Telefilm Cult è ora anche su Instagram!

Instagram

mercoledì 23 aprile 2014

NEWS - Clamoroso al Cibali! Aaron Sorkin chiede scusa ai giornalisti per "The Newsroom"!

Articolo di Anna Silman per "Vulture"
The Newsroom tends to take a sanctimonious approach to recent history, and many journalists take issue with the show's apparent desire to tell them how they should have done their jobs. In an interview with former Obama speech-writer Jon Favreau on Monday night at a Tribeca Film Festival discussion, Aaron Sorkin tried to make amends with the press corps. “I’m going to let you all stand in for everyone in the world, if you don’t mind,” Sorkin told the audience. “I think you and I got off on the wrong foot with The Newsroom and I apologize and I’d like to start over.”
He continued:
I think that there’s been a terrible misunderstanding. I did not set the show in the recent past in order to show the pros how it should have been done. That was and remains the furthest thing from my mind. I set the show in the recent past because I didn’t want to make up fake news. It was going to be weird if the world that these people were living in did not in any way resemble the world that you were living in… Also, I wanted the option of having a terrific dynamic that you can get when the audience knows more than the characters do… So, I wasn’t trying to and I’m not capable of teaching a professional journalist a lesson.
Later, in response to an audience question about whether he is happy with The Newsroom, Sorkin responded with an unusual amount of candor, saying that he feels like he's "just now starting to learn how to write it.” Just in time for season three's fall 2014 premiere, we hope.
I’ve very proud of The Newsroom. I have the time of my life working with the people that I work with, but there is a learning curve and unfortunately, those lessons are learned in front of several million people. Again, that’s what you sign up for. I wish that I could go back to the beginning of The Newsroom and start again and replicate what you have with a play, which is a preview period… But I’m feeling really good about how the third season is going. I’ll look back on it fondly and proudly and wish I could get every scene of every episode back so that I could do it all over again.
All in all, a very nice apology, particularly from someone who is not known for his skill with apologies. Now if we can just get a mea culpa for Studio 60 on the Sunset Strip, we'll finally be able to move on with our lives.

martedì 22 aprile 2014

NEWS -  RIP, non ci sono più i gay effeminati di una volta...

