Viewers last month

venerdì 18 marzo 2016


ESCLUSIVA - Intervista in esclusiva di Telefilm Cult a Anna Faris di "Mom", in onda con la 3° stagione inedita su Joi ogni martedì. "Lavorare in tv ti accresce giorno dopo giorno, puntata dopo puntata. Solo lì riesci a ridere del tumore al seno"...

So what can you tell us about the experience of being the leading actress of a sitcom now, being in television?

ANNA FARIS:  I am loving it.  This is, in a lot of ways, the most satisfying job I've ever had.  And I love the family that the ‑‑ the TV family that we have.  I love my cast members.  I love the idea that I get to potentially play a character for an extended period of time.  I love it that I don't ‑‑ my character dates a little bit, but I don't really have a love interest; that my struggle is one of trying to be a better mom, a better person, and – because for so long, I think ‑‑ from, like, until you're ‑‑ from, like, 20 to 40 or maybe longer, most of the roles you have in film, there's ‑‑ revolves around some kind of love interest.  That's either the goal, or that's ‑‑ you know, you want the guy, or you have to keep the guy, or you're rolling your eyes at the guy and you want him to change because he's being such a child or ‑‑ So it's so liberating to not ‑‑ and that's just one of so many things, but I'm really ‑‑ I'm really loving this.  I drive to work every day, and I'm just so thankful and happy.  And so I'm hoping good things.

Does it feel like an upside‑down world where film has become a space where predictability has become a big issue for character and sitcom, which once upon a time we might have actually thought was exactly that, is now a space where there's some quite fun and risky things happening?

ANNA FARIS:  It's definitely ‑‑ it is a changing environment, isn't it?  And I don't know ‑‑ this is my first time in TV, so I'm so unfamiliar with how everything works.  I'm kind of a moron with that stuff.  But I ‑‑ I find this character and the fact that she gets to evolve as we ‑‑ and we get ‑‑ you know, we're all still finding who she is, what her past is.  And I find that experience just so rewarding.  And you don't get that in film.  And I do think finding ‑‑ I think that for a long time ‑‑ maybe it's ‑‑ maybe it's starting to shift, but female characters in film, like the kind of roles that I would be up for ‑‑ I'm getting older now, so I'm not necessarily up for them ‑‑ but were ‑‑ the fear, it always felt like, is the audience going to like this person?  Are the men going to fall in love with her, and are the women going to want her to be their best friend?  It was always the mantra, I felt like, of filmmakers in my world ‑‑ in terms of comedy and romantic comedy I'm talking about ‑‑ that you end up with a very watered‑down, to me, kind of bland character.  So this is ‑‑ this is opposite of that.  Does that kind of sort of ‑‑

Anna, does it become harder or easier to discuss heavy issues, like in this show, through comedy? Like alcoholism and single mother?

ANNA FARIS:  I find ‑‑ I mean, I love it that we deal with these issues.  I love it so much.  It's terrifying.  We just had an episode air about breast cancer.  And it's one of those things, like how ‑‑ how do we deal with breast cancer with ‑‑ but I just ‑‑ I love it that ‑‑ I feel like we're a comedy ‑‑ and I know this is important to Chuck ‑‑ that has a lot of deep emotional moments.  And I'm hoping that our audience in turn will become emotionally invested with us and care about our journey as opposed to dealing with issues of, like, you know, I don't know, the laundromat's closed or whatever.  I mean, not to knock ‑‑ I love ‑‑ I love everything out there, but ‑‑ But it's very satisfying as an actor, for me, and I hope that our audience agrees that ‑‑ 


You probably could have played her without being a mother, but how has the approach to her changed with ‑‑

