venerdì 3 dicembre 2010

NEWS ESCLUSIVA - Dopo Wikileaks esplode la minaccia di Wikilecca-lecca, il portale dei leccacool. Emerge un dossier su un certo ScaraMaggio...
Dopo le (presunte) rivelazioni di Wikileaks, che fanno tremare meno de "L'Esorcista 2", scoppia il caso del misterioso portale Wikilecca-lecca, il sito bunkerato che sfornerebbe dossier sui leccacool più integerrimi del pianeta. Tra questi è emerso il dossier che riguarderebbe un tale definito in codice "ScaraMaggio" (nella foto mentre gira il promo di Italia 1 per "Glee"), di cui si forniscono alcune indicazioni rivelatorie per formare un identikit. Eccole.

E' un tricheco. Vista la sua stazza, è definito un tricheco(j)one.

E' soprannominato dai suoi estimatori "Zeppelin" per il fatto di essere un pallone gonfiato.

Si vanta alle conferenze stampa di essere "odiato da tutti". Lo dicevano anche Hitler e Calimero.

Si dice che viva nel rancore e nell'invidia che si manifestano all'enesima potenza quando i siti ben più informati e seguiti del suo sparano esclusive che lo lasciano al palo da lap dancer, oppure, come questo mese, quando vede il suo blog "di nessun grido" surclassato e in caduta libera di accessi (vedi classifica Wikio: http://www.wikio.it/blogs/top/televisione). Guai agli uffici stampa che si permettono di preferirgli i concorrenti (ben più letti e di richiamo): se li segna sul suo libro nero che pesa ormai quasi quanto lui...

Wikilecca-lecca fornisce anche un'aneddotica spicciola dei suoi più eclatanti "Boom" rivelatisi "bufale" avariate.

Non solo non si è realizzato il pilota (che si realizza solo a gennaio di quest'anno) ma la conduzione non sarà neppure di Frizzi e neanche con quel titolo.

Notizia destituita di ogni fondamento.

La conduzione di "Loveline" non è stata affidata a nessuna delle due citate, ma ad Angela Rafanelli.

E' invece saldamente alla "Prova del cuoco" con la Clerici.

"La talpa" non la vogliono vedere neppure in cartolina; l'"Isola" va in onda da fine febbraio.

Il programma non si è chiamato così ma "Fenomenal", senza alcun caso umano come scritto.

Bufalissima.

Mai andato in onda.

E invece è stato scelto Sergio Colabona.

I sospetti infondati e smentiti dopo aver cannato i nomi dei canali del Dgt ed aver ingiustamente puntato il dito su un collaboratore di Telefilm Magazine...

La lista potrebbe continuare, ma Wikilecca-lecca ha per il momento sospeso le trasmissioni per esaurimento carta fax...
NEWS - Fire Girl! Taylor Momsen si spoglia e si getta nelle fiamme nell'ultimo video
Più che bruciare all'Inferno, sembra che a "bruciare" sia la sua carriera di attrice. Dopo le varie soffiate e smentite di addio a "Gossip Girl" - l'ultima sarebbe definita una "pausa indefinita" non però dovuta alle sue uscite pseudo-rockettare, quanto ad altri non meglio imprecisati impegni e a "ragioni creative" - Taylor Momsen esplode in tutta la sua veemenza nell'ultimo video dei suoi Pretty Reckless. Già il titolo della canzone ("Make Me Wanna Die"), che in realtà nella versione da studio non è così male (mentre dal vivo diventa pressochè inascoltabile se non hai due tampax nelle orecchie), la dice lunga. Nel video Miss Taylor sgambetta per le strade bagnate di una metropoli notturna e abbandonata spogliandosi di un capo alla volta mentre si dirige verso alcuni bagliori all'orizzonte, che poi si rivelano un incendio nel quale la cantante si getta come mamma l'ha fatta...

giovedì 2 dicembre 2010

L'EDICOLA DI LOU - Stralci e commenti sui telefilm tratti dai giornali italiani e stranieri

