Telefilm Cult è ora anche su Instagram!

Instagram

mercoledì 20 agosto 2014

NEWS - I GOT a deejay! Dal 28 agosto l'interprete di Odor in tour alla consolle da dj per l'Australia
Kristian Nairn, the Irish actor known for playing Hodor on Game of Thrones, is embarking on a Game of Thrones–inspired DJ tour of Australia. Called Rave of Thrones (which sounds like a fancy musical chairs), the press release reads, "Hodor Hodor Hodor Hodor Hodor Hodor Hodor Hodor Hodor Hodor Hodor Hodor Hodor Hodor Hodor Hodor Hodor (Hodor Hodor Hodor Hodor Hodor) Hodor Hodor Hodor." Translation: "For one night only in every capital across this land, venues will be transformed into the finest halls of Westeros, wherein patrons will be (enforced by the hand of the king) dressed to the occasion in a manner that would befit Queen Cersi herself." Everyone do the Bran, which, of course, is the dance move where you sit on the floor and wait for a large person to pick you up and swing you around.

lunedì 18 agosto 2014

GOSSIP - Rachel boom boom! La Bilson fa incetta di vestitini per il nascituro con scarpette JackieKennedy-style

News tratta da "Just Jared"
Rachel Bilson looks super cute with her growing baby bump while doing a little retail therapy on Monday afternoon in Beverly Hills, Calif. The 32-year-old actress stopped by both the Bel Bambini and Eggy boutiques. “Episode 1 on Season 4 is in the books for George Tucker. Methinks this season is gonna go faster than I’d prefer. #HartOfDixie,” Rachel‘s co-star Scott Porter recently tweeted about shooting the first episode of Hart of Dixie. The month before, Rachel was spotted hiding her face under a cap while grabbing lunch at Five Guys with her beau Hayden Christensen in Studio City.

venerdì 15 agosto 2014

PICCOLO GRANDE SCHERMO - Orci, che film! Il co-ideatore di "Fringe" produrrà il film dei "Power Rangers"

News tratta da "Variety"
Roberto Orci has signed on to executive produce Lionsgate’s “Power Rangers” movie  through his newly formed Sneaky Shark. Lionsgate and Saban Brands announced the “Power Rangers” project in May. Orci will develop the story along with writers Ashley Miller and Zack Stentz, who will pen the script. Orci’s writing credits include “The Amazing Spider-Man 2,” “Star Trek,” “Star Trek: Into Darkness,” “Transformers” and “Mission: Impossible III.” Miller and Stentz have teamed on “X-Men: First Class” and “Thor.” Power Rangers creator Haim Saban is producing the film along with Brian Casentini, head of development and production for Saban Brands, and Allison Shearmur, who oversaw “The Hunger Games” as president of production at Lionsgate.
Saban launched “Mighty Morphin Power Rangers” in 1993 as a live-action TV series. It has been in continuous production ever since, with the series renamed each year — the latest being “Power Rangers Super Megaforce,” which began airing in February.
Details have yet to emerge on plans for the new film franchise other than the Mighty Morphin Power Rangers being re-envisioned as a group of high school kids who are infused with super powers who must harness and use those powers as a team to save the world.

News was first reported by THR.com.

martedì 12 agosto 2014

QUIZ - Chi è la Miss Bikini dell'estate 2014?
Prodiga di selfie su Instagram, questa volta posta una foto derriere che la candida a Miss Bikini telefilmica dell'estate 2014. Chi è secondo voi?

La risposta su www.telefilmcult.tumblr.com dal 20 agosto!

venerdì 8 agosto 2014

QUIZ - Chi è la Miss Jeans dei telefilm dell'estate 2014?
Non si sa dove possa andare strizzata in quei jeans seconda-pelle, ma vista la jeeppona sulla quale si appresta a salire la Miss Jeans telefilmica dell'estate 2014 la immaginiamo tra dune di sabbia ad abbronzarsi i tacchi con protezione 50. Tutto sta nel capire se sappia districarsi nel parcheggio...Chi è secondo voi?
La risposta su www.telefilmcult.tumblr.com dal 18 agosto!

giovedì 7 agosto 2014

NEWS - Gay Rogers! In cantiere serie tv (comedy?) per raccontare la storia del primo calciatore americano a fare "coming out"


