venerdì 5 maggio 2017

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

IL FATTO QUOTIDIANO
"Tredici", otto cassette da spedire agli sceneggiatori per una serie che non convince
"'Tredici' è una serie tv americana che sta avendo un successo clamoroso in tutto il mondo. Hannah Baker è una diciassettenne che si suicida e prima di suicidarsi registra tredici cassette audio ognuna delle quali è dedicata a una persona che ha contribuito alla sua infelicità. Ora, non discuto le buone intenzioni di chi l’ha ideato ed è bene che finalmente ci sia una serie che affronti l’argomento, ma “Trediciè pieno di buone ragioni per inviare qualche cassetta anche ai suoi sceneggiatori
Ecco le mie otto:
Hannah Baker: la protagonista di “tredici” ha un difetto imperdonabile. E’ carina, è buona, è garbata, è deliziosa ma ha un problema: non denuncia chi ha delle colpe, colpevolizza chi la tratta bene, sfancula chi la vuole aiutare e poi si lamenta perché chi viene sfanculato non la insegue per i corridoi o per le scale di casa non capendo che i suoi “sparisci per sempre dalla mia vita” vogliono in realtà dire “abbracciami e non lasciarmi mai più”. Ergo, finisce per accadere quello che non dovrebbe mai accadere in una serie in cui bisogna empatizzare con la vittima bullizzata che manda cassette pure a chi non ha fatto abbastanza: pensi che in una cassetta ci saresti finito pure tu, perché tu se una di dice “fanculo” pensi voglia dire “fanculo”, non “sposami in comune e facciamo due figli”. 
La lista: una delle famose cassette di Hannah è sulla questione “lista”. Questa lista, appuntata su un foglietto, l’ha compilata il suo amico Alex e contiene una specie di classifica delle ragazze più belle della scuola e di appunti sulle loro parti anatomiche. Hannah è citata nel punto “culo più bello della scuola”. Ora, visto che Hannah non dirige “D” di Repubblica, non è Lella Costa, non è Meryl Streep al microfono alla notte degli oscar ma un’adolescente in cerca di conferme sulla sua avvenenza come tutte le adolescenti del mondo, io al fatto che faccia una questione da “mercificazione del corpo delle donne” per ‘sta benedetta lista faccio fatica a credere. Non oso pensare a cosa sarebbe successo se avesse letto il suo nome accanto alla dicitura “peggior culo della scuola”. Altro che suicidio. Qui era un’altra Columbine.
L’inutilità dei genitori: i genitori, in questa serie, sono utili quanto le creme antismagliature per la pancia dopo un parto plurigemellare. Sarà anche vero che in adolescenza con i genitori si parla poco, sarà anche vero che è difficile entrare nel mondo degli adolescenti, ma qui ci sono figli che entrano in casa con occhi tumefatti, mascelle fratturate e orecchie grondanti sangue e la domanda più invasiva che viene formulata è : “Hey Clay, tutto bene?”. Ci sono figli che chiedono “Senti mamma, se uno subisce una violenza ma non vuole denunciare quella violenza e quella violenza è avvenuta senza testimoni, si può fare una denuncia come persona informata sui fatti?” e la madre non risponde “Ora mi dici chi minchia è stato violentato”. No, dice: “Hey, se fosse successo qualcosa di grave me lo diresti vero?”. No, ti stava facendo un quiz per L’eredità. Infine, non si capisce bene dove siano i genitori si tutti ‘sti diciassettenni durante i festini in casa. A 17 anni mia madre non mi lasciava neppure andare sola in sgabuzzino, questi organizzano feste con ville hollywoodiane a disposizione, alcol in pinte da 6 litri e stupri seriali, e “i miei genitori sono a Ibiza per qualche giorno”. O Bryce è il figlio di Bob Sinclair o mi devono spiegare cosa ci facciano i suoi a Ibiza durante l’anno scolastico.