Post di Nico Lang per PolicyMic
"A couple of years ago I sat in the audience for a panel discussion on queer representation in entertainment; the presentation included a breezy tour through the gay history of the media, complete with Powerpoint slides of Rosie, Ellen and old People magazines from when you needed to be on the cover of something to come out. The overview was greeted warmly, until we got to Will and Grace, where one of the show's characters, Jack McFarland, proved a sticking point. Jack, a sassy sidekick whose flamboyance towed the line between camp and parody, has long been a lightning rod of discussion in the community. You could feel that discomfort in the room.
Our tour guide diffused the tension by reminding the mostly-male audience that Jack might be a stereotype, but many of us know a Jack in real life. The audience laughed with delight and recognition. They nodded to friends as if to say, "Oh, yes. That's true." What he didn't say is that many of us are Jacks, but I wondered how many people would laugh at that statement.
I thought of this moment after NBC announced that the network would be pulling Sean Saves the World, the freshman sitcom starring Sean Hayes, who played Jack on Will and Grace. For those who haven't seen the show (read: all of you), Sean Saves the World was about a father forced to take sole guardianship of his estranged (yet adorable!) daughter after her mother abandoned her. The show was NBC's attempt to relive its glory days by borrowing from what worked in the '90s, with Hayes playing nearly the same character, a little older and wiser, but with all the trademark pitfalls. Even the stilted laugh track made it sound like the laughter was echoing in from 15 years ago.
 But in getting (rightly) cancelled by NBC, audiences weren't just leaving '90s sitcoms behind. They were leaving behind the Jack McFarlands, a relic of the Queer as Folk era of gay TV, when a show like Queer as Folk (for all its whitewashed issues) could give us three effeminate gays in its lead cast: Emmett, Ted and Justin. The recent television movement has been a push toward post-gay representation, creating male characters who just so happen to be gay. On the critically lauded Brooklyn Nine-Nine, that's the entire point of Andre Braugher's Captain Holt. His sexuality is as inscrutable as the rest of his persona, a hard-ass who has learned to blend in to survive in a homophobic workforce. The recent new HBO addition Looking was celebrated for the same thing. Although many critics chided it for being dull (which it is), defenders of the show found it liberating that gay characters got to be boring on television just like everyone else.
However, there's a certain type of character that gets the privilege to be post-gay, guys whose sexuality doesn't stand out in the same way that Jack's did. In order to get on television today, gay characters are butching it up, becoming like Captain Holt to prove they can hang with the boys, camouflaged with masculinity. Looking's characters are all fit hipster bros who call each other "dude" a lot. On the recently departed Happy Endings, the schlubby, hairy Max acted as a deconstruction of gay stereotypes. It was a running joke that Max was "less gay" than the show's straight dudes, much like gay characters on Nashville and GCB. This might be what it takes to fit in, but it looks awfully heteronormative.
Even recent shows that depict effeminate male characters use them primarily as the butt of the joke, a Lucy character who is always causing trouble. They act in counterpoint to a straighter man, who is seen as the voice of reason. The now-cancelled Ryan Murphy sitcom The New Normal provided Bryan — a shallow, judgmental television executive — primarily as a counterpoint to his angelically understanding partner David, a doctor who watches football and has no other character traits. David's role is "The Problem Solver." On Modern Family, Mitchell and Cameron have a similar dynamic, but Mitch seems to increasingly resent Cam for his effeminate tomfoolery. Their growing animosity has led many viewers to wonder if they secretly hate each other.
More than Mitchell, it's the community that has a complicated relationship with flamboyancy, much like the guys that I sat on the aforementioned panel with. It's a lot easier to pretend the queens don't exist than try to represent them, or we'd have to admit we have something in common. I remember that my mother once told me how much I reminded her of Jack and I remember how much it bothered me. I never stopped to ask myself why.
In being the newest gay show on TV, many will look to Looking to fix the problems surrounding gay representation and fill in the gaps in our media spectrum. Such is the inherent burden of representing a community, but we need to recognize why those cracks exist in the first place and why certain character types might push our buttons when it comes to masculinity and internalized homophobia. Fixing one TV show won't solve a problem that's bigger than HBO. With True Blood’s Lafayette and Glee's Kurt Hummel on shows that are on their last legs, our effeminate males are quickly becoming an endangered species.
On Girls, Lena Dunham's Hannah recently mourned the death of her complicated and quick-witted editor, David Pressler-Goings, played by the ever-androgynous John Cameron Mitchell. As David ascended to TV heaven to be with Sean Hayes, Hannah recalled that he had been her champion, the only one who believed in her work. TVs Davids, Jacks and Emmetts need champions too. They might not be represented on the air anymore, but it doesn't mean they aren't still here in real life and wondering what happened to their television counterparts".

lunedì 21 aprile 2014

GOSSIP - Clamoroso al Cibali! Il ritorno di Super-Pam: la Anderson si rispoglia, si taglia i capelli, ritorna in scena (con Werner Herzog, mica cotiche!) e non sa ancora se i suoi figli abbiano mai visto il sex-tape di lei con Tommy Lee (beata innocenza!)
You've likely seen Pamela Anderson nude before, but probably never like this.
The former "Baywatch" star made a career out of bouncing along beaches in that iconic red swimsuit and stripping down for the pages of Playboy. But at the age of 46, the mother of two is rocking a platinum pixie cut and posing for photographer Sante D'Orazio for some NSFW photos in French magazine Purple. In addition to taking it all off for the magazine, the actress, who is confirmed for a role in Werner Herzog’s upcoming film “Vernon God Little," also appears in the April issue of Elle. Though it's been almost 20 years since her infamous sex tape with then-husband Tommy Lee was released, it's still something she's asked about -- especially since she's the mother of two teenage boys."I don't know if they've seen it, but they know about it," the blonde bombshell said. "They know about everything. Stupid Internet. I don't know why everyone is so impressed with it."