CORRIERE DELLA SERA
Feels like "Haven", dalle parti di "Twin Peaks" e "Happy Town"
"L'horror soprannaturale procede spesso per cliché e luoghi comuni, che stemperano gli eccessi di storie tanto lontane dalla realtà, e «Haven» (Sci-Fi/Steel, Mediaset Premium, lunedì, ore 21) non fa eccezione alla regola. La serie è ambientata nella profonda provincia americana: una tranquilla cittadina del Maine, con le aragoste e i pancakes come specialità locali e numerose spiagge, un porto e grandi vie di case colorate a fare da sfondo a ciò che accade. Un osservatore esterno arriva nella piccola città: qui è una donna, Audrey Parker (Emily Rose), agente dell' FBI spedita a cercare un criminale. Non fa in tempo ad arrivare e lo trova morto, probabilmente ucciso: ma ci saranno altre ragioni per restare. Poi si affacciano sulla scena gli aiutanti del posto: sia il detective locale Nathan (Lucas Bryant), figlio dello sceriffo, sia il misterioso Duke (Eric Balfour), tanto solitario da vivere su una barca, salvano la vita di Audrey e conquistano la sua fiducia; ma sono rivali tra loro fin dall' infanzia, tacciono spesso, e così le acque restano torbide. Infine, ovviamente, «niente è come sembra»: gli abitanti di Haven hanno un lato oscuro, sono dotati di poteri soprannaturali che non sempre riescono a tenere a freno. Sembrerebbe (e almeno in parte è) la solita serie con al centro una piccola cittadina «maledetta», dal grande modello di «Twin Peaks» a realizzazioni più modeste come «Happy Town», cui si affiancano strani poteri che richiamano «Heroes». Ma bastano la firma di Stephen King - il telefilm è ispirato a un suo romanzo, «The Colorado Kid» - e la presenza scenica dei tre protagonisti a dare un po' di smalto. Tanto che la serie, di produzione canadese (negli Stati Uniti va in onda su SyFy), ha presto trovato un suo spazio tra gli appassionati di mistery, ed è già stata rinnovata per una seconda stagione".
(Aldo Grasso, 30.11.2010)
NEWS - Clamoroso al CibalUsa! "Body of Proof" in onda prima in Italia (dal 25 gennaio) che in America
(ANSA) - ROMA, 1 DIC - Fox Channels Italy lancera' in anteprima mondiale e prima ancora della messa in onda in Usa sul network ABC il nuovo medical drama Boody Of Proof , la serie sara' in onda su FoxLife (canale 114 di Sky) dal 25 gennaio 2011 ogni martedi' alle 21.00. Oltre che in Italia, Body Of Proof sara' in onda sui canali Fox di altri paesi del mondo, sempre prima della messa in onda in Usa. Dopo aver portato sui teleschermi italiani a sole 24 ore dalla messa in onda in USA serie di culto come Lost, Flash Forward, No Ordinary Family e The Walking Dead, per la prima volta Fox Channels Italy propone al mercato italiano una nuova importante serie in anteprima mondiale. La serie Body of Proof prende il via quando la dottoressa Megan Hunt (Dana Delany, la Katherine Mayfair di Desperate Housewives), neurochirurgo di grande talento e successo, costretta ad abbandonare la sua professione a seguito di un terribile incidente automobilistico, si dedica con passione a una nuova carriera: quella di medico e patologo forense. Il suo istinto di neurochirurgo e' intatto e la Hunt e' decisa a scoprire la causa della morte dei soggetti su cui lavora. Sono le salme delle vittime a fornire alla Hunt gli indizi per giungere alle risposte che cerca: sono infatti gli stessi cadaveri a contenere le prove del delitto. Megan, dotata di fortissimo intuito, e' pero' talvolta accusata di non sapere rispettare il confine tra il proprio lavoro e quello investigativo del Dipartimento di polizia. Ma non e' solo la professione della Hunt a subire stravolgimenti. Dopo aver cambiato lavoro e ripreso le fila della propria vita privata, Megan scopre di avere molto lavoro da fare anche nella gestione dei suoi rapporti con i viventi - ovvero con l'ex marito e la figlia di sette anni. Fabrizio Salini, Vice President dei canali di intrattenimento di Fox Channels Italy ha dichiarato: ''The Walt Disney Company in questi anni e' stata per Fox un partner d'eccellenza, sia in termini di contenuti che di innovazione del modello distributivo. La possibilita' di trasmettere Body Of Proof ancora prima della messa in onda statunitense su ABC ci conferma il valore aggiunto che il nostro gruppo riesce ad apportare ai prodotti trasmessi sui propri canali e conferma il nostro ruolo di innovatori nell'industria televisiva''.