La cassetta di Clay. Clay non fuma, beve solo alle feste e mette il casco quando va in bicicletta. Praticamente ha uno stile di vita che gli permetterebbe di morire di vecchiaia a 107 anni, ma a Hannah Baker questo non sta bene e quindi gli dedica una cassetta. Clay a quel punto pensa di averle messo sotto il cane in retromarcia per sbaglio e quindi entra in un terribile tunnel di disperazione. Invece no. Lui è nella cassetta perchè Hannah gli conferma che è stato buono, gentile e premuroso, e che al massimo, a voler cercare il pelo nell’uovo, la sua colpa è stata l’essere uscito da una stanza dopo che per tre volte gli era stato chiesto di andarsene. (vedi sopra) Insomma, pensi “che stronza!” e ti senti pure in colpa.
Courtney. Hannah scopre di avere un paparazzo stalker che le si apposta alla finestra per fotografarla svestita e quindi, con l’amica Courtney, decide di tendergli una trappola. Le due quindi pensano bene di sbronzarsi e di mettersi a limonare in lingerie davanti alla finestra, e questo è il momento in cui la verosimiglianza della serie inizia a scricchiolare. Lo scatto fa ovviamente il giro della scuola, l’identità dei soggetti non è chiara e tuttavia Courtney decide di sputtanare la povera Hannah, perchè in realtà Courtney è lesbica e non vuole che si sappia non tanto perchè se ne vergogni ma perchè, dal momento che è stata adottata da una coppia gay, non vuole rafforzare le teorie delle Sentinelle in Piedi sul fatto che i figli di un gay diventeranno gay. In pratica Hannah Baker muore anche per colpa di Adinolfi.
La cassetta di Sheri. A voler vedere, Sheri è la più martoriata della serie, perchè a) A Sheri piace Clay, ma a lui piace Hannah e quindi, per rispetto nei confronti dell’amica, lascia perdere. b) Si offre di dare un passaggio ad Hannah, ubriaca e testimone di uno stupro, le cerca pure un caricabatterie e nel farlo abbatte un segnale di stop. Non contenta, Hannah la vorrebbe pure fare arrestare per guida in stato d’ebbrezza ma lei se la dà e quindi “benvenuta nella tua cassetta, Sheri-criminale-di-merda!”. c) E’ l’unica che alla fine si costituisce e d) Quando finalmente riesce ad appartarsi con Clay, lui le dà il due di picche sulla fiducia. Per cui capisci che gli sceneggiatori hanno sbagliato tutto e che quella con la vita di merda non era Hannah Baker, ma Sheri.
Bryce. Oltre a incarnare più stereotipi di quanti ne possa proferire una concorrente di Miss Italia nel suo discorso, il diciottenne ricco, violento, capitano della squadra di basket del liceo Bryce Walker è uno stupratore, perchè ovviamente, nel pieno spirito di banalità che permea tutta la serie, gli autori vogliono ricordarci che la ricchezza non compra la felicità e che il nuoto è lo sport più completo. Tuttavia nessuno lo denuncia, la vittima continua a frequentarlo nel gruppo di amici col proprio fidanzato che, invece di fracassargli la testa contro i sampietrini, continua a battergli il 5.
Il finale, meglio che in una favola di Esopo, riassume perfettamente il messaggio della serie. Cerca di essere empatico? Non fare del male a nessuno? Sii migliore delle persone che hai attorno? No, però fidanzati con la tizia nichilista, cartomante, coi piercing e che si lava a capodanni alterni, sennò magari poi si suicida pure lei e ti manda una cassetta". (Selvaggia Lucarelli)

