Viewers last month

lunedì 20 aprile 2015

NEWS - Habemus Netflix! Dall'autunno lo sbarco in Italia: monitorati i gusti degli italiani che s'imbucano abbonandosi in Usa. Allo studio serie tv italiane ad hoc. Sky pronta allo scontro s-fibra-nte. Unico nodo da sciogliere, con chi si sposerà Netflix (Telecom o Vodafone?)
 
Articolo tratto da "Affari e Finanza" de "La Repubblica"
La partita della fibra ottica - che chiama in campo il governo e Mediaset, Sky e Telecom, Vodafone e Metroweb - deve fare i conti con un ostacolo piccolo ma ben appuntito. Ora che la crisi economica vive la sua coda avvelenata, le famiglie e le imprese non corrono certo ad abbonarsi all'Internet veloce, laddove c'è. Risparmiano, si accontentano delle velocità web disponibili, annusano l'aria per capire se questa benedetta fibra assicuri per davvero i vantaggi promessi. Ed ecco allora i big della telefonia giocare la carta che i "cugini" europei hanno già calato da tempo: quella della tv. Lungo la fibra devono correre i contenuti televisivi perché famiglie e imprese si decidano all'acquisto (come dimostrano i trend stupefacenti della Francia). Succede così che Sky e Telecom inizino la vendita dei programmi tv via web veloce. E l'offerta ha 4 gambe perché tu compri in un colpo anche telefonia fissa, cellulare e Internet a larghissima banda. Una nuova esca intanto prende già corpo all'orizzonte, e si chiama Netflix, attesa qui da noi per l'autunno. La tv via cavo americana è molto amata tra i giovani anche perché costa poco. Nel Regno Unito, il primo mese è gratis mentre dal secondo si pagano tra le 5,99 e le 8,99 sterline (a seconda della qualità del segnale, se standard o in hd, e del numero di schermi casalinghi collegati). In Italia, Netflix è contesa tra Telecom e Vodafone che già lanciano la volata a chi annuncerà per primo le nozze. Nella trattativa Telecom schiera due manager ben attrezzati. Sono Pietro Labriola, 48 anni, direttore della "Trasformazione del business", e Stefano De Angelis, già Ceo della controllata argentina. Il dialogo va avanti, anche se Netflix chiede forti garanzie (da precisare a contratto) sulla qualità nella banda. Vodafone Italia tratta nell'ombra, forte della benedizione del Grande Capo Vittorio Colao, che da ottobre si dice «in love», innamorato di Netflix. Loro, gli americani, hanno cominciato a includere Roma nei loro sempre più frequenti tour europei. L'inviato di Netflix si chiama Darren Nielson, manager già alla Sony, ora responsabile dell'Acquisizione Contenuti alla paytv. Tracce del suo passaggio si trovano in Rai, al Leone Film Group di Andrea Leone (figlio di Sergio) e presso alcuni produttori di grido. L'idea di Netflix è di produrre anche delle serie in Italia, sul modello di quanto ha fatto in Francia con Marseille (storia di un sindaco al potere da 25 anni che ricorda Frank Underwood di House of Cards ). In attesa di firmare i contratti italiani, Netflix monitora il sentiment, la disponibilità delle nostre famiglie verso i suoi prodotti. Una preziosa bussola è incarnata dagli "imbucati". Cioè dalle migliaia di connazionali che si abbonano alla pay-tv americana malgrado la cosa sia vietata, al momento. Nella realtà gli italiani aggirano ogni ostacolo. In prima battuta, usano un servizio di "unlocator" che nasconde l'origine tricolore della connessione Internet. Al momento di pagare, poi, appoggiano la carta di credito a un sito americano perfezionando versamenti che altrimenti la paytv rifiuterebbe. Netflix, che non ha ancora trasmesso un secondo in Italia, già ne condiziona il mercato. Prendete la fusione tra Sky Italia e Mediaset Premium, che sembrava obbligata. Se la cosa non si è fatta, la colpa è anche di Netflix. Ambasciatori di Sky Italia, prima ancora che la trattativa con Mediaset entrasse nel vivo, hanno fatto tappa a Bruxelles per stimare il "costo regolatorio" dell'operazione. Sky Italia ha cercato di capire quali paletti l'Ue avrebbe imposto al nostro mercato prima di autorizzare la nascita di una pay-tv solitaria, monopolista. Ora, l'Ue ha lasciato intendere che avrebbe vietato a Sky-Premium - cioè al nuovo soggetto unitario - la vendita di contenuti via fibra. E questo paletto avrebbe avuto una durata fino a 10 anni. La linea europea ha fatto correre un brivido lungo la schiena di Sky. Uscire dal mercato della fibra, e dunque accantonare l'alleanza con Telecom, avrebbe aperto un'autostrada a Netflix, di colpo priva di concorrenti alle nostre latitudini. Sky, così, ha lasciato cadere la strada di Premium e accelerato l'intesa con Telecom per dire a Netflix che dovrà sudarsi ogni singolo abbonato, qui da noi.

1 commento:

Anonimo ha detto...

spazzasse via le varie Rai1 e Canale 5, mi abbonerei di corsa!

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!