sabato 19 aprile 2014

Scandal returns on Thursday with the second half of its third season, and fans can't contain their excitement. But it seems some people would rather the #Gladiators stay quiet.
The show is often disparaged unjustly — people call it a soap opera because of its melodramatic plot. But they have no idea what they're talking about, because it's one of the smartest, most progressive shows on TV: The show may be gripping, but it's actually incredibly advanced in its representations of diversity.
To celebrate Olivia, Fitz and Darby Stanchfield's mole, here are seven ways Scandal has improved TV way more than the haters let on: 

1. It makes sexuality an afterthought.


Cyrus Beane is a lot of things — the White House Chief of Staff, a workaholic and the guy you call when you need to clean up a murder. He's also gay, but that's not the point. His sexuality gets less attention than his day job, and the show's choice to treat it as an aside is incredibly progressive.
Creator Shonda Rhimes has said that the character's marital choice wasn't part of her original plan, which may explain why Cyrus' marital issues are never related to him being gay — they're related to him being a total jerk. Now that's equality. 

2. It treats race like an afterthought, too.
Similar to Cyrus' sexual preference, Olivia Pope's race is essentially a non-issue. When other characters talk about Olivia, they dissect her professional skills and gossip-worthy love life — not her skin color. The New Yorker calls Scandal a "post-racial fantasy," and that's a good thing. 

3. It features feminists of all shapes and sizes. 

Hollywood is slowly starting to understand that "feminist" is not a dirty word, but Scandal creator Shonda Rhimes has known that for quite some time.
Rhimes' female characters speckle the map. They range from career women in love with married men to pro-life Republicans who kill their husbands. Though the validity of either camp's feminism is up for debate, Scandal relies on shades of gray in its portrayal of strong female characters. Their gender is treated as neutral, and their actions prove that seeking out a corporate position, a higher political rank or an orgasm doesn't make you any less of a feminist than shaving your armpits. 

4. It doesn't take rape lightly. 
Season three is Scandal's craziest plot-wise, and one of its most traumatic moments involves First Lady Mellie's rape. The scene is gut-wrenching, but the morning after the assault, she makes the conscious decision to keep the events to herself. Critics claim that the show followed trends of using sexual assault and silent victims as plot devices and easy exits, but its authenticity in portraying these brutal events is worth praising — her silence is only another level of pain that isn't overlooked — it's impossible to forget. 

5. It let Lisa Kudrow rip American sexism to shreds.
Leave it to Phoebe to tell it like it is. Lisa Kudrow only joined Scandal for a few episodes to play senator Josephine Marcus, but one of them happened to contain the show's most memorable monologue — an astute feminist tirade about how Americans tend to "speak in code" about gender. Kudrow's delivery is fantastic, but it's Kerry Washington's glance of agreement during the speech that makes this moment stick. Teamwork feminism is the best feminism. 

6. It rocks the female anti-hero
Breaking Bad and House of Cards set Americans on a bad guy binge, but bad girls are a trickier genre to crack. Olivia Pope does it by misleading us. We're told every few episodes that she "wears the white hat," but she's rigged elections, denied information that could have saved a mother's life and had an on-going affair. It's not gender stereotypes that mask Olivia's dark side — Rhimes described Scandal's characters as "monsters running around in human skin," and it's their ethical shortcomings that make it easy to forget Olivia's. But Olivia Pope still leads her gladiators — let's not forget what "gladiator" means.