ANNA FARIS:  I feel slightly more qualified. But I think ‑‑ I'm still learning with my kids on the show because I have a little baby.  So that's ‑‑ it's a different deal.  But even hanging out with Sadie, who plays ‑‑ Sadie Calvano, who plays my teenage daughter, during the first few episodes, I was like, I have not been around a 16‑year‑old in a really long time. And so I think I'm still finding my footing with Christy being a mom.  And I find it ‑‑ it's two very different worlds.  And I think that maybe that's okay because I think Christy, being newly sober, is still finding herself as a mom.  Like we're dealing with sort of the storyline of my daughter's pregnancy.  And I asked the writers, you know, "Why isn't my character more mad?," you know.  Like "You're making the same mistake that I made.  You're making the same mistake that Bonnie made.  Your dreams, whatever you had, everything is going to shift now."  And I think that the explanation of why my character isn't more mad is because she's ‑‑ and who knows?  Maybe in the next episode, I'll get furious.  I don't know. But I think that right now she's struggling with so much guilt.  So I think she has to, like, swallow a lot of her anger and try to mend the ‑‑ repair the damage that she's done as a mom, or at least that she feels that she's done.


What has surprised you the most about doing television?

ANNA FARIS:  Oh, gosh.  I think ‑‑ I think how satisfying it is; how much, as an actor, I feel like I've grown, I think.  I think you tend to look at the television world as, like, maybe not as ‑‑ maybe not as satisfying as the film world, or maybe you're not playing ‑‑ maybe you're playing, I don't know, characters that ‑‑ or maybe the journey isn't ‑‑ the vision isn't as grand or something.  I don't know.  But I think, for me, this is ‑‑ this has just been ‑‑ it's been amazing.  I love that ‑‑ shooting in front of a live audience is amazing because I grew up doing theater, and so it taps into my love for that.  But the best part is they laugh at everything. I mean, they're the most generous ‑‑ I mean, they want to be there, and they're so generous.  And so you can sort of do no wrong.  So it's kind of the best audience you could have. So I'm just loving it.

giovedì 17 marzo 2016

NEWS - Clamoroso al Cibalesbo! Nel reboot di "Xena" la protagonista sarà finalmente fidanzata con Gabrielle (bando alle censure, baby)

News tratta da "Mic.com"
The '90s fantasy action series Xena: Warrior Princess, which ran from 1995 to 2001, developed a cult following — and many fans suspected that Xena, played by Lucy Lawless and her BFF/sidekick Gabrielle, played by Renee O'Connor, were more than just friends, although the two were never officially together in the show. But with a reboot of the series on the horizon, it seems that Xena's sexual orientation will finally be explored, and she and Gabrielle may finally have a chance to actually have a romantic relationship.
Javier Grillo-Marxuach, who is reportedly signed-on to write the pilot for a Xena reboot from NBC, wrote on Tumblr, "There is no reason to bring back Xena if it is not there for the purpose of fully exploring a relationship that could only be shown subtextually in first-run syndication in the 1990s. It will also express my view of the world — which is only further informed by what is happening right now — and is not too difficult to know what that is if you do some digging," reported Vanity Fair on Sunday.
The Xena reboot has been rumored since at least August, when NBC Entertainment chairman Bob Greenblatt told the Hollywood Reporter "Yes, we're in the early stages of developing a new take on Xena." So far, it's unclear whether or not Lawless and O'Connor will reprise their roles as Xena and Gabrielle, but for the sake of all the devoted shippers out there, we hope they do.