News tratta da Deadline.com
The story of professional soccer player Robbie Rogers, who became the first openly gay man to compete in a top North American professional sports league, is headed to television. Universal Television has optioned Rogers’ story rights for Craig Zadan and Neil Meron’s Storyline Entertainment to develop and produce a comedy series inspired by the young athlete’s experiences. Rogers spent one season at the University of Maryland, helping the college team win an NCAA Championship. He quickly turned pro, joining the Dutch team Heerenveen. He then spent five seasons with Major League Soccer’s Columbus Crew, winning the MLS Cup, and competed in the 2008 Olympics. Following a stint with English team Leeds United, on February 15, 2013, Rogers announced his retirement from professional soccer at age 25 and revealed he was gay. He said he was retiring to avoid the scrutiny from the press and fans, but after speaking at an LGBT youth event two months later, he decided that stepping down is a cowardly thing to do and he should use his platform to be a role model. The next month, he joined the LA Galaxy, becoming becoming the first openly gay man to play in a top North American professional sports league (NBA player Jason Collins, who had come out earlier that year, was a free agent at the time of his announcement). Zadan and Meron will serve as executive producers on the show, which falls under the duo’s overall deal at Universal TV. Rogers will serve as a producer. Storyline’s VP Development Mark Nicholson, who helped bring this to the company, will also serve in a producing capacity. Zadan and Meron are coming off a strong showing at the Emmys last week, netting a total of 18 noms for all of their event/longform projects — eight for the Oscars telecast, four for the Bonnie & Clyde miniseries, four for Sound Of Music LIVE! and two for the Anna Nicole movie.
There had been strong Hollywood interest in stories about gay pro athletes. Out At Home: The Glenn Burke Story is a feature in the works that tells the story of Los Angeles Dodgers and Oakland A’s player Burke, who was honest with his teammates and management that he was gay at a time in the 1970s when such a revelation was unheard of. OWN greenlighted and then shelved a docu-series about football’s first openly gay player, Michael Sam. After keeping their sexuality private for decades, professional athletes have started speaking out in the past couple of years, with Rogers, Collins and Sam breaking ground. Rogers’ deal was brokered by WME.

martedì 5 agosto 2014

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

CORRIERE DELLA SERA
"Orphan Black", il fascino del clone
"Lo specchio, il doppio, il clone. Temi classici della letteratura di ogni tempo, e di quella fantascientifica in particolare. Ma anche, sempre più, espedienti narrativi della lunga serialità televisiva, dal versante comedy (i doppelganger dei protagonisti di «How I Met Your Mother», le personalità multiple di «United States of Tara») alle tinte più scure dei thriller d'azione. Come nel caso di «Orphan Black», serie di produzione canadese scritta da Graeme Manson e John Fawcett, trasmessa negli Usa da Bbc America e in Italia da Premium Action (Mediaset Premium, martedì, ore 21.10). Sarah Manning ha alle spalle una vita difficile: l'adolescenza passata tra orfanotrofi e case famiglia, il rimpianto di una figlia abbandonata da un anno, una fuga con un amante violento e dedito allo spaccio. Ma nel momento in cui torna sui suoi passi, cercando di rimettersi in sesto, ecco l'imprevisto: in stazione vede una ragazza, del tutto identica a lei, gettarsi sotto un treno. Assumerne l'identità, e diventare così Elizabeth Childs, detective di polizia, sembra la strada più facile per prendere un pò di soldi e fuggire ancora, stavolta con il confidente Felix e con la figlia. Anche Elizabeth, però, è piena di traumi e di segreti; e soprattutto aveva già cominciato a indagare sulla presenza di altri suoi cloni in giro per il mondo, nel mirino di nemici che non esitano a uccidere. Ed è Sarah a proseguire la ricerca. Tatiana Maslany regge la serie caratterizzando bene Sarah/Elizabeth e gli altri sosia, nonostante alcune semplificazioni eccessive (la madre dei sobborghi, la studentessa geek). Alcuni dialoghi e situazioni sono un pò ingenui, ma i primi episodi pongono comunque le basi di una narrazione intricata e avvincente, con lo svelamento dei cloni e il comporsi dei frammenti di un segreto che turba situazioni già precarie". (Aldo Grasso)

lunedì 4 agosto 2014

NEWS - Welcome back, Mr.Robinson! Il ritorno di Bill Cosby in una sit-com multi-camera

