Viewers last month

venerdì 14 ottobre 2016

NEWS - Allarme Netflix! Disney, Apple e Amazon alla porta per acquisire la società (la politica di essere distributore-produttore di serie tv non regge...)

Articolo tratto da "Il Foglio"
In queste settimane nei consigli d’amministrazione della Silicon Valley uno dei temi più dibattuti è quello delle Merger & Acquisition. Non si è ancora spento il chiacchiericcio sul possibile acquirente dell’affannata Twitter – anche se i potenziali stanno tutti facendo un passo indietro – ed ecco che arriva sul tavolo un altro bocconcino prelibato, ovvero Netflix. Al contrario di Twitter, la società che opera nel campo del SVOD (Subscription Video On Demand) sta andando apparentemente bene: 80 milioni di utenti totali nel 2016 con una previsione di crescita a 100 milioni entro il 2018 nei 190 paesi in cui è presente. Inoltre la produzione di film e serie tv (da “House of Cards” fino alle ultime “Stranger Things” e “Narcos”) stanno riscuotendo successo di critica e pubblico. Il vero problema però è che il modello di business che Netflix ha deciso di intraprendere rischia di non essere sostenibile se supportato solo con le proprie risorse. Da qualche mese è piuttosto chiaro che la strada intrapresa dal fondatore e amministratore delegato Reed Hastings è quella di essere sia un distributore sia un produttore globale di contenuti online, tuttavia gli introiti che arrivano dalla crescita (rallentata) degli abbonamenti e dalle licenze d’uso degli altri network non sono sufficienti. C’è quindi bisogno di una società madre sufficientemente capitalizzata che possa sostenere economicamente lo sviluppo del business. Sul podio degli acquirenti ci sono Disney, Apple e Amazon e ognuna di queste società ha i mezzi, ma soprattutto degli ottimi motivi, per poter acquistare la public company di Los Gatos, California. Disney, innanzitutto. La multinazionale dell’intrattenimento è già in un certo senso partner di Netflix, avendole affidato la produzione e distribuzione di serie “Originals” di molti personaggi Marvel (marchio acquisito da Disney nel 2009) come “Daredevil” e l’ultimissimo “Luke Cage”. Inoltre nel cosiddetto Regno di Disney che contiene network (tra cui la sportiva ESPN) contenuti di ogni tipo (da Pixar al franchise Star Wars), parchi a tema e merchandising, un over-the-top come Netflix ci starebbe benissimo. Apple è alla disperata ricerca di un Ottche funzioni come “Netflix Killer” visto che la sua piattaforma iTunes per video è ormai poco efficiente. Cosa di meglio se non acquisire la stessa Netflix e replicare ciò che ha fatto sulla musica, ovvero acquistare Beats per 3 miliardi di dollari e rinominarla Apple Music? A differenza di Disney però, Netflix rappresenterebbe uno strumento di marketing per incrementare le vendite dei suoi device, quindi è evidente che il prezzo cui è disposta a pagare rischia di essere inferiore rispetto alle altre pretendenti. Infine c’è Amazon che a oggi risulta essere uno dei principali concorrenti di Netflix, anch’esso distributore e produttore di contenuti di intrattenimento tra cui “Transparent” “Mozart in the Jungle” e l’ultimo “Crisis in Six Scenes” di Woody Allen. E’ evidente che l’acquisto di Netflix renderebbe l’offerta di Jeff Bezos ancora più ricca e fortemente integrata (ma forse con qualche problemino con l’Antitrust). Insomma, gli interessi e le strategie sull’acquisto di Netflix sono molti: la società con la N rossa non potrà a lungo vivere solo con le proprie risorse, quindi prima o poi sarà costretta a vendersi al miglior offerente. Tutto sta capire a chi e soprattutto quando. Le recenti grosse acquisizioni societarie ci hanno spiegato che nelle fusioni & acquisizioni il time-to-market è fondamentale e le dichiarazioni d’intenti valgono ben poco – il caso Vivendi-Mediaset Premium è ancora davanti ai nostri occhi.
NEWS - La visione del Saba! Al via su Fox, subito dopo "TWD" dal 24 ottobre, "Hundred to go", prima serie sci-fi italiana branded content (by BMW)