mercoledì 16 marzo 2016

NEWS - Mr. RoBOOM! La serie cult di Esmail fa record on demand su Premium Play
Record di sempre su Premium Play con le due serie tv più attese dal pubblico italiano: “Mr.Robot” e “Bosch”. E nel mese di febbraio il servizio Premium di streaming on demand ha battuto anche il record complessivo: 16 milioni di contenuti visti dagli abbonati Premium, in media oltre mezzo milione ogni sera.
Questi i dettagli. Oltre 210 mila visualizzazioni - record di sempre - in modalità on demand (un clic e il contenuto parte in qualsiasi momento) per i primi episodi della serie evento Mr.Robot vincitrice di due Golden Globe. Ascolti che si sommano a quelli classici racconti sul canale Premium Stories su cui la serie va in onda ogni giovedì in prima serata. Il gradimento e la comodità della piattaforma non lineare Premium sono confermati anche dai risultati di Bosch, l’altro titolo cult di stagione in onda ogni mercoledì sul canale Premium Crime: la serie tratta dai best seller di Michael Connelly ha registrato in pochi giorni oltre 55 mila visioni on demand aggiuntive. L’esclusiva assoluta Premium dei due titoli più attesi dal pubblico italiano ha accelerato ulteriormente una modalità di consumo televisivo, quello “non lineare”, dedicato al pubblico più evoluto: finora Play ha infatti registrato più di 300 milioni di visioni. Il servizio offre 8.000 titoli anche in HD tra film, serie tv, sport, intrattenimento ed è compreso nell’abbonamento senza costi aggiuntivi. La visione può avvenire sia sul televisore sia in mobilità. L’app per fruizione su tablet e smartphone (disponibile per i device Apple, Android e Windows) ha superato i 2,5 milioni di download. Interessante anche il consumo medio di ogni abbonato Premium: 15 scelte on demand al mese, praticamente una serata televisiva su due è trascorsa selezionando un titolo in streaming su Premium Play. Il dato è in crescita mese dopo mese e a febbraio è stato toccato il numero record di oltre 16 milioni di contenuti visti on demand dai clienti Premium.
L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

CORRIERE DELLA SERA
Il cedimento al maniersimo e alla soap di "House of Cards"
"E' tornata la serie «House of Cards» con tutto il suo carico di ambiguità, con le sue lezioni sul potere, con le sue riflessioni sulla grandezza e la debolezza dell'essere umano condensate in aforismi memorabili. Avevamo lasciato Frank Underwood (Kevin Spacey) in una posizione precaria, esposto come di consueto ai rovesci della fortuna e alle macchinazioni della politica: raggiunto l'agognato obiettivo della presidenza grazie a un tecnicismo, gli resta il compito più difficile, quello di confermare l'incarico attraverso le urne elettorali. L'attesa per la partenza della serie era alta anche perché Netflix ha puntato negli scorsi mesi su una promozione molto interessante, fatta di spot per la campagna elettorale di Underwood che strizzavano inevitabilmente l'occhio a quello che stava succedendo nell'arena politica reale, con il confronto tra Clinton e Trump. I primi due episodi, trasmessi in Italia da Sky Atlantic, hanno confermato che il tema portante della serie è, in fondo, il matrimonio (venerdì scorso gli episodi in lingua originale, mercoledì alle 21.10 doppiati in italiano). Cosa può succedere se Claire (Robin Wright), anima nera della power couple Underwood, volta le spalle a Frank, desiderosa di perseguire la sua propria carriera politica, forse anche di riaffermare il suo privilegio di nascita a scapito del marito (è figlia di una ricca dinastia texana, mentre Frank è di umili origini)? L'impressione è che il racconto di questa stagione abbia in diversi punti ceduto volentieri al manierismo, eccedendo nel sovraccaricare e virare in chiave soap alcuni aspetti. Ma restano alcune perle, alcuni momenti di grande raffinatezza narrativa. Come il confronto serrato tra Frank e la suocera che non ha mai approvato la provenienza popolare del genero, figlio di un coltivatore di pesche, che il presidente chiude così: «Sono rimasto spazzatura bianca, ma questa spazzatura ora vive alla Casa Bianca»". (Aldo Grasso, 08.03.2016)