News tratta da "Deadline.com"
At its executive panel, NBC revealed more details about its Bill Cosby multi-camera comedy project, which was put in development in January. It will be created by Mike Sikowitz and Mike O’Malley and produced by Sony TV, where Sikowitz is under an overall deal, NBC Entertainment president Jennifer Salke said. Sikowitz is also tied as a showrunner to the Sony TV-produced new CBS comedy The McCarthys, so I had heard that O’Malley would be writing with Sikowitz supervising. Actor O’Malley, who is eyed for  one of the show’s leads, had been active on the writing side, starting with a staff writing job on Shameless, and has written a couple of pilots. As for the premise, it is a multi-generational family show, Salke said.
Bill plays the patriarch of the family, dispensing his classic wisdom on relationships and parenthood, with three daughters, husbands and grandchildren,” Salke said “It’s a classic big extended family sitcom.” The hope is for O’Malley to play one of the husbands, she added. The show is eyed for next summer or fall 2015.
The Bill Cosby project is part of NBC’s commitment to the multi-camera genre, Salke said.  Both Salke and NBC chairman Bob Greenblatt spoke of the difficulty getting multi-camera comedies on the air that stick, having just unsuccessfully tried with Sean Saves the World. (The network has seen some encouraging numbers for Undateable this summer.) “There is a generation of writers and producers that has moved away from multi-camera,” Greenblatt said. Added Salke, “Nine out of 10 writers come in wanting to write single-camera comedy.”

venerdì 1 agosto 2014

IL GIOCO DEI TELEFILM - Sotto l'ombrellone o in montagna, che è estate è senza il "Gioco dei Telefilm?
Lo potete ordinare QUI
Oppure lo trovate nei negozi della CITTA' DEL SOLE sparsi per l'Italia. Città e indirizzi QUI.

giovedì 31 luglio 2014

GOSSIP - Gli anni passano, le albe si susseguono, ma il bikini telefilmico più top dell'estate è ancora il suo...

mercoledì 30 luglio 2014

martedì 29 luglio 2014

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

CORRIERE DELLA SERA
"Top of the lake", i misteri neozelandesi di Jane Campion
"Jane Campion, la regista premio Oscar per Lezioni di piano , ha scritto e diretto una serie televisiva molto raffinata e acclamata dalla critica americana, «Top of the Lake», ambientata nei paesaggi della Nuova Zelanda in mezzo a una natura incontaminata e potente, tra nebbie e sconfinati silenzi (Sky Atlantic, lunedì, 22.10). Alla base della storia c'è un mistero: Robin (Elizabeth Moss, che interpreta Peggy Olson in «Mad Men») è una detective specializzata in crimini sessuali. Ritorna da Sydney in Nuova Zelanda per stare vicina alla madre, malata terminale, proprio mentre la sua cittadina d'origine è scossa dalla scomparsa di Tui, una ragazzina di dodici anni incinta e vittima di una presunta violenza. Robin indaga insieme alla polizia locale e ben presto il caso inizia a trasformarsi in un'ossessione, a consumarla nel profondo: c'è molto di personale (con una storia d'amore adolescenziale che si riaccende), ci sono i traumi del passato che riaffiorano e l'immedesimazione con la vittima diventa una forza oscura che guida la sua ricerca. Ben presto diventa chiaro che, nei propositi della serie, non è solo la risoluzione del caso a contare, che non siamo di fronte al più classico dei gialli: la forza di «Top of the Lake» sta invece nelle sue stranezze ed eccentricità. La prima è un ritmo molto lento, lontano dall'adrenalina dei gialli investigativi, che spesso si concede apparenti digressioni dal filone narrativo principale alimentando l'ambiguità del racconto. Per esempio quando decide di seguire un gruppo di donne che vivono in un villaggio di container a bordo del lago, guidate dalla guru GJ (Holly Hunter), per guarire da cicatrici del passato.Più che i traumi, alla serie importa raccontare quello che viene dopo: vivere con le conseguenze di un dolore, trovare la forza di sopravvivergli". (Aldo Grasso)