(ANSA) - MILANO - Niente amore, niente amicizia, niente famiglia. Gli umani del futuro, nel 2116, vivono ognuno solo con il proprio doppio in un mondo senza emozioni. Sara' compito di X1, il protagonista di 'Hundred to go' - la nuova serie di Fox Italia in collaborazione con Bmw -, tornato misteriosamente nel passato, nel 2016, tentare di salvare l'umanita' da una rivoluzione che l'ha resa efficiente ma incapace di provare sentimenti. 'Hundred to go' e' la prima serie tv branded content a tema sci-fi, cioe' fantascientifico, in Italia e andra' in onda dal 24 ottobre il lunedi' alle 20.50 sul canale Fox. Gli episodi saranno cinque, ognuno da 7 minuti. La regia e' di Nicola Prosatore e del cast fanno parte Matteo Martari nel ruolo di protagonista, Marianna Di Martino e Cesare Bocci, noto al pubblico televisivo soprattutto per il ruolo di Mimi' Augello ne 'Il commissario Montalbano'. Tra le curiosita' di questa serie, girata interamente in inglese e doppiata in italiano, c'e' la partecipazione di 8 coppie di gemelli che hanno interpretato gli abitanti del 2116 con i loro 'cloni'. Inoltre una intera citta' e' stata costruita con la grafica e sono servite 500 ore di post produzione per far 'vivere' il futuro sullo schermo. Alessandro Saba, vicepresident responsabile dei canali intrattenimento di Fox Italia, durante la presentazione di 'Hundred to go' alla stampa a Milano ha spiegato che sara' messa in onda di sera, "attaccata" alla fortunata serie 'The Walking Dead' ed e' "la testimonianza di quanto questo sia un prodotto di altissima qualita'". "Ci siamo proiettati 100 anni in avanti provando a immaginare come sarebbe il mondo nel 2116 - ha spiegato Sergio Solero, presidente e amministratore delegato di Bmw Italia - e il risultato e' una storia particolare, modernissima e con spunti molto interessanti". Nel programma la macchina del 2116 e' la Bmw Vision Next 100, un prototipo di auto totalmente automatizzata presentata a Monaco durante le celebrazioni del centenario del gruppo.

giovedì 13 ottobre 2016

NEWS - Più Crime che crimini! Su Premium debutta ID (Investigation Discovery), che dovrà far a coltellate con Premium Crime, Fox Crime, Top Crime, Giallo...
Un nuovo brand targato Discovery debutta su Mediaset Premium: ID – Investigation Discovery arriva finalmente in Italia, il 24 ottobre, al canale 320 del digitale terrestre. Una novità che andrà ad arricchire il pacchetto “Serie & Doc” dei clienti di Mediaset Premium con uno dei brand più famosi e riconoscibili al mondo. Passioni, indagini e misteri: un palinsesto ricco di produzioni di qualità, dal ritmo incalzante e coinvolgente che attraverso ricostruzioni, approfondimenti, inchieste e indagini porta alla scoperta di ogni segreto del crime, uno dei generi più apprezzati dal pubblico. Presente in 163 Paesi nel mondo, ID – Investigation Discovery è un vero e proprio fenomeno negli Stati Uniti dove è il canale via cavo con la crescita d’ascolto più alta e con il maggior tasso di permanenza tra le donne 25-54 anni. Un vero e proprio pilastro del portfolio Discovery, grazie alla capacità di intrattenere, raccontare e stupire, con un linguaggio sempre moderno e accattivante. 
Alessandro Araimo, SVP & COO Discovery Networks Southern Europe ha affermato: “Siamo davvero lieti di portare anche in Italia ID – Investigation Discovery, in partnership esclusiva con Mediaset Premium. Il nostro obiettivo è quello di continuare a offrire programmi originali e innovativi anche sul pay. Una piattaforma su cui investiamo costantemente proponendo con continuità contenuti pregiati e mai visti prima”. 
Franco Ricci, AD Mediaset Premium dichiara: “L’arrivo di ID - Investigation Discovery sulla nostra piattaforma risponde alla strategia di rafforzamento dell’offerta Mediaset Premium nell’area cinema, serie TV e factual,  con un ricco bouquet di canali che si affiancano ai già ben noti ed esclusivi contenuti sportivi". 
ID – Investigation Discovery arriva in Italia con tante produzioni di successo tra cui spiccano True Crime storie di omicidi, con la nota scrittrice e giornalista Aphrodite Jones alle prese con alcuni dei casi di omicidio più atroci del nostro tempo e Vite segrete di mogli (im)perfette, la serie-docu che indaga sulle vicende di donne con intenzioni mortali, disposte a distruggere le loro vite apparentemente perfette pur di ostacolare la verità. Tanta anche l’attenzione a tematiche sociali: nel palinsesto di ID – Investigation Discovery non mancheranno programmi su violenza contro le donne, bullismo, discriminazioni e altri fatti di cronaca.

