Viewers last month

venerdì 27 novembre 2015

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

CORRIERE DELLA SERA
Con "Narcos" il gangster-movie diventa serial
"Netflix è sbarcato in Italia da poche settimane e ha già avuto il merito di portarci la serie più interessante di questo periodo, «Narcos», una produzione originale della piattaforma americana che si inserisce in una proposta ormai varia e ricca di titoli inediti (come anche «Bloodline»). Siamo in Colombia, tra gli anni 70 e 80: Pablo Escobar sta costruendo le fondamenta del suo impero milionario sul narcotraffico, produzione e distribuzione di cocaina tra Sud America e Usa. Mentre viene braccato da autorità colombiane e squadre speciali di «gringos», agenti Usa, si lascia alle spalle una poderosa scia di sangue (il numero di morti di quel periodo fa pensare a una vera e propria guerra civile). Escobar non è stato solo un trafficante, ma una figura di criminale diventata leggendaria, al centro di una mitologia costruita sulla dismisura di denaro, che la serie esibisce di continuo, e sull’uso spietato della violenza, oltre che su alcuni contraddittorii ideali da Robin Hood. «Narcos» racconta la sua storia, dai primi passi come piccolo contrabbandiere a ricercato capace di imporre le sue regole ai fragili governi colombiani. Lo fa con uno stile che raccoglie e rilancia le migliori tendenze del racconto contemporaneo. La serie è pervasa da una forte vena documentaristica che traspare nell’accuratezza della ricostruzione del periodo, nella piena aderenza alla realtà dei fatti (spesso si utilizzano immagini e altre fonti originali), trasformati in narrazione senza virarli in melodramma. Pablo ha la statura dell’eroe negativo ma a differenza di quanto avviene in altre serie con lui non si empatizza: vediamo la sua umanità con la famiglia ma non gli vengono mai fatti sconti narrativi, non c’è indulgenza. Anzi proprio il contrasto tra persona pubblica e privata lo rende più imperdonabile. Grazie all’ibridazione con i codici del documentario, «Narcos» porta il gangster movie a un livello più raffinato e complesso". (Aldo Grasso, 21.11.2015)

Nessun commento:

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!