11 commenti:

Anonimo ha detto...

Selvaggia Lucarelli chi?

Ilaria ha detto...

Il bullismo è sempre esistito. Solo che ultimamente si è "evoluto". Al giorno d'oggi basta una parola per sputtanare una ragazzina davanti a tutti i suoi contatti fb e l'impatto che ha su un'adolescente è ben diverso da quello che ha su una persona adulta. Uno degli obiettivi di questa serie era far capire anche questo, a mio parere.

beppe ha detto...

Stranamente sono d'accordo, per una volta, con la Lucarelli. Serie sopravvalutata, venduta molto bene come serie sul bullismo, ma tipico teen-drama adolescenziale spesso palloso da morire...

Roby ha detto...

Cara Lucarelli,se lei si sofferma solo sulla lista,allora non ha capito un emerito cazzo dell'intera serie.Non è la lista in sè per sè,ma gli effetti che questa scatena e porta i compagni di scuola di Hannah a sentirsi autorizzati a trattarla come un oggetti. Per il resto,è meglio lasciar perdere,dato che solo sulla questione "lista" ha travisato tutto.

partouze ha detto...

Non è che OGNI serie Netflix DEVE essere per forza un capolavoro!
Questa non è nulla di che, in fondo.
Non c'entra nulla il bullismo o meno: è pallosa!
Se poi fa discutere sull'argomento ok, ma il prodotto non è nulla di che!
(Del resto da una come Selena Gomez mica ti potevi aspettare I Soprano, no?)

jacko ha detto...

ma la Lucarelli non è quella che bullizza i concorrenti nei vari programmi dove fa la giudice?
non è quella che bullizza i ragazzi su Facebook sputtanandoli? (a volte meritandoselo, per carità)

Anonimo ha detto...

Lucarelli for President!
Parole sante!

Alessia Fraioli ha detto...

Comunque, io da parte mia ho trovato la recensione geniale, divertente e ho condiviso molti punti, perché nel vederla mi veniva voglia di prendere Hannah a capocciate.
Ad ogni modo penso che un altro scopo della serie, ammettendo comunque il fatto che sia partita con lo scopo di mandare messaggi precisi, sia quello di far capire anche che non si può pretendere di essere capiti nel silenzio.

Mentre vedo che tutti spostano l'attenzione sui destinatari di queste cavolo di cassette, dicendo che avrebbero.potuto fare di più, io penso che un messaggio importante che si può trarre dalla serie è " NON ESSERE HANNAH BACKER".
Non rimanere in silenzio, non andare ad una cazzo di festa del cavolo è soprattutto non fare in modo di rimanere sola con una persona che sai è pericolosa, non aspettare che sia il tuo Clay a fare il passo avanti quando il passo avanti puoi farlo tu, non accettare passivamente che la tua migliore amica ti addosso colpe che non hai, non avere paura di denunciare.

Non aspettare, agisci.

Poi non so, sono punti di vista.

Anonimo ha detto...

ma la Lucarelli è la moglie di Carlo Lucarelli lo scrittore noir?
lui è un bel cesso, nel caso, in confronto a lei!

V Renda ha detto...

abbastanza condivisibile.
Poi assurda la maniera in cui questa ragazza con le sue cassette colpevolizza in ugual modo chi le ha scritto che ha un bel culo o ha pubblicato (in forma anonima!) una sua poesia con chi invece l'ha stuprata e l'ha coinvolta in un omicidio colposo. Banalizza molto il messaggio.
Il primo passo per combattere il bullismo è cercare di non psicanalizzare ogni presa in giro e ogni atteggiamento leggero che i ragazzi hanno per forza di cose (è scientificamento provato che l'empatia è un fattore non innato ma progressivo) come bullismo. Si le parole possono fare male ma possono essere contestualizzate e bisogna insegnare ai ragazzi a contestuallizzarle quando è possibile. La violenza fisica invece è sempre violenza fisica ed è tutto un altro paio di maniche.

h2o ha detto...

a me la serie piace, ma potrebbe parlare di qualsiasi argomento...
secondo me il bullismo è stato inserito a scopo promozionale per far parlare, e anche la Lucarelli ci è cascata!
;)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!