Viewers last month

venerdì 24 febbraio 2017

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri
CORRIERE DELLA SERA
"Masters of Sex", quando la qualità non incontra il pubblico
"Sta andando in onda la quarta e ultima stagione di «Masters of Sex», la serie americana creata da Michelle Ashford. Racconta gli anni ardimentosi delle ricerche del ginecologo William Masters e della psicologa Virginia Johnson, diventati famosi per aver redatto il primo studio approfondito sul sesso, un lavoro durato undici anni e sfociato nel famoso libro La risposta sessuale umana del 1966 (Sky Atlantic, mercoledì, 2L10). La rete americana Showtime ne ha annunciato la fine: «"Masters of Sex" è stato un viaggio magnificamente scritto e interpretato sulla rivoluzione dei costumi sessuali dell'America. Siamo assolutamente orgogliosi di aver condiviso la storia di Masters e Johnson per quattro stagioni acclamate dalla critica». Acclamate dalla critica ma disertate dal pubblico, con un deciso crollo negli ascolti. Non sempre la qualità si concilia con la vasta platea. Saranno contenti i «gufi» che predicano la fine della serialità, che sostengono che le serie televisive si stanno uccidendo da sole perché si sono moltiplicate a dismisura, che la tossicità dei loro impianti narrativi le ha rese ridicole. Può darsi, ma gli stessi discorsi li abbiamo già sentiti da anni, a proposito di libri e di cinema. C'è stato un periodo in cui si diceva che un libro medio autoriale era una sorta di affronto, mentre in un film medio si poteva sempre scoprire qualcosa, perché comunque era attraversato dalla forza delle convenzioni e dei generi. Magari oggi possiamo sostenere che un film medio è un affronto e si fa fatica a seguirlo fino alla fine, mentre in una serie media si può sempre scoprire qualcosa, aldi là dell'Arte, del Bello o del Brutto. Così funziona l'industria culturale, così funzionano i fantasmi prima psichici e poi narrativi. Perciò spiace che chiuda una serie come «Masters of Sex», i cui racconti restano interessanti (a volte persino troppo didascalici) e la cui scrittura riesce a dispiegarsi in molti registri". (Aldo Grasso)

Nessun commento:

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!