7. It mocks everything that's wrong with American politics. 
It's easy to focus on the long looks shared by star-crossed lovers, but much of Scandal is sneakily satire. The government hardly governs — only once have foreign affairs made their way into the plot line. And, of course, POTUS's affair with Pope gives a whole new meaning to "domestic affairs."
Though Fitz has a party affiliation and charisma, he has done little in terms of policy. The NSA drama is not a matter of national security, but selfish image-control. When terrorist attacks and murders are concealed with a flick of the wrist, it's easy to dismiss the show as "lazy," but the critique implied in Rhimes' vision reminds us that our government is seriously flawed. Scandal's government is more of a PR agency than a governing body.
It's hyperbole, sure. But it's not wrong, and it's only one of the many ways that this show is far smarter than critics let on.

venerdì 18 aprile 2014

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

GOSSIP - Cuoco tu, Cosmo! Ormai "Cosmopolitan" è una succursale delle star telefilmiche (nel numero Usa di maggio Kaley di "TBBT")
Kaley Cuoco shows off her assets on the cover of Cosmopolitan magazine’s May 2014 issue, on newsstands April 8. Here’s what the 28-year-old The Big Bang Theory actress had to share with the mag:
On her breakup with co-star Johnny Galecki: “It took a minute, a bit of awkwardness. By the grace of God, we became best buddies and moved on in such an elegant way. [He’s] one of my closest friends. He was in the front row at my wedding, with a huge smile on his face.”
On her short-lived fling with Henry Cavill: “I had no one following me until I met Superman. I’ve been in this business for 20 years, and my whole life, I could go anywhere, do anything. There had not been one paparazzi photo of me until like several months ago. The recognition was crazy.”
On her speedy engagement and wedding to Ryan Sweeting: “I admit it happened fast, but that’s who I am. When we met, I knew he was the one. [At my wedding], I felt like a rock star and a badass. What was amazing in that room, it was so full of love. It was like nothing I’d ever been to before, and it was exactly what we wanted it to be. It was the eighth wonder of the world, the greatest wedding of all time.”

giovedì 17 aprile 2014

IL GIOCO DEI TELEFILM - Pazzi per le serie tv? Tutti a Cavriago (Reggio Emilia) stasera! Si gioca con il Gioco dei Telefilm, il primo gioco in scatola sulle serie tv (immancabile sullo scaffale di ogni telefilmaddicted)
Chi è l’autore di un gioco da tavolo? Come nasce l’idea per un gioco destinato agli adulti, come si sviluppa, come viene realizzata? In questa nuova serie di incontri, gli autori dei giochi più originali ed apprezzati saranno al Multiplo di Cavriago (Reggio Emilia) per rispondere alle nostre domande, raccontare la storia delle proprie creazioni e giocare con noi!
Giovedì 17 Aprile, alle ore 20,45, Leo Damerini presenta il GIOCO DEI TELEFILM: un entusiasmante viaggio a 360 gradi nelle serie tv sulla scorta di domande storiche e curiose, sul cast e sulle trame, sui numeri e i primati che hanno reso il piccolo schermo sempre più grande. Le domande sono frutto della vasta conoscenza telefilmica di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, già ideatori del Dizionario dei Telefilm (Garzanti), del Telefilm Festival e dell'Accademia dei Telefilm. La meccanica del gioco, prodotto da Ghenos Games con un meccanismo di scommesse e bluff, permette di vincere anche ai meno esperti!
La pagina dell'evento su Facebook.