martedì 15 marzo 2016

NEWS - TIM in tackle nell'on demand con serie tv in anteprima (una inedita al mese): "American Crime" e "Humans" tra i titoli in arrivo 
Milano, 15 mar. (AdnKronos) - Un nuovo decoder android, oltre mezzo milione di clienti attivi, 25 milioni di fruizioni in un anno con una crescita di +130% e una nuova serie inedita e in esclusiva al mese. Tim lancia la sfida ed irrompe in modo sempre più deciso nel mercato on demand. "In un settore in enorme espansione come quello dell'on demand -spiega Daniela Biscarini, responsabile multimedia entertainment Tim- in cui oltre 4 milioni di italiani nel 2015 hanno avuto accesso ad un contenuto di origine televisiva attraverso il web (+27% rispetto al 2014), TimVision ha conqistato un ruolo di primissimo piano". Nel 2015 le fruizioni di TimVision sul cinema sono aumentate del 153%, quelle sulle serie tv del 197%, quelle sui prodotti kid e junior del +188%. Un'offerta, quella di TimVision che comprende 8.000 titoli in un unico abbonamento, hd incluso, nessuna interruzione pubblicitaria, nessun consumo giga in mobilità su rete Tim. "Entro l'estate -annuncia Giovanni Brunelli, responsabile TimVision- arriverà una grande novità: il nostro nuovo decoder android, 4k, di ultimissima generazione, che permetterà di vedere sia i contenuti TimVision sia quelli delle piattaforme con cui Tim ha stretto accordi". Dal punto di vista dei contenuti, il menù è ricco di novità, annuncia Aldo Romersa, responsabile contenuti TimVision: "Avremo una serie inedita al mese in anteprima assoluta tra cui 'The Royals 2' con Elizabeth Hurley, 'Vikings 4', 'American Crime' con Timothy Hutton e Felicity Huffman, 'Humans' con William Hurt. Avremo film mai visti in tv come 'Cop Car' con Kevin Bacon e 'A qualsiasi prezzo' con Zac Efron e consolideremo l'offerta dedicata ai più giovani con l'entrata di brand che non sono mai stati sulla piattaforma come Gormiti, Digimon, Hamtaro e Sissi". A completare l'offerta multimedia di Tim, il college pack speciale insegnanti, rivolto ai docenti, che prevede un pacchetto completo dedicato all'aggiornamento digitale composto da un device, connettività mobile 4G e contenuti per la formazione scolastica, specificatamente dedicato agli insegnanti che possono usufruire del bonus di 500 euro previsto dalla Carta del Docente del Miur.
NEWS - Auditel, fatti da parte. Nielsen pronta a lanciare la "total audience" (tutti i device e ogni piattaforma, non solo la tv)


Articolo tratto da "Italia Oggi"
Prima c'era la misurazione degli ascolti televisivi tradizionali, poi è arrivata quella degli utenti online, ma separate. Alla fine, però, si arriverà a un'unica audience, la total audience, perché chi guarda X Factor o l'Isola dei famosi ormai lo può fare in modi diversi e non soltanto davanti al piccolo schermo. Una partita su cui sta scommettendo Nielsen, che negli Stati Uniti ha già preparato l'impianto per la total audience. Entro quest'anno, spiega in questa intervista Megan Clarken, presidente product leadership di Nielsen che a livello internazionale si occupa del progetto, la società di ricerche di mercato porterà anche in Italia tutte le componenti della total audience, anche se il lancio effettivo dipenderà dalle mosse di Auditel ed eventualmente di Audiweb. La partita perciò sarà su più fronti: Nielsen sta rilanciando per restare la società di riferimento nella rilevazione delle audience ma avrà la minaccia di nuovi concorrenti e in un momento in cui nel nostro Paese deve affrontare sfide e grattacapi: la gara Audiweb di cui finora è stato fornitore, l'ampliamento del panel Auditel ma soprattutto il problema nato proprio con la fuoriuscita di dati sui panelisti lo scorso ottobre e che ha portato la rilevazione a essere sorvegliata speciale.