mercoledì 12 ottobre 2016

NEWS - Clamoroso al Cibali! Walter White è esistito nella mente di Bryan Cranston (e della sua stalker)!

News tratta dal "Daily Mail"
Quando Bryan Cranston lesse che il suo personaggio Walter White si sarebbe trasformato nel re della droga, rimase scioccato. Il copione era superbo e mai un protagonista era andato così a fondo. Tutto è raccontato nel memoir “A Life in Parts”, pubblicato da Simon and Schuster: «Ho iniziato a sognarlo, questo Walter White. Mi alzavo nel mezzo della notte con in testa lui». Voleva la parte, ma come poteva trovare quella zona di sé che nascondeva un assassino (199 vittime oltre quelle dipendenti da metanfetamina), il sangue freddo per lasciare morire di overdose la ragazza del suo socio Jesse Pinkman? «Il giorno che ho lasciato morire Jane, sono andato in posti dell’anima mai visti prima. Ero capace di uccidere e di amare». Walter White sprofondò negli abissi, divenne Heisenberg, l’alter ego più spietato. Cranston, per immedesimarsi, pescò nella memoria e si ispirò a una relazione sessuale che ebbe negli anni ’80 con una donna di nome Ava. Lei era pazza, e molto sexy. Si chiusero in stanza dal venerdì al lunedì, perdendo il senso del tempo. Brian capì subito che Ava era emotivamente instabile, infatti, quando la mollò, lei svenne, ebbe una crisi.
Avrebbe dovuto capire che assumeva droghe, viste le volte che si alzava dal tavolo per andare in bagno. La settimana dopo la dimisero dall’ospedale, lui di nuovo le disse che si sarebbero lasciati e lei rispose che non sarebbe successo. Lo seguì anche quando Cranston cambiò appartamento, città, e sui successivi set. Litigavano e finivano a fare sesso selvaggio.
Lui la lasciava e lei lo perseguitava con messaggi in segreteria, o presentandosi di persona. Diceva che erano destinati a stare insieme e che altrimenti lo avrebbe ucciso. Le minacce continuarono: «Sei un uomo morto. Ti ucciderò e non troveranno il corpo. Se lo troveranno, sarà irriconoscibile». Cranston le rispose che aveva registrato tutto e lei promise che avrebbe rubato i nastri: «Sto arrivando». Arrivò alla sua porta, sbattendo e urlando.
Paralizzato dalla paura, lui prese un coltello in cucina. Ma successe qualcosa che lo sorprese, la paura si trasformò in rabbia. Aprì la porta mentre lei urlava, la portò dentro l’appartamento, con calma.
Le strinse la spalla con la mano sinistra, le prese i capelli con la mano destra, e sbatté la sua testa al muro, a ritmo metronomico. Mesi di furia uscirono fuori con forza abnorme. Il sangue era dappertutto, il corpo di Ava giaceva, e lui non provava niente. Sentì le voci della polizia, ma il corpo non c’era, il sangue nemmeno. Aveva immaginato tutto e intanto la polizia, avvertita dai vicini, aveva portato via Ava, che davvero lo era andata a prendere. Cranston capì che sotto pressione, nelle circostanze adatte, lui stesso sarebbe stato capace di uccidere. Grazie alla sua interpretazione ha vinto quattro Emmy, a 50 anni è diventata una star, e la gente ha amato “Breaking Bad” oltre ogni immaginazione.

martedì 11 ottobre 2016

SGUARDO FETISH - Bon Appétit chez "Hannibal"! I piatti "al sangue" del serial diventano un libro di ricette...