mercoledì 16 aprile 2014

NEWS - Stendiamo un Draper pietoso! "Mad Men" giù di 1 milione di spettatori alla prima della 7° (peggior score dal 2008)
(ANSA) - NEW YORK - 'Mad Men' perde oltre un milione di telespettatori durante la serata di avvio della settima stagione. Per la serie tv ambientata negli anni '60 che parla delle vicende dell'agente pubblicitario Don Draper (Jon Hamm) e company si tratta di un vero e proprio tonfo. Il peggior risultato dal 2008. Il primo episodio della settima e a quanto pare ultima serie e' andato in onda sul network Amc domenica scorsa e ha totalizzato poco piu' di due milioni di telespettatori contro i quasi tre milioni e mezzo del precedente inizio di serie nel 2013. Secondo quanto scrive l'Huffington Post sembra che 'Mad Men' non riesca a tenere il passo di serie piu' fortunate come 'The Walking Dead' e 'Breaking Bad'. Inoltre, la sera in cui e' andato in onda, ha sofferto la concorrenza di 'Games of Thrones' e 'Mtv Movie Awards'.
NEWS - Jennifer is on fire! La prima immagine della Carpenter sul set del nuovo telefilm
Jennifer Carpenter walks on the set of Sea Of Fire while filming at a school in Vancouver, Canada. The 34-year-old actress is starring in the television pilot as an FBI agent investigating the disappearance of a young girl. The pilot has been in production up North since early March, and is set to end production later today, THR reports. We hope the ABC pilot gets picked up for a full season!

martedì 15 aprile 2014

 

NEWS - Dopo la morte di JR, a "Dallas" i topi (e soprattutto le tope) ballano 
Dopo la morte di JR, avvenuta in concomitanza con la scomparsa del suo interprete Larry Hagman, a “Dallas” ne succedono di cotte e di crude. Celebrato il funerale del capostipite degli Ewing nella 2° stagione, giusto il tempo di versare qualche lacrima di petrolio che il clima si è surriscaldato. Tanto che nella 3° stagione (in arrivo su Mya dal 3 settembre) si annunciano scandali a tutto campo, a cominciare tra le lenzuola. Le foto di lancio della nuova stagione non lasciano dubbi e puntano tutto sulle nuove generazioni di South Fork, visibilmente desnude immerse nel petrolio. Claim ad effetto, tra i più indovinati della stagione seriale, a chiosa: “You can’t strike oil without getting dirty”. Da quando JR non c’è più, i topi ballano. E anche le tope, per par condicio.
NEWS - "Con Telecom Sky anche su Internet. Netflix? In Italia non arriverà. Troppi canali in Italia, bassa qualità": Andrea Zappia (AD Sky) sulle strategie satellitari in un'intervista sul "Corriere della Sera" 