D. Cosa misurerà la total audience?
R. Gli attuali rating (la misurazione degli ascolti, ndr) rispecchiano sempre meno l'audience effettiva dei programmi. Si limitano a una serie di regole definite dall'industria, alcune vecchie di 10 anni, si misurano gli ascolti in un determinato periodo o su un dispositivo specifico. Oggi le audience guardano i programmi in qualsiasi momento e in qualsiasi tipo di dispositivo. Proprio per questo Nielsen ha ampliato le sue misurazioni su tutti i device e piattaforme e su tutti i modelli pubblicitari. 

D. Si parla solo della tv? 
 R. No. La total audience si focalizza sul tipo di contenuti: video, audio, testo o display. Chiunque compete per la raccolta potrà usare lo stesso linguaggio paragonabile quando vende la propria pubblicità. Così che Yahoo, per esempio, potrà usare lo stesso linguaggio di Sky quando parla di audience sui video. 

D. Quindi si misurano i singoli contenuti laddove vengono guardati? 
R. Questo è il primo elemento della total audience: la misurazione del consumo dei media nelle diverse piattaforme e con i diversi device e attraverso i differenti modelli di advertising: tradizionale lineare, digitale dinamica, modelli su abbonamento senza pubblicità. Tutto in modo raffrontabile. E la misurazione delle pubblicità sarà separata dalla misurazione dei contenuti. 

D. Perché? 
R. Nel corso del tempo ci saranno sempre meno relazioni tra programmi e advertising. La pubblicità che vedo io non è la stessa che vede lei guardando lo stesso contenuto online o anche con la televisione nei dispositivi che lo consentono. Così da una parte produciamo il cosiddetto Total content rating per i contenuti e dall'altra un Total ad rating per la pubblicità. 11 primo serve per pianificare, il secondo per misurare post acquisto le inserzioni. 

D. La rilevazione della tv lineare è la stessa? 
R. Si, i rating televisivi tradizionali restano gli stessi: da 1 fino 35 giorni abbiamo i risultati per la tv tradizionale, mentre per il digitale andiamo anche oltre nella misurazione, teoricamente all'infinito. 

D. Due anni per il progetto, ora a che punto siete?  
R. Abbiamo completato la creazione dell'architettura della total audience, l'infrastruttura. La fase successiva è misurare il digitale dei broadcaster, per fare questo gli editori devono incorporare il nostro software. 

D. Il lancio commerciale? 
R. Negli Usa gli operatori devono appunto adottare il software e abituarsi ai dati. L'ideale per noi è che nel 2017 i dati abbiano portato a un'evoluzione dell'attuale sistema di rating. Nell'internazionale proseguiamo per gradi e lavoriamo con i joint industry committee (Auditel e Audiweb in Italia, ndr) in ciascun mercato, per fornire i dati rispettando i loro requisiti. 

D. In Italia cosa accadrà? 
R. Abbiamo molti dei pezzi che possono fornire la total audience. Porteremo il Digital content rating a fine anno e potremmo mettere insieme questi pezzi. Anche qui però lavoriamo in stretta collaborazione con i joint industry committee per fornire i servizi così come richiedono. Riconosciamo che sul mercato italiano ci sono gli stessi problemi di frammentazione della visione sui dispositivi digitali. 

D. Come è possibile mettere insieme il lineare col digitale?
R. Per il digitale semplicemente catturiamo le visioni con i tag inseriti nei contenuti (etichette digitali, ndr): sappiamo quale video è stato visto e l'identificativo del dispositivo attraverso cui è stato visto. Poi mandiamo questo identificativo al nostro partner di terze parti, Facebook negli Usa e nella maggior parte degli altri mercati. Facebook ci invia dati sull'età e sul sesso del possessore del dispositivo che noi correggiamo grazie ai panel del mercato tv e digitale. Da li possiamo allineare l'audience in base a quanto estrapoliamo anche dal panel. 