News tratta da "Entertainment Weekly"
“Dinner is served” is always a good thing to hear. Unless Hannibal Lecter is uttering those words while presenting a beautiful dish of questionable meats.
Have no fear, though, when reading Feeding Hannibal: A Connoisseur’s Cookbook, a collection of recipes inspired by the show and created by the show’s food stylist, Janice Poon, who savored the challenge of trying to create new dishes to sate the carnivores shrink.
“You must admit, [Hannibal] is unique,” Poon laughs. “His dietary requirements are unique.”
Poon, showrunner Bryan Fuller, and award-winning chef José Andrés collaborated on the late NBC show’s dishes. The typical process involved Fuller emailing Andrés and Poon. “Bryan would say, ‘I’ve got an arm!’” Poon recalls. “José and I would jump in. I’d say, ‘How about osso bucco?’ or, ‘It has to be slow-cooked if it’s an arm.’
 “José has a very magical way of thinking and comes up with some really left field, brilliant ideas, whereas I’m a bit more of a logician,” she continued. “I always think, ‘Well how’s that going to work?’”
Now, EW is excited to exclusively share one of the recipes for hart tartare tarts that were featured in “Futamono,” season 2, episode 6. As shown in the book, Hannibal (Mads Mikkelsen) served the dish at a dinner party that featured FBI Agent Jack Crawford (Laurence Fishburne) as a guest. Don’t worry: the Feeding Hannibal recipe involves veal heart, not man’s.
On the plate, the tarts are menacing, a pastry spear jutting out of it. That is Poon’s design.
“I want to create as much fear as possible on the plate,” she says. “I keep reminding people these plates are made from bone china. It’s called bone china because it’s bone, ground up. Everything is life and death.”
Each recipe in Feeding Hannibal is accompanied by fascinating insider’s anecdotes, delightful artwork, and revealing behind-the-scenes photos of stars and crew on the set of Hannibal, similar to the Feeding Hannibal blog Poon ran.
Feeding Hannibal will be released Oct. 18.
NEWS - La metà delle visioni on demand in Italia riguarda le serie tv. Al primo posto Netflix, di poco dietro Infinity e poi Skyonline. Sette internauti su dieci guardano i telefilm sul mobile. La spesa degli italiani per i video on line aumentata del 27% nell'ultimo anno