mercoledì 1 dicembre 2010

NEWS - So Gleemourous! Cronache e interviste dal set con Ryan Murphy, Lea Michele e Matthew Morrison
(ANSA) - LOS ANGELES, 1 DIC - Ci vorrebbero fior di sociologi per capire appieno il successo di Glee, il telefilm giunto alla seconda stagione (in onda da domani in prima visione italiana su Fox, mentre dal 10 gennaio sara' in chiaro su Italia 1) che sta diventando un fenomeno di massa, negli Stati Uniti e nel resto del mondo dove e' gia' in onda, Italia compresa. Che gli show musicali piacciano non e' un fatto nuovo, ma l'esplosione di questa serie tv che racconta la vita di un Glee club, un gruppo di canto e ballo in un liceo americano, ha radici piu' profonde. ''E' perche' raccontiamo una realta' molto simile a quella vera - dice l'autore della serie, quel Ryan Murphy che prima di Glee era conosciuto a Hollywood per una serie televisiva molto piu' drammatica, Nip/Tuck - i nostri ragazzi non sono tutti bellissimi, non sono tutti con lo stesso colore di pelle. Abbiamo rappresentato una realta' che non e' solo quella americana. Credo che sia questo il segreto del successo di Glee. Pero' nessuno, neppure i piu' ottimisti fra noi, si aspettavano tanto''. In una stagione infatti i ragazzi di Glee sono diventati popolarissimi e agli scorsi Emmy Awards lo show ha raccolto ben 19 nomination. ''Cerco di rimanere con i piedi per terra - racconta Lea Michele, che interpreta la protagonista Rachel, una ragazza volitiva che diventa presto leader del club -: vivo a Los Angeles dove giriamo lo show ma tutti i fine settimana torno a New York in famiglia. Certo la vita di noi ragazzi e' cambiata moltissimo. Prima eravamo normali adolescenti, ora ci riconoscono anche all'estero, anche dove la serie non e' ancora in onda''. I ragazzi del Glee club sono guidati da un giovane professore, Will Schuester (Matthew Morrison) il cui entusiasmo non viene meno nemmeno nei momenti piu' bui, quando il gruppo rischia di essere sciolto e quando Sue (Jane Lynch), la spietata insegnante di ginnastica riesce a far di tutto per mettere i bastoni fra le ruote al giovane insegnante. ''Will e' un ottimista - dice Morrison -, ha un'anima gentile e un sacco di problemi, specialmente a casa. Ma quando si ritrova con i suoi ragazzi, a cantare e ballare, ritrova l'entusiasmo della sua adolescenza''. ''Credo che una delle qualita' di Glee - continua Murphy, intervistato negli Studi della Paramount a Hollywood, dove la serie viene girata - sia quella di mettere a confronto la vita, le esigenze e i pensieri dei ragazzi con quelle degli adulti. E' uno show adatto a tutte le eta' e a tutte le nazionalita'''. Proprio per dare un contributo ancora maggiore lavorando ad un episodio con canzoni da tutto il mondo, con tanti linguaggi. "Sara' diverso e interessante. Oggi intanto abbiamo lavorato all'episodio di Natale. Cerchiamo sempre, con le nostre canzoni, di essere a tema, per San Valentino prepareremo un episodio con le migliori canzoni d'amore''. Glee riesce anche a toccare temi di stretta attualita': ''Ci siamo occupati di bullismo a scuola con un episodio dedicato al tema, il New York Times ci ha dedicato due pagine. Glee non e' solo musica, belle canzoni e ragazzi spensierati, e' anche un modo per raccontare agli adulti la vita e le problematiche dei ragazzi di oggi''.
QUIZ - Chi è la Miss Ballerina dei telefilm?
Ci sono ballerine e ballerine. Quelle che volteggiano nella (musica) classica, quelle che danzano sui cubi, coloro che puntano alla fisicità in acrobatiche esibizioni...e poi ci sono le ballerine da piedi, nel senso di scarpe...ma anche qui: ballerine e ballerine. Quelle di classe le calza la Miss telefilmica nella foto, leggermente quadrate in punta con fiocchettone simil-papillon, rigorosamente in contrasto con i jeansacci grigi sporchi elesticizzati...chi è costei?