lunedì 28 luglio 2014

NEWS - Ultima ora! Quei diavoli di Netflix lanciano la serie di "Daredevil" nel maggio 2015! 
News tratta da ComicBookMovie.com
Well SDCC is done and dusted for anther year..but we still have a few nuggets of info making their way onto the interwebs. Marvel's final panel of the convention (live blogged on Marvel.com) was devoted to the 75th anniversary of Marvel comics and the 50th anniversary of Daredevil. Marvel Chief Creative Officer Joe Quesada was on hand along with writers Mark Waid and Dan Slott, and although they didn't divulge any specifics regarding the Daredevil Netflix series, it was revealed that the show would premier in May of next year -- the same month a little movie you may have heard of called Avengers: Age Of Ultron hits theatres. Daredevil will star Charlie Cox as Matt Murdock/Daredevil, Vincent D’Onofrio as Wilson Fisk, Elden Henson as Foggy Nelson, Deborah Ann Woll as Karen Page, and Rosario Dawson as (probably) Elektra.

giovedì 24 luglio 2014

GOSSIP - Essere telefilmiche non è più il Maxim del sexy! E' finita l'era della supremazia delle attrici seriali nella "Top 100" delle più attraenti del pianeta (solo Zooey Deschanel nelle prime 10: 'annamo bene!). Totalmente ignorata Naya Rivera (ma c'è la Michele!)
Qualche anno fa, quando Jessica Alba e Eva Longoria erano ancora tra noi (telefilmici), rispettivamente in "Dark Angel" e "Desperate Housewives", le attrici seriali guidavano la truppa in poppa delle 100 donne più  affascinanti del pianeta, lista stilata maniacalmente ogni anno da "Maxim". Nella nuova classifica, attesa come e più del Mondiale dagli smanettoni di tutti e cinque i continenti, per dire, nella Top Ten delle più sexy compare solo un'attrice telefilmica, tra l'altro una vera e propria sorpresa tra le tante bellezze in lizza: Zooey Deschanel di "New Girl"! Costei occupa il 6° posto, battendo la già citata (ormai ex telefilmica) Jessica Alba (all'8°) o la futura protagonista seriale (ancorchè top-model/cantante/partygirl) Cara Delevingne (solo 10°!). L'ex "desperate" Eva Longoria - ora produttrice seriale - sfila alla 13° posizione - seguita dalla nata-coi-telefilm Olivia Wilde al 14°. Laura Vandervoort ("Smallville", "V", "Bitten") è al 17°, solo 20esima Kaley Cuoco di "TBBT" (!!!), Hayden Panettiere ("Nashville") al 26°, Sophia Bush ("OTH", "Chicago PD") è 30esima e supera Lea Michele di "Glee", 31° (da rilevare l'assenza totale della sua collega-rivale di serie Naya Rivera!). Le mai dome Alyssa Milano e Jennifer Love Hewitt si rincorrono rispettivamente da "milf" al 34° e 35° posto. Lauren Cohan di "TWD" è solo 41°, Emilia Clarke si accontenta del 49° posto (si dovrà spogliare di più in "GOT" per entrare tre le prime 40?), Stana Katic di "Castle" si deve accontentare della 50esima piazza, seguita da Emily VanCamp di "Revenge" (51°), Jordana Brewster di "Dallas" (52°), Nina Dobrev di "TVD" (53°) e Sofia Vergara di "Modern Family" (solo 54°! la sorpresa negativa più eclatante, tra i nomi telefilmici in declassamento...). Morena Baccarin di "Homeland" è staccata al 57° posto, Summer Glau naviga al 63° precedendo di un posto Melissa Rauch di "TBBT" (una delle poche sorprese new-entry). La tanto celebrata Kerry Washington di "Scandal" è "solo" 65esima. L'iper-sexy anche quando respira Sarah Shahi ("Person of Interest") non va oltre il 67° piazzamento. Allison Willliams di "Girls" meritava di più del 77° posto, Anna Paquin di "True Blood" scivola al 78°, Alexandra Daddario è al 80° nonostante "True Detective". Che sia una classifica un pò così lo si capisce arrivando all'88° posto, dove campeggia A.J. Cook di "Criminal Minds": chiunque consideri l'attrice tra le 100 donne più sexy del pianeta dovrebbe finire massacrato da uno dei serial-killer al centro del telefilm che la vede protagonista. La "gostrippata" Taylor Momsen è nelle retrovie (91°) nonostante il nude-look imperante da cantante. Chiudono in bellezza Lili Simmons di "Banshee" al 97° posto - è stata preferita alla collega di set Ivana Milicevic - e Caity Lotz di "Arrow" (99°).