News tratta da "Corriere Economia"
Schermi ultra-luminosi e sempre più grandi, da 5 o 5,5 pollici. Processori più rapidi. Maggiore autonomia e connessioni veloci con il 4G. Grazie a queste evoluzioni lo smartphone si sta trasformando nella nuova televisione. Fa concorrenza non solo allo schermo piatto da salotto, ma anche ai tablet. Per la prima volta quest anno oltre la metà dei video online nel mondo (il 51%) sono stati guardati sugli schermi mobili. Lo rivela il Global Video Index 2016 di Ooyala, indagine diffusa il 30 settembre che ha tracciato il consumo di 3,5 miliardi di video visti in streaming da 220 milioni di internauti. Non solo i video brevi condivisi gratis su YouTube e Facebook, ma anche quelli più lunghi, on demand: l'indagine indica che i «power user», i più assidui, sono gli abbonati ai servizi Svod (Subscribers video on demand, il video online in abbonamento) come Netflix o Amazon Prime Video. Nel 76% dei casi guardano contenuti televisivi, serie o show sul dispositivo mobile almeno due o tre volte alla settimana. Le nuove abitudini stanno contagiando anche gli italiani: sono 2 milioni e 250 mila gli utenti di SkyGo, il videostreaming su tablet e smartphone per i clienti abbonati da un anno a Sky che permette di vedere 40 canali e migliaia di titoli on demand di cinema o serie tv. «Sui canali prevale lo sport visto dal 70% degli spettatori, nell'on demand il 50% delle scelte è invece sulle serie tv», precisano in SkyItalia. A spingere la visione sul mobile non sono solo l'immediatezza e la comodità, ma anche la possibilità di commentare in tempo reale con gli amici sul telefonino ciò che si guarda. «La spesa dei consumatori italiani per i contenuti di video online in abbonamento, o Svod, è cresciuta del 27% nell'ultimo anno e vale la metà del mercato totale Internet, ossia circa 50 milioni di euro — spiega Andrea Lamperti, direttore dell'Osservatorio Internet Media del Politecnico di Milano —. Sono oltre 3 milioni gli italiani che hanno utilizzato almeno un servizio Svod, considerando gli utenti paganti e quelli che sono nel periodo di prova, secondo la nostra ricerca in collaborazione con Doxa». L'arrivo di Netflix ha dinamizzato il mercato con un duplice effetto: ha spinto i player già presenti a migliorare la loro offerta e ha aumentato l'interesse dei consumatori. Il modello Svod piace non solo per la facilità di connessione e l'offerta a basso costo (7,99 euro al mese quella di base su Netflix, 5,99 su Infinity, 9,99 il pacchetto Serie tv o il pacchetto Cinema sulla NowTv di Sky, lanciata a giugno), ma anche per la scelta personalizzata e la flessibilità. L'istituto di ricerche Nextplora ha condotto sullo Svod un sondaggio nazionale in giugno (600 intervistati dai 18 ai 55 anni). «II 15% degli intemauti adulti in Italia nell'ultimo anno ha consumato contenuti video sulle piattaforme di streaming a pagamento — dice il manager director Massimo Ni- colini —. È un mercato nuovo, ancora molto variegato e dinamico. Al primo posto tra le ragioni di scelta cë la convenienza. Segue la possibilità di accedere ovunque al servizio, anche in mobilità, quindi la mancanza di un vincolo contrattuale». Oltre la metà degli intervistati è ricorsa al videostreaming per vedere serie-tv o film e la scelta del servizio vede al primo posto Netflix (48%), seguito da Infinity (Mediaset) al 40% e Skyonline (ora NowTv) al 37 per cento. Francia, Italia e Spagna sono i mercati più promettenti per lo Svod in Europa, dopo quelli già consolidati di Gran Bretagna e Germania. «La spesa per gli abbonamenti Svod nell'Europa occidentale, che nel 2015 è stata di 2 miliardi di euro, arriverà a 3 miliardi di euro a fine 2016», prevede His Technology, che indica anche un possibile raddoppio del mercato spagnolo e di quello italiano. A un anno dall'arrivo di Netflix in Italia, si prepara lo sbarco del suo principale concorrente: Ama-zon Prime Video. Dovrebbe lanciare il servizio in contemporanea in Francia, Spagna e Italia prima di Natale, scrive Le Figaro, e crescenti rumor in Rete lo danno in arrivo per fine novembre. Sarà l'occasione anche per noi di vedere Crisis in six scenes? È la prima serie firmata e interpretata da Woody Allen, sei episodi da 30 minuti, prodotta e lanciata da Amazon il 30 settembre. Per ora, solo per gli anglosassoni.

lunedì 10 ottobre 2016

NEWS - Clamoroso al Cibali! Sarah Jessica Parker rivela che in "Sex and the City" Samantha, Charlotte e Miranda potessero essere amiche solo immaginarie di Carrie Bradshaw!

News tratta da Mic.com
Apparently, Sarah Jessica Parker has a wild fan theory about Sex and the City that would change everything if it were true — except that it makes absolutely no sense. Parker was interviewed on the podcast Nerdist this week and she told host Chris Hardwick about her spin on the show: "I used to wonder if Samantha, Charlotte and Miranda were real," Parker said. "That that wasn't just her column". Wait, what? Is SJP revealing that, during the years she spent portraying Sex and the City's central heroine Carrie Bradshaw, she harbored a secret theory that Samantha, Charlotte and Miranda  (a.k.a. "The Girls") were all figments of Carrie's writerly imagination? This a little more grounded than the fan theory that Sandy was dead the whole time in Greasebut just barely. Parker revealed she thought Bradshaw could have created her three friends as a "literary conceit" — three archetypical women characters created so that Bradshaw could tell stories in her column.
If Charlotte and Samantha and Miranda were all made up, that would explain Carrie's ability to narrate scenes she's not in – but other than that, it doesn't really make sense. Does that mean the plot of every single episode is the text of Carrie's column that week? That would make her columns super long and dialogue-heavy and probably not all that fun to read. 
Maybe Parker is trying to pull a J.K. Rowling and blow our minds with "new information" revealed years after the show ended, but it also doesn't really matter whether she thinks Charlotte and Samantha and Miranda were "fictional" fictional characters or just normal fictional characters. To us, they'll always be real.

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!