lunedì 29 novembre 2010

NEWS ANTEPRIMA - Vedi lo spot di "Gleeitalia unoooo!" (direttamente da Wikileaks)

video
NEWS - "Gleeeitalia uno!". In vista del debutto del 10 gennaio, Italia 1 lancia un'inedita campagna promozionale per il telefilm-evento di Ryan Murphy: i volti della rete riuniti in uno spot per celebrare l'esordio in chiaro
Per il lancio del telefilm-evento "Glee", in onda dal 10 gennaio, Italia 1 lancia in questi giorni un'inedita campagna promozionale che vede coinvolti i volti della rete diretta da Luca Tiraboschi. Dai protagonisti di "Colorado" a Benedetta Parodi ("Cotto e mangiato"), dalle Iene a Enrico Papi ("Trasformat") a Fiammetta Cicogna ("Wild"), tutti a fare il verso all'ormai classico slogan "Italia Uno!" che diventa per l'occasione "Gleetalia Uno!". Rigorosamente pronunciato con il pollice e l'indice alzati a forma di "L" come nel fortunato kick-off americano. Si tratta della prima volta, nella televisione italiana, che i volti di una rete s'impegnano uniti nel lancio di un telefilm. Era già successo, per la cronaca, ma in maniera assai più sporadica e primitiva, per la partenza de "I Segreti di Twin Peaks" su Canale 5 (anno 1991): memorabile, all'epoca, il tormentone del titolo "Twin Peaks" pronunciato a ripetizione da Ezio Greggio a "Striscia la notizia". Accanto ai volti famosi, Italia 1 affiancherà presto anche le persone comuni - così come è successo nel promo-flash "Italia Uno!" - chiedendo al pubblico di videoregistrare il proprio "Gleetalia Uno!" e di mandare poi il girato all'indirizzo: Direzione Creativa Mediaset - V.le Europa 44 - 20093 - Cologno Monzeze; o all'email dircreativa@mediaset.it. I migliori video andranno in onda proprio su Italia 1, mentre il sito Qui Mediaset proporrà anteprime e girati inediti sia delle persone comuni che dei volti noti di Italia 1 riguardo la campagna. "Glee", che andrà in onda su Italia 1 dal 10 gennaio tutti i giorni, dal lunedì al venerdì alle ore 19.30, è la storia di un gruppo di studenti e dei loro professori che vedono nel canto e nel ballo la possibilità di riscatto, una via per abbattere le differenze e le barriere sociali. In America il telefilm vanta già 4 Emmy Awards (gli Oscar tv della tv a "stelle e strisce") e ascolti al top, nonchè di aver rinverdito i fasti di star musicali come Olivia Newton John, Meat Loaf e Britney Spears, che hanno preso parte alla serie da guest-stars.

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!