Intervista a Andrea Zappia, AD di Sky, realizzata da Massimo Sideri per il "Corriere della Sera"
«È un accordo strategico della durata di 5 anni per portare per la prima volta l'offerta di Sky, così com'è oggi, anche su rete Internet super-broadband». Andrea Zappia, 50 anni, amministratore delegato di Sky Italia, sta portando la media company in Italia di Rupert Murdoch verso il completamento dell'occupazione dei canali di trasmissione: dopo il satellite, l'offerta free di Cielo e il digitale terrestre (con le chiavette), l'accordo appena siglato con Telecom Italia permetterà dal 2015 di avere la pay tv via Internet. Non è la prima mossa del gruppo in questa direzione: MySky e soprattutto il recente lancio di SkyOnline utilizzavano già la rete. Ma ora il dado è tratto e crollano le pareti tra due mondi che sembravano dovere essere nemici. Sky su Internet sembra un cambio di identità forte. Un punto di non ritorno. Qual è l'obiettivo dell'intesa? «Per noi fa parte di una strategia più ampia: per quasi 11 anni abbiamo operato attraverso il satellite che rimane la forma di distribuzione del segnale televisivo più efficiente per fare offerte multicanali in alta definizione. Ma non è l'unica. Già oggi siamo una piattaforma ibrida: siamo online, su satellite e sul digitale terrestre. Ma per molte case in Italia ci sono problemi di accesso».
La trasmissione televisiva ha una sua sacralità per l'utente. La telefonata può saltare. Ma se saltasse il segnale durante un goal decisivo sarebbe un disastro. Vuole dire che vi attendete una qualità pari a quella che potete fornire con il satellite anche sul Web? «La nostra strategia è uscire dal recinto del satellite che, pur essendo straordinario, per sua natura, soprattutto in un paese con alta intensità abitativa, è limitato potenzialmente. Anzi l'offerta su Internet avrà qualche opportunità in più sull'on demand. Fino ad oggi on è mai esistita un'offerta simile perché avevamo bisogno di una rete veloce e protetta. Ma ora il lavoro di Telecom Italia ci permetterà di garantirla». Non temete che il web possa cannibalizzare la parabola costringendovi magari a sostenere il costo dell'affitto del satellite per pochi? «Noi non siamo un'azienda satellitare: siamo una media company capace di produrre e aggregare i contenuti tv che i nostri clienti vogliono. Il satellite rimane ad oggi molto efficace. In tante parti d'Italia Internet veloce non arriverà. Il satellite non morirà mai e oggi non c'è nessun motivo per chi ha Sky di cambiare tipo di abbonamento. Anche se il 100% della crescita futura arrivasse via cavo noi non avremmo problemi. Il punto importante è che Sky, da ora in avanti, ha l'obiettivo di raggiungere le famiglie con tutti i modi rilevanti. In questo recinto ci hanno un po' chiuso le autorità e i governi con la retorica del monopolista del satellite: come se la trasmissione satellitare fosse un mercato. Ora abbiamo annunciato un'offerta Over the top come Sky online e l'accordo con Telecom con il quale pensiamo di poter accedere quanto meno a un milione e mezzo di case che oggi non possono avere la parabola». Sono numeri che avete già stimato con precisione? «Prenda una città come Siena o Venezia e tutta una serie di palazzi storici nei centri delle città italiane che hanno delle limitazioni soprattutto per chi come noi vuole portare più di un cavo. Sappiamo che sono almeno 1,5 milioni di famiglie. Quindi il ragionamento che abbiamo fatto è: sia che si arrivi dall'alto con il satellite o dal basso con la fibra per noi non cambia nulla. A patto che sia un'esperienza comparabile con quella che abbiamo nel satellite. La realtà è che serve una porzione di banda riservata per poterlo fare. Già molte case possono fare streaming di buona qualità. Il problema è il multicanale e il multicast con tanti utenti - pensiamo al calcio - che guardano la stessa cosa». Perché solo con Telecom? Non avrebbe avuto senso fare l'accordo con tutti gli operatori? «L'accordo non è esclusivo. Però Telecom ha mostrato una grande determinazione nella spinta di un prodotto di questo genere e, inoltre, ha una capacità dal punto di vista commerciale molto elevata. Riteniamo che attraverso una partnership con loro ci possa essere una maggiore opportunità di entrare in case dove oggi non siamo». Il modello di business non cambia? Resterete legati agli abbonamenti? «Sì, ma non solo. Il 92% del nostro fatturato arriva dagli abbonamenti. Ma, per esempio, Sky online nasce senza abbonamento. Noi crediamo che chi vada online difficilmente cerchi un contenuto di archivio. Più probabilmente è chi si scarica il «Trono di spade» illegalmente. Allora glielo diamo contemporaneamente all'uscita negli Usa, o quasi, nella speranza che preferisca farlo legalmente. Per questo abbiamo meno titoli di Netflix o Infinity».
 L'eventuale arrivo in Italia di Netflix, rumor in circolazione, non cambierà il vostro posizionamento? «Credo che difficilmente un operatore come Netflix entrerà in Italia perché la loro posizione è forte dove non esiste un'offerta gratuita così significativa. Negli Usa l'abbonamento basic per la tv non è lontano dai 70 dollari. Allora l'arrivo di un'offerta a 9,99 dollari cambia il panorama. Ma di fronte a 90 canali gratuiti faccio fatica a distinguermi. In Italia abbiamo avuto un sviluppo anomalo ottenendo un eccesso di offerta gratuita. L'Italia ha molti più canali in chiaro di qualunque altro Paese Ue e se questo è un bene per il consumatore rende insostenibile lo sviluppo dell'offerta tranne per chi ha tanti canali. La pubblicità si è ridotta e si ridurrà la qualità. Credo che a premiare non sia la quantità ma la qualità perché abbiamo tutti meno tempo da dedicare alle scelte. Le do un aneddoto: in Gran Bretagna MySky si chiama SkyPlus e 'to skyplus' è diventato un verbo che significa registrare. Questo perché gli anglosassoni amano pianificare. Per noi è diventato più importante il tasto 'restart' perché siamo un popolo non certo famoso per la puntualità».

