Viewers last month

lunedì 29 giugno 2015

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

CORRIERE DELLA SERA
"Transparent", pregi e vezzi del cinema indie
"Dopo i successi di Netflix, anche ad Amazon è riuscito il colpo di produrre una serie che si è guadagnata visibilità e riconoscimenti in tutto il mondo: è «Transparent», che in Italia è trasmessa da Sky Atlantic (martedì, 21.10). Morton L. Pfefferman (interpretato dal bravissimo Jeffrey Tambor) è un docente di scienze politiche in pensione: ha tre figli adulti e una ex moglie, Shelly. Per tutta la vita è stato per tutti Morton, al maschile: padre, marito, professore. Ma lui si è sempre sentito qualcos'altro, con una forte componente femminile intrappolata in un corpo e nei ruoli di un maschio: quando con l'avanzare dell'età gli obblighi e i vincoli sociali iniziano ad allentarsi, comincia la sua transizione, da Morton a Maura. Abiti femminili, una nuova casa in un quartiere meno elegante ma più inclusivo per tutti i «diversi», nuove amicizie che la aiutano nel non facile percorso di cambiare la sua vita completamente. Si capisce presto che il fulcro di «Transparent» non è tanto quello di descrivere la transizione di Morton verso Maura, ma di esplorare le conseguenze che il suo coming out ha sulle vite e sulle relazioni dei vari membri della famiglia Pfefferman. I più coinvolti sono naturalmente i figli, chiamati a ridefinire, ciascuno a modo suo, il rapporto con la figura paterna. «Transparent» ha tutti i pregi e i vezzi (per non dire limiti) del cinema americano indie: sceglie di concentrarsi su un contesto sociale molto specifico e molto privilegiato (la upper class creativa ebraica della costa ovest), a cui si dedica con un'osservazione intima e di dettaglio, a volte pervasa della leggerezza anche grottesca della commedia, a volte della profondità amara del dramma psicologico. Per fortuna, in «Trasparent» non c'è nessun tentativo di modellizzare o rendere simbolico un tema molto delicato e quella di Maura Pfefferman resta, giustamente, solo una storia tra le molte che si potevano raccontare". (Aldo Grasso, 29.06.2015)

Nessun commento:

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!