D. Il panel è considerato un metodo vecchio e per giunta i problemi in Italia hanno riguardato proprio il panel. Non si prescinde? 
R. Il panel viene usato per correggere le problematiche dei big data. Per esempio Facebook non ha bambini e quindi il panel fornisce i dati dei bambini. Non è in grado di identificare se il device è dato a un altro membro della famiglia per guardare un video. Per esempio, Facebook ci dice che un determinato device è usato da un uomo di 35 anni, ma non vede i dati sull'esposizione media, noi ci accorgiamo che quel programma era Spongebob Squarepants: quell'utente era in realtà una ragazzina di 10 anni e non un uomo di 35. 

D. Però così vi legate a un grande player della rete. La critica è che non c'è indipendenza. 
R. La nostra relazione con Facebook è semplicemente un abbinamento di dati: età-sesso. Ciò su cui noi ci concentriamo è di assicurarci di utilizzare dei provider che ci aiutino a fornire i dati di più elevata qualità per il mercato. 

D. Non siete gli unici, però, a muovervi sulla total audience. Anche Comscore negli Usa ha annunciato di lavorarci e in Italia si sta espandendo. 
R. Crediamo che il mercato richieda misurazioni indipendenti e noi attualmente siamo l'unico provider indipendente. Poi per fare la total audience devi avere accesso o essere il fornitore di misurazioni line-rari tradizionali (quelle televisive, ndr), altrimenti conosci solo un lato, il digitale. E importante per noi fornire la total audience in mercati in cui abbiamo accesso o forniamo il servizio di misurazione lineare. Ecco perché il mercato italiano è adatto a questa misurazione di Nielsen.

lunedì 14 marzo 2016

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

CORRIERE DELLA SERA
"Allegiance", temi pericolosamente avvincenti che meritavano di più 
“Alex O'Connor è un analista della Cia specializzato in questioni russe. Il giovane agente scopre un segreto sconcertante sulla sua famiglia: i suoi genitori, Mark e Katya erano delle spie dell'ex regime sovietico. Disgraziatamente, sotto ricatto, la madre Katya riceve l'incarico di trasformare suo figlio in una spia infiltrata nella Cia. «Allegiance» è un rifacimento dell'israeliano ‘The Gordin Cell’ che ha debuttato negli Stati Uniti il 5 febbraio 2015 (ancora una volta Israele si offre come fucina linguistica). La serie non è piaciuta molto al pubblico e si è conclusa dopo 13 puntate (Mediaset Premium Stories). Peccato, perché i temi di cui tratta sono pericolosamente avvincenti: Katya (Hope Davis) e Mark O'Connor (Scott Cohen) sono una coppia all'apparenza tranquilla e senza segreti. In realtà Katya è una spia russa ritiratasi dall'attività; suo padre, generale del Kgb, l'ha reclutata all'età di 17 anni. Mark è un uomo d'affari americano assoldato in segreto da Katya per attività spionistiche sovietiche. I due hanno tre figli: Alex O'Connor (Gavin Stenhouse) lavora per la Cia, Natalie (Margarita Levieva) è impiegata da quando ha 20 anni presso il Svr (Sluzhba Vneshney Rrazvedki), il servizio segreto russo, e la piccola Sarah (Alexandra Peters). Il confronto con ‘The Americans’ è immediato. Ma quello che ‘The Americans’ racconta non è un semplice scontro di sistemi politici o economici, capitalismo contro comunismo al tempo della guerra fredda: è un conflitto più profondo e radicale, che riguarda piccole e grandi cose, dai ruoli di uomo e donna nel matrimonio, alla femminilità, dai doveri dei figli ai compiti dei genitori. Il doppio binario della spy story viaggia in perfetta armonia. La debolezza di «Allegiance» sta forse nel fatto che il racconto spionistico spesso soccombe sotto il peso del family drama. Rispetto a ‘The Americans’ è più prevedibile, anche se il racconto resta pur sempre trascinante”. (Aldo Grasso, 12.03.2016)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!