Vedi la TOP 100 delle più sexy secondo "Maxim":
http://www.maxim.com/hot100/2014

mercoledì 23 luglio 2014

NEWS - Anche Hopkins passa dall'altra parte: sarà il protagonista di "Westworld" (reboot del già cult "Il mondo dei robot") della coppia Abrams-Nolan


News tratta da "Entertainment Weekly"
Another Oscar winner is coming to HBO: Anthony Hopkins has been cast in the cable drama’s TV reboot of the sci-fi classic Westworld.
The casting will mark the first potential regular TV gig for the acclaimed Silence of the Lambs and Thor actor, and continues the trend of Academy Award winners taking small-screen roles. He will be joined in the project by actress Evan Rachel Wood (Once and Again, True Blood).
No, Hopkins is not playing “the Yul Brynner role.” But the descriptions for both his character and Wood’s shed some insight into the secretive project’s storyline.
The 1973 version of Westworldfrom techno-thriller author Michael Crichton—was about a futuristic theme park populated with robot characters who malfunctioned and attacked the guests. (Later, Crichton would use a similar plot for his bestselling novel Jurassic Park.) In the HBO pilot, Hopkins will play Dr. Robert Ford, described as “the brilliant, taciturn and complicated Creative Director, Chief Programmer and Chairman of the Board of Westworld; Ford has an uncompromising creative vision for the park—and unorthodox methods of achieving it.” Wood plays Dolores Abernathy, “provincial, beautiful and kind. Dolores is the quintessential farm girl of the frontier West—who is about to discover that her entire idyllic existence is an elaborately constructed lie.” Wood’s character description suggests that she’s an android, and that Westworld’s robots will be similar to those in Blade Runner or the Battlestar Galactica reboot—convincingly humanoid and sometimes unaware of their own artificiality.
Right now, Westworld is just at the pilot-order stage. But with Hopkins on board and a high-powered team behind the camera (executive producers J.J. Abrams, Jerry Weintraub, Bryan Burk, and producer-director Jonathan Nolan), the project has strong odds for a full series pickup.
NEWS - Dobrev in un'intervista da cover sul filo di...Nylon: "più difficile far ridere che piangere"
Nina Dobrev gets comfy in her favorite jeans on the August 2014 cover of Nylon mag.
The 25-year-old Vampire Diaries actress opened up in the annual denim issue about fame, comedy and dressing for the red carpet. Check it:
On fame: “People feel like they know you when you’re in their living room, weekly, for five years. But I always get uncomfortable when people know more about me than I know about them.”
On fashion: “I was not a girly-girl growing up….I liked fashion, but I wasn’t very fashion savvy. I didn’t always have all the best outfits…For a while there, we actually shopped at The Salvation Army.”
On her red carpet persona: “It doesn’t feel real because I don’t live in that world. When I go to those events, I’m in town specifically for that, and then I leave later that night. I’ve maybe stayed for the after-party once, ever. It still feels like I’m a fan, in a way. A lot of people are very cynical and very jaded, but I’m not there yet.”
On acting in a comedy: “It’s terrifying. I can get to an emotional place and start crying, but there’s pressure when you think you have to be funny…You really have to be uninhibited and fearless.”