lunedì 14 aprile 2014

GOSSIP - 12 facce e look telefilmici da Coachella. Li/le riconoscete tutte/i?
NEWS - Sintonizzati sul web! Mosse e contromosse per vedere la tv dappertutto (Sky e Telecom, nessuna esclusiva tra i due brand)

Articolo tratto da "la Repubblica"

Ora che la fibra raggiunge le principali città italiane, si compie quello che negli anni Duemila sembrava un miraggio, ovvero la Tv collegata a Internet come un monitor, dove poter avere film e contenuti originali. Per questo Telecom Italia, che ha già cablato 52 città e che a fine anno dovrebbe raggiungere i 100 maggiori comuni tricolori, si allea con Sky Italia per offrire ai suoi clienti a 30 megabyte i contenuti del gruppo di Rupert Murdoch, senza dover passare dalla parabola. L'offerta, che partirà nel 2015, potrebbe riguardare anche i clienti Adsl Telecom, dove sia garantita una velocità sufficiente a erogare una buona qualità delle immagini in alta definizione.
«Pensiamo che l'offerta di contenuti premium - spiega l'ad di Telecom Marco Patuano - sia un elemento di valorizzazione delle proprie reti di nuova generazione. Siamo convinti che uno dei principali driver del nostro business sia lo sviluppo dei servizi innovative di intrattenimento».
amazon fire tv
Così Telecom, che è leader nel fisso, insieme a Sky potrà lanciare nuove offerte commerciali per invogliare gli utenti a migrare ai nuovi servizi in fibra. Per la Tv di Murdoch, l'intesa risolve un grande handicap tecnologico e apre un nuovo bacino di utenti, là dove la parabola non è accessibile. «Fino a oggi il satellite è stata l'unica tecnologia - commenta l'ad di Sky Italia Andrea Zappia - in grado di portare tutta la ricchezza della nostra offerta nelle case italiane».
L'accordo con durata cinque anni, non prevede un'esclusiva, per cui Telecom potrà stringere simili alleanze con altri fornitori di contenuti, e Sky potrà fare lo stesso con nuovi operatori telefonici. È già partito invece l'accordo tra Tim e Sky per i contenuti mobili, e dopo le olimpiadi di Sochi e la Formula Uno, il gruppo guidato da Patuano punta a siglare un accordo per i mondiali di calcio in Brasile.
MARCO PATUANO
Vodafone, per i contenuti mobili, si è alleata con Mediaset Infinity, e non è escluso che il gruppo risponda con un offerta di contenuti anche sul fisso. Fastweb invece, con Sky ha un per un offerta scontata e congiunta di servizi e contenuti, che ha avuto un discreto ritorno per la controllata da Swisscom. Sembra invece che la vecchia formula Fastweb-Sky sull'Iptv con relativo decoder abbia avuto un successo inferiore della sola offerta commerciale combinata.
Ma i tempisonocambiati,edal triple play( ovvero l'offerta di telefonia fissa, mobile e Internet) tutto il mondo dei servizi migrerà al quadruple play, cheaggiunge i contenuti tv al pacchetto. Da segnalare che Telecom arriva a lanciare l'offerta combinata con i contenuti tv a distanza di un anno dalla cessione delle sue attività televisive (La7 e Mtv) e l'indomani di un accordo con il Gruppo Editoriale L'Espresso per valorizzare insieme la piattaforma dei multiplex digitali.
L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

domenica 13 aprile 2014

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm