dell’impatto è tale che sembra abbia sbattutto contro un muro di granito in piena velocità. Il fatto è che non c’è nessun muro. O quantomeno non si vede. Pianura e pianura per chilometri fino ai contorni appena accennati di Chester Mill, una piccola città della provincia americana.
Come quasi tutti i libri di Stephen King, anche Under The Dome (2009) inizia così e quindi senza particolari preamboli, gettando immediatamente il lettore nell’epicentro del racconto che, in questo caso, è quello di una cittadina di duemila abitanti, Chester Mill appunto, che un mattino si ritrova imprigionata sotto una cupola invisibile, un campo di forza a prova di bomba che non permette a nulla di entrare o uscire dal suo territorio.
Se non avete letto il libro, nè ne avete mai sentito parlare ma state ugualmente pensando “ehi, mi pare di aver già visto una storia simile”… beh in effetti sì.  Nel film dei Simspon succede la stessa identica cosa a Springfield. Il film è del 2007, il libro del 2009. Plagio? Non proprio. King aveva già schizzato l’outline del suo soggetto trent’anni prima del film, e l’aveva rimaneggiato a lungo fino a ottenere, a metà anni ottanta, un manoscritto di 500 pagine intitolato The Cannibals, che però all’epoca decise di non pubblicare come racconta in questa lettera ai membri della community del suo sito (è anche possibile, e anzi consigliato, scaricare il manoscritto stesso).  Se la sovrapposizione tra i due soggetti è –  almeno si spera e così vogliamo credere – dunque del tutto accidentale,  gli esiti dei plot a cui danno vita sono quanto di più lontano si possa immaginare come è ovvio, quando su un piatto della bilancia c’è Homer e sull’altro Stephen King.
Under the Dome è senza dubbio uno dei romanzi meglio riusciti dell’ “ultimo” King. Un “proiettile narrativo”, come l’ha definito un amico all’epoca della sua uscita, che prende il lettore in ostaggio per 1100 pagine di trama fittissima. La discesa della cupola su Chester Mill diventa il pretesto per mettere in scena tanto un’ “apocalisse localizzata” quanto una satira piena di comicità del peggio (e King è da molto tempo il miglior talento su piazza quando si tratta di indagare il peggio dell’essere umano) che hanno da offrire gli ideali promossi dal ventre ultra-conservatore d’America nel pieno – all’epoca dell’uscita del tomo – dell’esplosione del Tea Party. Racconta di come, priva di un’autorità dotata di un raziocinio superiore, il puro istinto di sopraffazione delle autorità locali dia vita a un regime totalitario in miniatura intriso di violenza e veleni che restano, non solo metaforicamente, imprigionati sotto la volta della cupola aleggiando e ristagnando sull’intera comunità. Il deus ex machina del male in questo caso è Big Jim Rennie, un venditore di auto usate che ritiene che Barack Obama – come “dimostra” inequivocabilmente il suo secondo nome Hussein – sia un terrorista in disguise e che i veri valori fondativi della moralità americana stiano altrove. Conquistata la fiducia della città che ha sempre visto in lui un uomo forte e di solidi principi, Big Jim (nomen omen) instaura un regime del terrore a cui cooperano i muscoli di alcune macchiette tipiche della proiezione hollywoodiana della provincia Usa: dal giocatore di football testosteronico al redneck che vede un potenziale attentatore kamikaze in ogni individuo dalla pelle scura. Mentre gli eventi precipitano e i tentativi di liberare la città sia dall’esterno sia dall’interno naufragano uno dopo l’altro insieme alle spiegazioni plausibili e implausibili dell’arrivo della cupola (extraterrestri? la Corea del Nord? I Russi?), un manipolo improbabile di persone si alleano per combattere l’improvvisato e iniquo Leviatano delle auto in saldo.
Per Under The Dome vale lo stesso discorso che si può fare per tutti gli altri libri di King. Non aspettatevi grandi invenzioni stilistiche, lessicali o strutturali. Non è nella bellezza delle descrizioni (ridondanti quando ci sono) o nella brillantezza dei dialoghi (piatti e banali perlopiù) che si ritrovano le qualità del libro ma nella grandiosità dell’ambizione socio/sci-fi e nella costruzione di una dinamo narrativa a orologeria; senza sbavature nella sua essenzialità. Non c’è quindi da meravigliarsi che non appena Spielberg ha letto il romanzo ci abbia intravisto del materiale perfetto per la serie da lui co-prodotta, che arriva ora anche in Italia a partire da domenica 14 (Rai 2) con, nei panni di Big Jim – e, bisogna ammetterlo, è un casting più perfetto – quel Dean Norris che è stato in quasi qualunque serie (specie quelle brutte) a cui possiate pensare prima di entrare nell’immaginario collettivo con il ruolo di Hank in Breaking Bad.
Potenzialmente in Under The Dome, il libro, c’è materiale per pensare a una serie al crocevia tra Lost e Twin Peaks. Le voci arrivate dall’America fino a ora parlano di una realizzazione esteticamente un po’ chiassosa e semplicistica (per capirci meglio: questo è il trailer) ma in senso stretto questo potrebbe non essere un problema (luci di scena sparate e descrizioni ridondanti – al netto delle differenze del medium – condividono più cose di quanto sembri) almeno finché la trama riuscirà a rispecchiare l’ambizione del progetto di King, uno a cui, in fondo, è piaciuto più questo Shining di quello di Kubrick". (Cesare Alemanni)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!