lunedì 21 luglio 2014

NEWS - Lea Michele, atmosfera da regime al Giffoni! Cartelloni pre-visionati dallo staff e nessuna domanda su Monteith (è la libertà d'espressione, bellezza!). Poi l'attrice rivela che Rachel "farà la miglior fine possibile" e che la puntata best di "Glee" è stata quella con i Fleetwood Mac (Madonna ringrazia!)
(ANSA) - GIFFONI VALLE PIANA (SALERNO) - L'hanno attesa per giorni, annunciando il suo arrivo su twitter, Facebook, parlando di lei, dormendo per strada e accampandosi in tende di fortuna. Sono tutti fan giovanissimi, tra i 13 e i 16 anni, alcuni giurati del festival, altri arrivati apposta per la
loro beniamina da tutta Italia accompagnati dai genitori costretti a seguirli loro malgrado. Lea Michele, la star di Glee ospite oggi del Giffoni Experience, ha portato musica, danza, gioia, entusiasmo ma anche non pochi problemi di sicurezza. No a richieste di baci o foto e, soprattutto, no a domande personali su Cory Monteith, trovato morto di overdose lo scorso anno in un hotel di Vancouver, fidanzato di Lea nella fiction e nella vita reale: sono le richieste strettissime imposte
dall'entourage. Non solo, e' stato imposto persino il divieto assoluto anche solo di esporre poster con la foto di Monteith, anche se qualcuno e' sbucato fuori ugualmente, perche' e' impossibile controllare tutto in certe situazioni. Gli altri cartelloni, quelli "autorizzati", sono stati raccolti prima dallo staff, che li ha consegnati direttamente all'assistente della Michele. la star, stretta in tubino nero con ampia scollatura, piu' bella e sinuosa che mai, denti bianchi perfetti, non ha mai perso la calma, da attrice navigata che calca le scene da quando ha solo 8 anni, e non ha mai perso il sorriso neanche per un istante: "Sono cosi' contenta di essere qui, di aver conosciuto la realta' di questo festival, di aver incontrato il calore delle mie origini: i miei nonni erano italiani, di Napoli e di Roma, e le origini italiane e meridionali si riconoscono nei cugini che hanno tutti lo stesso nome, Salvatore, Lorenzo, Antonio e nei pranzi della domenica". Per il futuro un tour nell'estate 2015 (dopo Glee), un libro in lavorazione (e' a meta' strada, l'uscita e' prevista per l'inizio del 2015), un secondo disco in mente (anche questo in uscita all'inizio del prossimo anno): non che Lea Michele abbia poco da fare da qui al 2016, in effetti, ma il pensiero corre inevitabilmente al finale di Glee. "Non posso rivelarvi molto, ma sono davvero contenta di come finira' per Rachel. E' come l'avevo immaginato", dice ai giornalisti, con i quali non si sbilancia sulla trama e sui pezzi della sesta e ultima stagione. "Non oso immaginare l'ultimo giorno sul set. Siamo diventati una vera famiglia e fin dal primo momento in cui li ho conosciuti ho pensato che sarebbero stati i miei migliori amici per sempre"  ha detto Lea in questa lunga giornata che non e' ancora finita. "In realta' il momento migliore e' proprio questo, quello dell'incontro con le giurie". A chi le chiede se ha mai pensato ruoli diversi, piu' dark, risponde: "Ho fatto uno show a Broadway, Spring Awakening, in cui ero piu' 'dark', ma Glee ha un taglio 'felice'". Del resto Lea Michele ricorda di essere cresciuta "amando personaggi come Lucille Ball, Barbra Streisand, la commedia e' sempre stata la mia passione. Sono pronta a nuove sfide. Non posso parlare, ma ci sono delle novita' all'orizzonte". Quando si e' sentita diversa nella vita? "Mi sono sempre sentita diversa fin da quando ero ragazzina - replica - perche' non molti miei compagni volevano fare quello che volevo fare io. Io mi propongo per quello che sono, e sono orgogliosa di essere cosi'. Mia mamma e' appassionata di cinema, sono cresciuta con West Side Story". La vita di Rachel in Glee ha avuto tanti alti e bassi, come vorrebbe il finale per lei? "Quel che mi auguro per lei e' quello che auguro per tutti noi, ovvero continuare quel che ama fare. Gia' ha avuto molti successi, come l'amore e lavorare a Broadway. Non posso dire cosa succedera', ma alla fine per Rachel ci sara' proprio il finale che desideravo. Sono gia' triste al pensiero che Glee finisca. Non riesco a pensare all'ultimo giorno di lavorazione: sono stati tutti molto belli, da quello con Madonna a quello con Britney Spears, ma quello piu' emozionante e' stato con i Fleetwood Mac". Apprezzata tanto per le sue doti vocali che interpretative, Lea Michele ha ammaliato pubblico e critica con le sue performance nel Glee Club del liceo McKinney conquistando il Satellite Award 2009, uno Screen Actors Guild Award e un Teen Choice Award, oltre a due nomination ai Golden Globe e una agli
Emmy.

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm